Giorno: 25 maggio 2010

25 maggio 2010 0

Truffa da 134 milioni di euro, sequestrato il San Raffaele. L’attività però continua

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una truffa alla Regione Lazio che la Corte dei Conti calcola in 134 milioni di euro sarebbe stata messa in atto dal gruppo San Raffaele Spa di cui è proprietaria la famiglia Angelucci e, per questo, la stessa Corte dei Conti, ha ordinato il sequestro delle sei cliniche private di cui è proprietaria la famiglia. Tra queste anche il centro riabilitazione San Raffaele di Cassino. Oltre alla struttura della città martire sono state sequestrate anche le strutture ospedaliere di Velletri, Pisana e Portuense. Secondo la Corte dei Conti, in alcune strutture si eseguivano prestazioni irregolari o inesistenti in regime di convenzione con la Asl. L’accusa è di aver fatturato in maniera irregolare prestazioni, a volte fantasma in regime di convenzione con le Asl. Carlo Trivelli, presidente della San Raffaele spa ha dichiarato: “È tutto regolare, nessuna falsa fatturazione nelle nostre cliniche, lo dimostreremo in udienza. Ma intanto vogliamo precisare che l’attività sanitaria prosegue senza interruzioni e disagi per i nostri pazienti”.

25 maggio 2010 0

Perseguita la sorella, 45enne arrestato per stalking

Di redazione

I militari della Stazione Carabinieri di Giulianova agli ordini del Maresciallo Piero Olivieri, ieri alle 17.30 circa, hanno tratto in arresto su ordine della Dott.ssa Marina TOMMOLINI, GIP del Tribunale di Teramo, Pasquale Menghini, 45enne di Giulianova. Le indagini dei Carabinieri sono iniziate verso la metà di aprile, quando la sorella dell’arrestato ha sporto denuncia, dopo aver subito e sofferto per molti mesi, gli ingiustificati atti persecutori messi in atto dal fratello. L’uomo in diverse occasioni aveva minacciato di morte la donna, sia di persona a casa che presso il luogo di lavoro, mediante sms e telefonate che le faceva anche in tempo di notte. Le continue persecuzioni attuate dall’uomo, avevano costretto la donna a farsi accompagnare costantemente da qualcuno durante ogni suo spostamento, generandole una paura ed una sofferenza psicologica costante, tanto che anche altre persone vicino a Lei erano state oggetto di minacce da parte del MENGHINI. Gli uomini dell’Arma hanno constatato la veridicità della denuncia, riferendo all’A.G., che ha disposto l’arresto dell’uomo in forma cautelare, disponendo la sua detenzione presso la casa circondariale di Teramo.

25 maggio 2010 0

Comandante dei vigili urbani travolto dal camion ribaltato

Di redazione

Un guasto al sistema di stabilizzazione di un camion e il mezzo si ribalta travolgendo il comandante dei vigili urbani di Cassino Angelo Tomasso. L’incidente è avvenuto nella tarda mattinata di oggi nel girdino di casa del pubblicom ufficiale che stava assistendo alle operazioni di scarico di materiale edile che sarebbe poi servito per alcuni lavori alla sua abitazione. Pare che uno dei brazzi che il mezzo idustriale estende per stabilizzarsi, si sia rotto e il peso del carico, attaccato alla gru, ha fatto ribaltare il mezzo interamente. Per fortuna di Tomasso, la gru si sia puntata in terra evitando che il mezzo schiacciasse completamente l’uomo che, però ha rioportato gravi ferite. Immediatamente soccorso è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Cassino dove gli sono state riscontrate diverse fratture, la più preoccupante è la rottura del bacino. Chiuso il reparto di ortopedia, Tomasso è stato trasferito all’ospedale civile di Venafro (Is) dove resta ricoverato e sotto osservazione. Ermanno Amedei ermadei@libero.it

25 maggio 2010 0

Beccati all’ultimo scarico di droga, 4 napoletani arrestati

Di redazione

Avevano scaricato droga a Cassino e si stavano preparando ad effettuare l’ultimo scarico a Sant’Elia Fiumerapido. Poco prima, però, questa notte, i carabinieri agli ordini del capitano Adolfo Grimaldi, li hanno intercettati e perquisiti. Si tratta di quattro persone, tre maggiorenni e un minorenne, tutti di Napoli, che viaggiavano su due auto diverse. quando i militari li hanno fermati, sono stati perquisiti e hanno rinvenuto 1,6 chili di hashish e ben 2.600 euro frutto di una precedente vendita, probabilmente la stessa quantità, effettuata a Cassino. I quattro, sono stati arrestati con l’accusa di detenzione ai fini dello spaccio di droga. Ermanno Amedei redazione@ilpuntoamezzogiorno.it

25 maggio 2010 0

“C’era un volt”, iniziativa di Enel per raccontare la storia dell’energia

Di redazione

Il 27 maggio 2010 arriverà alla centrale idroelettrica di Provvidenza (AQ) la tappa abruzzese di “C’era un volt”. L’Archivio Storico Enel e la Banca della Memoria insieme per 40 tappe, 300 interviste, 10mila chilometri da percorrere. L’Aquila, 25 maggio 2010 – Arriva alla Centrale Idroelettrica Enel di Provvidenza giovedì 27 maggio, il camper di “C’era un volt” dalle 10.00 alle 18.00. L’appuntamento fa parte del viaggio itinerante organizzato dall’Archivio Storico Enel e da Memoro – la Banca della Memoria che girerà tutta l’Italia alla scoperta della memoria e della storia dell’energia fino al 30 giugno. Chiunque vorrà, potrà rilasciare una breve intervista agli operatori di C’era un Volt tour , che saranno lieti di raccoglierne testimonianze e ricordi. Tutte le interviste saranno pubblicate sul sito web per poi andare ad integrare l’Archivio storico Enel di Napoli. Il tour partito dal XXIII Salone del Libro di Torino avrà lo scopo di catturare la memoria della diffusione dell’energia in Italia attraverso video e audio interviste. Il tour prevede 40 tappe nelle centrali Enel e nei capoluogh di tutte le regioni, quarantasei giorni di lavoro, quasi 10mila chilometri da percorrere e più di trecento persone da intervistare. Le tappe di raccolta di memoria si suddivideranno secondo due tipologie: all’interno degli stabilimenti di produzione Enel (20 giornate) e piazze pubbliche (20 giornate). Gli eventi nei centri di produzione avranno come obiettivo la raccolta di testimonianze storiche sull’impianto produttivo (la costruzione dell’impianto, l’evoluzione processi produttivi, l’impatto ambientale); gli appuntamenti nelle più belle piazze dei capoluoghi di regione, invece, andranno a coinvolgere la popolazione locale nella raccolta di testimonianze sul concetto di energia elettrica quale vettore di progresso e modernizzazione. Il progetto “C’era un Volt” prevede, parallelamente al tour, la realizzazione di un sito web di fruizione dei contenuti e partecipazione degli utenti sfruttando i principi del Web 2.0. La pubblicazione del sito è prevista per la conferenza stampa di lancio del tour e del progetto. Il sito conterrà, oltre alle video-interviste realizzate durante il Tour, anche contenuti multimediali inseriti e condivisi dagli utenti. La presentazione dei risultati avverrà infine presso l’archivio Storico Enel nella seconda metà di settembre 2010 con un evento conclusivo per commentare i lavoro. Per chi vorrà raccontare la sua storia ‘energetica’ agli operatori di “C’era un volt” sarà aperta una sezione di prenotazione sul sito internet www.ceraunvolt.it o potrà farlo attraverso il numero verde 800913789.

25 maggio 2010 0

Di Cioccio eletto presidente della Società Italiana Geriatri Ospedalieri

Di redazione

“La tua elezione a presidente della Società Italiana Geriatri Ospedalieri rappresenta il giusto riconoscimento ad una carriera lunga e prestigiosa di cui tutta la città di Cassino è fiera e, a testimonianza, l’Amministrazione Comunale ha deciso di conferirti questa Targa di riconoscenza che sintetizza il notevole servizio reso con competenza ed umanità per alleviare le sofferenze dei malati del territorio. Questa ambito e prestigioso traguardo certamente ti consentirà di essere ancora vicino alla nostra gente e di poter contribuire alla soluzione dei molti problemi della sanità”. Così il sindaco Bruno Vincenzo Scittarelli ha commentato la consegna al professor Luigi Di Cioccio della targa dell’Amministrazione Comunale “con benemerenza in occasione della Sua elezione a presidente della Società Italiana Geriatri Ospedalieri S.I.G.Os.”. Il professor Di Cioccio, primario del reparto di Geriatria dell’ospedale Santa Scolastica di Cassino, visibilmente commosso, ha apprezzato “questo riconoscimento tanto inaspettato quanto gradito. L’incarico che ho ricevuto è per me motivo di particolare soddisfazione ma rappresenta anche una responsabilità non indifferente che certamente non mi preoccupa anzi costituisce uno stimolo ulteriore ad impegnarmi per la crescita della sanità in generale ma anche quella del nostro ospedale dove tutto il personale, nonostante le ben note carenze di organico, opera al meglio. Al centro della nostra azione quotidiana, infatti, c’è stata sempre la tutela e la cura del malato ed auspico che l’offerta sanitaria del nostro ospedale possa essere subito migliorata”.

25 maggio 2010 0

Omicida e violentatore torna in carcere per aver tentato di rubare un’auto

Di redazione2

Hanno afferrato due grosse pietre e stavano per rompere il vetro di una Opel corsa in sosta nella stazione ferroviaria di Colleferro.

I Carabinieri hanno bloccato due pregiudicati colti in flagranza di reato mentre tentavano di rubare il mezzo.

Si tratta di un 47enne italiano della Capitale e 26enne cittadino Indiano senza fissa dimora.

Sequestrato anche un cacciavite precedentemente utilizzato per forzare la serratura, i sassi nonché un coltello da cucina. Da un controllo approfondito è emerso che il 47enne ha precedenti penali per omicidio e violenza sessuale per i quali già ha scontato un lunga detenzione in carcere, mentre lo straniero è risultato già foto segnalato con altri nominativi sui quali risultavano precedenti ed in particolare dei provvedimenti di espulsione dal territorio dello Stato.

I due arrestati sono stati condotti innanzi al Giudice Monocratico del Tribunale di Velletri che ha convalidato l’arresto applicando la misura cautelare della custodia in carcere in attesa di giudizio.

Dovranno rispondere dei reati di tentato furto aggravato e porto illegale di oggetti atti allo scasso e coltello.

Tamara Graziani

25 maggio 2010 0

Diversamente abili: “..La società spesso è indifferente..”, lo sfogo del Presidente Iannarilli padre di una bimba disabile

Di redazione2

Un presidente della provincia visibilmente scosso ha aperto i lavori del convegno sull’integrazione degli studenti con disabilità sensoriale presso la sala di rappresentanza della provincia di Frosinone.

Antonello Iannarilli ha confessato alla platea la sua vicinanza alle tematiche dei diversamente abili che parte da un’esperienza familiare diretta. Iannarilli è padre di una bambina diversamente abile e ha riferito di aver constatato in prima persona quanto il mondo può essere distante dalle esigenze di queste persone.

I tagli governativi alle risorse per le categorie protette non agevolano la situazione ma il Presidente ha espresso un plauso all’impegno delle associazioni sul territorio che tengono alta l’attenzione sui servizi e le nuove tecnologie delle quali le scuole della provincia ad esempio debbono dotarsi per una scuola pubblica aperta e funzionale per tutti.

Una platea gremita di persone che non hanno la possibilità di vedere o di sentire ha calorosamente applaudito l’intervento del presidente dell’unione italiana Ciechi Cluadio Cola sezione provinciale di Frosinone che ha elencato le finalità del progetto per l’integrazione ed il numero di persone che ne usufruisce.

Una parte del convegno è stata dedicata al confronto sul progetto dell’integrazione con gli assessorati delle province di Latina e Rieti.

Tamara Graziani

25 maggio 2010 0

La tragedia nel giorno più bello, la madre ricoverata a Roma muore durante il banchetto. Sposa colta da malore

Di redazione

Una terribile storia accaduta nel giorno più bello di una 25enne del Cassinate. Domenica scorsa la ragazza dell’hinterland cassinate ha sposato il suo fidanzato in tutta fretta per dare alla madre 48enne, malata terminale agli ultimi sgoccioli di vita, la soddisfazione di vedere la figlia in abito da sposa. La donna era ricoverata in ospedale a Roma e i progetti erano di andarla a trovare il giorno dopo il matrimonio indossando l’abito da sposa. Per questo la giovane coppia aveva anche sacrificato il viaggio di nozze. Dopo il rito religioso, come consuetudine, i novelli sposi hanno ricevuto gli invitati in un noto ristorante di Cassino ma, nel primo pomeriggio, purtroppo da Roma, è arrivata la drammatica notizia del decesso della donna. Una notizia che ha duramente provato la sposa fino a causarle un malore. Per questo è stata soccorsa e trasportata in ospedale a Cassino. Un tragedia terribile ma, potrebbe essere di sollievo pensare che la madre non ha voluto aspettare il giorno dopo per vedere la figlia vestita di bianco, e ha voluto vederla il giorno stesso del fatidico “sì”. ermadei@libero.it