Giorno: 6 luglio 2010

6 luglio 2010 0

Fondi europei, Abbruzzese: “Indispensabili per enti e imprese”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“La Regione Lazio non può permettersi il lusso di perdere nemmeno un centesimo dei fondi europei. In tal senso si deve assolutamente lavorare per il rinnovo di tutto il sistema degli stanziamenti comunitari, puntando tutto ad un maggiore raccordo fra la politica europea e quella nazionale. Bene ha fatto la Governatrice Polverini a sottolineare, nell’incontro avuto con il ministro Fitto, che bisogna sfruttare al meglio le tante opportunità offerte dai fondi UE, a partire da quelli Fas fino al Fondo Sociale Europeo. Urge una ricognizione e una riprogrammazione, e in tal senso chi è oggi al governo regionale sta dimostrando ampiamente di avere le idee chiare. La Giunta, infatti, sta per varare una struttura di controllo e programmazione, composta da super-esperti del settore, che avranno il compito di coordinamento, su tutto il territorio regionale, di supportare Enti locali, imprese e centri di ricerca nel redigere progetti validi. Una cabina di regia che sarà in grado, al contrario di quanto è stato fatto dalla passata amministrazione, di ridare slancio allo sviluppo e all’economia del Lazio. E’ per questo che Renata Polverini ha già incontrato il commissario europeo agli affari regionali e i dirigenti dell’UE a Bruxelles. In un momento di crisi economica come quello che stiamo vivendo, la possibilità di accedere a canali di finanziamento sovranazionali, diventa fondamentale per mantenere alto il livello di competitività delle nostre imprese”. Ad affermarlo è stato in una nota il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese.

6 luglio 2010 0

Ladro si nasconde nel congelatore, ma i carabinieri lo arrestano e lo portano… al caldo

Di redazione

Pur di sfuggire all’arresto ha rischiato la polmonite dato che ha trovato rifugio all’interno di un congelatore. Questa notte P.M. 54enne di Fiuggi, è entrato in un bar della zona e, con l’intento di aspettare la chiusura del bar, si è nascosto in un congelatore all’interno di uno dei locali del retrobottega. La sua intenzione era ovviamente, aspettare che il barista andasse via per far man bassa. Il proprietario però deve aver sentito qualche rumore sospetto e ha chiamato i carabinieri. I militari, giunti sul posto, hanno iniziato a setacciare il locale fino a trovare l’uomo nascosto all’interno del congelatore. Il 54enne è stato quindi arrestato con l’accusa di tentato furto ed è stato portato… al caldo. Ermanno Amedei

6 luglio 2010 0

Nuovo commissario Asl, Tedeschi (IdV): “Auguri a Mirabella, il suo lavoro sarà difficile”

Di redazione

“Al nuovo commissario straordinario della ASL di Frosinone l’augurio che intervenga al più presto per dar seguito alle aspettative di salute del nostro territorio: attivare il nuovo ospedale di Frosinone, potenziare l’ospedale di Cassino affinché diventi un effettivo DEA di 1° livello, potenziare tutte le strutture della provincia per metterle in condizione di dare risposte sanitarie effettive e non soluzioni temporanee in attesa che il paziente abbia modo e tempo di attivarsi diversamente. Mi rendo conto che, grazie ai decreti emanati dalla Giunta Regionale di cui il Commissario Mirabella è espressione, sarà difficile dare un seguito effettivo alle drammatiche esigenze di salute del territorio. Del resto, la vicende delle analisi a numero chiuso è già indicativa di come evolveranno le cose. Se quindi il neo-commissario dovesse rendersi conto che sarà impossibilitato ad operare nel senso in cui i cittadini della provincia si attendono, non mi resta che augurargli buone vacanze, invece di buon lavoro.”

6 luglio 2010 0

E’ morto il ciclista investito dal Tir

Di redazione

Dopo l’incidente avvenuto questa mattina a San Vittore, l’uomo di cervaro Claudio T, 58 anni residente nella frazione Foresta, è stato elitrasportato a Roma. Le sue condizioni però erano disperate e poche ore dopo l’atterraggio, è deceduto. Il ciclista era stato investito da un Tir su via Casilina. Er. Amedei

6 luglio 2010 0

Martellate per gelosia, sfiorato l’ennesimo dramma

Di redazione

Ieri pomeriggio a Silvi Marina si è sfiorata la tragedia. TORMENTA Migliorino, 57enne del luogo, celibe, muratore, da circa 5 anni aveva una relazione sentimentale con una donna 43enne di nazionalità polacca, in Italia per lavoro. Da qualche tempo Lei voleva lasciarlo tanto che iniziava anche a frequentare altri uomini. Ieri pomeriggio, dopo essere usciti a fare un giro insieme con la macchina di lui, mentre si trovavano fermi in Colonia Spiaggia, la donna gli rinnova l’intenzione di lasciarlo. Ne nasce una discussione durante la quale lui, al termine di una breve colluttazione, la colpisce alla testa con un martello, procurandole delle lesioni non gravi. Infuriato l’uomo non porta la compagna all’Ospedale ma decide di tornare a casa in Silvi Marina. Qui inizia le dice che non vale la pena di vivere senza di lei e così pensa di farla finita per entrambi. Le dice che è meglio morire insieme. Imbraccia un vecchio fucile da caccia, regolarmente detenuto, forse per compiere un omicidio-suicidio ed esplode un primo colpo all’indirizzo della donna, senza colpirla. Lei reagisce ed inizia una colluttazione nel corso della quale l’uomo esplode un secondo colpo, di nuovo senza conseguenze. La donna riesce a scappare, ferma un auto e chiede aiuto, mentre lui la rincorre per strada. Subito scatta l’allarme. Sul posto giungono i Carabinieri della Stazione di Silvi Marina agli ordini del Maresciallo TRICARICO che fermano l’uomo e procedono al sequestro del fucile, di nr.10 cartucce. All’interno dell’appartamento vengono eseguititi tutti i rilievi tecnici anche mediante l’ausilio del personale specializzato del Reparto Operativo dei Carabinieri di Teramo. Sia l’uomo che la donna sono stati sottoposti alla prova dello STUB, accertamento necessario per verificare se vi sono delle tracce di polvere da sparo e quindi per accertare se effettivamente l’arma è stata utilizzata, da chi e con quale dinamica. Al termine delle indagini l’uomo è stato dichiarato in arresto e tradotto presso la Casa circondariale di Teramo a disposizione della Magistratura, con l’accuso di tentato omicidio, mentre la donna è tornata a casa con lesioni guaribili in 7 giorni.

6 luglio 2010 0

Pronto a “farla finita” lanciandosi dal ponte Dicleziano, salvato dai carabinieri

Di redazione

Aspirante suicida salvato dei Carabinieri. E’ successo ieri a Lanciano (Ch), presso il Ponte Diocleziano, notoriamente divenuto, negli anni, scenario prediletto per l’ultimo lancio. Erano le 13.20 di ieri quando una chiamata in Centrale Operativa riferiva che nei pressi del ponte vi era un uomo che aveva esternato la volontà di farla finita. Prontamente intervenuti, i Carabinieri constatavano la presenza dell’uomo, A.F., 45enne, nato in Germania ma residente a Lanciano, pregiudicato già noto alle FF.OO., il quale, con una gamba già posta oltre il muretto, piangeva e minacciava di buttarsi di sotto, mentre personale della polizia municipale di Lanciano tentava di distrarlo e dissuaderlo dal folle gesto. Anche i Carabinieri intervenuti avevano tentato, in un primo momento, di parlarci e rabbonirlo, ma poi, vedendo che l’uomo si sporgeva sempre più, con un gesto repentino lo afferravano e lo riportavano in salvo. Richiesto l’intervento dei sanitari, questi praticavano un ricovero coatto.

6 luglio 2010 0

Gruppo PdL: “Finalmente si è scosso l’assopimento generale di chi amministra”

Di redazione

“Il nostro gruppo, fatto di cittadini che si riconoscono nel Popolo della Libertà, da anni lavora per ampliare lo zoccolo duro del partito e per arricchirlo di nuove forze”. A scriverlo in una nota stampa è il direttivo del Pdl di Fumone. “E’ giunto il momento di far valere i nostri ideali per arrivare preparati alle prossime elezioni amministrative. La scena politica dell’ultimo periodo è stata caratterizzata da una certa vivacità, con un susseguirsi di colpi di scena che hanno fatto sicuramente bene, accentuando l’interesse della collettività per la cosa pubblica. Infatti, l’assopimento generato da chi ci amministra è stato scosso dalla presa di coscienza di quanti sono stati usurpati della propria dignità ed indipendenza, delusi dall’operato dell’attuale Amministrazione che non ha rispettato gli impegni presi con gli elettori. E se anche l’azione di alcuni più intraprendenti, volta allo screditamento del sindaco, non è andata a buon fine, sicuramente ha fatto svegliare molte coscienze suscitando interrogativi propositivi nell’opinione pubblica. Ora che abbiamo scampato il pericolo di una deriva nella gestione amministrativa, non vorremmo che alcuni si esaltassero al punto di non tener più conto dei reali interessi e degli effettivi bisogni di tutta la cittadinanza di Fumone. Siamo fieri di come stanno lavorando i nostri consiglieri, che raccolgono quotidianamente il nostro bisogno di avere un’amministrazione all’altezza del ruolo e dei propri compiti, dimostrandoci grande attenzione tramite incontri e momenti di confronto. Siamo rimasti piacevolmente soddisfatti dall’esito della riunione avuta nei giorni scorsi con Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale, che ci ha onorato della sua presenza, trascorrendo con noi una piacevolissima e proficua serata. E’ stata l’occasione per discutere insieme sugli impegni che il Pdl dovrà prender con la cittadinanza in vista della prossima tornata elettorale. Il presidente si è reso disponibile a sostenere le attività e le iniziative che questo Direttivo metterà in programma.All’incontro, oltre a Mario Abbruzzese, ha partecipato anche l’amico Stefano Scerrato”.

6 luglio 2010 0

Dalle Filippine, messaggio di amicizia per Aquino

Di redazione

“Gentile sindaco di Aquino, ho il piacere di informarla che la sua lettera dove si congratulava con S.E. Benigno Simeon C. Aquino III per l’elezione a XV presidente della repubblica delle Filippine è stata trasmessa all’Ufficio del presidente Aquino a Manila”. Così l’incaricato d’affari dell’ambasciata filippina a Roma risponde al sindaco di Aquino Antonio Grincia. Il primo cittadino aveva inviato un messaggio di congratulazioni, tramite l’ambasciata di Roma, al nuovo presidente filippino Ninoy Aquino ricordando l’origine del suo nome, Aquino, che nel seicento fu dato dagli evangelizzatori domenicani spagnoli, in onore di San Tommaso, a tanti filippini battezzati. “Sono sicuro – si legge ancora nella lettera firmata dal diplomatico – che l’eletto Presidente, sarà gratificato nel leggere la sua lettera, e in particolare di sapere della popolarità della famiglia Aquino in Italia e dell’origine del cognome della sua famiglia. A nome dell’ambasciata delle Filippine a Roma, ricambio l’augurio che i legami di amicizia tra le Filippine e l’Italia si rafforzino e spero che il progresso e la prosperità del comune di Aquino e la felicità della sua gente, continui all’insegna della sua capace e illuminata guida”. Cordialmente Danilo Ibayan – incaricato d’affari.

6 luglio 2010 0

Investe un cane e scappa, interviene la polizia

Di redazione

Avrebbe investito un cagnolino ed è andato via senza prestargli soccorso. E’ accaduto nella tarada mattinata di oggi in via dei Cappuccini a Lanciano. a finire sotto le ruote di una utilitaruia è stato un pechinese la cui propritaria ha un negozio in prossimità del luogo dell’investimento. L’auto avrebbe fatto una manovra per fare inversione di marcia senza che il conducente si accorgesse della presenza del cane. poi è andata via senza soccorrere l’animale. I testimoni hanno allertato la polizia del commissariato di Lanciano che avrebbero già individuato l’autore dell’investimento.

6 luglio 2010 0

Traportava droga sintetica, frusinate 30enne arrestato a Lunghezza (Rm)

Di redazione

Ha visto i carabinieri e ha repentinamente cambiato strada. Un gesto che ha insospettito i militari di Roma Settecamini che, nel sottopassaggio dello scalo ferroviario di Lunghezza. hanno fermato e controllato R.M. 30 anni di Frosinone. Nel suo zaino i carabinieri hanno trovato 85 grammi di sostanza stupefacente del tipo ‘metanfetaminà, meglio conosciuta tra i giovani come «speed», e 25 grammi di ‘Ketaminà, nota come la droga dello stupro. Si tratta di sostanze con potere allucinogeno che vengono assunte frequentemente nei rave party: in particolar modo la ketamina ha effetti sulla memoria a breve termine ed è inserita al sesto posto tra le droghe più pericolose. Pertanto R.M. è stato arrestato.