Messaggio dalle viscere della terra, 33 minatori vivi ma prigionieri fino a Natale

23 agosto 2010 0 Di redazione

La bella notizia è che sono vivi e stanno bene nonostante siano passati 17 giorni dal crollo della miniera in cui lavoravano; la brutta è che ci vorranno 4 mesi per scavare un cunicolo che attraversi i 700 metri di roccia per poterli tirare fuori.
La notizia arriva dal Cile e precisamente dal deserto di Atacama dove 33 minatori sono rimasti priogionieri il 5 agosto in seguito al crollo delle gallerie. I tecnici, nonostante non arrivassero segni di vita, hanno continuato a scavare e, finlamente, da una sonda che porta direttamente ad una delle camere di sicurezza della miniera, a 700 metri di profondità, è arrivato il messaggio dei superstiti. I 33 sono sopravvissuti grazie alle riserve di aria e cibo della camera di sicurezza ma, attraverso la sonda, potranno ricevere altra acqua e altro cibo. I lavori sono ripresi a passo serrato ma, secondo i calcoli degli ingegneri che coordinano i soccorsi, non si riuscirà a liberarli pirma di Natale.
Ermanno Amedei