Giorno: 12 agosto 2010

12 agosto 2010 0

Scompare una 13enne e un incendio distrugge un appartamento, si ipotizza fuitina con ritorsione

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un amore troppo “caldo”, potrebbe essere stata la “causa” che ha scatenato un devastante incendio in un appartamento in via Casaleno questa mattina a Frosinone. Due gli episodi maturati in ambienti rom, L’incendio della casa, appunto, e la sparizione di una raggazzina di 13 anni. Gli investigatori della squadra mobile sospettano infatti che dietro vi sia la “fuitina” di una coppia rom e la ritorsione della famiglia di lei. Non vi sarebbero dubbi sulla natura dolosa dell’incendio che ha distrutto completamente l’appartamento. Alcune ore dopo al pronto soccorso si è presentato un ragazzo rom che aveva vistose ustioni su varie parti del corpo, e a seguire, la famiglia dell’ustionato ha presentato la denuncia di rapimento di una ragazzina di 13 anni, sorella del ferito, avvenuta questa mattina. La ragazza sarebbe scomparsa mentre gettava le immondizie. Una storia contorta che, al momento, verrebbe spiegata da una ipotesi investigativa che vede coinvolte due famiglie rom. Si ipotizza infatti che la ragazza sarebbe scappata per la fuitina con un giovane non gradito alla famiglia e per questo la ritorsione sarebbe stata l’incendio della casa di lui. Ma mentre la vendetta stava per essere compiuta, l’autore del rogo sarebbe rimasto ustionato. Al momento gli investigatori stanno lavorando per trovare conferme a quello che, al momento, resta una pista.

12 agosto 2010 0

Pezzi di ferro in una coppa gelato, indagano i carabinieri del Nas

Di redazione

Ha mangiato un gelato confezionato comprato in un supermercato di Ceccano e ha trovato nella coppetta, pezzi di ferro. A raccontarlo ai medici del pronto soccorso dell’osperdale di Frosinone a cui si è rivolta per un malore, è stata una donna di Amaseno. Si tratta di un gelato di una nota marca su cui si sono concentrate le ricerce dei carabinieri del Nas. I militari, infatti, avrebbero sequestrato l’intero lotto di gelati del supermercato per stabilire se vi potessero essere altri gelati pericolosi. Le condizioni della donna, pero, non sono gravi dato che è stata giudicata guaribile in 5 giorni.

12 agosto 2010 0

Miracolato a tre anni, bimbo rischia di rimanere schiacciato dal cancello elettrico

Di redazione

Un bambino di tre anni ha rischiato, questa mattina, di rimanere schiacciato dal cancello elettrico della sua abitazione. Il fatto è accaduto ad Atina e, a quanto pare, il piccolo sarebbe rimasto impigliato al cancello mentre era in movimento. Attimi di terrore durante i quali il bimbo è rimastro stretto tra un muro e la parte in movimento. Temendo il peggio, è stato chiesto l’intervento di un’ambulanza del 118 che, solo a scopo precauzionale, ha portato il piccolo in ospedale a Cassino. A parte la paura e qualche graffio, non ha riportato conseguenze.

12 agosto 2010 0

Del gioco dell’oca e di altri maltrattamenti

Di redazione

A poche ore dalla denuncia presentata dal presidente dell’A.I.D.A.A., Lorenzo Croce, in merito alla strana sparizione di un ingente numero di gatti e dall’atroce sospetto che buona parte di questi possa essere finita in pentola, ecco giungere il comunicato da parte di un’altra associazione. Questa volta si tratta dell’A.N.P.A.N.A., Associazione Protezione Animali Natura e Ambiente di Cassino, nella persona di Francesco Altieri, il quale inoltra, nell’ordine, al Questore ed al Prefetto di Caltanisetta e al Sindaco di Butera, nonché al Comandante della Polizia Municipale del Comune siculo, una “denuncia-esposto di imminente reato”. I termini dell’atto sono molto puntuali: parrebbe, infatti, che il giorno di ferragosto, in Butera, verrà uccisa un’oca, la cui carcassa verrebbe ad essere utilizzata in un gioco, e più precisamente ne “lu jocu di lu sirpintazzu“. Il gioco consiste nell’appendere la malcapitata oca ad un filo nella piazza del paese, e a lasciare che un uomo faccia scempio del suo corpo, fino a decapitarla. I quesiti che sorgono continuando a leggere i termini dell’esposto sono, in buona sostanza, due. Primo: se in questo macabro rituale il serpente è finto, perché non può esserlo anche l’oca? E’ proprio necessario il sacrificio di questo povero animale? Secondo: l’evento sarebbe organizzato dalla Chiesa di San Rocco, nella persona del suo parroco responsabile. Ma è giusto che proprio questi si faccia promotore di un rito che sa’ più di pagano che di osservanza della legge di Dio? Che il rispetto verso gli animali sia sacrosanto viene sancito anche dal nostro codice penale, se proprio non vogliamo scomodare il Padreterno! Infatti, l’articolo 544 bis recita “Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre a diciotto mesi”. Pertanto, fosse anche solo alla luce di ciò, l’Associazione chiede che le Autorità intraprendano “le azioni necessarie ad evitare il reato e/o ad irrogare ai responsabili le pene previste”. Se, poi, nonostante l’impegno profuso, nulla dovesse accadere, vogliamo augurarci che l’oca, decapitata e sanguinante, possa rendere quantomeno inquieto il sonno di chi, in una civiltà che si dice evoluta, non sa rinunciare a certi scempi e ancora li promuove e li alimenta.

di Palma Lavecchia

12 agosto 2010 4

La mozzarella dell’allegria, dopo quella blu arriva quella a pois rossi

Di redazione

Un tempo erano bianche. Un tempo. Poi, pare siano diventate azzurre. Poi, dopo che quelle azzurre non facevano, ormai, più notizia, eccola che spunta a pois rossi. Ora c’è da chiedersi di che colore sarà la prossima …se si andrà sui toni del verde, o se si preferirà il giallo, decisamente più estivo. No, non si sta parlando di moda e di tendenze, ma del colore della mozzarella. L’ultimo “lancio” da urlo lo si è avuto ieri, nel lodigiano, dove una ragazza ha scoperto che il gustoso latticino riposto nel suo frigorifero aveva assunto macchie e puntini rossi. Anche questa volta, come le precedenti, la trafila è stata la stessa: contattato il NAS di competenza, la mozzarella verrà inviata all’Istituto Zooprofilattico di Lodi, e intanto sono state avviate indagini al fine di risalire alla catena commerciale che le avrebbe messe in commercio. Un filo conduttore tra tutti gli episodi finora emersi pare essere il tempo di “sosta” del latticino in frigo, durante il quale si svilupperebbe, per cause ancora in parte da chiarire, la bizzarra colorazione. Il suggerimento (concedeteci la battuta..) potrebbe essere il seguente: se prediligete ancora la mozzarella di colore tradizionale, ossia bianca, non esitate neppure un giorno e consumatela subito, così non le darete il tempo di cambiar colore! (laRepubblica.it)

di Palma Lavecchia

12 agosto 2010 0

Scoperta piantagione di marijuana da 600 mila euro

Di redazione

L’adozione di incisive misure di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti da parte del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, ha consentito alle Fiamme Gialle di giungere all’individuazione – nel territorio di Mondragone – di una serra al cui interno veniva coltivata cannabis indica, sostanza vegetale, più nota con il nome di marijuana. All’interno della struttura di copertura, infatti, i militari della Tenenza di Mondragone hanno rinvenuto, su di un’area coltivata di circa 100 mq., nr. 225 piante di marijuana, dalla fioritura avanzata, dell’altezza di oltre 2 metri e mezzo, asservite da un ingegnoso sistema di irrigazione che assicurava l’approvvigionamento idrico attraverso un tubo della lunghezza di circa 110 metri, attingendo l’acqua da un pozzo posto nelle terre adiacenti. Le attività info-investigative svolte hanno consentito di risalire al soggetto responsabile dell’illegale attività, che è stato tratto in arresto ed associato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere (CE). Dovrà rispondere della produzione di sostanze stupefacenti, aggravata dall’ingente quantità. La sostanza stupefacente sequestrata, secondo le informazioni in possesso degli investigatori, dopo i processi di lavorazione, sarebbe dovuta giungere sul mercato campano, attraverso canali tutt’ora oggetto d’indagine; smercio che, a fronte di una spesa di poche centinaia di euro per l’acquisto dei sementi, ne avrebbe fruttati oltre 600.000 euro.

12 agosto 2010 0

Uccide a pistolettate un 23enne e si rifugia in Ciociaria

Di redazione

Una rissa tra albanesi a Caivano (Na) finita con l’uccisione di un 23enne ha avuto l’epilogo in Ciociaria dove, ieri, i carabinieri hanno arrestato il presunto assassino. I fatti risalgono ad una settimana fa quando Rahman Sula, di 23 anni, è stato ucciso nel corso di una rissa avvenuta all’interno di un bar a Caivano. Le telecamere a circuito chiuso hanno registrato tutte le fasi durante le quali, Altin Stralaj, 21 anni, albanese, sarebbe stato aggredito tra quattro uomini tra cui la vittima. Il giovane a un certo punto ha impugnato una pistola calibro 6,35 e ha esploso due colpi uno dei quali ha raggiunto il cuore di Sula. Ieri pomeriggio Stralaj è stato individuato all’interno di un appartamento nel centro storico di Anagni (Fr). L’albanese si trovava in compagnia di altri tre connazionali poi condotti in caserma per verificarne l’eventuale responsabilità.

12 agosto 2010 5

Non dire “gatto” se non ce l’hai nel …piatto!

Di redazione

Ho ospiti a pranzo, e questa volta voglio proprio cimentarmi in qualche prelibatezza. Inizio a cercare ricette sfiziose ed ecco che mi imbatto in un sito: www.mangiagatti.com. In un primo momento penso si tratti di uno scherzo, ma poi inizio a leggere e mi accorgo che tanto scherzo non è. Infatti, proprio questo sito ha fatto andare su tutte le furie (e vagli a dare torto!) il presidente dell’A.I.D.A.A., Associazione Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, Lorenzo Croce, attualmente impegnato sul fronte del monitoraggio dell’increscioso fenomeno delle sparizioni dei felini in questione. Pare che dette sparizioni si siano potute registrare soprattutto a Milano, nella zona della Stazione Centrale; altra denuncia allarmante arriverebbe, poi, da Parma, dove ne sarebbero spariti addirittura 500 in soli 6 mesi. Pertanto, l’Associazione invita chiunque ne abbia notizia a segnalare le misteriose sscomparse di mici avvenute nel corso degli ultimi 3 anni. Certo, il dato è decisamente preoccupante. Perchè a questo punto torna in mente la polemica dei gatti di Bigazzi, e viene da pensare che, evidentemente, lui non era l’unico ad apprezzarne le tenere carni. Intanto, la denuncia dell’AIDAA, giunta alla Procura della Repubblica e alla Polizia Postale di Milano, chiede l’immediato oscuramento del sito internet, che sarebbe fuorviante anche nella sezione legislativa, omettendo di dire che le leggi a tutela degli animali prevedono l’arresto per chi maltratta o uccide un gatto; “figuriamoci poi se questa uccisione avviene a scopo culinario”, chiarisce il presidente dell’Associazione, che si sta battendo anche per l’individuazione e la punizione dei responsabili. E per oggi i miei ospiti si “accontenteranno” di bistecche. Di manzo. (AGI; www.gattoegatti.com)

di Palma L.

12 agosto 2010 1

Da Montecassino a Santiago de Compostela, esperienza indimenticabile per un gruppo di giovani

Di redazione

Un’esperienza sicuramente indimenticabile quella dei giovani della Diocesi di Montecassino appena tornati da Santiago de Compostela. Un viaggio le cui emozioni sono state descritte con passione in una nota redatta dall’ufficio stampa dell’Abbazia di Montecassino. “Un pellegrinaggio che li ha segnati tutti nel profondo dell’animo, – si legge nella nota – che ha preso ogni loro energia, fisica, intellettuale, spirituale. Un pellegrinaggio che a molti di loro ha sottratto per un po’ anche il benessere fisico facendoli sentire fragili e bisognosi di aiuto, intaccando la loro fiducia in se stessi quando hanno creduto di non farcela ad arrivare fino in fondo al cammino, perché i piedi facevano male per il gran camminare, per le vesciche, per le scarpe inadatte (o smarrite col bagaglio all’arrivo…). Un pellegrinaggio che ha messo a dura prova ogni camminatore per ognuno dei 116 kilometri affrontati passo dopo passo, ma che ha saputo infine regalare una gioia inaudita quando – nonostante tutto – sono giunti davanti alla celebre cattedrale di Santiago e si sono resi conto di avercela fatta. Una gioia incontenibile, dovuta anche alle conferme ricevute, all’aver sperimentato il valore e la bellezza dell’amicizia, del vivere in comune nell’essenzialità e nel contatto diretto con la natura, nell’incontrarsi col secondo gruppo, sopravvenuto più tardi, nel ritrovare il proprio credo nel volto di una miriade di giovani provenienti da ogni dove per il PEG, Pellegrinaggio Europeo dei Giovani, organizzato dalla Arcidiocesi spagnola e a cui hanno partecipato circa 12000 giovani. La gioia di provare sulla propria pelle il senso di appartenenza alla propria comunità si è ingigantita nel sentire di appartenere nello stesso tempo anche ad una comunità molto più grande e internazionale, che ha il sapore dell’universalità. Gioia nel conoscere, scoprire e ammirare in Galizia paesaggi nuovi e affascinanti, l’abbondanza del granito, materia prima onnipresente, il respiro del vicino oceano con i suoi sapori e i suoi colori. Gioia durante la celebrazione eucaristica di domenica 8, nella Cattedrale di Santiago, presieduta dall’Abate Dom Pietro Vittorelli, che si è rivelato più che mai guida e padre ma anche amico e fratello, capace di dare ascolto ad ognuno e di condividere tesori spirituali ma anche esperienze quotidiane semplici, simpatiche e memorabili, di dare sapore e spessore all’amicizia e insomma anche al lato “umano” del pellegrinaggio. Valeva la pena sopportare le sofferenze del cammino a piedi: il guadagno è stato di gran lunga maggiore!”

12 agosto 2010 0

Si ribalta alla rotatoria, muore ad appena 20 anni

Di redazione

Dramma della strada a Fossacesia (Ch). Un ragazzo di 20 anni, S.C. del posto, per cause ancora al vaglio dei carabinieri della compagnia di Ortona, ha perso il controllo dell’auto uscendo di strada e ribaltandosi più volte. Inutili i soccorsi, il giovane è morto sul colpo. I vigili del fuoco di Lanciano sono arrivati sul posto e hanno lavorato non poco per estrarre il corpo dalle lamiere. La tragedia si è consumata intorno alla emzzanotte alla rotatoria che sta tra Fossacesia e Torino di Sangro.