Il mistero del bambino venuto dal nulla, continuano le indagini

31 luglio 2010 0 Di redazione

E’ mistero ancora fitto sulle origini del piccolo di appena 5 mesi che i carabinieri della compagnia di Cassino, congiuntamente con quelli della stazione di Cervaro, hanno trovato in “possesso” di una coppia domiciliata a Cervaro. Si tratta di commercianti di origini rom, lei 51enne, il marito di poco più giovane, che da circa 5 anni vevevano a Cervaro. Qualcuno deve aver notato che da un giorno all’altro, i due, senza una gravidanza apparente della donna, erano diventati genitori. Una particolarità che deve aver avviato le indagini, le stesse che giovedì ha portato alla’rresto dei due e all’affidamento del piccolo, attraverso i servizi sociali di Cassino, ad una casa famiglia. Il bambino era con i suoi “nuovi” genitori da circa tre mesi, non era stato registrato in nessuna anagrafe. L’età e la provenienza sono solo ipotizzabili: forse cinque mesi e dalla carnagione chiara e dai lineamenti, probabilmente è originario dell’est europeo. Chi sono i suoi veri genitori e come mai si sono privati del figlio, cioè se in maniera consensiente o contro la loro volontà, resta un mistero. I finti genitori, a cui questa mattina sono stati concessi gli arresti domiciliari, non hanno spiegato molto sulla provenienza del piccolo. Averbbero farfugliato qualcosa in merito a badanti ma nulla di preciso anche se i carabinieri aglim ordini del capitano Francesco Maceroni continuano ad indagare. Una vicenda che fa nascere sospetti su un fenomeno che potrebbe essere più diffuso di quanto solo lo si immagini. Il pensiero va ai tanti bambini che quotidianamente si incontrano sulle strade a chiedere l’elemosina.
Ermanno Amedei