Giorno: 9 settembre 2010

9 settembre 2010 0

Esonda il fiume e trascina auto e detriti, si cerca una ragazza

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La pioggia battente delle ultime ore ha alzato il livello dell’acqua del fiume Dragone fino a rompere gli argini e a provocare una vera e propria alluvione nel paese di Atrani sulla costiera amalfitana in provincia di Salerno. L’esondazione ha trascinato con sè detriti e diverse auto in sosta nei pressi del centro storico del paese fortunatamente vuote. Il borgo è stato letteralmente investito dalla furia dell’acqua che ha invaso abitazioni e alcuni locali commerciali. Il proprietario di un bar è stato salvato in extremis in una valanga di fango e detriti, la ragazza che lavorava all’interno dell’esercizio risulta dispersa.

9 settembre 2010 0

Si impasticca per amore, ma poi scappa con il fidanzato

Di redazione

Litiga con il fidanzato e si impasticca. Protagonista della vicenda è una giovane di Cassino arrivata al pronto soccorso del Santa Scolastico per l’intossicazione. I medici però l’hanno visitata stabilendo che la condizione della giovane non era grave e, per questo è stata lasciata su un lettino in osservazione. Improvvisamente però la ragazza è sparita e si è temuto che avesse potuto ritentare il gesto inconsulto, per questo è stata alelrtata anche la polizia. Poco dopo, però, si è appreso che la ragazza era andata via con il fidanzato con cui, ormai, si era rappacificata. Er. Amedei

9 settembre 2010 0

Violentata a 60 anni, ma gli investigatori dubitano

Di redazione

Una donna di 60 anni di Mignano Montelungo è arrivata in ospedale a Cassino sostenendo di essere stata violentata. Al Santa Scolastica sono arrivati immediatamente i carabinieri della locale compagnia che hanno raccolto la denuncia della donna. Poi la stessa è stata sottoposta ad una visita ginecologica per verificare se vi fossero segni della violenza ma pare che nulla sia stato trovato per che confermasse la versione della donna. Avrebbe anche asserito di non conoscere il suo aggressore. L’episodio è avvenuto in serata e le indagini sono tutt’ora in corso.

9 settembre 2010 0

Corano bruciati e Sakiheh, il mondo trema

Di redazione

Sono sempre le questioni religiose a mantenere il mondo con il fiato sospeso. L’11 settembre è vicino e l’iniziativa di bruciare, nel giorno della ricorrenza della distruzione delle Torri Gemelle a New York, centinaia di libri del Corano non aiuta certamente a placare gli animi. Probabilmente il pastore evangelico statunitense Terry Jones, neanche poteva solo immaginare che la sua “Koran Burning Day” avrebbe suscitato così tanto clamore da costringere il suo presidente Obama ad intervenire sull’argomento. Pochi i messaggi di solidarietà al pastore, tante le prese di distanza, tantissimi gli attacchi e le minacce di attentati terroristici. Dal mondo islamico si è levata una ondata di proteste e incitazioni alla violenza che hanno spinto, oggi, l’Interpool a lanciare un allarme a tutte le forze di polizia nazionali: se quei Corani dovessero bruciare, il rischio attentati sarebbe elevatissimo in ogni stato. Le prese di distanza dal ‘Koran Burning Day’ sono piovute a raffica, anche dalla Francia dove il presidente Sarkozy, solo alcuni giorni fa, aveva dovuto difendere la moglie Carla Bruni, insultata dal islamici iraniani per essersi schierata conto la lapidazione di Sakiheh. Sakiheh e Terry Jones, due storie che in questa settimana, hanno portato alla ribalta scontri culturali e religiosi mai sopiti. Da una parte, quello della sentenza di morte per lapidazione, lo sdegno nel veder insultato quelli che ad occidente sembrano i principi fondamentali della vita, dall’altra quella dei Corano bruciati, che offendono il valore religioso a cui, l’altra parte del mondo, sembra voler difendere a suon di attentati terroristici. Ermanno Amedei

9 settembre 2010 0

L’ex fidanzata non vuol “tornare” e lui la violenta

Di redazione

Sarebbe dovuto essere un incontro chiarificatore, è diventata, invece, una vera aggressione sessuale. Protagonisti della vicenda sono un ragazzo di 24 anni Christian C. di Sant’Elia Fiumerapido e la sua ex fidanzata 17enne di Cassino. I fatti risalgono alla sera del 4 luglio quando i due si sono incontrati nell’auto parcheggiata vicino al tribunale. Si stava discutendo e il giovane non accettava la decisione di troncare il rapporto quando, preso dalla rabbia, ha strappato la camicia della ragazza tentando di palpeggiarla e convincerla così ad un rapporto sessuale. Le urla della minorenne hanno però attirato i due giovani che erano con lei, ma che stavano fuori dalla macchina. Il loro tempestivo intervento ha permesso di aprire la portiera e far uscire la 17enne. Il ragazzo a quel punto è scappato mentre la giovane e i genitori sporgevano denuncia alle forze dell’ordine. Inutili le ricerche, l’aggressore è stato trovato solamente la mattina dopo, quando il reato non era più flagrante e l’arresto non più consentito. Questa mattina, però, su ordine del Gip del tribunale di Cassino, sono scattate le manette con l’accusa di violenza sessuale a danno di minore.

9 settembre 2010 0

Blitz antiassenteismo dei carabinieri all’ospedale di Frosinone

Di redazione

Blitz anti assenteismo dei Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone all’ospedale Umberto primo del capoluogo Ciociaro. Ben 60 uomini hanno circondato la struttura sanitaria presidiando tutti i varchi di accesso per effettuare verifiche incrociate tra le effettive presenze del personale al momento degli accertamenti ed i tesserini magnetici (badge) timbrati in mattinata. Tutte le attività sono al vaglio degli investigatori, che stanno esaminando la posizione di tutto il personale identificato.

9 settembre 2010 0

Federalismo, senatore Usa Don Balfour: “Obama sta facendo passi indietro”

Di redazione

Il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, ha ricevuto questa mattina una delegazione dell’Associazione delle Assemblee legislative degli Stati Uniti d’America (Ncsl), guidata dal senatore Don Balfour . L’Associazione rappresenta 7500 legislatori nei 50 Stati e territori degli Stati Uniti. “Questo incontro – ha detto Abbruzzese – ha rappresentato una prima importante occasione per confrontarci su alcuni temi che fanno parte dell’agenda politico-istituzionale del nostro Paese, ma anche di quella degli Stati Uniti d’America e sui quali le Assemblee legislative sono chiamate ad esprimersi. Mi riferisco, per esempio, al federalismo, alla sanità, all’immigrazione e alle politiche sulla sicurezza”. “Oggi le dinamiche economiche dettate dalla globalizzazione e dalla crisi in atto hanno delineato nuovi scenari e nuovi problemi da affrontare e risolvere. In cima alle preoccupazioni c’è, in Italia come negli USA, l’impatto della crisi sull’occupazione, che richiede soluzioni urgenti ed efficaci. In tal senso, la Regione Lazio ha dalla sua parte una incondizionata sintonia con il Governo centrale, fondamentale in molti casi per risolvere le tante questioni sul tappeto. Non di meno abbiamo una Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni ben rappresentata dal nostro presidente Polverini, che favorisce la cooperazione tra l’attività dello Stato e quella delle Regioni”. Mario Abbruzzese, che è anche presidente capofila sul federalismo fiscale nell’ambito della conferenza delle assemblee legislative regionali, ha poi continuato il suo intervento, accennando proprio al federalismo fiscale che apre nuovi scenari per il governo delle Regioni. “Questa riforma – ha continuato Abbruzzese – rappresenta un’occasione e una sfida per l’Italia e per la Regione Lazio. L’obiettivo è quello di una maggiore responsabilizzazione delle istituzioni e di un’amministrazione più efficiente e più vicina ai cittadini. Di fatto il federalismo fiscale è destinato a risolvere un problema che il nostro sistema si porta dietro da troppo tempo. In Italia, infatti, sono più di vent’anni che si tenta invano di superare il criterio della spesa storica, in base al quale decine di miliardi di trasferimenti statali sono stati assegnati in base alla spesa sostenuta fino ad oggi. Questo sistema, basato sul criterio per cui più spendi e più sei premiato, produce una sorta di incentivo all’inefficienza. Viceversa, il criterio del fabbisogno standard è invece diretto a identificare il costo efficiente di un servizio, che diventa il parametro in base al quale rapportare le risorse finanziarie autonome. Anche il Lazio deve affrontare tale sfida perché il federalismo fiscale introduce modelli virtuosi di competizione e di efficienza, dando maggiore responsabilità alle amministrazioni locali. Il riconoscimento di una maggiore autonomia finanziaria agli enti territoriali, punto di avvio della riforma deve essere necessariamente accompagnato dall’affermazione del principio di solidarietà tra aree forti e aree deboli del Paese”. Dopo aver affrontato i temi dell’istruzione e dell’immigrazione, auspicando la creazione di una società “che non sia semplicemente multietnica, ma che diventi, invece, interetnica”, Abbruzzese si è soffermato sulla Sanità. “La sanità – ha detto – in molte regioni italiane registra punte di eccellenza ma anche gravi inefficienze, determinate soprattutto da una cattiva gestione di risorse e di professionalità. Eliminare le inefficienze e fare anche del Lazio una Regione virtuosa costituisce una delle priorità per questa legislatura. Nel Lazio si è determinato un indebitamento difficile da colmare e che richiede una decisa azione di governo. Per questo motivo è in atto un piano di rientro dal deficit sanitario che prevede un taglio degli sprechi e, parallelamente, una riorganizzazione ed un ammodernamento della rete ospedaliera. Ciò significa concentrarsi sulle strutture ospedaliere di eccellenza e sul potenziamento dei presidi territoriali”. L’intervento di Abbruzzese si è concluso con l’invito al presidente Balfour e ai membri della delegazione a far sì che “questo confronto sia l’occasione per intraprendere nuove collaborazioni, prevedendo per esempio interscambi tra i rispettivi uffici legislativi che supportano il funzionamento tecnico e organizzativo delle Assemblee. Queste, infatti, hanno un ruolo fondamentale nel recepire le istanze dei cittadini, tanto più in un questo momento di crisi. Se infatti le politiche nazionali si concentrano su obbiettivi macro, alle Regioni/Stati federali è demandato il compito non residuale di declinare, attuare e sostenere le politiche così dette ‘micro’, ma di grande impatto sulla vita delle persone”. Don Balfour, dal canto suo, ha sottolineato come dal 1996 il Dipartimento di Stato ha chiesto alla Ncsl di condividere le esperienze governative federali con i Consigli regionali e le Assemblee italiane “in un momento in cui stiamo tutti affrontando la fase della devolution, ossia il trasferimento delle responsabilità dal Governo centrale agli stati o regioni. Questa di oggi è per noi la quinta visita ufficiale in Italia”. Balfour si è poi soffermato sull’importanza delle relazioni che esistono fra gli Stati e il Governo Federale degli Usa. “La crisi economica mondiale ha causato enormi deficit di budget non solo ai nostri Stati, ma anche ai budget delle vostre regioni, creando enormi difficoltà”, ha detto il senatore americano della Georgia. “Nei primi sei mesi del 2010 gli Stati nazionali hanno subito una diminuzione delle entrate fiscali per oltre 173 miliardi di dollari. Poiché le Costituzioni di molti Stati richiedono un equilibrio di bilancio, i miei colleghi ed io abbiamo dovuto affrontare questa diminuzione attraverso la riduzione delle spese e l’aumento delle tasse. In alcuni Stati americani le tasse sono state aumentate per 53 miliardi di dollari, in altri sono stati effettuati tagli per 120 miliardi così da poter arrivare al pareggio di bilancio. Ad oggi tutti sanno che il 1 gennaio 2011 si troveranno ad affrontare un deficit di altri 89 miliardi di dollari, con un’economia che continuerà ad essere in difficoltà. Il deficit del Governo federale, che non è obbligato a rispettare equilibri di bilancio, è attualmente di oltre 13 mila miliardi di dollari”. “Recentemente – ha continuato Don Balfour – il Congresso ha istituito una Commissione federale per ridurre il debito. L’Ncsl teme che la Commissione suggerisca al Governo federale di inviare meno fondi per finanziare i progetti condivisi con gli Stati, lasciando i costi completamente a carico degli stessi. Oppure di introdurre una tassa sul valore aggiunto al posto dell’attuale tassa federale sul reddito. Questo potrebbe danneggiare seriamente le entrate fiscali degli Stati e la loro indipendenza rispetto al Governo federale”. Il senatore degli States ha chiuso il suo intervento ricordando che “Negli ultimi ottant’anni ci sono stati continui confronti fra il Governo federale e quelli statali proprio sulle politiche di federalismo fiscale. Negli anni Ottanta Ronald Regan ha intrapreso la strada del decentramento delle responsabilità agli Stati. Strada portata avanti anche da Clinton. Oggi – ha concluso – Obama sta facendo un passo indietro, aumentando il peso del Governo federale”.

9 settembre 2010 0

Senza biglietto aggredisce controllore e finanzieri sul treno Roma-Cassino

Di admin

E’ stato arrestato con l’accusa di lesioni a pubblico ufficiale un nigeriano che ha dato in escandescenza sul treno della tratta Roma Cassino. L’uomo che stava viaggiando senza biglietto, alla richiesta del controllore delle ferrovie di mostrargli il titolo di viaggio è andato su tutte le furie. Ha aggredito il controllore strattonandolo più volte poi ha tentato la fuga ma ha incontrato due militari della Guardia di Finanza in borghese che erano intervenuti per bloccarlo ed ha aggredito anche loro. L’uomo è stato arrestato dai carabinieri di Frascati appena il treno si è fermato nella stazione di Colle Mattia.

9 settembre 2010 0

Cassino calcio / Il Caira riparte dalla prima categoria

Di redazione

Fortemente rinnovato nei quadri societari e nelle ambizioni, riparte dalla prima categoria l’avventura sportiva del Caira. Dopo una stagione difficile e sfortunata, portata a conclusione con dignità grazie alla passione e alla tenacia del Presidente riconfermato Alessandro Oliva e del Direttore sportivo Gianni Miele, la società del cassinate rilancia le proprie ambizioni partendo appunto dal rafforzamento della struttura societaria. Il lavoro di tessitura fra personalità dello sport, della società civile e del mondo economico locale condotto dal consigliere regionale Annalisa D’Aguanno ha, di fatto, reso possibile il passaggio dalla precedente gestione al nuovo assetto societario che prevede una nuova fase di sviluppo, sventando di fatto il rischio che una realtà così importante addirittura scomparisse dal panorama sportivo locale. I frutti dell’opera di D’Aguanno, al di là del rinnovo della piena fiducia nel presidente Oliva e nel direttore sportivo Miele, sono presto riassumibili. L’ingresso di Luca Di Meo, professionista del settore immobiliare di Cassino, è stato il primo tassello nella direzione dell’allargamento e dell’inclusione di tutti coloro che abbiano a cuore il riscatto non solo sportivo della frazione di Cassino. Altri ingressi importanti nel direttivo societario sono quelli di Renato Di Carlo, imprenditore di Cassino, che da anni impegna la sua passione per il calcio nel campionato amatoriale, di Fabio Leva, da anni punto di riferimento per molti giovani di Caira per il suo forte coinvolgimento nella locale squadra amatoriale, e della famiglia Capitanio, da decenni impegnata con serietà e competenza nel calcio locale, che curerà in prima persona la gestione del settore giovanile del Caira dai primi calci alla categoria Juniores. Ma di rilievo è anche l’approdo nella società di un altro imprenditore di spicco, Danilo Zola, attivo nel settore dei marmi, ma per formazione attento ai problemi giovanili ed alle istanze sociali della città. Presso il campo sportivo di Caira la prima squadra – guidata da Lorenzo Pittiglio e Cosimo Vecchio, coadiuvati dal preparatore atletico Miele Marco e dal preparatore dei portieri Paolo Lorini – ha cominciato la nuova stagione agonistica con rinnovata consapevolezza del proprio potenziale tecnico/societario. Per quanto riguarda l’organico della prima squadra, l’allenatore ha confermato diversi giocatori della passata stagione, soprattutto i più giovani, che nonostante lo sfortunato esito finale, hanno mostrato buone potenzialità. A questo gruppo, sono stati aggregati giocatori di provata esperienza e dall’illustre passato.

9 settembre 2010 0

Traffico di cagnolini, denunciati 53 importatori

Di redazione

Individuati e denunciati 53 presunti importatori clandestini di cuccioli di cane dai paesi dell’est Europa. Un dossier di 21 pagine contenente indirizzi e testimonianze relative a 53 persone, esercizi commerciali, allevamenti e siti di vendita on line di cuccioli di cane è stato inviato ieri dal presidente dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente alla procura della repubblica di Roma. Nel dossier accompagnato da un esposto firmato dal presidente dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente Lorenzo Croce si ipotizza il reato di importazione illegale e commercio di cuccioli di cane (molti dei quali malati e forniti di documenti sanitari evidentemente falsificati) provenienti da allevamenti dell’est Europa importati e venduti in maniera illegale in Italia. Una vera e propria mappa, quella consegnata alla procura della repubblica di Roma che di fatto indica i nominativi di persone, negozi ed allevamenti situati in 12 diverse regioni italiane, e indica anche sei siti di vendita di cuccioli di cane via internet. Il dossier è la sintesi di un lavoro di ricerca e segnalazioni inviate da singoli cittadini che sono stati truffati direttamente ai quali è stato venduto un cane di importazione clandestina spesso malato e con documenti falsi e di segnalazioni di persone ed altre associazioni presenti sul territorio che hanno segnalato ad AIDAA la presenza sul territorio di negozi che vendono animali di importazione clandestina. Oltre all’elenco degli indirizzi e dei nominativi dei sospetti importatori e venditori clandestini di cani il dossier è corredato da diverse testimonianze tutte riconducibili a persone precise che hanno subito delle truffe o che sono a conoscenza di fatti che fino ad oggi non erano stati denunciati ma che presi non singolarmente aiutano a fare quella che di fatto è la prima mappa, seppur parziale e perfettibile, a livello nazionale che traccia un primo quadro generale di questo fenomeno che è assolutamente vasto e che ogni anno vede importati in Italia migliaia di cuccioli dai paesi dell’est Europa e che corredati di documenti e documenti veterinari falsificati vengono poi venduti al dettaglio grazie ad una rete di negozi compiacenti sparsa su tutto il territorio nazionale per un giro di affari non inferiore ai 20 milioni di euro di profitto illegale. “Il dossier che abbiamo inviato ieri alla procura di Roma è solo il primo passo verso la realizzazione di una mappa nazionale completa di questi personaggi squallidi che fanno i loro affari sulla pelle dei cuccioli importati senza grossi scrupoli dall’est Europa e che giungono in Italia dopo viaggi massacranti spesso senza acqua ne cibo- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- ora ovviamente la nostra azione continua e vogliamo al più presto allargare questa mappa che al momento tocca 12 regioni italiane e 6 siti di vendita online di cuccioli di cane. L’invito è quello di continuare a segnalare i nominativi dei negozi dove vengono acquistati i cani malati o con documenti sanitari e passaporto europeo falsi, e di denunciare ogni singolo caso alle forze dell’ordine in quanto è evidente che solo denunciando questi signori possiamo bloccare questi traffici che vengono a volte scoperti ma che in realtà da quanto si evince anche da questo primo dossier che noi abbiamo inviato a Roma è molto ramificato, forse molto più di quanto non possiamo immaginare noi stessi. Ringrazio le centinaia di persone che ci hanno inviato e ci stanno inviando le loro segnalazioni- conclude Croce- ovviamente prima di elaborare il dossier abbiamo deciso di verificare le singole segnalazioni dando precedenza a quelle corredate da testimonianze dirette di persone che conoscono o che in molti casi sono stati loro stessi truffati”. ELENCO DEI NOMINATIVI SEGNALATI PER SINGOLA REGIONE Regione num di segnalazioni LOMBARDIA 15 TOSCANA 7 CAMPANIA 6 VENETO 5 LAZIO 4 SICILIA 2 PIEMONTE 2 EMILIA ROMAGNA 2 MARCHE 1 LIGURIA 1 PUGLIA 1 TRENTINO A. ADIGE 1 NEGOZI ON LINE 6