Giorno: 8 marzo 2010

8 marzo 2010 1

Volley Lanciano / BLS D’Autilio ai play off promozione

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VOLLEY BASKET ORSOGNA-BLS D’AUTILIO LANCIANO 0-3 Con la facile vittoria ad Orsogna la BLS D’Autilio Lanciano completa la prima fase del campionato di serie D femminile ed accede ai play off promozione conquistando il primo posto; il roster dei play off a questo punto è completo e vede un girone composto da BLS D’Autilio Lanciano Pol. Colonnella TRALFO Arabona Torrione L’Aquila Volley Penne e l’altro da ABRUZZO Ecologia Atri Spadano Castelfrentano Supporter VT Nereto Collecorvino volley Pall Femm Avezzano. Ricordiamo che si disputa un girone all’italiana di andata e ritorno e che la prima clasificata di ognuno dei gironi verrà promossa in serie C mentre le due seconde disputeranno una finale per scegliere la terza promossa in serie superiore. Non conoscendo le due arrivate dal girone B ( Colonnella e L’Aquila ) si può solo commentare che Castelfrentano e Collecorvino, migrate nell’altro girone, sono le due formazioni più in crescita del finale di campionato e tra le mure amiche sono particolarmente ostiche per cui è un vantaggio non ritrovarle, ora ci sono 10 giorni circa per ricaricare le batterie, cominciare a studiare le formazioni componenti questo girone ed affrontare la volata finale che a maggio deciderà le promozioni. Parziali: 16/25 (22′) 7/25 (15′) 13/25 (17′) VOLLEY BASKET ORSOGNA D’Ascanio Dell’Arciprete Di Benedetto Di Lello Iocco Primocore Primitera Trantini Saltini All Civitarese BLS D’AUTILIO LANCIANO Colacioppo Milano D’Orsogna Corzo Dalerci Trivilino Di Paolo Rossi Di Mattia Sorrentini All Litterio Arbitro Olivieri di Lanciano

8 marzo 2010 0

Una ramoscello di mimosa per… fronteggiare la crisi

Di admin

E’ dal 1911 che ogni anno l’8 marzo è celebrato come la “Festa della Donna”, in onore di quelle donne vittime di un incendio mentre erano a lavoro in una fabbrica di New York. Ed è dal 1946 che la mimosa è diventato il simbolo di questa ricorrenza. Con il passare degli anni si sta dimenticando il significato di questa “festa” che sta assumendo un carattere puramente commerciale.

[nggallery id=71]

Infatti le strade sono piene di “improvvisati” venditori di mimose. Addirittura questa mattina le principali vie del centro di Cassino erano sovraffollate. A pochi metri di distanza, donne, bambini, amici, con il cesto di mimose adagiato sul marciapiede ed in mano il mazzetto giallo pronto da vendere. Troppi venditori e troppo pochi gli acquirenti. Se, infatti cala il numero delle persone che comprano mimoso per mogli, fidanzate amiche o parenti (complice anche l’emancipazione femminile e il convincimento che la festa della donna non sia solo l’8 marzo), aumenta invece il numero di coloro che si dedicano alla vendita del giallo fiore. Che sia la crisi a spingere tanti a sradicare intere piante di mimose, per il guadagno di un giorno?

[nggallery id=69]

8 marzo 2010 0

Litiga con i vicini e si “arma” di un coltellaccio

Di redazione

Litiga con il vicinato e lo mibnaccia con un coltello da cucina lungo 34 centimentri. E’ accaduto l’altra sera a Venafro (Is) dove, il pronto intervento dei carabinieri ha impedito un possibile drammatico epilogo. La persona poi denunciata per “porto abusivo di arma”, nel corso di una lite tra condomini, ha portato fuori della propria abitazione un coltello da cucina lungo ben 34 centimetri. Fortunatamente l’intervento della pattuglia ha interrotto la pericolosa escalation della lite e l’arma impropria è stata sequestrata prima che potessero insorgere infauste conseguenze.

8 marzo 2010 0

Fiamme sul tetto di un palazzo del centro, ma bruciava solo la canna fumaria

Di redazione

Panico, oggi pomeriggio, in via Enricio De Nicola a Cassino (Fr). Dal tetto di un palazzo si è levata una densa colonna di fumo. Dal basso si intravvedevano anche lingue di fuoco. Immediatamente è scattato l’allarme incendio e sul posto si sono portati prontamente i vigili del fuoco di Cassino. Effettivamente di incendio si trattava ma, per fortuna, le fiamme erano relegate solo ad un comignolo. Insomma, a bruciare era una canna fumaria. Circostanze che si ripetono quando la colonna non viene pulita a sufficenza. I tubi d’acciaio di cui era composta, però, ha evitato il peggio e cioè, ha evitato che l’incendio potesse propagarsi agli appartamenti attraversati dalla canna fumaria in fiamme. Quello di via Enrico De Nicola, però, non è stato ieri l’unico episodio. Canne fumarie in fiamme anche a Pigantaro Interamna e a San Giorgio a Liri. Er. Am.

[nggallery id=72]

8 marzo 2010 0

Armi illegali nel locale, arrestato un ristoratore

Di redazione

Questa mattina i carabinieri della stazione di Ceccano (Fr) hanno arrestato Fabio Toti, 36 anni del posto, e gestore di un pubblico esercizio di quel centro per “porto e detenzione illegale di Armi comuni da sparo”. I militari, a seguito di perquisizione presso l’esercizio pubblico da lui gestito, hanno trovato e sequestrato una pistola semiautomatica completa del relativo munizionamento illegalmente detenuta. Inoltre, essendo l’uomo in possesso del porto d’armi per uso sportivo, i militari, nello stesso contesto operativo, hanno sequestrato allo stesso un revolver SMITH & WESSON calibro 357 MAGNUM, in attesa che venga accolta la proposta avanzata alla locale Questura per la revoca della licenza. L’arrestato, è attualmente trattenuto presso le camere di sicurezza della compagnia carabinieri, in attesa che venga fissata l’udienza per il rito direttissimo.

8 marzo 2010 0

Cocaina e marijuana, due rietini fermati ed arrestati all’uscita dell’A1

Di redazione

Viaggiavano portando con loro cocaina e marijuana e per questo, ieri pomeriggio, i carabinieri deklla compagmnia di Cassino li hanno fermati ed arrestati. In manette sono dunque finiti Santino Vulpiani, 29 anni e Filipe Soto Gonzales Esteban 21 anni entrambi residenti in provincia di Rieti, con l’accusa di “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente”. I due sono stati bloccati dai militari agli ordini del capitano Adolfo Grimaldi e del capitano Francesco Maceroni, nei pressi dell’uscita del casello A/1 a bordo di una autovettura e sottoposti a perquisizione personale e veicolare. L’esito del controllo non ha tardato a “fruttare” il ritrovamento di venti grammi di Marijuana e dieci grammi di cocaina suddivisa in dosi. Sia la sostanza stupefacente che l’autovettura, sono stati posti sotto il vincolo del sequestro. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cassino.

8 marzo 2010 0

Nei giorni di San Tommaso, presentato il libro di Fernando Riccardi

Di redazione

Si è tenuta ieri, presso il Comune di Roccasecca, una delle manifestazioni in programma nell’ambito dei festeggiamenti in onore di S. Tommaso. In particolare, ieri sono stati consegnati agli studenti dell’ITCG i premi finanziati da un istituto di credito della zona ed è stato presentato il libro L’uomo buono di Colle S. Magno di Fernando Riccardi, edito da Arte Stampa Editore. Il libro, illustrato dal prof. Donfrancesco, racconta della profezia di un eremita che aveva predetto alla madre di Tommaso, Anna Teodora, la nascita di un bambino che sarebbe diventato uomo colto e grande predicatore, fino ad essere riconosciuto santo e dottore della chiesa. Riccardi è un giornalista e uno storico autore di numerosi testi che ha accettato la sfida di occuparsi di una figura un po’ misteriosa, a metà tra la storia e la leggenda e che venne a mancare, probabilmente, poco prima della nascita di S. Tommaso. Di quell’“uomo buono” non si è mai saputo granché, se non il fatto che era particolarmente amato e rispettato dalla popolazione di Roccasecca, Aquino e Cantalupo tanto che, quando morì, fu il popolo stesso a richiederne la santificazione. L’Autore ha compiuto i suoi studi consultando i documenti conservati negli archivi del Vaticano e di Montecassino. All’incontro, al quale ha partecipato un pubblico numeroso e particolarmente interessato, erano presenti – oltre all’autore Fernando Riccardi e al relatore Prof. Donfrancesco – il Sindaco di Roccasecca Mario Giorgio, il Sindaco di Colle San Magno Antonio Di Nota, l’Assessore alla Cultura del Comune di Roccasecca Riccardi, il Preside dell’ITCG Prof. Di Mambro ed una delegazione di docenti della scuola.

8 marzo 2010 1

Fiat Cassino, un programma infrastrutturale per aumentarne la competitività

Di redazione

Polo logistico avanzato di Cassino: pronti a partire. Per il progetto che punta a rendere più competitiva la Fiat di Cassino si entra ora nella fase operativa grazie alla firma dell’Accordo di Programma che è stata presentata questa mattina in conferenza stampa dall’assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca, Innovazione e Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini, insieme al rettore dell’Università degli Studi di Cassino, Ciro Attaianese, il presidente del Palmer (Parco Scientifico e Tecnologico del Lazio Meridionale) Paolo Vigo, il responsabile scientifico del progetto, Domenico Falcone, il direttore dello stabilimento Fiat Group Automobiles di Cassino, Antonio Cesare Ferrara, e l’amministratore delegato di Elasis – Centro Ricerche Fiat, Nevio Di Giusto. L’Accordo di programma – siglato da Regione Lazio, Università degli Studi di Cassino, Fiat Group Automobiles Spa, Crf Scpa, Elasis Scpa, il Consorzio per lo Sviluppo Industriale del Lazio Meridionale e due pmi: Sde Srl e Nipa Srl – riguarda il progetto al quale la Regione ha destinato circa 18 milioni e mezzo di euro, di cui 8 milioni e 413 mila euro provenienti dai fondi PorFesr 2007-2013 e 10milioni di fondi Fas. L’obiettivo è la realizzazione di “infrastrutture di logistica avanzata”, ovvero di un unico sistema “intelligente” in grado di rispondere e gestire al meglio le richieste dello stabilimento Fiat, con le forniture in arrivo e con il materiale in fase di pre-assemblaggio, stoccato presso i magazzini esterni. Un progetto al quale le imprese contribuiranno con un investimento di oltre 5 milioni, per un costo complessivo di 23milioni e 600mila euro. Cuore dell’intervento, il progetto cardine di ricerca e sviluppo sperimentale per lo studio e l’ottimizzazione delle soluzioni tecniche per gestire la fornitura dei materiali. Questo consentirà poi di costruire un magazzino “avanzato” e altamente tecnologico, di 12 mila metri quadri, nel quale lo stoccaggio e il rifornimento dei materiali sarà gestito attraverso dei nuovi sistemi informatici. Una infrastruttura che permetterà allo stabilimento Fiat di lavorare in contemporanea alla produzione di diversi modelli di auto e di gestire l’arrivo dei materiali nel modo più funzionale, in ogni momento e a seconda delle necessità del ciclo produttivo. “Per reagire alla crisi e salvaguardare l’occupazione occorre investire sullo sviluppo. Con la firma dell’Accordo di Programma – spiega l’assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca, Innovazione e Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini – passiamo alla fase operativa di questo progetto, con il quale puntiamo a sostenere i massimi livelli di competitività del sito industriale di Cassino e la crescita dell’indotto, con una riduzione dei costi e la massima efficienza della produttività dello stabilimento Fiat e con ricadute positive sull’occupazione, ma anche sulla qualità del lavoro e la sicurezza”. Concluso l’iter dell’Accordo di Programma, l’Università degli Studi di Cassino avrà ora 60 giorni per presentare il progetto definitivo per il Polo della logistica avanzata, dopo di che potrà partire il primo anticipo dei fondi, per procedere alla realizzazione, entro 24 mesi. Lo stabilimento Fiat di Cassino, dove si producono i modelli Croma e Stilo, conta 3.500 dipendenti, con una capacità produttiva di oltre 250mila vetture l’anno, a un ritmo di 800 al giorno: quasi una al minuto. Importante l’indotto, con una filiera che comprende i costruttori (che controllano la progettazione e ne producono alcune parti), i componentisti, i distributori, fornitori e sub-fornitori per la componentistica, per i macchinari ma anche per prodotti non specifici per l’industria automobilistica. Nel comprensorio, tra l’altro, sono presenti alcune delle più importanti società-partner che forniscono particolari per i modelli Bravo e Croma e che rappresentano circa il 25% dei particolari di fornitura, impiegando circa 2000 persone; presente alche un operatore logistico, che gestisce tutte le movimentazioni dei materiali.

8 marzo 2010 0

Regionali 2010 / Abbruzzese ad Isola Liri per “riscuotere” l’appoggio della lista “Isola nel cuore”

Di redazione

Il giro elettorale di Mario Abbruzzese va avanti, senza un attimo di sosta. Nella serata di domenica l’esponente politico del Popolo della Libertà, impegnato nella sua campagna elettorale per il rinnovo del consiglio regionale del Lazio, ha incontrato cittadini, imprenditori, commercianti e sostenitori del Pdl di Isola del Liri. Alle ore 21, presso il ristorante “Scala”, nei pressi della cascata, si è svolto un importantissimo appuntamento politico-elettorale, promosso ed organizzato da Enzo Altobelli, esponente del Pdl del centro della Valle del Liri. E’ stato proprio quest’ultimo a presentare la candidatura di Mario Abbruzzese alle oltre cento persone intervenute per l’occasione. “Non ci sono dubbi – ha affermato Altobelli – Abbruzzese è il candidato ideale per rappresentare in regione tutto il sud della Provincia di Frosinone. Sosterremo la sua candidatura con forza, perché riteniamo che il consigliere provinciale sia un uomo politico di spessore, capace di portare nella nostra terra finanziamenti, che serviranno a Comuni come il nostro per realizzare progetti di sviluppo economico e per far creare l’occupazione. E’ l’uomo giusto – ha continuato – espressione della nostra terra, persona che conosce bene le problematiche della zona e sa come affrontarle e risolverle. Abbruzzese, grazie all’esperienza che ha maturato, prima come consigliere comunale a Cassino, poi come presidente del Consorzio Cosilam, e oggi come consigliere del Pdl all’Amministrazione provinciale di Frosinone, è l’unico candidato che ci potrà rappresentare alla Regione”. All’incontro hanno preso parte anche il candidato a sindaco della lista civica “Isola nel Cuore”, Marcello Costantini e alcuni dei candidati del medesimo schieramento, fra questi, Cristiana Vona, Lorenzo Mastroianni e Francesco Romano che, assieme ad Altobelli, sono fra i massimi sostenitori della campagna elettorale di Abbruzzese nella cittadina fluviale. “La politica deve assolutamente iniziare a sfruttare al massimo ogni opportunità che viene concessa dall’Unione Europea – ha sottolineato Abbruzzese ai presenti – senza distinzione sociale e soprattutto all’insegna del “fare”, per restituire con decisione e intima partecipazione, una nuova dinamicità al nostro spazio vitale: la nostra Regione. Il mio progetto politico è aperto al contributo di tutti i cittadini – ha affermato senza ombra di dubbio, il candidato Pdl – e intende costituirsi come luogo d’incontro e di confronto, per l’offerta, la discussione e l’eventuale auspicabile condivisione di proposte finalizzate, nella loro attuazione, alla costruzione di una società civile affermata, moderna, giusta e di valore”.

8 marzo 2010 0

Regionali 2010 / Veroli, il consigliere Campoli: “Mario ha le idee chiare per arginare la crisi economica”

Di redazione

Un successo annunciato l’incontro promosso ed organizzato dal consigliere comunale di Veroli, Denis Campoli, per sostenete la candidatura di Mario Abbruzzese alle prossime elezioni regionali del 28 e 29 marzo prossimi. Un centinaio di sostenitori dell’esponente politico del Popolo della Libertà hanno preso parte, domenica scorsa, alle 13.30, nei locali della pizzeria “Mulligans” di Veroli, all’incontro nel quale il candidato pidiellino Abbruzzese ha ampiamente illustrato i punti cardine del suo programma politico-elettorale. Un incontro conviviale alla quale, fra gli altri, ha partecipato anche l’europarlamentare del Pdl, Alfredo Pallone. A presentare ai convenuti il candidato alle regionali Mario Abbruzzese ci ha pensato, in maniera egregia, il consigliere municipale Denis Campoli che, nel corso del suo intervento introduttivo, ha più volte sottolineato l’importanza di sostenere Mario Abbruzzese al Consiglio regionale del Lazio. “Abbruzzese è l’unico politico della nostra Provincia ad avere le carte in regola per ricoprire un importante incarico, strategico e prestigioso, come quello di consigliere regionale”, ha detto ai presenti Campoli. “Ormai tutti sanno che Mario conosce a fondo il territorio – ha sottolineato – e sa muoversi bene per portare ricchezza in zona. Noi lo sosterremo perché lo reputiamo un politico valido e capace, che nella sua esperienza amministrativa ha sempre dimostrato di essere umano e vicino alle esigenze dei cittadini”. L’attestato di stima e fiducia dell’esponente locale è solo l’ultimo, ma solo in ordine di tempo, che in queste settimane di campagna elettorale il candidato Abruzzese ha raccolto nel suo lunghissimo e serrato tour per i 91 Comuni della Provincia di Frosinone. “Il lavoro è al primo posto nel mio programma – ha ribadito Abbruzzese ai presenti -. Ora la priorità è uscire presto dalla crisi per conservare i posti di lavoro esistenti e crearne di nuovi, per dare ai nostri giovani la prospettiva di occupazione dignitosa e sicura, arginando il precariato, che sta impedendo loro di programmare una vita personale e familiare. E’ per questo che il mio primo impegno, se verrò eletto alla Regione Lazio come consigliere, sarà quello di programmare interventi urgenti per le Piccole e Medie Imprese di tutta la zona, che sono una grande risorsa del nostro territorio, il tutto con il chiaro intento di creare nuovi posti di lavoro da destinare a tutti i cittadini della Provincia di Frosinone”.