Giorno: 7 maggio 2010

7 maggio 2010 0

Pericolo cinghiali sulle strade abruzzesi

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I pericoli sulle tortuose strade abruzzesi sono costituite da animali selvatici, priti tra tutti, i cinghiali. mercoledì mattina lo ha imoparato a sue spese una ragazza che alla guida di una Lancia Ypsilon, mentre viaggiava sulla strada provinciale tra Borrello e Roio del Sangro, in provincia di Chieti, in piena curva si è trovato di fronte un grosso cinghiale. Nell’inevitabile impatto con l’animale, che tra l’altro è fuggito nel bosco, la vettura ha riportato circa 3mila euro di danni mentre la ragazza ha subito un “colpo di frusta” al collo riuscendo, per fortuna, a non uscire di strada. Alcuni giorni prima, stessa sorte per un’altra donna che, sulla stessa strada, si è imbattuta in un altro esemplare di cinghiale. E’ facile, in questo periodo, imbattersi in intere famiglie. Nella zona, inoltre, essendo zona protetta, gli animali sono abituti a non essere cacciati e per questo non si spaventano delle auto in transito. ermadei@libero.it

7 maggio 2010 0

Commercio abusivo nel parcheggio della Asl, nel bagagliaio dell’auto insaccati mal custoditi, denunciati in due

Di redazione2

Tentano di vendere abusivamente forme intere di prosciutti e salami nel piazzale della Asl di Colleferro ignari di violare norme igieniche e sanitarie per il trasporto di alimenti. Due persone domiciliate a Napoli sono state denunciate. I carabinieri li hanno sorpresi con il bagagliaio della loro Ford Focus Station Wagon ricolma di insaccati. I due pregiudicati e privi di licenza stavano tentando di “piazzare” gli insaccati a buon prezzo ai passanti. Un cittadino ha pensato bene di avvertire i Carabinieri che sono giunti immediatamente sul posto individuando il veicolo, mentre i due pseudo commercianti – alla vista dei Militari hanno tentato invano di defilarsi. Non sono riusciti neppure a giustificare il possesso di prosciutti e salami privi di qualsiasi autorizzazione alla vendita e di documentazione fiscale. Sul posto è intervenuto quindi il personale Ispettivo del Servizio Igiene dell’ASL con il conseguente sequestro e distruzione delle derrate alimentari. I due napoletani, rispettivamente di 43 e 42 anni, sono stati invece deferiti all’Autorità Giudiziaria per commercio abusivo e violazione delle norme igienico sanitarie e nei loro confronti si è proceduto al rimpatrio con Foglio di Via Obbligatorio per tre anni dal Comune di Colleferro.

Tamara Graziani

7 maggio 2010 0

Avevano fatto “spesa” di Kobret e Crak, in manette volontaria del servizio civile e fidanzato

Di redazione2

Operaio in cassa integrazione lui, volontaria del servizio civile lei, arrestati per droga al rientro dal rifornimento dal quartiere partenopeo di Secondigliano. Era questa la doppia vita di una giovanissima coppia di cassinati. Entrambi 23enni finiti in manette nella prima mattinata di oggi a seguito di un controllo dei militari della Guardia di Finanza di Cassino comandata dal capitano Vincenzo Ciccarelli. Sequestrati 120 ovuli di sostanza stupefacente del tipo Kobret e Crack, due potentissime e devastanti sostanze derivate dalla cocaina. La “merce” era nascosta nei capi intimi indossati dalla giovane. Successivamente, dalla perquisizione a casa dei due, è stato rinvenuto un bilancino di precisione ed altri 30 bussolotti contenenti le medesime sostanze. La droga era destinata agli adolescenti del cassinate. L’operaio in cassa integrazione dell’’indotto Fiat, è stato associato alla casa circondariale San Domenico di Cassino, la volontaria, è agli arresti domiciliari. Tamara Graziani

7 maggio 2010 0

La “tratta dei lavoratori”: fantasmi per le aziende, durano poco e non maturano diritti, sono i nuovi operai senza futuro

Di redazione2

Si chiama staff Leasing, il fenomeno che sta prendendo piede in Ciociaria e riguarda il reclutamento di lavoratori da parte di agenzie private. Manpower, Adecco e tante altre assumono direttamente il personale alleggerendo degli oneri l’azienda per la quale gli operai lavorano. Decine le aziende del chimico che in provincia di Frosinone ricorrono a questo sistema di reclutamento. “La tratta dei lavoratori” sta generando precariato, lavoro senza diritti, e mercificazione delle prestazioni. Il risultato è che il lavoratore qualora l’azienda decisa di non averlo più contatta l’agenzia ed il lavoratore è fuori senza diritto di replica. Sono i nuovi operai, fantasmi per l’azienda, merce di scambio per le agenzie. Mariano Ranieri (Femca – Cisl) come valuta questo reclutamento di personale ? “E’ un fenomeno preoccupante, diffuso in Inghilterra e che sta prendendo sempre più piede in Ciociaria, la legge non è chiara in merito. Il lavoratore assunto tramite agenzia privata non gode di cassa integrazione, ne di assistenza sindacale. Il tutto mortifica persone e prestazioni. L’azienda non ha oneri e responsabilità, le agenzie guadagnano sulle migliaia di ore di lavoro che prestano all’azienda committente, ad essere penalizzato è l’operaio” In pratica in questo modo si bai-passa l’articolo 18? “..si esatto, l’operaio può essere allontanato dall’azienda solo perché guarda di traverso il caporeparto, l’azienda contatta l’agenzia e dice che quella persona non la desidera più. Questo ultimo si trova fuori dall’azienda senza possibilità di replica…” Che fascia di età caratterizza la tratta dei lavoratori? “…Parliamo di giovani che si rivolgono in agenzia nella speranza di trovare un lavoro. Un impiego lo trovano pure ma è precario e senza diritti. In questo modo non si riesce a pianificare una vita. Le aziende dovrebbero tornare ad assumere e le agenzie debbono fare le agenzie. I titolari di queste invece si propongono nelle aziende e procacciano affari con le prestazioni altrui… Non è accettabile” Tamara Graziani

7 maggio 2010 0

Scooter schiacciato tra due auto, 17enne illeso per miracolo grazie ad un salto atletico dalla sella

Di redazione2

Scooter resta schiacciato tra due auto, nell’urto il centauro 17 enne salta dalla sella e si salva. E’ quanto accaduto in via marittima a Frosinone questa mattina intorno alle 9. Una Miniminor guidata da una studentessa del posto ha tamponato uno scooter in sella al quale viaggiava un 17 enne. Nell’impatto il ciclomotore è rimasto schiacciato con un terzo mezzo, una fiat punto guidata da una badante rumena di Sgurgola e al fianco viaggiava un anziano portatore di handicap. Nell’impatto il 17 enne è riuscito a saltare dal mezzo salvandosi la vita. Lo scooter,completamente distrutto dallo schiacciamento, ha perso carburante sulla carreggiata oltre a parti di carrozzeria. L’impatto dei due veicoli con lo scooter infatti è stato tremendo. IL 17 enne è salvo per miracolo. Illesa la studentessa nella miniminor e l’altro automobilista. Sul posto si sono portati i vigili urbani per decongestionare il traffico e attivare la macchina dei soccorsi. Non è stato necessario il trasferimento in pronto soccorso per i due studenti, solo tanto spavento per loro. Sulle dinamiche e le responsabilità del sinistro indagano gli agenti della polizia municipale che hanno effettuato i rilievi di rito sotto lo sguardo attonito dei tanti passanti e titolari di attività commerciali fermi sul ciglio della strada per assistere alle operazioni di soccorso. L’impatto è stato talmente forte che è riecheggiato sul tratto di via Marittima in un ora di punta.

Tamara Graziani