Rapinatori seriali in manette, 10 colpi in due mesi

18 giugno 2010 1 Di redazione

Dieci rapine a supermercati e farmacie di San Giorgio a Liri, Pontecorvo, Castrocielo, Ceprano, Cassino, Sora, Isola del Liri, commesse tutte dallo stesso gruppo di fuoco nellarco di appena due mesi. Dal 30 ottobre 2009, quando, secondo i carabinieri della compagnia di Pontecorvo, avevano messo a segno il primo colpo al supermercato Ad Discount di San Giorgio a Liri fino all’ultima, il 14 gennaio 2010 alla farmacia San Giovanni di Pontecorvo. In quell’occasione, Luciano Quartarone, 29 anni e Rosario Carcaterra, 35 anni, entrambi di Piedimonte San Germano vennero arrestati dai militari agli ordini del capitano Pier Francesco Di Carlo e coordinati dal tenente Vincenza Sannino. al momento dell’arresto venne loro imputata la sola responabilità della rapina commessa a Pontecorvo ma gli uomini di Di Carlo continuarono ad indagare. Altri colpi commessi a Castrocielo, Ceprano, Cassino, Sora, Isola del Liri, portavano la stessa impronta e lo stesso modalità di esecuzione: sempre armati, decisi e pronti ad usare violenza se necessario. Questa mattina, i carabinieri di Pontecorvo, li hanno nuovamente arrestati in esecuzione di un’ordinanza cautelare in carcere per una lunga lista di ipotesi di reato: “rapina aggravata in concorso” di “detenzione e porto in luogo pubblico di armi clandestine” di “porto illegale di armi comuni da sparo” e “ricettazione”. Quando vennero arrestati la prima volta, le loro mogli si rivolsero al nostro giornale e in una intervista sostennero che i loro mariti erano divenuti rapinatori a cause della necessità economica (clicca per ascoltare l’intervista). Se così fosse, evidentemente, avevano pensato di intraprendere il “lavoro” dei rapinatori a tempo pieno.
Ermanno Amedei
ermadei@libero.it