Giorno: 14 giugno 2010

14 giugno 2010 1

Rischio incidenti all’ospedale civile, scarsa visibilità e cattiva educazione nel parcheggiare

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un canneto ed erba alta anche più di un metro costituiscono un vero e proprio pericolo per chi proviene dalla superstrada Cassino-Sora e prende l’uscita per il nosocomio della città martire. Lo svincolo, di cui già in passato ci siamo occupati a causa dei ritardi nell’ultimare i lavori, ha un’uscita laterale “provvisoria” che si allaccia alla strada principale per l’ingresso al Santa Scolastica. Ebbene, proprio in prossimità dello stop, sulla sinistra la visibilità è pari a zero. A peggiorare la situazione il fatto che le erbacce sorgono proprio in curva, quindi chi deve svoltare per l’ospedale (ma anche chi gira in direzione del centro) lo fa mettendo a rischio se stesso e gli altri che sopraggiungono. Il parcheggio inoltre è invaso da auto che sostano fuori dalle strisce pedonali, davanti gli scivoli per i disabii, oppure sulle aree destinate ai motocicli, tutto questo nonostante ci siano decine di posti disponibili in fondo al parcheggio che, però, vengono snobbati probabilmente perché ritenuti troppo distanti dall’ospedale faticando così a raggiungere l’ingresso peggio se sotto il solo cocente i questi giorni. Ermanno Amedei ermadei@libero.it [nggallery id=132]

14 giugno 2010 0

Fotocopiano la carta di identità di un signore per attivare un contratto telefonico a sua insaputa, denunciati

Di admin

In Boville Ernica, i militari della locale Stazione, a conclusione di attività info-investigativa, avviata a seguito di denuncia sporta da una persona del luogo, hanno deferito in stato di libertà per “truffa” B.C., classe 1986 e C.M., classe 1977, entrambi di Roma. I predetti, in concorso tra loro, hanno utilizzato la carta d’identità del denunciante per attivare, a sua insaputa, un contratto con la società telefonica “VODAFONE” al fine di ottenere un bonus di € 1.000,00. In particolare, C.M., essendo organizzatore di manifestazioni sportive in Roma, alle quali il denunciante ha più volte partecipato ed esibito il proprio documento d’identità, fotocopiava in una delle predette circostanze, tale documento e ne consegnava copia alla complice, la quale, essendo impiegata presso una società di Roma preposta all’attivazione di contratti con la predetta Società Telefonica, eseguiva materialmente l’operazione.

14 giugno 2010 0

Scappa dopo l’incidente e, rintracciato, alla vista dei carabinieri li aggredisce, arrestato un 43enne

Di admin

Decorsa notte, in Pontecorvo, i militari del N.O.R. hanno tratto in arresto REZZA Fernando, classe 1967 del luogo, poiché resosi responsabile di “ resistenza e minacce a P.U. – lesione personale ed omissione di soccorso”. Il predetto, nella serata del 13 giugno u.s., mentre era alla guida di un’autovettura restava coinvolto in un sinistro stradale a seguito del quale rimaneva ferita una donna e, anziché prestare soccorso, si dava a precipitosa fuga. L’uomo, successivamente rintracciato dai militari operanti nei pressi della sua abitazione, andava in escandescenza e li aggrediva nel tentativo di dileguarsi.

14 giugno 2010 0

La conferenza dei servizi boccia l’impianto di car- fluff ad Anagni, soddisfatti i comitati ambientalisti umore nero ai vertici della Marangoni

Di redazione2

L’inceneritore di car fluff ad Anagni non sarà realizzato.

Esito negativo della conferenza dei servizi questa mattina alle 11.

Il confronto incrociato delle analisi di Asl e Arpa è stato serio e preciso- Tutti gli enti interessati si sono espressi negativamente sul progetto, altamente inquinante, fino a giungere al parere negativo finale che blocca l’iter autorizzativo dell’inceneritore di residui della rottamazione delle automobili.

“Considero la chiusura negativa della conferenza dei servizi una vittoria di tutti i cittadini che si sono schierati contro questo impianto – ha dichiarato il sindaco di Anagni il dott. Carlo Noto – dalle analisi è emerso che l’impatto sull’ambiente e la salute dei cittadini aggraverebbe una situazione già compromessa. Soddisfazione è stata espressa dai rappresentanti delle associazioni ambientaliste del territorio, ben sette comitati, che questa sera festeggeranno quella che reputano “una battaglia vinta per il diritto alla salute in una zona contaminata già dai veleni della valle del sacco. Cosi come ha ribadito la professoressa Anna Natalia.

Tamara Graziani