Regionali 2010 / Abbruzzese interviene su turismo religioso e percorsi enogastronomici

15 marzo 2010 0 Di redazione

“La Regione Lazio, con 30 denominazioni relative ai vini di qualità (tra cui 26 vini Doc e 4 vini Igt) e 15 prodotti tipici tra Dop e Igt, è una Regione che consente di poter pensare allo sviluppo di percorsi enogastronomici di qualità, permettendo la diffusione della cultura e della tradizione regionale fra i turisti stranieri e nostrani”. Questo è quanto sostiene il candidato alle elezioni regionali del 28 e 29 marzo, Mario Abbruzzese, che guarda con un occhio diverso al turismo locale, settore che potrebbe diventare una grande opportunità di sviluppo per tutta la Provincia di Frosinone, con la conseguente creazione di decine e decine di nuovi posti si lavoro. L’esponente del Popolo della Libertà ha le idee chiare sul da farsi, ma soprattutto per far crescere e sviluppare, mettendoli in rete, tutti i settori legati alle varie forme di turismo da quello legato ai prodotti tipici locali, fino a quello religioso. “Il mio compito, una volta eletto in Regione – ha continuato Abbruzzese – dovrà essere innanzitutto quello di potenziare tali percorsi, coinvolgendo tutti gli operatori della filiera turistica della nostra Provincia, attraverso l’attività di coordinamento, promozione e valorizzazione di tutto il territorio. Poi, come non pensare con un occhio diverso al grande patrimonio dei monasteri, conventi e santuari, magari creando itinerari di turismo religioso, pensati non solo per Roma capitale, ma soprattutto per dare risalto a tutte quelle località religiose che si dislocano fra le diverse realtà territoriali regionali, che rappresentano luoghi di incontro determinanti nell’iter del turista: uno su tutti, l’Abazia di Montecassino, fra le dieci mete più visitate in Italia. La Regione Lazio si deve ergere come esempio di buona pratica nella realizzazione di percorsi “ad hoc” che permettano, da un lato la facilitazione dell’introspezione religiosa da parte del turista, dall’altro l’agevolazione nel cogliere la storia e l’arte dei siti da visitare. Solo una rinnovata strategia di promozione – ha concluso Abbruzzese – e una pianificazione di iniziative infrastrutturali potranno permettere la giusta valorizzazione del turismo in Provincia di Frosinone, il cui potenziale, ancora inespresso, potrà dar luogo ad un’intensa attività di promozione delle bellezze del nostro territorio”.