Una nuova manifestazione contro la privatizzazione dell’acqua

6 giugno 2010 0 Di redazione

Il Comitato Provinciale Referendario per l’Acqua Pubblica ha indetto una manifestazione con dibattito pubblico per lunedì 7 giugno alle ore 16.00 presso Piazza Gramsci, davanti l’Amministrazione Provinciale, a Frosinone per protestare contro la richiesta di aumento delle tariffe del servizio idrico e contro tutti coloro che sosterranno questa posizione.
Riteniamo assurdo come si possa ancora raccogliere la richiesta del gestore privato che si è caratterizzato per illegalità, illegittimità e confusione e che è stato oggetto di indagine della Guardia di Finanza e della Magistratura per l’ipotesi di reato di truffa, abuso d’ufficio, distruzione di documenti e quanto altro.
Ancora più assurdo è il fatto che una parte di sindaci possa sostenere le richieste del gestore di aumentare le tariffa non tenendo conto del grave danno economico ed ambientale provocato dal gestore ai comuni, ai cittadini ed al territorio.
Da uno studio approfondito, compiuto da tecnici esperti del coordinamento con dati ACEA ATO 5 S.p.A., i solo danni economici ammontano a centinaia di milioni di euro.
Chi sostiene le posizioni del gestore evidenzia complicità e si pone contro gli interessi degli utenti.
E’ inaccettabile che si possa ancora discutere con un gestore arrogante ed incapace di rispettare gli accordi sottoscritti. L’ACEA ATO5 S.p.A. se ne deve andare perché questo corrisponde agli interessi dei cittadini e dei comuni di questa provincia. La Consulta dell’AATO ed il suo Presidente hanno l’obbligo di mettere in atto quanto deciso dell’Assemblea dei Sindaci del 21.12.2009 e cioè:
La restituzione agli utenti delle somme indebitamente percepite dal gestore;
La risoluzione del contratto per danno.
Ogni altra iniziativa presa dalla consulta è arbitraria e anti democratica ed è contro gli interessi degli utenti e di questa popolazione.