Giorno: 15 luglio 2010

15 luglio 2010 0

Detenzione illegale di armi clandestine e da sparo, 4 in manette

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il 15 luglio 2010, a Colle San Magno (Fr), i militari della stazione di Roccasecca (Fr), fattivamente coadiuvati dal personale del N.O.R. – aliquota radiomobile, nell’ambito di controlli effettuati al fine di prevenire reati contro il patrimonio, hanno tratto in arresto per i reati di “detenzione di armi clandestine”, “detenzione illegale di armi comuni da sparo”, “alterazioni di armi comuni da sparo”, “ricettazione” e “detenzione abusiva di munizioni per armi comuni da sparo”: –    Constantin Marcel, nato in Romania classe 1978; –    Vieru Nicolae, nato in Romania classe 1977; –    Craiut Petru, nato in Romania classe 1987; –    Dinu Daniela, nata in Romania classe 1969. I militari operanti, a seguito di accurata perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto ben celati all’interno di un ripostiglio dell’appartamento occupato dai quattro: –    un fucile a canne mozze cal. 12 con matricola abrasa; –    una pistola perfetta replica di arma in uso alle forze dell’ordine; –    numerose cartucce; –    due passamontagna; –    una targa posteriore di una autovettura di proprieta’ di persona residente in provincia, risultata provento di furto avvenuto due giorni fa. Il ritrovamento nasce da pressanti e continue attività svolte sul territorio dalle pattuglie dei carabinieri che nella notte hanno eseguito diverse perquisizioni domiciliari e personali nel contesto di una operazione contro la detenzione e il porto illegale di armi da fuoco. L’attività è finalizzata alla prevenzione dei reati interromendo di fatto il flusso delle armi clandestine. Sono in corso indagini volte a chiarire la provenienza delle armi, il loro possibile utilizzo e l’eventuale ruolo degli arrestati in episodi violenti avvenuti negli ultimi mesi non solamente in provincia di Frosinone

15 luglio 2010 0

Fanno “spesa” al centro commerciale con bancomat clonati

Di admin

In Cassino, decorsa serata, i Militari del NORM della locale Compagnia, nel corso di predisposto servizio per il controllo del territorio, hanno tratto in arresto FRANCIOSA Vincenzo, 58 enne e VELLUCCI Raffaele 34 enne, entrambi domiciliati nel comune di Mondragone. I prevenuti sono stati sorpresi dai MilItari operanti, subito dopo aver acquistato merce presso il locale supermercato “Panorama”, utilizzando carte di credito e bancomat clonati (nel numero complessivo di 13). Oltre ai citati titoli, in loro possesso è stata ritrovata merce consistente in alimentari, alcolici, ricariche telefoniche del valore di euro 400,00 circa, interamente recuperata e restituita al legittimo proprietario. Ad espletate formalità di rito, gli arrestati sono stati associati presso la casa Circondariale del luogo.

15 luglio 2010 0

Operazione “BLACK & WHITE 2”, arrestate altre quattro persone

Di admin

All’alba di oggi, 15 luglio 2010, a conclusione di un’ articolata attività investigativa avviata nel luglio del 2009, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Pontecorvo, con il supporto dei Comandi Arma competenti per territorio, hanno eseguito ad Arce, Isola Liri, Monte San Giovanni Campano, Sora (FR) e Ardea (Roma) una vasta operazione antidroga finalizzata all’esecuzione di 4 ordinanze di custodia cautelare, di cui tre in carcere ed una agli arresti domiciliari, e 8 decreti di perquisizione domiciliare per la ricerca di sostanze stupefacenti nei confronti di soggetti ritenuti responsabili di “detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti”.

1. SVILUPPO DELL’INDAGINE

L’attività d’indagine (convenzionalmente denominata “BLACK & WHITE 2”) costituisce l’ulteriore prosieguo di analoga attività che lo scorso anno aveva visto l’emissione di 9 fermi del Pubblico Ministero a carico di 4 soggetti del frusinate ed altrettanti 4 soggetti extracomunitari individuati quali spacciatori di sostanze stupefacenti. L’attività di Polizia Giudiziaria di fatto, ha disarticolato un gruppo di persone che deteneva e spacciava sostanze stupefacenti del tipo “cocaina” ed “eroina” ed “hashish”, con basi logistiche ed operative, in Provincia di Frosinone (comuni di Arce, Isola Liri e Sora) e nell’area a nord di Napoli (comuni di Giugliano in Campania e Castelvolturno). Nel corso della stessa, che si è basata sull’ esame dei tabulati telefonici, servizi di o.c.p. diurni e notturni ed attività tecniche, è stato ritenuto necessario procedere ad alcuni interventi repressivi (arresti in flagranza e sequestri di sostanza stupefacente), aventi la finalità di fornire riscontro alle ipotesi investigative e determinare le rotte utilizzate per i traffici illeciti in questione, atteso il linguaggio criptico adoperato dai malviventi sia nelle trattative relative ad acquisti/cessioni di stupefacente che nei loro spostamenti. Si appurava così che le cessioni avvenivano sul litorale domitio dove gli indagati del frusinate raggiungevano, con cadenza periodica, soggetti extracomunitari di nazionalità nigeriana e ghanese divenendo poi motori del traffico nella bassa Ciociaria. Taluni indagati effettuavano l’attività di spaccio anche dopo essere stati tratti in arresto in flagranza e sottoposti al regime degli arresti domiciliari, dimostrando pertanto la propria inclinazione all’ attività delittuosa. Il “trasporto” dello stupefacente da parte degli acquirenti, dal luogo di primo approvvigionamento situato lungo il litorale domitio alla zona di spaccio del frusinate, avveniva sovente, celando la sostanza stupefacente che veniva ingerita; in numerose occasioni gli stessi si giovavano poi dell’ apporto di terzi soggetti, anch’essi assuntori e spacciatori, che attuavano la cosi detta “ staffetta” volta a verificare preventivamente la presenza di Forze dell’ Ordine lungo il tragitto ed in caso positivo adottare comportamenti tali da indurre i militari ad un controllo al fine di consentire all’altra autovettura con a bordo i soggetti in possesso dello stupefacente di proseguire senza essere controllati. Complessivamente, l’indagine conduceva all’arresto in flagranza di 3 persone, all’ esecuzione di 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere ed 1 agli arresti domiciliari e alla segnalazione di 15 persone alla competente Autorità Amministrativa, quali assuntori di sostanze stupefacenti. E’ stato evidenziato che i soggetti individuati: – ponevano in essere con sistematicità e continuità numerose condotte criminose, consistenti in approvvigionamento e successiva commercializzazione di tipologie differenti di sostanze stupefacenti (eroina e cocaina); acquistavano giornalmente rilevanti quantità, in particolare già confezionate in dosi in modo da poterle facilmente spacciare successivamente; in taluni casi traevano le proprie risorse economiche interamente ed esclusivamente dall’attività di spaccio; avevano accanto a sé altri soggetti che rivestivano, a loro volta, o il ruolo di spacciatore al dettaglio o di consumatore.

2. ELENCO DELLE PERSONE ARRESTATE

Grimaldi Leandro, cl. 1989 domiciliato in Arce; Di Folco Andrea, cl. 1988 domiciliato in Arce; A. F., cl. 1988 domiciliato in Arce; Ricci Antonino, cl. 1972 domiciliato a Sora; tutti ritenuti responsabili del reato di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

15 luglio 2010 0

In trasferta con l’auto rubata per compiere furti, denunciato dai finanzieri

Di admin

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone in località Cassino, nell’ambito delle attività di controllo economico del territorio e di concorso al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, hanno denunciato un pluripregiudicato di Frosinone mentre, verosimilmente, si apprestava a compiere furti in appartamento. Il soggetto, A.M., nato a Frosinone nel 1983 e residente nel capoluogo ciociaro, è tossicodipendente e pluripregiudicato per furti, rapine, stupefacenti e numerosi reati contro il patrimonio. Il soggetto è stato individuato dietro segnalazione della cittadinanza, che aveva già notato il soggetto nei giorni precedenti, evidentemente impegnato a fare sopralluoghi per poi compiere furti in appartamento. Nella serata odierna, è stato visto aggirarsi dalle parti di Via Giuseppe Verdi, in pieno centro, con fare sospetto. Immediatamente bloccato da una pattuglia delle Fiamme Gialle, non ha opposto resistenza ed è stato denunciato perché alla guida di un’autovettura Fiat Uno rubata ad Anagni il 7 luglio scorso. L’individuo era in possesso di grimaldelli e strumenti di scasso, ciò fa presumere che la sua trasferta fosse finalizzata a compiere furti in appartamenti della zona. Portato in caserma, ha anche confessato il furto compiuto il giorno precedente ad una signora della zona, permettendo il ritrovamento della borsa e dei documenti d’identità trafugati e gettati in un anfratto della stazione ferroviaria. L’operazione è maturata nell’ambito dell’intensificazione del controllo del territorio, anche al fine di concorrere alla repressione dei reati predatori, come richiesto più volte dalla cittadinanza, che nel corso dell’arresto ha manifestato il proprio apprezzamento per l’efficace operato delle forze dell’ordine.

15 luglio 2010 0

Coordinamento tra forze dell’ordine, Viola (Silp): “Parole al vento”

Di redazione

“Un bell’intervento, non c’è che dire”. A parlare ironicamente è Gianni Viola rappresentante provinciale del Silp. Il sindacalista della polizia risponde al consigliere regionale Annalisa D’Aguanno che, in seguito a fatti di cronaca avvenuti nel cassinate ha tuonato contro il coordinamento tra le forze di polizia che manca. “Un intervento che, però, sa di beffa, perchè è il politico di turno che si riempie la bocca con la parola “Coordinamento” senza conoscerne il significato reale. Sono più di 10 anni che ascolto politici rilasciare le stesse dichiarazioni sul “Coordinamento” tra le Forze di Polizia, ma nessuno ancora si è impegnato seriamente alla sua realizzazione. Questo mancato Coordinamento costa alle casse dello Stato € 30.000,00 AL GIORNO di sanzioni che paghiamo alla Comunità Europea per la mancata attivazione del numero unico di emergenza, il 112. In un momento di grande crisi come questo, i Politici, farebbero bene a realizzare ciò che l’Europa ci impone, in modo da risparmiare ed evitare il blocco degli stipendi delle forze di Polizia per 3 anni o almeno uno stanziamento di fondi adeguato a far fronte agli inetrventi quotidiani, penso alle cose più scontate carta su cui scrivere i verbali, carburanti per le autovetture, ammodernamento delle tecnologie, cose semplici che renderebbe la lotta al crimine una normale attività e non una continua frustrazione per gli operatori della sicurezza pubblica”.

15 luglio 2010 0

Tedeschi (IdV): “Ceprano coperture non rispetta accordo CIGS”

Di admin

Il consigliere regionale Annamaria Tedeschi (IdV) ha inviato una lettera all’assessore al Lavoro, Mariella Zezza, nella quale denuncia la situazione della “Ceprano Coperture”, che non ha mai rispettato l´accordo sulla cassa integrazione straordinaria che prevedeva la rotazione tra i dipendenti. “E´ chiaro ed evidente – scrive Tedeschi – che l´azienda non presenta alcun interesse all´applicazione della rotazione perché intende perseguire una politica di gestione delle risorse operative interne avente come scopo la “fidelizzazione” delle stesse. Questo tipo di politica, oltre a contravvenire nel caso specifico agli accordi firmati, spesso è fonte di mancato rispetto dei diritti dei lavoratori i quali, specialmente in questo periodo di crisi, accettano tacitamente condizioni di lavoro vessatorie pur di non rientrare nella CIGS che, come sappiamo, risulta essere fortemente penalizzante. Si richiede pertanto – conclude il consigliere Idv nella missiva – che l´Assessore competente richiami urgentemente l´Azienda al rispetto dell´accordo e si faccia promotore con gli Uffici territoriali competenti di iniziative volte prima a verificare il mancato rispetto dell´accordo e conseguentemente all´adozione di provvedimenti per la tutela di tutti i lavoratori che sono stati penalizzati dal mancato rispetto.

15 luglio 2010 0

Crisi di maggioranza, l’appello del sindaco per evitare il commissariamento

Di admin

Dall’ufficio stampa del comune di Cassino riceviamo e pubblichiamo: “A malincuore apprendo l’indisponibilità del gruppo dei 7 a chiudere la crisi, nonostante le ben note e totali convergenze emerse in questi giorni di estenuanti trattative che paralizzano l’attività amministrativa a danno della città e dei suoi abitanti. Indisponibilità che mi è stata confermata autorevolmente proprio oggi dal coordinatore provinciale del PdL Franco Fiorito, che ringrazio per il lavoro di mediazione svolto in questa occasione. Credo che un’amministrazione che per nove anni, nel bene e nel male, ha governato Cassino non possa essere interrotta anticipatanmente solamente per motivazioni che, a giudicare da fatti e dichiarazioni, nulla hanno di politico. Ciò nonostante, guardo a questi giorni, che appaiono come quelli della vigilia dell’epilogo, fiducioso che possano essere invece quelli della svolta e del rilancio amministrativo per fare in modo che questi mesi che ci separano dalla scadenza naturale del mandato possano rappresentare l’occasione per concentrare gli sforzi sui punti più importanti ed urgenti che interessano i nostri cittadini. Faccio pertanto appello a tutti i consiglieri comunali, che hanno a cuore le sorti di Cassino e che vogliono veramente il bene di questa città, di lasciare da parte ogni perplessità e di contribuire all’approvazione del bilancio e, quindi, alla definizione di un programma di fine legislatura che risolva i problemi più urgenti di Cassino, evitando la sciagura di un commissariamento che, è ben noto a tutti, porterebbe alla paralisi amministrativa con notevoli ripercussioni negative per Cassino. Bruno Vincenzo Scittarelli Sindaco di Cassino