Crisi Cassino Calcio, Murolo fa chiarezza e risponde a Tedesco

7 luglio 2010 0 Di redazione

“A seguito delle dichiarazioni del sig. Tedesco, emerse nella conferenza stampa di lunedì 5 luglio, mi preme sottolineare alcuni punti fondamentali di una questione che, al di là di ogni considerazione, merita un trattamento più approfondito.
Nello specifico, dimentica probabilmente il sig. Tedesco che il sottoscritto, così come già a tutti noto, contribuì in maniera risolutiva 3 anni fa al salvataggio della S.S. Cassino allora nelle mani del signor Ciro Corcione, così come contribuì altrettanto pesantemente per la seconda volta al salvataggio, nel novembre del 2008.
Dimentica ancora una volta il sig. Tedesco che la situazione debitoria ereditata dal sottoscritto, all’atto del passaggio delle quote, avvenuto nel novembre 2008, e derivante dalla sua precedente gestione della società, nella doppia qualità di amministratore e presidente, era sensibilmente superiore a quella attuale.
E quindi spieghi il sig. Tedesco perché il sottoscritto allora ebbe a doversi accollare l’intera posizione debitoria della società mentre adesso lo stesso Tedesco vorrebbe la società depurata da qualsiasi debito.
Se è vero che egli ha così a cuore il destino della S.S. Cassino, a poche ore dalla definitiva sparizione del calcio professionistico dalla Città martire, non avrebbe dovuto forse chiedere un incontro costruttivo teso alla ricerca di soluzioni definitive, invece di trovare tempo a indire conferenze stampa aventi, evidentemente, solo scopi propagandistici?
Comunico in proposito che nella giornata odierna, martedì 6 giugno, il sottoscritto, andando oltre ogni remora per il solo bene del “Cassino Calcio”, ha proposto al signor Tedesco, tramite amici comuni, un immediato incontro teso a trovare una soluzione alla vicenda, ricevendo dallo stesso un secco diniego e la conferma delle stesse pretese provocatorie, prive di qualsiasi costrutto, emerse dalla suddetta conferenza stampa.
La verità è che il sig. Tedesco ha deciso anch’egli di seguire la recente moda delle “Cordate fantasma” che, è evidente a tutti, non potrebbero mai portare ad alcun risultato concreto.
Il sottoscritto Clodomiro Murolo ribadisce quindi, ancora una volta, di essere disponibile 24 ore su 24 a trovare, con chi avesse veramente serie intenzioni, una soluzione che, visti i tempi ormai ristrettissimi, diventa sempre più improbabile.
Mi preme, infine, precisare nuovamente con forza che la S.S. Cassino non fallirà mai, ottempererà a tutti i suoi obblighi finanziari e continuerà eventualmente ad esistere nelle categorie inferiori e/o giovanili”.
Clodomiro Murolo