Giorno: 16 giugno 2010

16 giugno 2010 0

Trovati con arnesi da scasso, foglio di via per 4 rumeni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La scorsa notte a Sora i militari del NORM della locale Compagnia, nel corso di un servizio teso a prevenire i reati contro il patrimonio, deferivano e proponevano per l’allontanamento dalla città quattro cittadini rumeni, che a bordo di un’autovettura Volkswagen Golf di colore rosso, con targa di nazionalità tedesca, procedevano lentamente lungo Viale San Domenico guardando con insistenza le abitazione e le attività commerciali ubicate nei pressi. Insospettiti dall’insolito comportamento e dalla presenza in orario notturno nei pressi di luoghi già colpiti da atti predatori e dunque particolarmente sorvegliati, i militari operanti fermavano gli interessati e dopo averli identificati (risultavano già censiti per vicende penali afferenti a reati contro il patrimonio), anche in considerazione che non avevano fornito giustificazioni plausibili circa la loro presenza nella località del controllo, li sottoponevano a perquisizione. Nel corso della stessa, all’interno del portabagagli posteriore della vettura, venivano rinvenute due valigette contenenti vari strumenti atti ad aprire o a forzare serrature, dei quali i prevenuti non riuscivano a motivarne la destinazione. Fra questi un trapano completo di accessori, quattro cacciaviti, tre tronchesine, un paio di forbici per lamiera, una pinza ed un martello, il tutto sottoposto a sequestro, mentre i quattro rumeni venivano deferiti all’Autorità giudiziaria ed infine, ricorrendone i presupposti di legge, proposti alla Questura di Frosinone per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno nel suddetto comune per anni tre.

16 giugno 2010 0

A Paliano la mostra fotografica sul Caravaggio “A quattrocento anni dalla Morte del Caravaggio”

Di admin

Il quadro di Caravaggio, Michelangelo Merisi, raffigurante La Cena di Emmaus, realizzato dal Caravaggio in fuga proprio nel castello di Paliano, quattrocento anni fa, torna, seppure in fotografia, a Paliano. In occasione della 21 edizione del Premio Internazionale Professionalità, che si svolgerà in piazza Marcantonio Colonna, il giorno 24 prossimo, è stata ideata una mostra fotografica sul Caravaggio dal titolo “ A quattrocento anni dalla Morte del Caravaggio”, perché il grande artista italiano ha lasciato il segno anche in questa città, quando stette due mesi, portato da Sciarra Colonna, per liberarlo da quanti volevano ucciderlo, dopo aver ucciso il Tomassone. Qui, nel forte Colonna, egli realizzò due quadri appunto la Cena di Emmaus ( Olio e tempera su tela 141x 175 che si trova a Milano Pinacoteca di Brera) e la Maddalena in Estasi ( invece che si trova presso un privato a Brescia). La Cena di Emmaus, è stata fotografata a Roma, in occasione della mostra allestita presso le scuderie del Quirinale ( vista da circa 600.000 persone) dal giornalista Giancarlo Flavi, insieme ad altri nove quadri quali: Musici (Olio su tela 92,1 x 118,4 cm The Metropolitan Museum of Art Roger Found, 1952 New York); Suonatore di liuto (Olio su tela 94×119 cm Museo Statale Ermitage San Pietroburgo); Bacco (Olio su tela 95 x85 cm Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze- Galleria Uffizi); Amor Vincent Omnia (Olio su tela 156,5 x 113,3 cm Staaliche Museen Zu Germaldegalerie Berlino Berlin), Canestra di Frutta Olio su tela 48 x 62 cm Veneranda Bibliotec a Ambrosiana Pinatoceta Ambrosiana Milano); I Bari Olio su tela 90x 112 cm Kimbell Art Museum Fort Wort 8 Texas); Amorino Dormiente (Olio su tela 72 x 105 cm Soprintendenza Speciale per il Patrimonio ArtisticoStorico-Palazzo Pitti Firenze; Incoronazione di spine (Olio su tela 127 x 165 cm Kunsthistorisches Museum mit MVK und OTM Wissenschaftliche Anstaklt Offentlichen Rechets Vienna): Giuditta che taglia la testa a Oloferme (olio su tela 145×195 Sovrintendenza Speciale PSAE per il Polo Museale della Città di Roma Galleria Nazionale d’arte Antica Palazzo Barberini – Roma). Tutti riprodotti a grandezza naturale e saranno illustrati venerdì 18, alle ore 18 presso l’ex cinema Esperia dalla professoressa Giuseppina Maletta ( Accademia belle arti Roma) e dall’assessore alla Cultura di Paliano Simone Marucci. I quadri saranno intramezzati dai caratteristici Costumi del Corteo Storico di Marcantonio Colonna ( manifestazione che quest’anno si svolgerà in notturna il 13 agosto prossimo). La mostra resterà aperta fino al giorno 27 dalle ore 10 alle ore 12 e nel pomeriggio dalle ore 17 alle ore 20. Così il premio parte con un grande gesto di cultura.

16 giugno 2010 0

Nascondeva due pistole con la matricola abrasa nel vano del forno della cucina, arrestato un imprenditore edile

Di admin

I carabinieri della Stazione di Vasto, nell’ambito dei controlli del territorio, nella tarda serata di ieri, in Vasto Marina, hanno tratto in arresto per detenzione illegale di armi comuni da sparo e relativo munizionamento, PERRELLO Rocco, 32enne, imprenditore edile di origine calabrese, ma sposato e residente da tempo a Vasto. A seguito di una perquisizione domiciliare, i Carabinieri hanno rinvenuto, occultate nel vano del forno della cucina e nell’intercapedine della caldaia, due pistole automatiche con matricola abrasa, cal.7.65 e 9 corto, cinque caricatori e 144 proiettili cal.7.65. Custodito all’interno di un cassetto, inoltre, i militari hanno rinvenuto un coltello di genere proibito. Armi e munizioni sequestrate, saranno sottoposti ad accertamenti tecnico-scientifici presso i laboratori degli esperti del RIS di Roma. L’indagato, che non ha dato alcuna giustificazione circa la detenzione delle due pistole, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Torre Sinello in attesa di essere sentito dal Magistrato.

16 giugno 2010 0

Arrestato un minorenne per violenza sessuale

Di admin

I Carabinieri della Compagnia di Giulianova agli ordini del Capitano Luigi Dellegrazie, nel pomeriggio di ieri 15.06.2010, hanno arresto un minore degli anni 16 di Giulianova, di cui per le necessarie ragioni di tutela non verranno comunicate le generalità ne fatti o circostanze che in qualche maniera possono fornire elementi tali da ricondurre allo stesso. Verso le ore 17.00 una ragazza di 24 anni non del luogo mentre stava per scendere la scalinata che da Giulianova Paese porta alla Via XXIV Maggio, proprio di fianco alla Caserma dei Carabinieri, incrocia un ragazzo e subito dopo si sente afferrare con forza alle spalle e palpeggiare nelle parti intime. La vittima grida e va in caserma dove in preda al panico racconta l’accaduto. Scattano immediatamente le ricerche, i militari escono dalla caserma in forza e circondano in pochissimi istanti la zona. Dopo pochi minuti, fermano al termine di un breve inseguimento, un ragazzo che corrisponde alla descrizione fornita dalla vittima. In caserma la giovane vittima in lacrime riconosce il suo aggressore. I militari avevano ricevuto nei giorni scorsi un’altra denuncia simile, sempre sporta da una giovane donna, che convocata in caserma riconosce anch’ella nel ragazzo fermato, l’offender sessuale. Addosso all’aggressore i Carabinieri rinvengono e sequestrano 3 profilattici e vari filmati dal contenuto pornografico registrati nel telefonino. Una brutta e triste storia che colpisce vittime ed aggressore, terminata presto e prima che assumesse vere e proprie caratteristiche seriali (anche se parte della letteratura in merito sostiene che il delitto si definisce seriale al verificarsi del 2° episodio che abbia le medesime modalità di commissione). Dopo i necessari accertamenti il giovane è stato accompagnato presso il Centro di Prima accoglienza di L’Aquila, come disposto dalla Magistratura Minorile di quel centro, dove nelle prossime ore sarà interrogato dai giudici.

16 giugno 2010 0

A fine giugno inizia il processo per i veleni nella valle del sacco, legambiente si costituisce parte civile

Di redazione2

A fine giugno si aprirà il processo per l’inquinamento del fiume Sacco.

Legambiente si costituirà parte civile. I responsabili dell’ente a tutela dell’ambiente fanno sapere che saranno in prima fila al fianco degli abitanti perché ottengano vera giustizia.

Ciò significa non solo arrivare alla condanna degli inquinatori, ma costringerli a provvedere con mezzi e risorse adeguati alla completa bonifica dell’area.

È quanto dichiarato dal presidente di Legambiente Lazio, Lorenzo Parlati, nel corso del quarto appuntamento regionale del “No Ecomafia Tour” – realizzato con il contributo del Consiglio regionale del Lazio – che ha fatto tappa a Sgurgola.

Il ricordo dell’11 marzo 2005 è ancora vivo- dice Parlati- con i sequestri di latte contenente beta-esaclorocicloesano (β-HCH), un prodotto di sintesi del Lindano (fitofarmaco bandito nel 2001 perché potenzialmente nocivo per la salute umana e animale e altamente inquinante) e lo stop alla commercializzazione del bestiame proveniente da più di quaranta aziende di nove Comuni nelle province di Roma e Frosinone.

Da questi risultati sono nati spontaneamente comitati pro ambiente sul territorio. A decine lottano per contrastare l’ubicazione di impianti ad alto impatto ambientale. Il primo successo è stato la bocciatura dell’impianto di car fluff presso la marangoni di anagni. Una notizia salutata positivamente da legambinente che punta a rilanciare la valle del sacco puntando su energie pulite.

Con l’occasione della tappa a Sgurgola sono state quindi ricordate le cifre contenute nel “Rapporto Ecomafia 2010” di Legambiente, che ha visto il Lazio balzare al secondo posto nella classifica nazionale, con 3.469 infrazioni, pari al 12,1% del totale di quelle accertate in Italia: qualcosa come 9,5 illegalità al giorno.

Tamara Graziani

16 giugno 2010 0

Trovati con 100 gr di marijuana, arrestati in autostrada due marinai mercantili

Di redazione2

100 grammi di marijuana e due persone arrestate.

Questo il bilancio dell’operazione di controllo scattata nella notte sull’autostrada del sole all’altezza del casello di Anagni.

Gli agenti della sottosezione A1 di Frosinone hanno notato una smart blu sulla piazzola di sosta nella corsia nord. E’ stato l’atteggiamento dei due occupanti a destare sospetto. Il loro nervosismo li ha traditi.

Sono scattate le perquisizioni e nel piccolo vano portabagagli gli agenti hanno rinvenuto la droga. Le manette sono scattate per i due amici e colleghi di lavoro 20 e 22 anni, entrambi di Torre del greco in provincia di Napoli, ma residenti a Civitavecchia, di professione marinai mercantili.

I due ragazzi avrebbero dovuto imbarcarsi ma il cartellino non lo hanno mai timbrato ora sono in carcere e con molta probabilità perderanno il posto di lavoro.

Tamara Graziani