TV locali, i problemi del settore in una riunione tra Abbruzzese e gli imprenditori

28 luglio 2010 0 Di redazione

Ieri il presidente del Consiglio del Lazio, Mario Abbruzzese, ha incontrato gli imprenditori televisivi della regione. L’incontro è stato organizzato dal presidente del Corecom, Francesco Soro. Nel corso della discussione i rappresentati delle emittenti televisive regionali hanno evidenziato le difficoltà che sta attraversando in questo momento il settore. Difficoltà dovute da un lato ai problemi legati al passaggio al digitale terrestre e, dall’altro, alla crisi economica che ha investito nostro Paese.
“Conosco bene – ha affermato il presidente Abbruzzese – i problemi che si sono determinati nel Lazio dopo il passaggio dall’analogico al digitale e le difficoltà che gli imprenditori del settore radio-televisivo hanno dovuto superare per mettere a punto il nuovo sistema di trasmissione. So anche quanto sia stato difficile per i cittadini, soprattutto per i più anziani, adattarsi a questa nuova tecnologia, in tempi forse troppo rapidi”.
“L’incontro avuto in Consiglio regionale con gli ‘addetti ai lavori’ – ha continuato – è stata l’occasione per confrontarci su alcune problematiche e per iniziare un percorso che preveda la risoluzione di alcune urgenze. Mi riferisco soprattutto al ruolo che possono rivestire le istituzioni in questo frangente: la crisi infatti sta investendo anche questo settore – che sarebbe in procinto di perdere il 30-40% dei posti di lavoro a causa del crollo del fatturato pubblicitario – e non possiamo far finta di non sapere che all’orizzonte si paventa la chiusura di molte emittenti regionali”.
“Un primo ed importante obiettivo sul quale lavorare – ha annunciato il presidente dell’Assemblea regionale – potrebbe riguardare una quota degli investimenti che le Istituzioni potrebbero riservare alle emittenti locali per la pubblicità istituzionale, e su questo mi confronterò con la Governatrice del Lazio Renata Polverini. Potremmo, per esempio, arrivare alla stesura di un protocollo d’intesa con il Corecom che possa rappresentare al meglio cittadini, istituzioni ed imprese rispetto al ruolo che ricopre oggi il mondo dell’informazione. Ma nel frattempo va risolta un’altra questione urgente, che riguarda sia i cittadini che gli imprenditori televisivi: mettere uno stop al ‘caos del telecomando’. Mi attiverò subito per far sì che nelle sedi preposte venga accelerato l’iter procedurale per la regolamentazione dell’‘LCN’, il sistema che stabilisce in modo uniforme la posizione di ogni singola emittente sul telecomando”.
Francesco Soro ha ringraziato il Presidente Abruzzese per l’attenzione e la sensibilità prestate alle emittenti locali, esprimendo la volontà di continuare ad impegnarsi per il futuro di questo settore che rappresenta una comparto essenziale per l’economia della nostra Regione.
“Lavoreremo tutti insieme – ha concluso Soro – per individuare forme di sostegno concrete per le televisioni locali. Sono in gioco migliaia di posti di lavoro e il diritto dei cittadini di tutti i territori della Regione ad essere informati sulla realtà locale. Contemporaneamente lavoreremo insieme alle emittenti locali per far sì che la loro offerta di programmazione faccia un salto di qualità. Solo così, infatti, potranno continuare a competere in un mercato televisivo sempre più complesso”.