Meteo: ancora caldo e afa al centro sud, in arrivo temporali al nord

22 luglio 2010 0 Di redazione

Restano alte le temperature su tutto il Paese, ma in queste ore l’avvicinarsi di una perturbazione atlantica provocherà sulle zone alpine temporali sparsi, che in serata potranno sconfinare sui settori di pianura nord-orientali e domani si estenderanno a tutta la val padana.
Sulla base dei modelli disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dalle prime ore di domani, venerdì 23 luglio 2010, precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, anche di forte intensità, sulle regioni settentrionali, in particolare quelle dell’arco alpino e prealpino. Ai fenomeni temporaleschi potranno essere accompagnate da attività elettrica, forti raffiche di vento e possibili grandinate.
Permane tempo stabile e caldo invece al centro-sud, con rialzo termico più significativo al sud e sulle isole maggiori, con rinforzi di Maestrale su Sardegna, Golfo Ligure e settori tirrenici settentrionali. Sabato mattina l’onda perturbata apporterà residui temporali al nord-est per poi attraversare, seppur indebolita, le regioni centrali ove nel corso della giornata si svilupperanno temporali sparsi specie sui settori interni ed adriatici. Generale rinforzo dei venti di Maestrale su isole maggiori e centro-sud mentre al nord-ovest forti venti di Foehn favoriranno un netto miglioramento del tempo.
Sempre nella giornata di sabato è previsto una prima diminuzione delle temperature su gran parte del Paese, con l’eccezione della Sicilia dove resteranno elevate. Una diminuzione più significativa è attesa per domenica, con clima ventilato su tutto il Paese e una certa variabilità residua sulle regioni centro-meridionali, quando dovrebbe aver termine l’ondata di caldo delle settimane passate.
Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile, nonché attraverso la pubblicazione sul sito internet – www.protezionecivile.it – dei bollettini giornalieri in cui sono comunicati i possibili effetti delle condizioni meteorologiche previste sulla salute dei soggetti vulnerabili.