Rumeno violento allontanato dall’Italia per 5 anni

7 luglio 2010 0 Di redazione

Il 42enne rumeno “dal coltello facile”, è stato allontanato dal territorio nazionale con il divieto di varvi ritorno per cinque anni. Si tratta di Costantin Moscalu, lo strniero senza fissa dimora a cui ieri il personale del Commissariato di polizia di Lanciano, ha notificato il Decreto di allontanamento dal territorio nazionale, con accompagnamento coattivo alla frontiera aerea di Roma Fiumicino. I motivi per i quali l’uomo è stato allontanato dall’Italia sono legati alla pubblica sicurezza, poiché ritenuta persona pericolosa ai sensi della legge sulle misure di prevenzione. Il MOSCALU era stato arrestato il 26giugno sempre dagli agenti di Polizia, perché ritenuto responsabile di lesioni personali aggravate. aveva colpito una donna con un coltello da cucina. In altre occasioni aveva assunto comportamenti violenti che avevano reso necessario l’intervento delle Forze dell’Ordine. La normativa in materia prevede la possibilità di allontanare con accompagnamento alla frontiera, quei cittadini comunitari che, per il loro comportamento e sulla base di elementi di fatto, possono essere considerati dediti alla commissione di reati che offendono la tranquillità pubblica, la civile e sicura convivenza o che, non svolgendo alcuna lecita e stabile attività lavorativa possano essere considerate persone socialmente pericolose che vivono abitualmente o in parte di proventi derivanti da attività delittuose. Il MOSCALU, rientrando in tale categoria, è stato destinatario del citato provvedimento amministrativo di allontanamento dal territorio nazionale, con divieto di farvi ritorno per un periodo di anni cinque.