Giorno: 29 luglio 2010

29 luglio 2010 0

Abuso d’ufficio e danneggiamenti: la procura indaga un assessore, due funzionari e un barista

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Quattro persone di Cassino sono state indagate dalla locale procura della Repubblica per reati che vanno dall’abuso d’ufficio, occupazione abusiva del suolo pubblico e danneggiamenti. Notifiche sono state notificate oggi ad un ex assessore della giunta recentemente sciolata, due funzionari del comune di Cassino e al titolare di un bar. Le circostanze su cui si sono soffermate le attenzioni degli inquirenti riguardano due distinte situazioni ma vicine l’una all’atra: un tratto di via Giallonardi adiacente ai giardinetti del tribunale occupato abusivamente dai tavoli di un bar e la vicina e vecchia recinzione del tribunale che, dalla stessa via Giallonardi si snoda anche per un tratto di via Enrico De Nicola. L’occupazione abusiva del suolo pubblico riguarderebbe oltre al barista anche i due funzionari del comune e il sequestro dell’area in questione; quella della recinzione invece l’assessore. Pare, infatti, che sarebbero stati commissionati dei lavori di sistemazione della struttura in ferro che però si sarebbero ben presto bloccati per poi ripristinare lo stato dei luoghi. La recinzione, però, ormai non era più la stessa e, per questo, l’assessore competente sarebbe stato indagato per danneggiamenti. Ermanno Amedei

29 luglio 2010 0

Vola giù dal balcone, 16enne elitrasportato a Latina

Di redazione

Un volo di quattro metri, dal balcone di casa, ha causato gravi ferite ad un 16enne di Ceccano. Non si conoscono le cause della caduta, fatto sta che il ragazzo, alle 19 di oggi, è volato giù dal balcone della sua abitazione. L’impatto con il suolo dopo il volo è costato ferite che fin da subito sono sembrate gravi e, per questo, è stato allertato un elicottero grazie al quale, il ragazzo è stato trasportato al Santa Maria Goretti di Latina.

29 luglio 2010 0

“Predatore” sotto gli ombrelloni, arrestato un lancianese

Di redazione

Pensava di averla fatta franca Maurizio D’Ascenzo, 40enne di Lanciano, già noto per fatti di giustizia, quando ieri pomeriggio, sulla spiaggia di Pineto, mentre la proprietaria (una 31enne del luogo) si era tuffata in mare per un bagno, si impossessava del sua borsa custodita sotto l’ombrellone (contenente una macchina fotografica digitale) dandosi a precipitosa fuga. La donna mentre usciva dall’acqua, avendo notato l’uomo scappare, con il cellulare di un’amica ha dato immediatamente l’allarme ai Carabinieri di Pineto fornendo una descrizione “fotografica” del malvivente. A questo punto scattava il collaudato piano di cinturazione della zona e poco dopo i militari, che in questo periodo hanno incrementato i servizi sul lungomare proprio per prevenire i reati contro il patrimonio commessi in spiaggia, sono riusciti a intercettare l’uomo e rinvenire la refurtiva restituendola alla legittima proprietaria. Nel corso della perquisizione personale, il D’Ascenzo è stato trovato anche in possesso di 3 carte di credito risultate provento di furto perpetrato il 27 luglio scorso in Chieti. L’Arrestato dopo le formalità di rito è stato associato trattenuto nella camera di sicurezza della Compagnia di Giulianova in attesa dell’udienza di convalida fissata per la mattinata odierna davanti al Giudice del Tribunale competente dove si dovrà difendere dall’accusa di furto aggravato.

29 luglio 2010 0

“Suo figlio ci deve molti soldi”, sventata ennesima truffa agli anziani

Di redazione

Hanno tentato di far credere ad un anziano che il figlio aveva contratto un debito di 1.800 euro e ne pretendevano il pagamento. Un tentativo di truffa non nuovo ma a cui, alcuni alcuni anziani, ancora sembrano poter aboccare. A Pignataro Interamna, però, la vittima del raggiro deve essersi insospettita e ha chiamato i carabinieri della compagnia di Pontecorvo che hanno cercato e trovato i due truffatori. Si tratta di D.C.D. e S.G., entrambi 27enni e originari di Napoli. é scattata quindi una denuncia a piede libero per tentata truffa in concorso.

29 luglio 2010 0

Cassiere del supermercato picchiate durante la rapina

Di redazione2

Sono state minacciate e picchiate con una pistola puntata alla tempia le due cassiere del supermercato Freschi Sapori di via marittima a Frosinone dove è stata messa a segno una rapina. L’esercizio commerciale era pieno di clienti e si sono vissuti attimi di terrore quando in due hanno fatto irruzione all’interno dei locali scagliandosi contro le cassiere aggredite e tenute sotto scacco per ottenere il denaro. Ad agire sembra siano stati due uomini di giovane età con il volto travisato da passamontagna. I due indossavano anche i cappellini per non farsi riconoscere. Dopo aver arraffato 1500 euro i malviventi sono fuggiti a piedi. Il titolare dell’esercizio commerciale ha dato l’allarme. Sul posto sono intervenute le volanti della polizia e si sospetta che ad agire siano persone del posto. Non si esclude neanche che siano gli stessi che hanno agito la scorsa settimana nell’altro punto commerciale Freschi Sapori sulla variante Casilina. Il bottino in quell’occasione ha fruttato ben 7 mila euro. I rapinatori oltre al denaro delle casse portarono via anche quello contenuto in una piccola cassaforte. Si tratta dei locali dello stesso imprenditore. Tamara Graziani

29 luglio 2010 0

Terremoto, scossa dimagnitudo 2.4 nel sorano

Di redazione

Un evento sismico è stato avvertito in provincia di Frosinone. Le località prossime all’epicentro sono: Sora, Broccostella e Pescosolido. Dalle verifiche effettuate dalla Sala situazione Italia del Dipartimento della Protezione civile non risultano al momento danni a persone o a cose. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, l’evento sismico è stato registrato alle ore 5.08 con una magnitudo di 2.4.

29 luglio 2010 0

Meteo, da stasera temporali e venti forti anche al centro sud

Di redazione

Il nucleo perturbato di origine nord atlantica annunciato nella giornata di ieri, ha raggiunto le nostre regioni settentrionali e progressivamente andrà ad interessare anche il centro e localmente il sud.  Sulla base dei modelli disponibili il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteorologiche che integra ed estende quello già diffuso e che prevede dalla serata di oggi, giovedì 29 luglio, il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale anche di forte intensità, in particolare sulle regioni nord orientali e a seguire sulle regioni centrali, specie sui settori appenninici. Da domani, venerdì 30 luglio, i fenomeni si estenderanno localmente anche alle regioni meridionali. I temporali saranno accompagnati da attività elettrica, forti raffiche di vento e locali grandinate. Il Dipartimento della Protezione civile continuerà a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile.

29 luglio 2010 0

Liri Sar 2010: finta calamità per “testare” i soccorsi su una intera comunità

Di redazione

“Liri S.A.R. 2010 (Search and Rescue – Ricerca e Salvataggio)” così si chiama la grande esercitazione di protezione civile in programma il prossimo 10 ottobre a San Giovanni Incarico (Fr) che coinvolgerà l’intera comunità e numerose associazioni di volontariato e protezione civile presenti sul territorio circostante e le strutture operative istituzionali. Dopo tanti anni si torna a “mettere in scena” una reale situazione di emergenza durante la quale tutti i gruppi coinvolti daranno dimostrazione delle proprie competenze in caso di soccorso. L’iniziativa è stata promossa dall’associazione di volontariato Umanize Organization attualmente impegnata nel settore della prevenzione sismica, per questo si è pensato di creare una simulazione di emergenza in caso di terremoto. Il contesto di base sul quale si intende creare la prova di soccorso ripropone un fatto storico che sconvolse la Bassa Valle del Liri: il 23 luglio del 1654 l’intera valle fu colpita da un evento tellurico. Gli effetti furono devastanti, persero la vita oltre 2mila persone. “Ogni gruppo, singolarmente per competenza oppure affiliato ad altri gruppi, in quella giornata svolgerà una prova di intervento – ha spiegato il presidente di Umanize Organization, Paolo Sabetta -. Saranno create delle aree di lavoro, un vero e proprio set operativo che coprirà l’intero territorio comunale: area coordinamento con sala radio e sala sismica; area di allestimento ed ammassamento di risorse e soccorritori; area per la prova di assistenza sanitaria e sociale; area per le prove delle squadre S.A.R.; area per le prove di recupero in ambiente ostile; area per la prova di messa in sicurezza di beni di particolare pregio (beni museali e documenti storici); area per la prova di ricerca e soccorso con mezzo aereo. L’obiettivo della prova, in sintesi – ha concluso Sabetta -, per ogni volontario è quello di mettere in pratica le competenze acquisite nei vari corsi di formazione e sul campo, in materia di assistenza alle catastrofi e di risposta, con particolare attenzione, alla ricerca e soccorso”. Nei giorni scorsi, presso la sala polivalente comunale di San Giovanni Incarico, si è tenuto un primo incontro con alcune organizzazioni per tracciare le linee guida dell’evento che di certo si annuncia interessante. Erano presenti le seguenti associazioni: il gruppo comunale di protezione civile di San Giovanni Incarico; la protezione civile di Arpino (Ec Arpinum); il soccorso alpino del Lazio (Cnsas); la protezione civile di Sora; il nucleo di soccorso avanzato di Aquino (Nsa Aquino). La macchina organizzativa si è già messa in moto, nei prossimi giorni si terranno nuovi incontri ma l’appello è rivolto anche alle altre associazioni di volontariato e protezione civile limitrofe al Comune di San Giovanni Incarico interessate ad intervenire. Per comunicare la propria adesione è possibile contattare la presidenza Umanize ai seguenti recapiti: umanize@gmail.com; 347/4250053 oppure fax (0776/1724525). www.umanize.it

29 luglio 2010 0

Poliziotti in trappola, sequestrati e aggrediti da un marito violento

Di redazione

Due poliziotti del commissariato di Cassino si sono trovati, ieri, a gestire una situazione particolarmente delicata che metteva a rischio, non solo una donna con i suoi figli, ma anche loro stessi. Tutto è nato da una denuncia per maltrattamenti in famiglia che la 20enne tunisina ha sporto al commissariato. Il marito 38enne connazionale della ragazza aveva più volte adoperato violenza in famiglia e, per questo, ieri i due agenti hanno bussato a casa della coppia per sincerarsi di quanto accadeva. Proprio l’uomo ha aperto la porta e, dopo aver fatto entrare i poliziotti, in evidente stato di ebbrezza, l’ha richiusa a doppia mandata gettando la chiave sotto un mobile. A quel punto, pare armato di coltello, l’uomo si è scagliato contro gli uomini in uniforme che, però, sono riusciti ad immobilizzarlo e ad arrestarlo con l’accusa di sequestro di persona, violenza, uso di armi, minaccie, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Se i poliziotti volessero conferma dell’aggressività dell’uomo, certamente l’hanno avuta.