Gianna Nannini: la “leonessa” e la cicogna

24 agosto 2010 1 Di redazione

Confini sessuali confusi, grinta da vendere e due precedenti aborti, che l’avevano indotta a dire che non ci avrebbe mai più riprovato. E invece, questa volta, oltre a provarci ci è anche, evidentemente, riuscita, con una gravidanza ormai al 5° mese e con 54 anni suonati alle spalle.
Una donna che si è costruita da sola, da sola ha cavalcato – per decenni e a più riprese – l’onda del suo successo e ora, sempre da sola, mette al mondo un figlio. Pare, infatti, che abbia fatto ricorso all’inseminazione artificiale e che, quindi, il padre della creatura che porta in grembo rimarrà del tutto anonimo.
Lei che nelle sfide ha sempre trovato il sale delle sue riuscite – in un’intervista aveva raccontato che se non ci fosse stato il padre a impedirle di fare la cantante, forse non avrebbe mai trovato la forza di fare quel mestiere… – probabilmente ha vissuto anche il concepimento come l’ennesima sfida della sua vita sfrenata.
Giudicare in senso positivo o negativo la sua scelta sarebbe patetico e fuori luogo, per cui è bene limitarsi ad augurare il meglio, ossia ciò che ognuno più desidera e spera per sé in quel determinato momento. E se la Nannini ha ritenuto che questo fosse il momento migliore per dedicare amore ad un piccolo angelo, non c’è da far altro che essere contenti per lei e per chi avrà il piacere di farsi amare come merita.
Del resto, quando tornano in mente le immagini tenerissime di Heather Parisi e dei suoi due gemellini, avuti all’età di 50 anni, non si può non pensare che un figlio voluto con amore sia una bendizione sempre e in ogni circostanza.
Di sicuro, viene da pensare che la cicogna sia fan delle “Amiche d’Abruzzo”, dal momento che di quel gruppo finora ne ha baciate già tre: Elisa, Giorgia, e ora anche Gianna! Auguri, donne.

di Palma L.