Giorno: 6 giugno 2010

6 giugno 2010 0

Una nuova manifestazione contro la privatizzazione dell’acqua

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il Comitato Provinciale Referendario per l’Acqua Pubblica ha indetto una manifestazione con dibattito pubblico per lunedì 7 giugno alle ore 16.00 presso Piazza Gramsci, davanti l’Amministrazione Provinciale, a Frosinone per protestare contro la richiesta di aumento delle tariffe del servizio idrico e contro tutti coloro che sosterranno questa posizione. Riteniamo assurdo come si possa ancora raccogliere la richiesta del gestore privato che si è caratterizzato per illegalità, illegittimità e confusione e che è stato oggetto di indagine della Guardia di Finanza e della Magistratura per l’ipotesi di reato di truffa, abuso d’ufficio, distruzione di documenti e quanto altro. Ancora più assurdo è il fatto che una parte di sindaci possa sostenere le richieste del gestore di aumentare le tariffa non tenendo conto del grave danno economico ed ambientale provocato dal gestore ai comuni, ai cittadini ed al territorio. Da uno studio approfondito, compiuto da tecnici esperti del coordinamento con dati ACEA ATO 5 S.p.A., i solo danni economici ammontano a centinaia di milioni di euro. Chi sostiene le posizioni del gestore evidenzia complicità e si pone contro gli interessi degli utenti. E’ inaccettabile che si possa ancora discutere con un gestore arrogante ed incapace di rispettare gli accordi sottoscritti. L’ACEA ATO5 S.p.A. se ne deve andare perché questo corrisponde agli interessi dei cittadini e dei comuni di questa provincia. La Consulta dell’AATO ed il suo Presidente hanno l’obbligo di mettere in atto quanto deciso dell’Assemblea dei Sindaci del 21.12.2009 e cioè: La restituzione agli utenti delle somme indebitamente percepite dal gestore; La risoluzione del contratto per danno. Ogni altra iniziativa presa dalla consulta è arbitraria e anti democratica ed è contro gli interessi degli utenti e di questa popolazione.

6 giugno 2010 0

Pizzaiolo lancianese primeggia in un concorso nazionale in Puglia

Di redazione

E’ arrivato secondo al primo concorso nazionale “Pizza ai Sapori di Puglia” che si è svolto alcuni giorni fa a Molfetta (Ba), a cui hanno partecipato oltre 300 pizzaioli provenienti da tutta Italia. Il vice campione si chiama Angelo Ferente ed è un pizzaioli di Lanciano. Da circa due mesi ha iniziato una attività in via Del Verde e, prima ancora del concorso, ad accorgersi della bravura di Angelo, sono stati proprio i tanti lancianesi che si accalcano davanti al bancone della pizzeria. La ricetta con cui angelo si è affermato a “Pizza ai Sapori di Puglia” è stata quella con scamorza, crema di fave e pancetta.

6 giugno 2010 0

Quadri, una cittadina in balìa dei bisarchisti

Di redazione

Prigionieri di camion, autorticolati, tir, bisarche, furgoni o qualsiasi altro mezzo industriale che solotamente viaggia su strade a scorrimento veloce. Sono i cittadini di Quadri (Ch) il centro abruzzese in provincia di Chieti noto per il tartufo ma anche perché attraversato da una superstrada che, in paese, diventa una fettuccia di asfalto. Sono decenni, ormai, che la gente aspetta l’ultimazione di un prolungamento della superstrada che permetterà finalmente, di restituire la tranquillità al comune montano. La superstrada in questione è quella che da Venafro (Is), arriva fino all’adriatico. Una arteria stradale che taglia in due il centro Italia, scelta da tantissimi autotrasportatori che dal versante Tirrenico devono trasportare merce su quello adriatico. Tra questi, senza dubbio, quelli che si occupano della logistica dello stabilimento automobilistico Sevel di Artessa (Ch). Per anni il lavori di completamento della superstrada sono rimasti al palo e tutto l’enorme traffico veicolare, ma il particolar modo di mezzi pesanti, è stato convogliato sulla stradina di montagna che attraversa Quadri. Circa 20 chilome di curve, tornanti e brevissimi rettilinei divenuti ben presto un incubo per chi deve percorrerli. Dietro ad ogni curva, infatti, c’è il rischio di trovare un camion che, allargandosi troppo minaccia di travolgere iveicoli che procedono in senso inverso. Un ijncubo anche per i reidenti di Quadri che, ad ogni ora del giorno e della notte, sono costretti a vivere su quyella piccola arteria con i rumori e lo smog prodotto dall’enorme traffico, ma non solo. Infatti è alto anche il rischio per i pedoni di essere investiti dato che la fretta degli autotrasportatori, e il mamncato rispetto del codice della strada per quanto riguarda la velocità nei centri abitati, fa si che attraversare la strada, anche sulle strisce blu, diventa una vera impresa. I controlli delle forze dell’ordine sono frequenti ma aggirate probabilmente dall’utilizzo dei baracchini in dotazione agli autotrasportatori. Infatti alla presenza di un posto di controllo, si vedono mezzi muoversi con prudenza, probabilmente avvisati dai colleghi passati primia, mentre quando i controlli non ci sono, la strada, e quindi la cittadina, è in balia di bisarchisti sconsiderati che la percorrono a velocità folli incuranti della possibilità che un anziano o un bambino possa attraversare. Inoltre, percorrendola con l’auto, è facile trovarseli di fronte ad una curva che, sempre a vvelocità folle, invadono completamente la sede stradale costringendo i conducenti di veicoli più piccoli a brusche frenate se non addirittura a rischiare di finire nei fossi per evitare impatti frontali. Ultimamente però, sono ripresi a buon ritmo i lavori per la realizzazione di un pezzo di viadotto che permetterà di baypassare Quadri.

Ermanno Amedei ermadei@libero.it

6 giugno 2010 0

Festa dell’Arma, tutti i “numeri” della Legione Abruzzo

Di redazione

Ben 37.830 delitti perseguiti da giugno 2009 a maggio 2010, di questi 12.994 sono stati individuati i responsabili, 10.283 e 1838 quelle arrestate. Il consuntivo degli interventi è stato elencato ieri mattina a Chieti dal generale di brigata Luigi Longobardi, comandante della Legione Carabinieri Abruzzo nel corso della festa per i 196 anni di vita dell’Arma dei carabinieri, svoltasi presso la caserma “Rebeggiani” sede del Centro Nazionale amministrativo dei carabinieri. Otto gli omicidio compiti e tutti gli autori sono stati individuati, così anche quelli dei 17 tentati omicidi. Le estorsioni denunciate sono state 106, delle quali 78 scoperte mentre il numero delle rapine si è attestato a 229 e in 1110 casi sono stati individuati gli autori sono stati individuati gli autori. La lotta al traffico di stupefacenti ha portato a 350 arresti e 561 denunce con il sequestro di oltre 137 chilogrammi di droga. Per quanto riguarda l’usura i carabinieri hanno effetuato 4 arresti e 25 denunce. I furti trattati sono stati 17.542 e per questi sono stati individuati gli autori solo in 746 casi con 257 arresti e 712 denunce. Nell’ambito delle attività di verifica sulla ricostruzione post-sismica nel territorio aquilano, i Carabinieri hanno trattato 2.145 certificazioni antimafia ed emesso 14 provvedimenti interdittivi per altrettante ditte. Intensa è stata anche l’attività di repressione dello sfruttamento della prostituzione e della pornografia minorile, come quella dei reparti speciali con 147 infrazioni accertate dal Noe e 2.781 accertate dal Nas. Proposte inoltre 30 misure di prevenzione e 38 espulsioni, tutte accolte. Le attività di pattuglia sono state 120.411 a cui si aggiungono i 10.000 servizi del Carabiniere di quartiere.

6 giugno 2010 0

Cade dal trattore, agricoltore elitrasportato in ospedale

Di redazione

Ennesimo incidente agricolo, questa mattina, poco dopo le 9 ad Ausonia. In una zona di campagna, un uomo era impegnato con il suo trattore agricolo a scaricare pesanti balle di fieno quando, per cause ancora al vaglio degli inquirenti, il 45enne sarebbe casuto dal carrellone facendo un volo di circa due metri. Immediatamente è stato lanciato l’allarme e sul posto è arrivata un’ambulanza del 118 di Cassino e, prevedendo conseguenze gravi è stato chiesto anche l’intervento di “Pegaso”, l’eliambulanza in dotazioen all’Ares 118. Le condizioni del ferito, però, non sembrano tali da far temere per la sua vita. Ermanno Amedei ermadei@libero.it