Giorno: 4 maggio 2010

4 maggio 2010 0

Il Liri si tinge di bianco, si teme inquinamento ambientale

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Le acque del Fiume Liri a Pontecorvo cambiano colore e si tingono di bianco. Capita da qualche giorno che una scia bianca, sinistra, appare lungo il corso d’acqua. In centinaia, dal ponte, si sono affacciati per osservare preoccupati il fenomeno che di naturale ha ben poco. Chiamati sul posto i carabinieri, hanno ritenuto necessario far intervenire le autorità in fatto ambientale: l’Asl di Frosinone e l’Arpa Lazio. La diversa colorazione dell’acqua è rimasta ben visibile fino al tardo pomeriggio di lunedì. Episodi simili, che lasciano ipotizzare un inquinamento del fiume Liri da parte di qualche opificio situato a monte, si ripete ormai troppo frequentemente e che coincide con i giorni di riposo delle aziende.

4 maggio 2010 2

Fiat, Palombella (Uilm) a Cassino: “Condividiamo il piano Marchionne e crediamo nel salvataggio di Pomigliano”

Di redazione

“C’è veramente da essere orgogliosi della produzione automobilistica italiana dopo aver visitato lo stabilimento Fiat di Piedimonte San Germano ”. Lo ha detto Rocco Palombella, segretario generale UILM, nel corso dell’attivo dei delegati della Uilm di Frosinone, che si sta svolgendo a Cassino. “In questo territorio – ha sottolineato Palombella – esiste un sito che ha un eccellente capacità produttiva ed un consistente numero di modelli da avviare al mercato. Oggi, incontrando il “menagement” del sito della casa torinese in provincia di Frosinone e visitando l’intero stabilimento possiamo affermare la validità del prodotto nazionale e, soprattutto, l’importanza in prospettiva di un modello come la nuova “Giulietta” dell’Alfa Romeo. Qui si possono sfruttare al meglio le tecniche di lavorazione applicando quanto previsto dal piano industriale della Fiat, secondo cui la produzione passerà dalle attuali 130.000 a 400.000 unità prodotte nel 2014. Oltre alla “Giulietta” in questo stabilimento verranno prodotte la nuova Bravo Fiat e la Delta Lancia e, ancora per quest’anno, la Croma “. Il leader della Uilm ha anche fatto riferimento alla trattativa in corso oggi a Pomigliano d’Arco: ”lo stanziamento di 700 milioni di euro per lo stabilimento campano – ha detto – è soggetto ad un accordo sindacale che la UILM è intenzionata a determinare, perché condivide il piano industriale presentato da FIAT ad investitori e sindacati lo scorso 21 aprile a Torino”. Palombella ha anche espresso tutto il suo plauso all’organizzazione ciociara dei metalmeccanici UIL , dato che da circa 10 anni è il primo sindacato all’interno della fabbrica di Piedimonte San Germano e nelle società dell’indotto ad essa collegate. Infine, il sindacalista ha rivolto anche un pensiero allo stabilimento di Termini Imerese in Sicilia: “La casa torinese – ha concluso – ha deciso di investire 20 miliardi di euro per la produzione italiana, considerando il 65% di questa produzione destinata all’estero. Rispetto a tale mole di investimenti continuiamo a ritenere che ci possano ancora essere margini di trattativa per salvare la Mission produttiva del sito siculo”.

4 maggio 2010 0

Ladri nelle ville a caccia di auto di grossa cilindrata, salva una Maserati rubata una Bmw

Di redazione

Ladri a caccia di auto di grossa cilindrata a Torricella Peligna e nei comuni del circondario di Lanciano. Questa notte due abitazioni sono state visitate dai soliti ignoti. Nel primo caso i ladri hanno fatto irruzione in una villa in cui il proprietario solitamente parcheggia anche la sua Maserati. Questa notte però, per un caso l’auto era altrove per cui i ladri sono andati via a mani vuote. È andata male, invece, ad un romano che è arrivato a Torricella per una breve vacanza con la sua potente Bmw. I ladri gli hanno sottratto l’auto in piena notte. A Montenerodomo invece, un residente si è accorto dell’intrusione nella sua casa e li ha messi in fuga eslodendo in aria colpi di arma da fuoco.

4 maggio 2010 0

Truffa ai danni dello Stato, 20 milioni sequestrati al senatore Ciarrapico

Di redazione

Truffa ai danni dello Stato, questo il reato ipotizzato dalla procura di Roma a carico di cinque persone tra cui il senatore Giuseppe Ciarrapico e il figlio Tullio. La guardia di finanza, questa mattina, ha sequestrato mobili e immobili per un valore che supera i 20 milioni di euro tra aziende quote societarie e lussuose imbarcazioni. Le indagini sono partite alcuni anni fa e avrebbero solcato i finanziamenti per l’editoria arrivado, nel 2007, a sequestrare circa 5 milioni di euro erogati per i quotidiani del senatore del PdL. Si sarebbe poi iniziato a scavare sui finanziamenti precedenti e risalenti fino al 2002 per cui i sequestri scattati oggi tra Roma, Milano e Frosinone sarebbero a recupero del danno subito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria. Insomma, i giornali del senatore Ciarrapico ricevevano fondi senza averne il diritto, o almeno questo ipotizza la procura di Roma. “Un avviso di garanzia non invecchia mai e può far sempre comodo se si tratta di un senatore del Popolo della libertà”, ha dichiarato il senatore all’Adnkronos. “E’ la stessa indagine del 2005 promossa dalla dottoressa Marazza, pm nota per la sua contiguità con il pubblico ministero De Magistris concorrente politico di Di Pietro. Un’indagine ”dormiente a tutt’oggi e oggi guarda caso ritirata fuori per aumentare i rumors giudiziari a carico del Pdl. Chi più ne ha più ne metta”. Per quanto concerne le quote societarie oggetto di sequestro, dato che riguardano società che non operano solo nel campo dell’editoria, gli inquirenti, tramite il custode giudiziale hanno assicurato la continuità funzionale.

4 maggio 2010 0

I ragazzi del Centro socio-educativo di Caira alla ‘Festa del cavallo’

Di redazionecassino1

Una stupenda giornata all’aria aperta, a contatto con la natura, assaporando la suggestiva emozione di una cavalcata e di un giro in calesse, è quella vissuta ieri dai 43 ragazzi del Centro Socio Educativo di Caira. La perfetta riuscita dell’evento, offerta dall’Associazione Cavalieri del Rapido, è stata resa possibile grazie all’impegno intenso di tutti coloro che hanno collaborato. L’incontro dei ragazzi del CSE di Caira costituisce la giornata conclusiva della 3^ edizione della Festa del Cavallo e del turismo equestre, organizzata dall’Associazione Cavalieri del Rapido, presieduta da Rosario Zangari. Che si avvale della collaborazione di Italo D’Agostino, vice presidente, e di Stefano Siani, segretario. La terza giornata di questa manifestazione è stata dedicata ai ragazzi del CSE di Caira che hanno così potuto avvicinarsi all’affascinante mondo dell’ippica e trascorrere una giornata di emozioni nuove e stimolanti. I ragazzi, guidati dalle psicologhe Patrizia Caccavale e Raffaella Fargnoli, e dalle assistenti sociali Anna Rita Fiorentino e Cristina De Santis, hanno potuto così sviluppare una giornata di equitazione emozionale a stretto contatto con i cavalli presenti all’appuntamento. In particolare hanno potuto effettuare alcuni giri di pista a bordo del calesse trainato da un cavallo messo a disposizione dai Cavalieri del Monte Asprano di Roccasecca, presieduto da Enzo Insardi. Oltre al contatto con i cavalli, i ragazzi hanno trascorso la giornata tra canti, balli e giochi, costantemente seguiti dagli attenti operatori del CSE. A mezzogiorno e mezzo, poi, tutti a tavola, con un pranzo all’aperto preparato dall’associazione Cavalieri del Rapido e dal prezioso staff della cucina sapientemente coordinato da Saverio Polini. Un apprezzamento particolare è stata espresso da Lina Di Marco, presidente di Camminare Insieme, associazione dei genitori dei ragazzi diversamente abili, mentre il sindaco Bruno Vincenzo Scittarelli, che ha subito sostenuto l’iniziativa proposta dall’ex assessore Mario Valente, ha evidenziato che “la funzionalità del CSE è stata sempre un obiettivo prioritario di questa Amministrazione perché ci consente di dare una risposta a chi ha più bisogno. Vedere oggi questi ragazzi sorridere e divertirsi è certamente un motivo di orgoglio per noi amministratori e per questo rivolgo un ringraziamento particolare a tutte le associazioni che hanno contribuito alla perfetta riuscita dell’evento che, auspico, possa ripetersi nuovamente”.

4 maggio 2010 0

Mancano medici e infermieri, 60 mila interventi l’anno nel pronto soccorso di Frosinone, lievitano le richieste il personale è ridotto e lavora sotto stress

Di redazione2

Con 60 mila interventi all’anno, il pronto soccorso Umberto I° di Frosinone si avvicina ai numeri dei pronto soccorso romani con la differenza che il personale in provincia è dimezzato. Una situazione critica nella quale operare in sicurezza è difficile soprattutto a breve quando l’ospedale sarà trasferito in via Armando Fabi con la qualifica di dea di secondo livello. In quel caso occorreranno almeno 20 medici in più. “…La situazione è difficile da gestire in questo modo – secondo quanto ha riferito il Dott. Roberto Papitto, direttore dipartimento emergenza dell’Umberto primo di Frosinone – i numeri degli interventi ci avvicinano ai pronto soccorso romani ma con un quarto di personale a gestirli. Mancano infermieri e personale ausiliario. Almeno nel mio reparto ne occorrono 10 per turno. Cinque infermieri e 5 ausiliari. Questa la situazione per quanto riguarda l’Umberto I° a viale Mazzini, quando l’ospedale sarà trasferito nella nuova sede di via Armando Fabi le criticità aumenteranno. Gli spazi saranno più grandi e bisognerà competere con quello che un Dea di secondo livello richiede: medici specializzati. Si parla di almeno un pediatra, un cardiologo, un anestesista per turno. In tutto 20 medici in più..”. Attualmente la situazione del personale medico e infermieristico è seria, mancando i numeri manca l’assistenza adeguata nei reparti, non ci sono abbastanza infermieri per operare in corsia e nei pronto soccorso. Le professionalità vengono acquisite dall’esterno con grandi spese da parte della Asl. Gli anestesisti – secondo fonti sindacali – sono quelli che costano di più e maggiormente ricercati. Il personale infermieristico della provincia guadagna meno rispetto ai pari livello delle Asl capitoline, 300 euro in meno in busta paga ogni mese. La denuncia era stata già inoltrata dalla funzione pubblica Cgil di Frosinone.

Tamara Graziani

4 maggio 2010 0

Copenaghen: sugli autobus ora ‘i sedili dell’amore’ per trovare l’anima gemella e non solo

Di redazionecassino1

Che l’Olanda fosse avanti nelle scelte e nelle novità in fatto di sesso e di rapporti sociali è un dato di fatto, ormai noto a tutti. Adesso proprio da lì arriva una nuova iniziativa per ‘favorire le relazioni sociali… e in amore ‘. A Copenaghen, una compagnia di trasporti danese, la Arriva, ha ideato degli autobus dove poter “chattare realmente”. Sfruttando il tempo perduto, durante gli spostamenti di lavoro, sui sedili dell’amore si può trovare anche l’anima gemella. Cosa che ormai, tra lavoro e faccende di casa, per l’uomo moderno è difficile. Così in tempo di internet, le chat hanno fatto il loro tempo, “le persone cercano il contatto fisico” dice il portavoce della compagnia, Martin Wex. Per questo, sui suoi 103 autobus la Arriva ha pensato di ”riservare” dei sedili ai viaggiatori desiderosi di fare conversazione e, in alcuni casi, di trovare l’anima gemella. I sedili sono facili da individuare: oltre ad essere l’uno accanto all’altro e ricoperti di stoffa rossa, portano la scritta “Kaerlighedssaede”, ossia “sedie dell’amore”. Stando ai racconti degli autisti l’esperimento, che dovrebbe durare due settimane, ha dato esiti positivi. ”Mi hanno raccontato di ragazze che prendevano posto sui sedili con un gran sorriso”, ha detto Wex. Ma al di là dell’ipotetico colpo di fulmine, l’iniziativa ha anche un scopo ambientalista: l’obiettivo primario, ha spiegato il portavoce, è di ”attirare sugli autobus il maggior numero di passeggeri possibili e fare in modo che chi viaggia da solo lasci la macchina in garage e colga al volo la possibilità di trovare la felicità.

4 maggio 2010 0

Crisi del settore auto: Fiat -26% di immatricolazioni

Di redazionecassino1

Il mercato dell’auto in Italia precipita ad aprile a causa dell’esaurirsi della coda degli incentivi 2009: le immatricolazioni il mese scorso segnano infatti un calo del 15,65%, a 159.971 unità. Lo rende noto il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. A marzo le immatricolazioni avevano registrato un balzo del 19,61%.  Nel settore dell’usato i passaggi di proprietà hanno registrato ad aprile, secondo quanto precisa il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, 414.347 unità, con una crescita dell’8,30% rispetto ad aprile 2009. Tra i costruttori esteri il primato delle vendite a marzo spetta ancora alla Ford, con 14.202 unità, nonostante il pesante trend di discesa delle vendite (-27,93%). Distaccate seguono Volkswagen che va in controtendenza (11.684 unità, +12,37%), Opel (10.266 unità, -10,33%), Peugeot (8.643 unità, -8,42%), Renault, in trend positivo (+21,69% con 8.456 unità rispetto alle 6.949 di aprile 2009) e Citroen (7.776 unità, -20,50%). Tra le asiatiche bene Toyota (6.338 unità, +6%) e Nissan (4.791 unità, +3,52%). Tra le tedesche di lusso, Audi totalizza 5.534 unità (-0,09%), Bmw sale del 6,50% a 3.915 unità e anche Mercedes è in segno positivo (+7,01% a 4.625 unità). FIAT: -26,2% di immatricolazioni in meno.  Fiat Group Automobiles, infatti, ha immatricolato ad aprile in Italia 49.156 nuove autovetture, in picchiata del 26,25% rispetto alle 66.651 consegnate ad aprile di un anno fa. Fiat Group Automobiles ha segnato ad aprile una quota di mercato del 30,73%, in calo rispetto al 35,15% di un anno fa. A marzo la quota era al 31,3%. Tra i singoli marchi del Lingotto, Fiat ha segnato ad aprile una quota del 23,48% (era al 27,38% un anno fa), Lancia è cresciuta al 4,95% (era al 4,82%) e Alfa Romeo si è attestata al 2,30% (2,95% ad aprile 2009).

4 maggio 2010 0

Basket Lanciano / Le ragazze della D’Autilio ad un passo dalla serie C

Di redazione

TORRIONE L’AQUILA – BLS D’AUTILIO LANCIANO 1-3 Con la vittoria all’Aquila di oggi la BLS D’Autilio Lanciano è a tre punti dalla matematica promozione in serie C, mancano due giornate alla fine dei playoff e la prossima settimana sarà di scena la sfida tra prima e seconda del girone, che le ragazze frentane giocheranno in casa, e potranno, se tutto andrà bene, conquistare a Lanciano la promozione con una giornata d’anticipo rendendo ininfluente l’ultima giornata a Penne. La gara con le aquilane è stata in bilico nei primi due set, il primo appannaggio delle lancianesi il secondo delle ragazze del Torrione, poi la BLS D’Autilio si è distesa imponendo il proprio gioco e arrivando ad ottenere i tre punti fondamentali per il discorso promozione; all’inizio il gioco della formazione di Litterio sembra travolgere le padrone di casa, in pochi minuti il distacco è di oltre 10 punti, ma c’è una reazione in finale di set del Torrione che, se non produce risultati immediati, si prolunga nel set successivo e consente all’Aquila di portarsi sull’1 a 1. Il Torrione è piuttosto efficace a muro ed in fase difensiva e, in un momento in cui l’efficacia della ricezione frentana scende, l’Aquila ha la capacità di vincere il parziale. Ma nei due set finali torna la squadra di Litterio in grado di produrre brucianti accelerazioni dal servizio al gioco veloce, dalla ricezione che tiene e consente di variare le soluzioni d’attacco, le difese puntuali e il contenimento degli attacchi a muro; la classifica attuale dice BLS D’Autilio Lanciano 18 Pol. Colonnellese 15 Penne 9, basta una vittoria; appuntamento al Palavolley di via Masciangelo sabato 8 maggio alle 17.00.

I parziali: 14-25 (17’) 25-17 (25’) 14-25 (17’) 15-25 818’) TORRIONE L’AQUILA Chirico D’Alfonso De Paulis De Silvestri De Simone Fabrizi Murri Scotti Valzano Palumbo All Del Re BLS D’AUTILIO LANCIANO: Colacioppo 7 Milano 1 D’Orsogna 12 Corzo 16 Dalerci 21 Trivilino 3 Di Paolo11 Rossi n.e. Muffa n.e. Di Mattia n.e. Sorrentini All Litterio Arbitri Campetta e Sgattoni di Pescara

4 maggio 2010 2

Ciclismo Anagni / tanti giovani al primo trofeo Vito Taccone

Di redazione

Grande festa di ciclismo giovanile a Pantanello di Anagni in provincia di Frosinone per la quinta edizione della Giornata della Bicicletta – 1°Coppa Vito Taccone che ha visto protagonisti giovanissimi, esordienti ed allievi provenienti da Lazio, Campania, Molise e Sicilia. Osservati speciali per l’occasione gli atleti della provincia di Frosinone in lizza per la conquista del campionato provinciale di categoria. La gara è stata organizzata dal team Garofalo Mobili Nereggi con la regia di Claudio Nereggi in collaborazione con Gianni Spaziani, Tonino Mazzocchia e Vittorio Iafrate.

La mattinata di domenica 2 maggio si è aperta con la gara riservata agli esordienti di primo anno con 33 atleti al via che dovevano ripetere per 13 volte un circuito di 2 chilometri totalmente pianeggiante. La corsa si è animata soltanto dal quarto giro con Retarvi (UC Anagni-Cicli Nereggi) e Costanzo (Asd Imperiale Grumese) e con Martino (Imperiale Grumese) all’ottavo giro per poi lasciare spazio alla serratissima volata a ranghi compatti che ha premiato lo spunto vincente di Cardarilli (UC Anagni-Cicli Nereggi) su Costanzo e Greco entrambi portacolori dell’Imperiale Grumese. “Dedico la vittoria alla squadra e tutti ai miei compagni. È stato decisivo lo strappetto in salita posto a 100 metri proprio nel momento in cui stavo a ruota di De Santis per iniziare lo sprint”. Così ha commentato la vittoria Marco Cardarilli che ha aggiunto nel suo palmares il titolo provinciale di Frosinone 2010. Nato a Frosinone il 30 settembre 1997 e residente a Ferentino (FR), Cardarilli è salito in bici all’età di 8 anni collezionando con la maglia dell’UC Anagni-Cicli Nereggi 8 vittorie da giovanissimo (nel 2009 campione laziale G6 su strada) e il primo successo stagionale in carriera tra gli esordienti dopo due secondi posti di fila.

Nella gara riservata agli esordienti di secondo anno sono stati 34 i corridori alla partenza per affrontare 16 giri del circuito. Miat (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo) e Perna (Bruscianese Cicli Perna) hanno vivacizzato la gara nelle battute iniziali guadagnando un vantaggio massimo di otto secondi al quarto giro. Tra l’ottavo e il decimo giro si sono messi in evidenza dapprima Baldi (Bruscianese Cicli Perna) in solitaria e a seguire il terzetto Alboretti (Imperiale Grumese), Perna e Ursetto (Bruscianese Cicli Perna); l’ultimo a tentare l’evasione negli ultimi due giri è stato Lauretti (Vigili del Fuoco) che ha costretto le squadre avversarie alla rincorsa e a preparare il terreno per la volata vincente di Marcellusi (Vigili del Fuoco) su Rossi (UC Alatri) e Miat.

“Sono stato più volte in fuga, dietro si davano molti cambi e mi hanno ripreso, è stata molto dura per me. Non sono riuscito a portare via la fuga e ho pensato di aspettare la volata”: per la quarta volta di fila in questa stagione il campione laziale 2009 su strada Daniel Marcellusi (35 vittorie in carriera, la dodicesima da esordiente) ha sempre battuto Gabriele Rossi (che conquista il titolo provinciale di Frosinone) e nel podio da segnalare la terza posizione di Andrea Miat nonostante la fuga iniziale nelle prime cinque tornate.

Tra le donne esordienti di primo anno il successo è andato alla polivalente Giorgia Capobianchi (Capobianchi Cicli Moto Sport); nel secondo anno si è imposta Emilia Frezza (campionessa provinciale 2010) su Marika Bellotti entrambe dell’UC Alatri; tra le donne allieve successo e titolo provinciale di Frosinone per Antonella Malerba (MB Lazio Ecoliri) alla seconda vittoria stagionale dopo il Memorial Adelio Capellini a Corridonia (MC).

Nella gara allievi del pomeriggio (distanza di 61 chilometri con circuito tra Pantanello di Anagni e la parte bassa di Sgurgola) il maltempo ha un po’ condizionato l’andamento salvo nel finale l’accelerazione ad opera di Magon (Guazzolini Coratti), Andreozzi (Guazzolini Coratti) e Mandatori (Vigili del Fuoco) che hanno messo alle corde il gruppo dei migliori forte di una ventina di unità. Sul traguardo di Pantanello è sfrecciato per primo Pietravalle (Imperiale Grumese) che ha preceduto con una bicicletta di vantaggio Andreozzi e Scarano (Imperiale Grumese).

“La corsa è stata molto dura con tanti scatti e tre salite che ci hanno messo in difficoltà oltre alla pioggia – commenta il vincitore Giovanni Pietravalle – Sull’ultima salita sono riuscito a tenere fino alla fine e stavo cercando di recuperare sui fuggitivi. Ringrazio il mio compagno di squadra Scarano che mi ha tirato la volata a partire dai 200 metri. Il 2010 è il mio anno dove sto cercando di fare bene, ho un’ottima condizione fisica e spero di dare molto in modo particolare al campionato italiano. Dedico la vittoria a mio padre Domenico per tutti i sacrifici che fa per me”. Nato a Napoli l’8 agosto 1994, residente a Casandrino (Napoli), Giovanni Pietravalle è salito in bici all’età di 11 anni con la Imperiale Grumese: 6 vittorie da giovanissimo, 7 da esordiente e 1 da allievo primo anno. In stagione oltre alla vittoria odierna si è imposto domenica scorsa nella Medaglia d’Oro Tommaso Carozza per un totale di 16 vittorie in carriera. Quindicesimo nell’ordine di arrivo il neo campione provinciale di categoria Simone Cardinali (UC Anagni-Cicli Nereggi): nato ad Anagni il 18 marzo 1994, in carriera ha collezionato 10 vittorie tra i giovanissimi e 1 da esordiente tutte con la maglia della squadra in cui fa parte.

Ancor prima della gara allievi si è disputata la gara per giovanissimi e causa la pioggia hanno solo gareggiato i G1 (successo di Gianluca Pannone e Patrizia Parravano), i G2 (Luca Marziale e Eremita Noemi Lucrezia) e i G3 (Niccolò Minutolo e Irene Cellini). La manifestazione è stata sospesa solo per le categorie G4, G5 e G6 che recupereranno la disputa del campionato provinciale di Frosinone a data da destinarsi.

Presenti alla cerimonia di premiazione per il comitato Lazio FCI il vice-presidente Tony Vernile e il presidente della commissione del settore giovanile Marcello Capobianchi; per il comitato provinciale di Frosinone il presidente Angelo Courrier e il consigliere Gianni Bruni. Da segnalare la presenza di Cristiano Taccone figlio del compianto Vito a cui è stata dedicata la gara e i nipoti Ivan e Gloria a fare da cerimonieri ai campioni provinciali di Frosinone della categoria giovanissimi.

ORDINE D’ARRIVO ESORDIENTI PRIMO ANNO 1°Marco Cardarilli (UC Anagni-Cicli Nereggi) campione provinciale 26 km in 55’00” media 28,364 km/h 2°Massimo Costanzo (Imperiale Grumese) 3°Carlo Greco (Imperiale Grumese) 4°Edoardo Falco (Biciclette Marzano) 5°Riccardo De Santis (GS Garofalo Mobili) 6°Rossano Mauti (Capobianchi Cicli Moto Sport) 7°Salvatore Morzillo (GSC Moiano) 8°Francesco Santangelo (GSC Moiano) 9°Luigi Matrone (Asd Team Balzano) 10°Natale Piscelli (GSC Moiano)

ORDINE D’ARRIVO ESORDIENTI SECONDO ANNO 1°Daniel Marcellusi (Vigili del Fuoco Elleci-Antares) 32 km in 52’00” media 36,923 km/h 2°Gabriele Rossi (UC Alatri) campione provinciale 3°Andrea Miat (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo) 4°Francesco Pizzo (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo) 5°Simone Perna (Bruscianese Cicli Perna) 6°Davide Migliaccio (Team Balzano) 7°Giovanni Alboretti (Imperiale Grumese) 8°Francesco Baldi (Bruscianese Cicli Perna) 9°Andrea Cacciotti (UC Anagni-Cicli Nereggi) 10°Gennaro Minutolo (Imperiale Grumese)

ORDINE D’ARRIVO ALLIEVI 1°Giovanni Pietravalle (Imperiale Grumese) 62 km in 1.35’00” media 39,158 km/h 2°Alessandro Andreozzi (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo) 3°Francesco Scarano (Imperiale Grumese) 4°Francesco Mandatori (Vigili del Fuoco Elleci-Antares Group) 5°Francesco Mozzillo (Pollena Trocchia) 6°Francesco Duro (Imperiale Grumese) 7°Vasyl Babych (Ukr, Imperiale Grumese) 8°Cristian De Filippis (Vigili del Fuoco Elleci-Antares Group) 9°Francesco Faicchio (Pollena Trocchia) 10°Alessio Magon (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo) 11°Antonio De Vito (Picardi Sorrentina) 12°Giuseppe Caracciolo (Libertas Ibla) 13°Domenico Saldamarco (Pianura Eldo Visconti) 14°Francesco Terracciano (Pollena Trocchia) 15°Simone Cardinali (UC Anagni-Cicli Nereggi) campione provinciale

ORDINE D’ARRIVO G1 1°Gianluca Pannone (Vigili del Fuoco) 2°Francesco Viscuso (Capobianchi Cicli Moto Sport) 3°Daniele Ricciuti (Garofalo Mobili) 4°Alessandro Ricciuti (Garofalo Mobili) 5°Simone Quadrini (Asaci) campione provinciale

ORDINE D’ARRIVO G1 FEMMINILE 1°Patrizia Parravano (UC Alatri) campionessa provinciale

ORDINE D’ARRIVO G2 MASCHILE 1°Luca Marziale (Asaci) campione provinciale 2°Gabriel Alfonsi (Artena-Pedale Apriliano) 3°Alessio Fiacco (UC Anagni-Cicli Nereggi) 4°Cristiano Margiotti (UC Anagni-Cicli Nereggi) 5°Giancarlo Recchia (Vigili del Fuoco) 6°Lorenzo Vitale (Asaci)

ORDINE D’ARRIVO G2 FEMMINILE 1°Eremita Noemi Lucrezia (Garofalo Mobili) 2°Chiara Liverani (Vigili del Fuoco) 3°Clarissa Calzetta (Tutti a Ruota) 4°Francesca Fiorini (UC Anagni-Cicli Nereggi) campionessa provinciale

ORDINE D’ARRIVO G3 MASCHILE 1°Niccolò Minutolo (Imperiale Grumese) 2°Antonio Tiberi (UC Anagni-Cicli Nereggi) campione provinciale 3°Elia Viscuso (Capobianchi Cicli Moto Sport) 4°Samuel Tersigni (Asaci) 5°Adamo De Francesco (Pedale Molisano) 6°Edoardo Crocesi (Guazzolini Coratti-Fassa Bortolo)

ORDINE D’ARRIVO G3 FEMMINILE 1°Irene Cellini (Garofalo Mobili Team Nereggi) campionessa provinciale 2°Giulia Dato (Pedale Molisano) 3°Sofia Pizzo (Capobianchi Cicli Moto Sport)