Giorno: 17 marzo 2010

17 marzo 2010 0

Regionali 2010 / Tajani, a Broccostella per sostenere la candidatura di Mario Abbruzzese

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Venerdì 19 marzo prossimo, l’on. Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea per l’Industria e l’Imprenditoria, sarà a Broccostella per sostenere la candidatura di Mario Abbruzzese al Consiglio regionale del Lazio. L’importantissimo appuntamento politico-elettorale alla presenza dell’esponente politico al Parlamento europeo, avrà inizio come da programma alle ore 19, e si terrà nel ristorante “Del Fiore”, in via Ponte Emilio a Broccostella. Oltre all’on. Tajani e al candidato alle regionali Mario Abbruzzese, interverranno: il presidente del Consiglio Provinciale e primo cittadino del Comune del sorano, Sergio Cippitelli, e l’eurodeputato del Popolo della Libertà Alfredo Pallone. “La presenza dell’onorevole Tajani a Broccostella mi riempie di grande gioia e orgoglio – ha detto il presidente Cippitelli -. Continueremo con grande forza a sostenere la candidatura di Mario Abbruzzese al Consiglio regionale del Lazio, perché siamo convinti di avere a che fare con un uomo politico serio, concreto e capace di portare le nostre esigenze all’attenzione della Regione. Il fatto che “big” del Pdl del calibro di Tajani giungano fino in Ciociaria per dare massimo appoggio ad Abbruzzese, vuol dire che abbiamo scelto l’uomo giusto. Significa, inoltre, che le capacità politiche-amministrative dell’amico Mario sono palesemente apprezzate anche dai vertici nazionali del Popolo della Libertà”.

17 marzo 2010 0

Regionali 2010 / Abbruzzese interviene su Piano Casa: “Subito alloggi per le famiglie in emergenza abitativa”

Di redazione

“Il Piano Casa regionale approvato ad agosto 2009 ha tradito le aspettative create dal governo Berlusconi, rispondendo solo parzialmente agli obiettivi che si era posto, essendo troppo condizionato da un’impostazione vincolistica”. Questo è quanto sostiene Mario Abbruzzese, Candidato Pdl al Consiglio regionale del Lazio. “Bisogna intervenire sulla legge regionale – ha continuato Abbruzzese – incrementando con decisione il premio di cubatura per gli interventi di sostituzione edilizia, una tipologia d’intervento che oggi è penalizzata da complesse procedure, diseconomicità e tempi elefantiaci. Lo strumento della demolizione e ricostruzione deve, al contrario, rappresentare il principale elemento della nuova stagione di riqualificazione e risanamento. Una volta in Regione – ha affermato il candidato del Popolo della Libertà – mi impegnerò a predisporre programmi specifici che verranno sottoposti al concorso delle amministrazioni comunali interessate, soprattutto negli insediamenti di edilizia intensiva, caratterizzati da forti elementi di degrado strutturale e da condizioni di marginalità sociale”. Abbruzzese sostiene fortemente il Piano Casa, perché è convinto che sia un ottimo strumento per far ripartire l’economia della Provincia di Frosinone, indubbiamente legata anche al “mattone”. Inoltre, sostiene che il Piano Casa è necessario per creare nuovi alloggi per tutte quelle famiglie in difficoltà abitativa. “Bisogna garantire una casa alle fasce più deboli – ha continuato Abbruzzese – utilizzando subito gli stanziamenti oggi disponibili per l’emergenza abitativa, costituendo anche un apposito fondo regionale per contributi ai Comuni, che consentirà di disporre progressivamente di un “parco alloggi”, in attesa che vengano realizzate nuove abitazioni. Successivamente – ha continuato – bisognerà predisporre un programma regionale solido per la costruzione di nuove case. Occorrerà predisporre un programma regionale pluriennale di interventi per la costruzione di abitazioni da parte delle Ater (Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale), da assegnare alle famiglie che hanno presentato domanda ai Comuni, e che sono collocate da tempo nelle graduatorie, iniziando, previa verifica, proprio da quelle che versano nelle situazioni di maggiore criticità”.

17 marzo 2010 0

Schiava e costretta alla prostituzione sotto la minaccia di ritorsioni sul figlio

Di redazione

Induzione, sfruttamento e favoreggiamento alla prostituzione, aggravato da minacce; con queste accuse scaturite dopo lunghe indagini le forze dell’ordine di Lanciano (Ch) hanno arrestato tre rumeni. Il provvedimento di natura cautelare emesso dal Gip ha permesso di stringere le manette intorno ai polsi di Ion Stefan Miroiu, 24 anni, la moglie Elena Carlet di 27 anni, ai domiciliari, e Valentin Nelu Pohrib 37 anni, già in carcere a Siena per altri reati. Tutta l’inchiesta è nata in seguito alla denuncia sporta da una 20enne anch’ella rumena giunta in Italia insieme al figlio di 3 anni, con la speranza di un lavoro. Non poteva certamente immaginare, la ragazza, che i suoi amici l’avrebbero spinta sul marciapiedi a Pescara e a Lanciano. Era in balia del gruppo minacciata di ritorsioni sul figlio. Dopo la denuncia è stata inizialmente sottoposta a tutela, permettendo agli investigatori di dare il via alle indagini e poi è stata rimpatriata per sua volontà. Er. Amedei

17 marzo 2010 0

Parcheggio interrato, tre milioni per creare alloggi a clochard tra le discariche

Di redazione

Per costruirlo è stato messo a rischio addirittura la stabilità dei palazzi circostanti; inoltre in tanti sono convinti che la piazza che c’era prima era molto, ma molto più bella di quella attuale. Parliamo del parcheggio interrato (Guarda il video) in piazza Garibaldi a Cassino (Fr). I posti auto che la struttura pubblica avrebbe dovuto offrire alla città, in una zona come la stazione ferroviaria, erano considerati fondamentali per la città stessa. Oggi, quella struttura è un mega alloggio interrato per barboni attorniati da vere discariche. Per le strade… …di cassino si contano decine di clochard; un fenomeno non certamente nuovo per una città crocevia tra Napoli e Roma. Quello che cambia, in relazione a questo fenomeno, è la provenienza. Un tempo i mendicanti arrivavano a Cassino con i “treni dei disperati” e la sera, riprendevano la via del ritorno da dove erano venuti. Da un po’, però, i barboni si sono fermati a Cassino e lo hanno fatto proprio all’interno del parcheggio. Un rapido giro armati di macchina fotografica permette di fare “scatti” poco gratificanti per una comunità, non tanto perché ogni angolo è adibito a ricovero di fortuna notturno per chi, durante il giorno sui riversa per le strade a caccia di elemosine, quanto per…

…il grado di sporcizia che a meno tre metri sotto il livello medio di Cassino si è andato ad accumulare. Quello che sarebbe dovuto essere un parcheggio, è divenuto un immondezzaio e ritrovo, non solo di chi cerca un riparo, ma anche di personaggi poco raccomandabili. Tutto questo sotto gli occhi di chi arriva a Cassino attraverso una delle principali porte: la stazione ferroviaria. Ancora oggi ci si chiede: era così necessario costruire questo parcheggio interrato distruggendo la vecchia piazza Garibaldi? Ermanno Amedei

17 marzo 2010 0

Droga e furto di gas, due motivi per finire in galera

Di redazione

Spaccio di droga e furto di gas; è lo strano connubio di reati per i quali è stato arrestato oggi T. F. un 30enne di Frosinone. I carabinieri della compagnia ciociara, nel corso di un controllo antidroga, lo hanno trovato in possesso di circa sette grammi di hashish divisi in dosi. Nella successiva perquisizione domiciliare, i militari, oltre a trovare due coltelli a serramanico e altro materiale per confezionare dosi di stupefacente, hanno anche trovato un allaccio abusivo alla rete metanifera comunale. Il 30enne infatti aveva bypassato il contatore della propria abitazione con un tubo flessibile che portava metano direttamente e gratuitamente a casa sua. L’arresto quindi è scattato per detenzione ai fini dello spaccio di stupefacente e furto aggravato. Er. Amedei

17 marzo 2010 0

I bambini della scuola di Serrone in gita con “Parco Anch’io”

Di redazione

Domani, giovedì 18 marzo, gita naturalistica per i bambini della scuola elementare di Serrone. In 54 si recheranno in visite ad Amaseno, nel cuore del Parco dei Monti Ausoni. Inserita nell’ambito di un progetto dell’Agenzia regionale parchi, denominato “Parco Anch’io”, la scuola potrà usufruire gratuitamente del bus per raggiungere l’area protetta. I piccoli alunni visiteranno un allevamento di bufale all’interno di una fattoria dove potranno assaggiare la mozzarella di bufala, riconosciuta dalla Regione con marchio Dop “Colossella”. Subito dopo, accompagnati dal sindaco Giannantonio Boni e dal vice sindaco Antonio Como, visiteranno il centro storico di Amaseno dove, all’interno della villa comunale, si fermeranno per il pranzo al sacco. “Ancora una volta – spiega Piero Pera, referente delle escursioni con Parco Anch’io – offriamo ai bambini l’opportunità di conoscere da vicino le bellezze naturali della nostra provincia. La valorizzazione della Ciociaria passa attraverso la riscoperta dei luoghi stessi, che spesso i più piccoli ancora non conoscono ma, quando gli viene data la possibilità, vivono con entusiasmo”. Nell’ambito dello stesso progetto il Comune di Serrone è stato ieri meta di un gruppo di bambini delle elementari di Castel San Pietro Romano (Rm) che, dopo aver fatto visitato Torre Caietani, ricevuti dal sindaco Luciano Fagiolo e dal Vice Sindaco Letizia Elementi, e all’area protetta del Lago di Canterno, ricevuti dall’Ispettore Ecologico Enzo Pirazzi, sono giunti a Serrone. “E’ stata una cosa molto bella – commenta il sindaco di Serrone, Maurizio Proietto – vedere così tanti bambini per i vicoli del centro storico e nel nostro museo. Sia i piccoli che le insegnanti sono rimasti entusiasti nell’ammirare la mostra permanente dei costumi teatrali della sartoria Bice Minori, allestita con lo scenografo Santi Migneco. Costumi che sono stati portati sulle scene dei principali spettacoli teatrali d’Italia che Serrone ha l’onore di ospitare in questa bellissima mostra permanente”.

17 marzo 2010 0

Visita dell’Abate Vittorelli alla Cooperativa Capodarco

Di redazione

L’Abate di Montecassino, dom Pietro Vittorelli, ha fatto visita in questi giorni alla sede romana del Consorzio Sociale Gruppo Darco in Via Ostiense, la cooperativa che gestisce il Recup in regione, trascorrendo con i soci parte della mattinata. L’Abate si è mostrato, da subito, profondamente interessato e incuriosito dalla lunga esperienza di integrazione sociale rappresentata dalla Capodarco e a seguire dalle altre cooperative nate nel corso della storia dal 1975 ad oggi. Il Presidente Maurizio Marotta gli ha illustrato le origini della struttura, cominciando dalla storia della Comunità di Capodarco per raccontare, poi, la genesi della Cooperativa. Il percorso compiuto in tanti anni di attività, le varie vicende ma, soprattutto, il livello professionale raggiunto dai soci, la qualità dei servizi erogati, i numeri sorprendenti che riassumono i traguardi raggiunti, sono stati oggetto di una lunga conversazione, nella quale il Padre Abate ha voluto conoscere nei dettagli una realtà inaspettata. Subito dopo dom Pietro Vittorelli ha visitato i vari settori e ha chiesto ulteriori delucidazioni sui vari servizi erogati: il call center, il Servizio Superabile, il Recup e il Q-Recup, i progetti di abbattimento delle barriere architettoniche nei quali da anni il gruppo con il COIN ha sviluppato delle competenze con i suoi tecnici ed architetti. Il prezioso contributo organizzativo e sociale offerto dal Gruppo al mondo della sanità ha riscosso un particolare apprezzamento da parte di chi, oltre ad essere monaco, è anche medico. L’Abate Vittorelli si è mostrato molto interessato alla vita della Cooperativa, ha posto numerose domande ai responsabili delle diverse aree per capire meglio tutti i dettagli del funzionamento dei nostri servizi, apprezzando particolarmente i risultati straordinari ottenuti da Capodarco in termini di integrazione e pari opportunità. Risultati che parlano da soli e meriterebbero un riconoscimento unanime. La visita si è conclusa con uno scambio di doni: l’Abate ha consegnato al Presidente Marotta la medaglia realizzata in occasione della visita del Santo Padre Benedetto XVI a Cassino e Montecassino dello scorso maggio 2009. Tale visita ha segnato una tappa importantissima nella vita della comunità locale e, dunque, la medaglia è un segno forte di un’esperienza davvero speciale. Il Presidente Marotta ha assicurato al Padre Abate l’impegno fattivo del gruppo per sostenere le iniziative sociali a favore dei più deboli ed in particolare quella da destinare alla Casa della Carità di Cassino. La promessa è di mantenere i contatti anche per il futuro, sperando anche in possibili collaborazioni su progetti comuni, alla luce dei tanti valori e dei tanti ideali che uniscono due realtà che sembra abbiano molto in comune e possano arricchirsi vicendevolmente.

17 marzo 2010 0

Auto del Comune danneggiata dai vandali, sulla carrozzeria lasciano “graffiato” il motivo

Di redazione

“Non abbiamo più soldi per pagare le multe”. Come una vera rivendicazione di atto vandalico, la frase è stata scritta con un punteruolo sulla carrozzeria di un’auto dell’assessorato ai lavori pubblici del comune di Vasto (Ch). Con lo stesso punteruolo, la macchina è stata forata e, la stessa mano, ha anche rotto i finestrini. Probabilmente la vettura è vittima di uno scambio di settore comunale dato che il gesto, compiuto a Vasto nella notte tra lunedì e martedì, era certamente diretto ai vigili urbani. Non sarebbe certamente questom il primo episodio su cui è stata avviata un’indagine per risalire agli autori degli atti vandalici.

17 marzo 2010 0

Una cerimonia per inaugurare l’orto botanico

Di redazione

Si terrà sabato 20 marzo 2010 alle ore 10:00 presso la Biblioteca Comunale “R.Liberatore”- Polo Culturale “Villa Marciani” in Via del Mancino, l’inaugurazione dell’Orto Botanico di Lanciano (Ch). Un’iniziativa portata avanti dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’ A.N.FOR . (Associazione Nazionale Forestali). All’incontro interverranno: Mons. Carlo Ghidelli – Arcivescovo della Diocesi Lanciano-Ortona;Filippo Paolini, Sindaco di Lanciano;Eugenio Caporrella – Assessore all’Ambiente del Comune di Lanciano e della Provincia di Chieti; Nevio Savini – Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Chieti; Nicola Angelucci Presidente dell’Associazione Nazionale Forestali Commissario in pensione del Corpo Forestale dello Stato. Alla manifestazione saranno presenti anche gli alunni dell’istituto Comprensivo “Umberto I” e i giovani del “III Circolo Didattico Scuola Primaria” di Lanciano.