Giorno: 5 aprile 2010

5 aprile 2010 1

Ad un anno dal terremoto vi riproponiamo le immagini registrate a l’Aquila il 7 aprile

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La scossa di terremoto trasmessa in diretta martedì da Il Punto (20 sec.) [flashvideo file=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/04/scossa.flv image=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/04/scossaindiretta.jpg /]

Le immagini trasmesse in diretta martedì durante i tentativi di soccorso ai ragazzi intrappolati nella casa dello studente (45 min.) [flashvideo file=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/04/terremoto-laquila-diretta-7-4-2009.flv image=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/04/direttailpunto.jpg /]

In giro per la città fantasma[flashvideo file=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/04/direttastrade.flv image=http://www.ilpuntoamezzogiorno.it/wp-content/uploads/2009/04/direttastrade.jpg /]

5 aprile 2010 0

Incidente frontale sulla strada per Montecassino, due auto distrutte

Di redazione

Fragoroso schianto, ieri sera, sulla strada provinciale che da Cassino conduce all’abbazia di Montecassino. nei pressi del parcheggio dell’anfiteatro romano, in un punto il cui la strada curva a gomito, si sono scontrate una Fiat Punto guidata da una ragazza di San Giorgio a Liri (Fr) e Saab con a bordo alcuni turisti. Seppure l’impatto è stato frontale e violento, solo le auto hanno riportato danni importanti; per fortuna le persone a bordo delle vetture sono rimaste solamente leggermente contuse. Sul posto si sono portati i carabinieri e i vigili del fuoco di Cassino. Er. Amedei

5 aprile 2010 0

Domani un’intera giornata senza acqua potabile

Di redazionecassino1

Sarà sopspesa domani, 6 aprile, per l’intera giornata l’erogazione dell’acqua in città. Lo ha disposto l’assessorato alla Manutenzione del Comune per consentire lavori di manutnzione sulla condotta principale. L’interruzione inizierà dalle ore 6.00 fino alla fine dei lavori previsti sulla condotta principale, potrebbe interessare tutta la giornata.

5 aprile 2010 0

Accende la stufa con l’alcool e il ritorno di fiamma la trasforma in una torcia umana

Di redazione

Una vera tragedia di Pasqua. Ieri pomeriggio, proprio nella domenica di Pasqua, una donna di 80 anni è purtroppo morta in un modo orrendo nella sua casa di Castro dei Volsci (Fr). Marcella S. 80 anni viveva in un alloggio popolare al primo piano di una palazzina in via San Giacomo quando il suo appartamento è andato letteralmente in fiamme. Secondo una ricostruzione fatta dagli inquirenti, pare che la donna, poco dopo le 19, stesse accendendo la stufa ma per accellerare l’operazione, avrebbe utilizzato una bottiglòietta d’alcool. La fiamma ritorna, la bottiglietta esplode, l’alcool cosparge il corpo della donna che in pochi millesimi di secondo si trasforma in una torcia umana. A qule punto, d’istinto l’80enne avrebbe tentato di trovare rimedio entrando nella camera da letto ma lì, tra tende, coperte e materasso, il fuoco ha trovato i che alimentarsi fino a propagarsi all’intera stanza e a non lasciare speranze di sopravvivenza per la donna. Inutile l’immediato intervento dei vigili del fuoco di Arce e di Frosinone. Quando i pompieri sono riusciti, nonostante le fiamme, ad entrare nella casa, la donna ormai era morta. Inevitabile, quindi, ricordare la pericolosità dell’utilizzso di inneschi pericolosi per accendere camini o stufe. La pratica dell’utilizzo di alcool è tra le più pericolose e, purtroppo, continua a mietere vittime. Er. Amedei

5 aprile 2010 0

Mozart Requiem per l’Aquila ad un anno dal terremoto

Di redazione

Per non dimenticare L’Aquila: il Requiem di Mozart, nella basilica dell’Ara Coeli, in Campidoglio, martedì 6 aprile alle ore 21, in ricordo della grande tragedia che proprio un anno fa, il 6 aprile, distrusse la città aquilana. Il Concentus parteciperà con il suo coro polificonico, diretto da Mauro Gizzi. La musica ricorderà le vittime e servirà a dare nuova forza all’opera di ricostruzione. L’iniziativa è stata presa dal Comune di Roma, dal Presidente del Consiglio Regionale d’Abruzzo e dalla Cassa di Risparmio della provincia dell’Aquila, sotto l’alto patronato del Sovrano Militare Ordine di Malta , dell’Ambasciata dell’Impero del Giappone e della Repubblica Federale di Germania. Ad eseguire il Requiem del grande compositore austriaco, nella stupenda chiesa dell’Ara Coeli al Campidoglio, sarà appunto il Coro del Concentus Musicus fabraternus Josquin Des Pres, insieme al Coro dell’Arcum di Roma, alla Cappella Musicale Costantina e al Coro Città di Roma, accompagnati dall’Orchestra Barocca Marco Dall’Aquila, voci soliste Lucia Vaccari, Cecilia Alegi, Flaviano Bianchi, Fabrizio Pica Alfieri. la direzione è affidata a Jacopo Sipari di Pescasseroli. Madrina della serata sarà la principessa Maria Pia Ruspoli. Oltre che dal Comune di Roma, l’evento è patrocinato da; Comune dell’Aquila, Comune di Pescasseroli, Provincia di Roma, Provincia dell’Aquila, Regione Lazio, Regione Abruzzo, Arcidiocesi dell’Aquila, Sovrano Militare Ordine di Malta, le ambasciate di Albania, Australia, Austria, Regno di Danimarca, Cile, Finlandia, Grecia, Giappone, Germania, Haiti, Regno di Giordania, Niger, Repubblica del Mozambico, Pakistan, Regno di Svezia, Siria, Svizzera, Ungheria presso lo Stato Italiano, e le ambasciate di Croazia, Francia e d’Italia presso la Santa Sede. Inoltre dall’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro di casa Savoia e dal Circolo Gran Magistrale Giovanile degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia, insieme all’Istituto Gurdie d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon. L’ingresso al Concerto è libero

5 aprile 2010 0

Lisi (Coldiretti): “L’uovo torna ad essere simbolo di rinascita e buon auspicio”

Di redazione

Sode per la colazione, dipinte a mano per abbellire le case e le tavole apparecchiate o consumate in ricette tradizionali o nei dolci casalinghi, artigianali e industriali. Nei giorni scorsi le uova di Pasqua hanno conquistato come al solito anche i ciociari. Una tradizione, quella delle uova “naturali”, che – sottolinea Gianni Lisi, direttore della Coldiretti di Frosinone – resiste nel tempo con piatti che sono protagonisti sulle tavole della Pasqua. La tradizione fa risalire l’usanza di considerare l’uovo come simbolo di rinascita e buon augurio in Occidente al 1176, quando re Luigi VII rientrò a Parigi dopo la II crociata e per festeggiarlo – ricorda Lisi – il capo dell’Abbazia di St. Germain des Près gli donò metà dei prodotti delle sue terre, incluse un gran numero di uova che furono poi dipinte e distribuite al popolo. Una usanza tramandata dai persiani che, già cinquemila anni fa, festeggiavano l’arrivo della primavera con lo scambio delle uova “portabene” contro pestilenze e carestie secondo un rito che resiste ancora ai giorni nostri. Peraltro, quest’anno, sono state molte le occasioni di vendita nei mercati degli agricoltori come a Roma dove , presso il mercato di Campagna Amica del Circo Massimo in via San Teodoro, 74, si sono riversati migliaia di consumatori.Nelle prossime settimane come Coldiretti Frosinone – ha aggiunto Lisi – presenteremo una serie di appuntamenti tesi a far incontrare i nostri produttori con i consumatori grazie proprio ai nostri mercatini. I consumi nazionali di uova hanno raggiunto la cifra record di 13 miliardi di pezzi all’anno che significa una media di circa 218 uova a testa, quasi interamente Made in Italy ma nel corso del 2009 una performance particolarmente positiva è stata ottenuta dalle uova di produzione biologica che hanno fatto registrare un +21,8% rispetto all’anno precedente. Le uova di gallina hanno rinnovato la gamma delle tipologie offerte e il proprio styling con un sistema di etichettatura obbligatorio che consente di distinguere tra l’altro la provenienza e il metodo di allevamento con un codice che con il primo numero consente di risalire al tipo di allevamento (0 per biologico, 1 all’aperto, 2 a terra, 3 nelle gabbie), la seconda sigla indica lo Stato in cui è stato deposto (es. IT), seguono le indicazioni relative al codice ISTAT del Comune, alla sigla della Provincia e, infine il codice distintivo dell’allevatore. A queste informazioni si aggiungono quelle relative alle differenti categorie (A e B a seconda che siano per il consumo umano o per quello industriale) per indicare il livello qualitativo e di freschezza e le diverse classificazioni in base al peso (XL, L, M, S).