Il promotore finanziario era morto da 48 ore, è giallo

24 agosto 2010 0 Di redazione

Il promotore finanziario di Frosinone rinvenuto cadavere questa mattina, era morto da due giorni. Lo avrebbe stabilito il medico legale nel corso dell’ispezione cadaverica.
A ritorvare il corpo esanime del 39enne Mario Mingarelli è stata la moglie che è entrata nel suo ufficio Fineuro in via Casilina a Frosinone. La porta era chiusa a chiave e le finestre aperte. Dalla stessa ispezione cadaverica sarebbe emerso che, nonostante il sangue rinvenuto sulla salma, non vi sarebbero tracce evidenti di lesioni tali da poterne causare il decesso. Per avere certezze in merito, è stata disposta l’autopsia per domani. Pare che l’uomo da due giorni non tornava a casa. Si sta indagando per capire se al momento della morte Mario Mingarelli fosse solo e, soprattutto, se immediatamente prima del decesso, avesse assunto sostanze stupefacenti. Insomma, la morte del promotore Tinge di giallo l’estate ciociara.
Ermanno Amedei