Giorno: 24 aprile 2010

24 aprile 2010 0

Rapina a mano armata al Punto Snai, in manette 28enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella serata odierna in Frosinone, un uomo armato di pistola irrompeva all’interno del Punto SNAI di Via Marittima e, dopo aver esploso un colpo d’arma da fuoco, asportava dalla cassa mazzette di danaro in contante da 50 e 20 euro per un totale di circa 1.500,00 euro. Il rapinatore dopo aver arraffato il danaro si dava a precipitosa fuga, perdendo nella circostanza anche una scarpa marca “puma”, successivamente rinvenuta dai militari operanti. L’immediato intervento dei militari della Compagnia di Frosinone, che cinturavano la zona come da predisposti piani antirapina, permetteva il rintraccio e la cattura dell’uomo indentificato in C. V., classe 1972 del luogo, pluripregiudicato già censito per analoghi reati. Al momento dell’arresto, avvenuto in una soffitta di un edificio di Viale Spagna dove si era rifugiato, l’uomo aveva ancora in mano la pistola a tamburo (matricola abrasa) con all’interno del caricatore ancora 7 proiettili da 8 mm (l’8° fatto esplodere al momento dell’irruzione).

24 aprile 2010 0

Frosinone: usura, una squadra di esperti a disposizione del cittadino

Di redazione2

Lotta all’usura. Questa mattina, presso il Comune di Frosinone, il Sindaco Michele Marini ha firmato un protocollo di intesa con la Caritas Diocesiana Frosinone – Veroli – Ferentino, rappresentata dal direttore Marco Toti. Verrà presto attivato uno sportello anti – usura del Comune di Frosinone. Il contributo economico arriva dalla regione Lazio. Lo sportello sarà ubicato presso la sede dello Sportello per la Sicurezza Urbana, in via Tiravanti 1. Un centro di ascolto dei soggetti già coinvolti o a rischio usura. Lo sportello garantirà la presenza e la consulenza di personale qualificato; avvocato civilista, penalista, consulente del lavoro, psicologo, esperto bancario, i quali daranno il proprio apporto affinché le vittime dell’usura o del racket possano avere un punto di riferimento sicuro per uscire dal tunnel attraverso la denuncia non anonima dei reati. Le istituzioni si presentano così al cittadino in maniera aperta e non ambigua. Lo sportello Consentirà di dare le risposte concrete alle famiglie che versano in stato di urgente bisogno. Sarà possibile infatti per quei casi più critici accedere ad un fondo di garanzia per impedire che da uno stato di bisogno si precipiti nel tunnel dell’usura. “ Questa ulteriore iniziativa – come sottolinea l’assessore alla Polizia Locale Fabio Dialmi, presente alla firma dell’accordo – va ad aggiungersi alle altre iniziative attivate da questa Amministrazione per garantire ai cittadini una maggiore vivibilità del territorio comunale, promuovere e sostenere lo sviluppo di processi di partecipazione attiva dei cittadini per la difesa e lo sviluppo di forme di legalità e cittadinanza democratica”.

TAMARA GRAZIANI

24 aprile 2010 0

Boville Ernica: Imprenditore si allontana da casa per suicidarsi, salvato dalla Polizia

Di redazione2

“…Sono stanco di vivere, non so se questa sera farò rientro a casa, non mi cercate e se lo farete sarà troppo tardi…”. Recitava cosi il biglietto lasciato da un imprenditore di 56 anni di Boville Ernica ai suoi familiari. Poche righe che non hanno lasciato spazio a dubbi sul proposito suicida dell’uomo. Sono state ore di apprensione quelle vissute da una famiglia di Boville Ernica, nel cuore della Ciociaria, dove questa mattina sono scattate le ricerche a seguito della scomparsa del capofamiglia. Si tratta di un imprenditore affermato e conosciuto nella zona che stamattina all’alba ha deciso di farla finita e una volta salito sulla sua auto, una ford fiesta, si è allontanato facendo perdere le proprie tracce e lasciando nei familiari il dubbio atroce se l’avrebbero rivisto o meno. La moglie dell’imprenditore ha contattato la polizia e sono scattate le ricerche. Gli agenti della polizia di Frosinone lo hanno trovato in località Prato di Campoli ancora vivo ma in un forte choc emotivo. La corda nel retro dell’auto pronta per essere sospesa ad un albero per l’impiccagione. Una fine orribile cui stava per sottoporsi l’imprenditore per motivi personali e familiari. Così almeno sembrerebbe in apparenza ma gli agenti della polizia sottosezione A1 di Frosinone continuano ad indagare sul caso : “..non escludiamo nessuna pista, quello che vogliamo capire – afferma il V. Questore Ag il dott. Bruno Agnifili – è se l’imprenditore abbia agito per reali problemi familiari o se vi sia stato indotto da qualcuno..” . Ora il 56 enne si trova ricoverato all’Umberto I di Frosinone per accertamenti sul suo stato psicofisico. Tamara Graziani

24 aprile 2010 0

Anna Maria Tedeschi (IdV) interviene sul ‘nuovo’ significato del 25 aprile

Di redazionecassino1

Sono trascorsi 65 anni dalla Liberazione dell’Italia dal regime fascista e nell’aria si respira sempre più un preoccupante vento revisionista che confonde vittime e carnefici, che accomuna fascisti e partigiani. Dare il dovuto rispetto a tutti i morti non significa dimenticare le responsabilità storiche e politiche della peggiore tragedia del secolo scorso. Dalla lotta combattuta da uomini e donne liberi è nato il nostro Paese, la nostra Democrazia, negli ultimi anni sempre più minacciata. La Costituzione della Repubblica italiana affonda le sue radici nel sacrificio di coloro che diedero la propria vita per la libertà. Ogni tentativo di stravolgerla e adattarla strumentalmente ai voleri ed ai bisogni di pochi nostalgici deve essere stroncato. L’Italia dei Valori vigila e vigilerà affinché questo progetto revisionista non passi. Fare Resistenza oggi significa battersi contro la camorra che minaccia lo Stato di diritto, le eco-mafie che violano il nostro territorio, l’economia del profitto assoluto, la finanza delle speculazioni internazionali, lo strapotere delle multinazionali a caccia di opportunità, il malaffare sanitario che specula sulla pelle dei deboli, la corruzione che offende i cittadini onesti, la politica come esercizio del potere, la violazione dei diritti dell’uomo, la violazione dei diritti dell’infanzia e delle donne. Resistere, resistere, resistere, è un nostro diritto, ma ancor più è un nostro dovere.

Il Consigliere Regionale IdV

Dott.ssa Anna Maria Tedeschi

24 aprile 2010 0

Blitz anti assenteisti, controlli anche al Del Prete

Di redazione

L’operazione di controllo dei carabinieri sui lavoratori delle strutture ospedaliere ha interessato anche il Del Prete di Pontecorvo. Alla stessa ora in cui i militari di Cassino hanno fatto scattare, come in un blitz, i controlli al Santa Scolastica, i loro colleghi di Pontecorvo sono intervenuti presso l’ospedale di loro pertinenza. Anche in questo caso sono state presidiate tutte le vie di uscita per controllare se i dipendenti che avessero timbrato il cartellino in ingresso, fossero veramente sul posto di lavoro.

24 aprile 2010 0

Ferentino: Biomedica Foscama, lenta agonia

Di redazione2

E’ stata rinviato a mercoledì 28 l’incontro in regione sulla Biomedica Foscama di Ferentino. L’azienda farmaceutica, leader nella produzione dei farmaci metabolici, chiude i battenti e 180 persone si ritroveranno senza lavoro dopo circa trent’anni di specializzazione nel settore chimico. A meno di una settimana dal sit – in di protesta pacifica inscenato dal personale davanti ai cancelli del sito non è cambiato nulla. La proprietà ha tentato di impostare il dialogo con i dipendenti tagliando fuori i sindacati e intanto questi ultimi sono riusciti a intuire la fine che farà la Biomedica Foscama: “…Siamo davanti alla riprova della mal gestione di un’azienda con l’epilogo tragico della perdita di posti di lavoro e lo smembramento del sito per avere maggiori ricavi da una vendita lottizzata – afferma Mariano Ranieri della FEMCA Cisl – uno scempio cui siamo costretti ad assistere come sindacati davanti all’assenza delle istituzioni.” . L’azienda farmaceutica di Ferentino aveva vissuto un periodo buio come quello attuale già nel 2006. Il personale venne messo in mobilità in attesa di un nuovo acquirente. La cordata di imprenditori arrivò, si trattava di una multinazionale Americana, la Lexiton: “All’inizio eravamo felici di essere stati salvati, poi la doccia fredda di una gestione che ha portato alla perdita delle commesse e alla confusione tra i reparti – racconta Pierluigi 41 anni – da quel momento abbiamo capito che i tempi d’oro erano finiti.., la Biomedica Foscama ha tirato i remi in barca già da anni” . Una situazione difficile quella dell’azienda di Ferentino nella quale hanno trovato rifugio sicuro persone residenti in Ciociaria ma che arrivano anche dalla provincia di Roma ogni mattina. Insieme alla Videocond i Anagni la Biomedica coniuga perdita di posti di lavoro e prestigio in un territorio, quello ciociaro ad alto rischio de-industrializzazione. Dopo trent’anni è arrivata superstrada ed il nuovo casello autostradale di Ferentino ma le fabbriche a ridosso dell’importante arteria stradale stanno scomparendo rendendo quasi vana la sua funzione.

Tamara Graziani

24 aprile 2010 0

Corriere della droga porta in viaggio il figlio 18enne incensurato

Di redazione2

97 capsule di eroina per un valore sul mercato di 15 mila euro. Corriere della droga arrestato sull’autostrada del sole nel territorio di Anagni dagli agenti della polizia stradale distaccamento A1 di Frosinone. IL corriere, 45 anni, residente a Civitavecchia ma nativo di Torre del Greco in provincia di Napoli, ieri sera alle 20 viaggiava a bordo di una Nissan Micra in corsia nord insieme al figlio 18 enne. Una pattuglia della polizia stradale ha affiancato l’auto intimando l’alt a Giacinto Sannino che era alla guida. Padre e figlio hanno mostrato un atteggiamento nervoso senza riuscire a giustificare la presenza in autostrada a quell’ora. Un tentennamento che ha autorizzato gli agenti alla perquisizione veicolare e personale. Nel giubbotto del Sannino è stato trovato un sacchetto con all’interno le capsule di eroina. Il figlio del corriere campano, incensurato, è stato rilasciato dagli agenti, mentre per il 45enne sono scattate le manette. La droga era destinata al mercato capitolino. Interrogato a lungo dagli agenti della polizia stradale di Frosinone il figlio del corriere ha dichiarato di non essere a conoscenza del traffico di droga del padre. Il 18enne, senza precedenti e quindi con la fedina penale pulita, è stato rilasciato dalla polizia con il monito dell’arresto del padre. Se quel viaggio fosse stato a carattere “istruttivo” per avviare il figlio all’attività illecita, di certo il ragazzo ha capito a cosa si va incontro spacciando droga. Tamara Graziani

24 aprile 2010 1

Blitz dei Carabinieri contro l’assenteismo al Santa Scolastica

Di redazionecassino1

Controllo sull’assenteismo all’ospedale Santa Scolastica di Cassino. E’ scattato dalle prime ore di questa mattina, ed è in corso, un controllo sull’assenteismo al nosocomio cassinate da parte dei Carabinieri della compagnia di Cassino. Decine di militari dell’Arma, infatti, agli ordini e coordinati dal capitano Adolfo Grimaldi, hanno bloccato le uscite  ed effettuato controlli sulla presenza del personale del Santa Scolastica, i controlli sono diretti ad accertare le ‘effettive’ presenze dei lavoratori in servizio oggi presso l’ospedale.

24 aprile 2010 0

Da facebook nasce la ‘Marcia per tutti’ del Disabili Day

Di redazionecassino1

Domani, 25 aprile, si concluderà a Roma con la “Marcia per tutti”, il D-Day. Ancora una volta parte dal web parte una grande iniziativa di mobilitazione, si tratta del Disabili Day. Promosso da un gruppo su facebook, in poco tempo ha raggiunto molti iscritti e si è concretizzato in una serie di iniziative e manifestazioni dirette a sensibilizzare tutti sui temi legati alla disabilità. Perché è nato? Semplice, per far capire ed espandere sempre di più le ragioni, le realtà di chi vive la disabilità. Per tutti coloro che pur vedendoci, vivendoci, standoci vicini hanno quasi sempre finto non esistessimo, ma noi non eravamo e non siamo dei fantasmi bensì qualcosa di concreto, di  vivo e sopratutto reale. La voglia di far capire a tutti i disagi quotidiani con cui deve fare i conti qualsiasi disabile. Questa volontà è cresciuta cosi tanto che le quattro mura di facebook sono sembrate strette e allora “si è voluto aprire le finestre sul mondo – spiegano gli organizzatori – e  portare questa nostra vita di tutti i giorni alla luce, sì alla luce di tutti, in piazza  perché tutto sia visibile anche agli occhi di coloro che si ostinano a non voler guardare e sia udibile alle orecchie di coloro che non vogliono udire”. E’ iniziato il 17 aprile a Milano per raggiungere Roma con una serie di iniziative, che han riguardato tutte le attività, dal teatro, alla musica, dalla poesia alla pittura realizzata dai disabili e da chi sta loro vicino. Tutto a confermare che la persona disabile non è un mondo a parte, ma una parte del mondo, con proprie aspirazioni, propri sentimenti. Forse tutto questo potrà essere un’utopia, ma sperarlo e renderlo concreto è sicuramente doveroso. Si son quindi dati appuntamento domenica 25 aprile a Roma, gli iscritti al gruppo su facebook, desiderosi di unire in una marcia, disabili e non, per abbattere le barriere culturali, prima ancora di quelle fisiche ed architettoniche, sul mondo della disabilità. Nella precisa convinzione che solo marciando uniti si potrà sperare di creare un mondo migliore dove vivere dignitosamente sarà un diritto di tutti, dove si realizzi una reale uguaglianza fra cittadini, principio costituzionalmente garantito, ma quasi sempre dimenticato, simbolo di una società davvero civile!

F. Pensabene