Giorno: 13 aprile 2010

13 aprile 2010 0

Karate Lanciano / Oro e bronzo per Ciafrei all’11° Open d’Italia

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Da venerdì 9 aprile a domenica 11 aprile, si è svolta al Pala Sesto di Sesto San Giovanni (MI), la Gara Internazionale 11° OPEN D’ITALIA, gara valevole per la Golden League, che ha visto la presenza di oltre 2000 atleti provenienti da trentasette Nazioni, tra le quali: Francia, Spagna, Germania, USA, Brasile, Inghilterra, Egitto e tante altre. Gara spettacolare che ha visto brillare un Atleta del CSKS CLUB LANCIANO, FEDERICO CIAFREI, un ragazzo di appena 14 anni. Federico ha iniziato la sua gara sabato 10 aprile nella classe Cadetti (49 partecipanti), confrontandosi così con atleti più grandi di lui, nati dal 11 aprile 1994 al 10 aprile del 1996, Federico ha compiuto 14 anni il 14 marzo. Il fatto di avere a che fare con atleti fino a due anni più grandi, non ha certo scoraggiato il nostro Federico, anzi, la sua determinazione è cresciuta e preparazione fatta con il M° Pietro Antonacci in questi ultimi mesi ha fatto il resto, mettendo Federico in grado di scalare la classifica fino ad arrivare al terzo posto in questa difficilissima categoria. Questi gli incontri di Federico: primo incontro con Di Lorenzo Andrea (Lombardia) vinto per 5 a 0, secondo incontro con Gedhun Robin (Nazionale Tedesca) vinto per 3 a 2, terzo incontro con Vacirca Vincenzo (Il Tempio Vittoria) vinto per 5 a 0. Il quarto incontro è stato quello più difficile, perso per 4 a 1 con il forte atleta della Nazionale Italiana, terzo classificato ai Campionati Europei del febbraio scorso, Petroni Gabriele (Toscana), il quale risulterà poi vincitore della categoria. L’entrata in finale del Petroni, ha permesso a Federico di essere recuperato, quindi dopo aver vinto il primo incontro di ricupero per 5 a 0 con Torre William (Sicilia) ex atleta azzurro e con Camini Ivan (Toscana) vinto per 5 a 0, è salito con grande gioia, sul terzo gradino del podio, perdendo, quindi un solo incontro e vincendone ben cinque. Nella seconda giornata di gara, domenica 11, è stata la volta della Classe Esordienti B, nati dal 1.1.1995 al 31.12.1996, (32 partecipanti), era questa la gara cui puntava Federico che dopo aver vinto 4 incontri per 5 a 0 e 1 per 4 a 1, è riuscito a salire sul tanto ambito e alto gradino del podio 1° CLASSIFICATO! Oro meritatissimo per Federico che ha battuto nettamente tutti i suoi avversari, prima l’atleta della nazionale Inglese Chris Karwacinski, poi, Cavallaro Mattia (Rovigo), Bona Erik (Master Rapid Brescia), Carano Simone (JKS Castano Primo VA) e in finale il forte atleta Adduci Alessandro (Ryugi Corano). Federico oltre ad aver vinto queste due medaglie prestigiose si è guadagnato la chiamata per il ritiro della Nazionale Giovanile che si terrà nel week end del 23/24/25 aprile c.a. a Follonica (GR). A rappresentare il CSKS CLUB LANCIANO, anche STEFANIA ABBONIZIO e STEFANO BLASIOLI nella Classe Juniores, rispettivamente femminile e maschile, 45 le partecipanti nella categoria di Stefania, che al primo turno trova l’atleta Ungherese Zsuzsanna Anti, Stefania perde per 3 a 2 con un giudizio che a molti è sembrato non corretto, l’Atleta lancianese avrebbe meritato nettamente la vittoria. L’atleta Ungherese accede alla finale e si classifica poi al 2° posto dando così la possibilità a Stefania di essere ripescata, ma sulla sua strada ci si mette l’esperta atleta della nazionale Inglese, Lucraft Emma che batte Stefania per 4 a 1. Nella Classe Juniores Maschile (48 partecipanti) STEFANO BLASIOLI perdeva al primo turno con il forte atleta Veneto, Marco Stoppa, arrivato poi al terzo posto. Insomma per un undicesimo posto per Stefania e Stefano che questa volta non possono dire di aver avuto dalla loro un po’ di fortuna. Per entrambi ci saranno senza dubbio altre occasioni per mostrare il loro indiscusso valore, a partire dalla gara Internazionale che si terrà a Lanciano il 5 e 6 giugno prossimo. Queste le classifiche nelle classi dei nostri Atleti: CADETTI MASCHILE 1° Classificato Petroni Gabriele (Tuscany Competitors – Nazionale Azzurro) 2° Classificato Aglietti Federico (Judo Preneste Roma) 3° Classificato Ciafrei Federico (ASD CSKS CLUB LANCIANO) 3° Classificato Di Mauro Davide (Dinamik Club Limbiate MI)

JUNIORES MASCHILE 1° Classificato Busato Mattia (ASI Karate Veneto-Nazionale Azzurro) 2° Classificato Capacci Lorenzo (Regione Toscana Karate- Nazionale Azzurro) 3° Classificato Stoppa Marco (Karate Do Noventa) 3° Classificato Pasetto Marco (Goju Kai Veneta)

ESORDIENTI “B” MASCHILE 1° Classificato Ciafrei Federico (ASD CSKS CLUB LANCIANO) 2° Classificato Adduci Alessandro (ASD Ryugi Corano) 3° Classificato Cavallaro Mattia (ASD Sen Shin Kai Rovigo) 3° Classificato Lena Devid (Shotokan Karate Do Sabbioneta)

JUNIORES FEMMINILE 1^ Classificata Masnata Chiara (Centro Studi Karate Shotokan) 2^ Classificata Zsuzsanna Anti (Ungheria) 3^ Classificata Vulpis Morena (Centro Karate Zaccaro MT) 3^ Classificata Bleul Jasmin (Germania)

Dichiarazione del M° Pietro Antonacci: “Era molto tempo che non mi emozionavo così, è stata per me una soddisfazione enorme. Federico vive a Lariano in provincia di Roma. Da quest’anno fa parte del nostro Club, due volte a settimana parte da Lariano per venire ad allenarsi con il sottoscritto a Lanciano, per circa due/tre ore, poi una volta tornato a casa si allena eseguendo i “compiti a casa” che gli assegno alla fine di ogni allenamento. Durante le vacanze Pasquali è stato per quattro giorni qui a Lanciano, in quei giorni abbiamo lavorato per almeno sei ore al giorno, proprio in preparazione di questa importantissima Gara Internazionale. Come potete immaginare i sacrifici di Federico e dei genitori è immenso, ma i risultati hanno sicuramente ripagato gli oltre mille Km settimanali che fanno. Federico è stato grande ed io sono soddisfatto e affermo che abbiamo iniziato la nostra corsa verso il Campionato Italiano che si terrà il 4 e 5 dicembre, con le qualificazioni regionali il 13 e 14 novembre. Altro importante appuntamento sarà la gara Internazione di Grado (GO) del 28 e 29 agosto: 25° Open Internazionale di Grado. Per ora, la soddisfazione si raddoppierà perché sicuramente entro la settimana arriverà la convocazione per Federico al seminario per la Nazionale Giovanile, che mi è stata annunciata a voce e che si terrà in toscana dal 23 al 25 aprile. Anche in questo il lavoro fatto con passione e con tanti sacrifici ha dato il risultato sperato, segno che chi s’impegna con dedizione a qualcosa, prima o poi raggiunge gli obiettivi. Ancora una volta lo sport educa e indica la giusta strada ai giovani, se ben guidati.”

13 aprile 2010 0

Lanciano, le premiazioni della Coppa Speranza Fiat

Di redazione

Domani mercoledì 14/04/2010 alle ore 10.30 si svolgerà c/o lo Show Room dello Stabilimento Sevel di Atessa la premiazione della Coppa Speranze Gruppo Fiat, svoltasi il 20/03/2010 e che ha visto la partecipazione dei 1.181 alunni in rappresentanza di 22 scuole e 43 comuni: Atessa, Altino, Archi, Casacanditella, Casalbordino, Casoli, Castel Frentano, Chieti, Cupello, Fara Filorum Petri, Fara S.Martino, Fossacesia, Francavilla a Mare, Frisa, Furci, Gessopalena, Guardiagrele, Gissi, Lama dei Peligni, Lanciano, Montenerodomo, Monteodorisio, Mozzagrogna, Pizzoferrato, Palena, Pollutri, Paglieta, Perano, Quadri, Rapino, Roccamontepiano, Roccascalegna, Rocca S. Giovanni, San Buono, S. Eusanio del Sangro, San Salvo, S. Vito Chietino, Scerni, Torino di Sangro, Tornareccio, Torricella Peligna, Vasto, Villa S. Maria. Verranno premiati i primi 20 per ogni classe, tutti i docenti di educazione fisica, i presidi e i comuni. Alla scuola vincitrice della Supercoppa verrà assegnato il 1° Memorial Prof. Angelo De Cristofaro.

Cl. Scuola Città Pt.F Pt.M Tot. N. Atlete/i

1 Mazzini Lanciano 147 283 430 24 Atlete/i 2 De Petra Casoli 372 311 683 24 Atlete/i 3 Umberto I Lanciano 257 486 743 24 Atlete/i 4 Ist.Comp. Monteodorisio 694 338 1032 24 Atlete/i 5 Zimarino Casalbordino 687 442 1129 24 Atlete/i 6 Guardiagrele 432 808 1240 24 Atlete/i 7 D’Acquisto San Salvo 699 549 1248 24 Atlete/i 8 Ist. Comp. Castel Frentano 600 806 1406 24 Atlete/i 9 D’Annunzio Lanciano 606 886 1492 24 Atlete/i 10 Ist. Comp. Fara Filorum P. 754 1319 2073 24 Atlete/i 11 Ist.Comp. Torricella P. 1135 1443 2578 24 Atlete/i 12 Ist.Comprensivo Palena 380 741 1121 23 Atlete/i 13 Ciampoli Atessa 391 311 702 22 Atlete/i 14 Ist.Comprensivo Quadri 914 658 1572 22 Atlete/i 15 Ist. Comp. Tornareccio 1040 1194 2234 22 Atlete/i 16 Polidori Fossacesia 572 775 1347 21 Atlete/i 17 Chiarini – De Lollis Chieti 123 369 492 20 Atlete/i 18 Ist. Comp. S. Vito Chietino 606 931 1537 20 Atlete/i 19 Rossetti Vasto 510 445 955 19 Atlete/i 20 Ist. Comp. Paglieta 887 881 1768 18 Atlete/i 21 Michetti Francavilla 215 917 1132 15 Atlete/i 22 Spataro Gissi 555 610 1165 14 Atlete/i

13 aprile 2010 0

Schianto mortale, forse causato da malore ad anziano. Muore la moglie

Di redazione

Si schiantano frontalmente, con la loro auto, contro una Bmw. Lei è morta, lui è rimasto gravemnete ferito. E’ il drammatico epilogo dell’incidente stradale avvenuto oggi pomeriggio alle 17 sulla superstrada Cassino Formia nel territorio di Ausonia. A perdere la vita è stata una donna di 72 anni residente a Latina. La donna viaggiava a bordo di una Opel Astra guidata dal marito 75enne. Un urto devastante che non ha lasciato speranza di salvezza alla 72enne. Ferito gravemente anche il coniuge della vittima che è stato trasportato prima in ospedale a Cassino, poi trasferito al policlinico Tor Vergata di Roma. Ferito anche il conducente della Bmw ma pare che le sue condizioni non siano gravi. Sul posto si sono recati i carabinieri della compagnia di Pontecorvo comandata dal capitano Pier Francesco Di Carlo. Dalle indagini svolte, anche di tipo medico sanitario, non si esclude che l’uomo alla guida dell’Astra, quindi il marito della vittima, possa essere stato colto da malore. er. Amedei

13 aprile 2010 0

Volo Libero al Trofeo Montegrappa / Il cattivo tempo fa annullare tre giornate su cinque

Di redazione

Ben 142 parapendio e 96 deltaplani hanno affollato il cielo delle prealpi venete, decollando dai pendii sopra Borso del Grappa (Treviso) ed allargando i voli fino a percorrere 102 km e raggiungere quote attorno ai 2200 metri, uno spettacolo unico che ha attirato come sempre migliaia di spettatori presso l’atterraggio ufficiale del Garden Relais a Semonzo. E non solo la gara era nel paniere confezionato dall’Aero Club Montegrappa e dal consorzio turistico Vivere il Grappa, ma anche arrampicata, nordic walking, escursioni guidate, aquiloni e la Expo dei produttori di attrezzature per il volo libero, insieme a stand di prodotti tipici locali.

Piloti di 26 nazioni (Gran Bretagna, Argentina, Lituania, Francia, Austria, Germania, Macedonia, Polonia, Venezuela, Ungheria, Slovacchia, Slovenia, Norvegia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Grecia, Lussemburgo, Olanda, Spagna, Russia, Romania, Belgio, Marocco, Svizzera e Italia) hanno sancito il trofeo veneto manifestazione più importante d’Europa.

Poca lingua italiana sul podio, a dispetto delle graduatorie che ci vogliono al vertice con un nutrito elenco di titoli mondiali ed europei da difendere negli imminenti campionati.

Nella classifica generale parapendio due francesi, Luc Armant e Yann Martail, lasciano al terzo posto per una manciata di punti il nostro Luca Donini di Molveno (Trento). Nella classe sport l’austriaco Thomas Brandlehner relega il laziale Fabio Pasquali e Giorgio Darra rispettivamente al secondo e terzo posto, mentre tra le donne vince la polacca Kataryna Gruzlewska, seguita dalla francese Christine Metais e da Petra Slivova (Repubblica Ceca). Quarta la friulana Nicole Fedele. Nel deltaplano dilagano gli austriaci, in testa il pluridecorato, incontenibile e sempreverde Manfred Ruhmer, seguito da Robert Reisinger e Manfred Trimmel. L’azzurro Elio Cataldi (Vittorio Veneto, Treviso) è al sesto posto. La britannica Kathleen Rigg vince la gara femminile, mentre Tim Grabowski (Germania), Toni Raumauf (Austria) e Dieter Mueglich (Germania) occupano il podio delle “ali rigide”, le macchine più perforanti per il volo libero.

13 aprile 2010 0

Acqua, è scontro. Codici: “Tariffe aumentate del 47 per cento”

Di redazione

L’associazione CODICI ha aderito al comitato referendario promosso dal forum italiano dei movimenti per l’acqua che ha già depositato presso la Corte di Cassazione di Roma i quesiti per i tre referendum che “chiedono l’abrogazione di tutte le norme che hanno aperto le porte della gestione dell’acqua ai privati e fatto della risorsa bene comune per eccellenza una merce”. “Codici ha aderito al comitato referendario per diversi motivi – commenta il Segretario Nazionale del CODICI, Ivano Giacomelli- Il provvedimento Ronchi nasce con lo scopo di aumentare la spinta liberalizzatrice, riducendo i costi per le pubbliche amministrazioni e garantendo la migliore qualità dei servizi resi agli utenti. Sarà un lapsus ma evidenzio che il provvedimento recita: “ridurre i costi per le pubbliche amministrazioni e garantisca la migliore qualità dei servizi resi agli utenti”. Evidentemente l’ipotesi di prezzi abbordabili per i cittadini non è nei piani della norma e delle forze che hanno voluto a tutti i costi questa legge. Il quadro che si delinea è alquanto preoccupante e non è percepito soltanto dagli addetti ai lavori ma dall’intera cittadinanza perché vede prevalere la tendenza speculativa. Le nostre preoccupazioni nascono dal fatto che da alcune indagini svolte sul territorio nazionale nessuna esperienza di gestione, sia mista che completamente affidata a privati, ha aumentato la qualità del servizio e/o ridotto la tariffa. Invero si registra costantemente un aumento dei costi di gestione a fronte di una mancanza di investimenti pur previsti dal piano d’ambito e consistenti aumenti tariffari”. Secondo i calcoli fatti recentemente, in Italia in media negli ultimi 10 anni le tariffe sono aumentate del 47 % a fronte di investimenti fatti nella misura di meno della metà di quelli previsti dai piani d’ambito. Andiamo nel dettaglio e vediamo le situazioni più significative: Acquedotto pugliese con la bolletta tra le più care d’Italia ( circa 311 € a famiglia) e continue richiesti di aumenti determinati dal dissesto finanziario della società per aver investito in titoli finanziari; Agrigento dove c’è probabilmente l’acqua più cara d’Italia con circa 400 € a famiglia e ricevono l’acqua ogni 15 giorni; Lazio, Velletri: l’acqua non è sicura e i cui parametri di potabilità vengono prorogati di anno in anno , ma che si trova a pagare un minimo impegnato ( peraltro a nostro giudizio illegittimo) più alto in Italia; Toscana non cito la vicenda di Arezzo ma quella della Versilia dove viene richiesto un aumento del 34 % perché i precedenti aumenti hanno fatto ridurre il consumo e quindi sono diminuite le entrate. E’ ben evidente che questa situazione non può essere accettata e compresa dai cittadini . Pertanto, CODICI appoggia il comitato referendario per l’abrogazione delle norme che privatizzano la gestione dell’oro blu e ricordiamo che la raccolta delle 500 mila firme necessarie per l’ammissione dei referendum inizierà nel fine settimana del 24-25 aprile. Per maggiori informazioni visita il sito http://www.acquabenecomune.org

13 aprile 2010 0

Nuova Alfa, il gruppo Fiat lancia la Giulietta

Di redazione

Una asperttativa di vendita da 100 mila vetture l’anno. sono i volumi di vendita che l’Alfa Romeo si Aspetta dalla nuova Giulietta, l’auto presentata oggi e che viene prodotta interamente all’interno dello stabilimento Fiat di Cassino. Sulla nuova vettura e su dove sarebbe stata prodotta, sono rimbalzate a lungo, notizie e polemiche. Alla speranza di poterla produrre si erano aggrappati gli operai di Pomigliano, certi che la nuova mcchina avrebbe traghettato lo stabilimento fuiori dalla crisi e dalla cassa integrazione. L’azienda però ha deciso di delocalizzare la vettura marchiata Alafa Romeo, fuori dallo stabilimento partenopeo, storico del marchio ed affidarla al sito cassinate anche in considerazione dell’elevato livello tecnologico. La Nuova Giulietta non guarda agli Stati Uniti come si ipotizzava ma, secondo Harald Wester a.d. di Alfa Romeo è su di lei che il gruppo punta al rilancio. Il prezzo base della nuova vettura è di 20.300 euro e l’azienda stima che in Europa il marchio Alfa andrà oltre le 120 mila unità di vendita. Nei primi tre mesi di quest’anno, però, Alfa Romeo ha raccolto 28.500 contratti di vendita.

13 aprile 2010 0

Morte del presidente polacco, il cordoglio della città Martire

Di redazione

A seguito del disastro aereo che ha colpito la Polonia, nel quale hanno perso la vita il presidente della Repubblica Lech Kaczynski, la moglie Maria e molti rappresentanti del Governo polacco, Bruno Vincenzo Scittarelli, sindaco della città di Cassino, “gemellata con le città polacche di Tycky, Zamosc e Kolbuszowa, e particolarmente legata al popolo polacco per il grandissimo contributo di sangue versato in occasione della seconda guerra mondiale in occasione della riconquista dell’abbazia di Montecassino, il 18 maggio 1944”, ha scritto un telegramma di cordoglio all’ambasciatore della repubblica di Polonia in Italia, S.E. Jerezy Chmielewski. “A nome della città di Cassino e mio personale – scrive Scittarelli – esprimo i sentimenti del più profondo cordoglio per la tragica scomparsa del presidente Lech Kaczynski e della gentile signora Maria, nonché dei molti rappresentanti della massima autorità della Repubblica di Polonia”. Analogo telegramma è stato trasmesso ai sindaci di Tycky, Andrei Dziuba, Zamosc, Marcin Zamoycki, e Kolbuszowa, Jan Zuba.

13 aprile 2010 0

Confartigianato: al via il bando di apprendistato professionalizzante

Di redazione

“Sono occorsi incontri e solleciti ma alla fine ce l’abbiamo fatta”. E così lunedì, almeno a quanto riportato sulla stampa, è partito, con l’approvazione dell’avviso pubblico recante modalità attuative, adempimenti amministrativi e gestionali, l’attivazione in via sperimentale nel territorio frusinate di percorsi formativi in apprendistato professionalizzante. La provincia di Frosinone era una delle ultime del Lazio e proprio per questo Confartigianato, consapevole dell’importanza di questa misura per le proprie aziende artigiane associate, nelle scorse settimane aveva incontrato l’assessore provinciale Tersigni per far presente l’urgenza del provvedimento, poi più volte sollecitato e sottolineato anche in pubblici interventi. L’assessore Tersigni aveva promesso il proprio impegno, e così, seppure in ritardo, il bando è ad oggi attivo. L’avviso riguarda appunto la concessione di contributi economici finalizzati alla realizzazione di attività formative di breve durata a favore degli “apprendisti”, soggetti di età compresa tra i diciotto e i ventinove anni assunti con contratto di apprendistato professionalizzante a far data dal 1 ottobre 2007. In questa prima fase è prevista la sola erogazione di azioni formative relative al Modulo A (contenuti di base e trasversali) con uno stanziamento complessivo di fondi pari ad € 500.000,00 in un momento successivo, una volta valutata la funzionalità del sistema regionale nonché il reale soddisfacimento del fabbisogno formativo provinciale, verranno avviati i moduli B e C inerenti le competenze professionali specifiche per settori di attività. “È per noi sicuramente una buona notizia – ha detto Augusto Cestra, presidente di Confartigianato Frosinone – che attendevamo da mesi. Una spinta in più per la tutela e il rilancio dell’occupazione, una prerogativa che è sempre stata importante per le aziende artigianali”. “Confartigianato Imprese Frosinone”, ribadisce anche il segretario dell’associazione Basilio Conflitti, “occuperà un ruolo di primo piano nell’aderire al presente Avviso Pubblico, attraverso un’ampia opera di sensibilizzazione rivolta al sistema imprese della Provincia di Frosinone affinché contribuiscano, in maniera significativa e concreta, ad un’attività partecipata, per la condivisione e attuazione di programmi formativi per apprendisti”. Confartigianato, infatti, alla luce di un protocollo di intesa sottoscritto con l’ente di formazione D.M.D. Italia S.r.l. (Ente accrediato dalla Regione Lazio per realizzare corsi rivolti ad apprendisti), avvierà in maniera sistemica, sia per le imprese che i loro dipendenti, una esperienza lavorativa in apprendistato e nel contempo consentirà di adempiere facilmente agli obblighi formativi previsti.

13 aprile 2010 1

Confindustria, un convegno sulle energie rinnovabili quale opportunità per il sistema industriale

Di redazione

L’energia è uno dei temi sui quali Confindustria Frosinone da tempo ha incentrato la sua attenzione. Per questo motivo ospitare a Fiuggi un convegno nazionale sulle energie rinnovabili è sicuramente motivo d’orgoglio per l’Associazione. “Energie rinnovabili: un’opportunità per il sistema industriale italiano” è infatti il titolo del convegno organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria, Confindustria Lazio e Confindustria Frosinone. “Sin dal mio insediamento – dichiara il Presidente di Confindustria Frosinone Marcello Pigliacelli – ho voluto sottolineare l’importanza della green economy per la nostra provincia. Essa rappresenta la scommessa economica ed ambientale del futuro, sia a livello nazionale, tanto più per il territorio della provincia di Frosinone. Crediamo pertanto che la green economy debba avere un ruolo di rilievo negli indirizzi di politica industriale del Governo e della Regione, divenendo di conseguenza l’obiettivo prioritario per le Amministrazioni competenti. Va verso questa direzione, infatti, il protocollo d’intesa sottoscritto recentemente da Confindustria Frosinone con l’Amministrazione provinciale di Frosinone per il recupero ambientale della Valle del Sacco e per la promozione e diffusione delle fonti energetiche rinnovabili in Ciociaria. Il tema dell’energia è da tempo una priorità per l’Associazione. Da dieci anni, infatti, è attivo il Consorzio Energia Frosinone, che ha favorito, tra l’altro al proprio interno, la costituzione di società operative volte a fornire tutta una serie di servizi per supportare le aziende nella diagnosi energetica, compresa la valutazione per l’applicabilità di soluzioni e interventi finalizzati all’efficienza e al risparmio energetico, sia in termini commerciali che strutturali. Per questo ci ha fatto molto piacere poter ospitare nella nostra provincia una iniziativa dei Giovani Imprenditori di Confindustria”. “E’ urgente che il Lazio adegui significativamente la disponibilità di energia con un’offerta diversificata ed a basso costo – dichiara il Presidente di Confindustria Lazio Maurizio Stirpe – riduca maggiormente la dipendenza dal petrolio, sviluppi un sistema produttivo flessibile e competitivo. Nel medesimo tempo deve realizzare le condizioni per uno sviluppo economico equilibrato e sostenibile, in armonia con il fondamentale principio della conservazione delle risorse nel senso più generale, con ampio ricorso alle migliori tecnologie disponibili per la conversione dell’energia e per la protezione dell’ambiente. In tale quadro si inserisce la necessità di sostenere lo sviluppo dell’importante accordo fra Enea,Confindustria Lazio e Regione per la realizzazione nel Lazio della prima centrale solare termodinamica in Italia”.

13 aprile 2010 0

Ciociaria al Vinitaly, Coldiretti: “In crescita la nostra azienda vinicola”

Di redazione

Anche la Coldiretti di Frosinone è stata presente al Vinitaly. Il presidente Lori Benacquista ed il direttore, Gianni Lisi, hanno preso parte alla kermesse che si è conclusa ieri. Nello stand della Ciociaria allestito nello spazio della nostra regione – ha commentato il direttore Gianni Lisi – i vini della frusinati hanno trovato ancora una volta il giusto risalto e si sono ulteriormente affermati nell’apposito spazio espositivo realizzato in collaborazione dalla Camera di Commercio e dalla Provincia di Frosinone. Lisi, che ha rappresentato anche la Camera di Commercio di Frosinone in qualità di vice presidente – ha posto in risalto i numeri dedicati al settore vitivinicolo. “Con un aumento del 50 per cento in dieci anni nel settore del vino, trovano oggi opportunità di lavoro moltissime persone. Si tratta di figure impegnate direttamente in vigne, cantine nella distribuzione commerciale, ma anche in attività connesse e di servizio, con ogni grappolo raccolto in campagna che è in grado di attivare ben 18 diversi settori nel nostro territorio – ha aggiunto Lisi. Tutto quanto ciò è emerso da uno studio della nostra organizzazione che anche in provincia di Frosinone ha fatto emergere la vitalità del comparto. Si guarda ora con curiosità ai centri di vinoterapia e l’arrivo di nuovi e curiosi prodotti che possono essere confezionati dal vino. “Stiamo lavorano alla capacità di individuare esperienze imprenditoriali creative che valorizzano lo storico legame del vino con il territorio e la tradizione sembra essere la ricetta del successo di molte attività correlate come dimostrano alcuni degli esempi esposti dalla Coldiretti al Vinitaly nel proprio apprezzato stand. Al di là dei risultati ottenuti dai nostri produttori (gran menzione per l’impresa Colletonno e Giovanni Terenzi) credo – ha aggiunto Lisi – che la crescita del settore del vino impone una riflessione sulle attività da proporre. I tempi sono maturi per una manifestazione alla quale Coldiretti sta già lavorando da tempo: una vetrina per tutti i vini ciociari che potranno essere acquistati e degustati cercando, soprattutto, di far incontrare i nostri produttori con quanti per diletto, per passione o solo per curiosità si potranno avvicinare al settore. D’altronde le attività poste in essere di recente dall’Aspin, dalla Provincia di Frosinone, da alcune associazioni di categoria oltre che dall’Ente Camerale anche mediante l’apprezzata guida ai vini, dimostrano il crescente interesse e la validità dei prodotti occorre predisporre delle azioni di sistema “Come lo era durante la fase di crescita economica, il vino rappresenta l’unico modello da replicare anche in una situazione di crisi della quale, nonostante le difficoltà, il vitivinicolo ciociaro risente meno di quello di altre zone e meno degli altri settori produttivi, perchè esprime i valori dell’identità e del legame con il territorio che nel mercato globale sono vincenti rispetto all’omologazione”. I 18 SETTORI MESSI IN MOTO DA OGNI GRAPPOLO RACCOLTO (Elaborazioni Coldiretti) 1) Agricoltura, 2) industria trasformazione, 3) commercio/ristorazione, 4) vetro per bicchieri e bottiglie, 5) lavorazione del sughero per tappi, 6) trasporti, 7) assicurazioni/credito/finanza, 8) accessori come cavatappi, sciabole e etilometri, 9) vivaismo, 10) imballaggi come etichette e cartoni, 11) ricerca/formazione/divulgazione, 12) enoturismo, 13) cosmetica, 14) benessere/salute con l’enoterapia, 15) editoria, 16) pubblicità, 17) informatica, 18) bioenergie.