Casa dell’Anziano 2/ Un rapporto sessuale per coprire un’epidemia di scabbia

8 giugno 2010 0 Di redazione

Un controllore era anche il terzo arrestato della vicenda, Claudio Turchi, il medico della Asl, incaricato dalla azienda sanitaria a cui gli investigatori avevano segnalato l’esplosione di un’infezione di scabbia. Dalle telecamere e dalle registrazioni audio i militari avevano capito che la malattia cutanea si stava diffondendo rapidamente tra gli anziani della struttura di via Santa Giusta. Avevano capito che il medico di riferimeto della casa di riposo non avrebbe denunciato l’epidemia come sarebbe stato suo dovere fare e, per non intervenire direttamente compromettendole indagini, avevano segnalato all’Asl quanto stava accadendo. Il medico quindi avrebbe dovuto fare un controllo e verificare la pericolosità del contagio. Cosa che ha regolarmente fatto salvo poi, andare a “vendere” un “aggiustamento” della sua relazione in cambio di un rapporto sessuale con la titolare della casa di riposo. Un atteggiamento che gli è costato l’arresto per violenza sessuale e concussione tentata.