Difficoltà di accesso al credito, la ricetta del “vice” di Confindustria

1 febbraio 2010 0 Di redazione

L’attuale momento di crisi economico-finanziaria sta determinando gravi difficoltà rendendo ancora più problematico l’accesso al credito da parte delle PMI. Aumenta il livello di selettività delle banche nell’erogare finanziamenti e diventano sempre più critiche le condizioni di accesso al credito per le imprese. Come supportare allora le imprese nell’accesso al credito?
“Occorre innanzitutto conoscerle profondamente e avere delle competenze tecnico–valutative che permettano di interpretarne correttamente il valore e supportarne i progetti. Una professionalità che non si inventa e alla quale i confidi devono tendere sempre più.” E’ di questo avviso l’Ing. Ennio Savoriti, Vice Presidente di Confindustria Frosinone e Presidente del Confidimpresa Lazio, una realtà nata nel 2005 dalla fusione del Confidi Frosinone e del Confidi Latina, che risulta ad oggi, la più grande del Lazio, in rapporto alle aree territoriali, per garanzie in essere e patrimonio netto.
“Oggi è necessario essere partner delle imprese e saper valutare anche insieme alle banche gli interventi da realizzare” – politica concertata e condivisa dal Cda e la struttura tutta del Confidi.
In uno scenario economico che sta mutando, dove le PMI sono più fragili, il dialogo tra banche e imprese non è sempre facile. Da un lato Basilea 2 che detta regole di valutazione del merito creditizio, alle quali non sempre le imprese sono in grado di attenersi, dall’altro le imprese che non devono più sottovalutare l’importanza di un equilibrato livello di capitalizzazione e di una comunicazione più completa e trasparente.
In questo contesto, il Confidimpresa Lazio si pone come il giusto interlocutore tra le imprese e il sistema creditizio, riducendo quelle che sono le asimmetrie informative, agevolando la concessione del credito e garantendo l’impresa nei confronti della banca.
Operando con queste finalità il Confidimpresa Lazio nel corso del 2009 ha consolidato la propria posizione e raggiunto una serie di ottimi risultati con affidamenti garantiti per oltre 80 milioni di euro di cui deliberati ed erogati nell’anno oltre 40 milioni con una crescita del 90%; 807 le imprese associate in crescita del 32% .
Anche la Regione Lazio, nel concedere i contributi in attuazione dell’art.8 della L.R. 31/2008, per la patrimonializzazione dei Confidi del Lazio, ha riconosciuto la valenza del Confidimpresa Lazio attribuendogli per l’annualità 2008 e il primo semestre 2009 un contributo di € 2.069.267,89. su € 10.000.000,00 stanziati per i 19 Confidi operanti nel Lazio.