Ben 87 chili di droga sottratta ai… Pit Bull

29 settembre 2010 0 Di redazione

Questa mattina, i carabinieri del NORM della Compagnia di Sora, collaborati da personale delle Stazioni Carabinieri territorialmente competenti, comandati dal capitano Luca Cesaro e dal tenente Angelo Lachimia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’ufficio GIP del Tribunale di Cassino, su richiesta del Sostituto Procuratore Dott.ssa Siravo, nei confronti di Nunez Josè Fabian, classe 1985 di Atina e Claudio Crescenzi, classe 1961 di Boville Ernica per spaccio di sostanze stupefacenti continuato in concorso. Le indagini hanno consentito non solo di effettuare arresti in flagranza ed il sequestro di ingenti partite di droga, ma anche di comporre un quadro gravemente indiziante a carico di un gran numero di persone in modo professionale e continuativo, un’allarmante attività di spaccio di sostanze stupefacenti a Sora e nei centri più piccoli della Valle di Comino. L’attività dei Carabinieri di Sora, denominata “PIT BULL” per ricordare la razza di cani di cui alcuni spacciatori si servivano per proteggere i nascondigli dove veniva celata la droga, condotta ormai da diversi mesi, aveva già portato all’arresto di un altro personaggio della Valle Comino che, nel giugno del 2009, veniva trovato in possesso di un ingente quantitativo di stupefacente ed un’arma clandestina munita di silenziatore, carica e perfettamente funzionante, il tutto nascosto a bordo della propria autovettura. Lo stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di 87 chilogrammi, era suddiviso in 5 grossi involucri, perfettamente confezionati e protetti per resistere ad intemperie ed il cui valore, qualora messo sul mercato, avrebbe fruttato più o meno 200 mila euro. Lo spacciatore nella circostanza, non appena intuito di essere pedinato dai carabinieri, aveva opposto una strenua resistenza investendo i militari che nonostante le lesioni riportate lo hanno inseguito e una volta raggiunto sono riusciti ad immobilizzarlo e ad arrestarlo. Da quell’evento ed attraverso lo scrupoloso vaglio di ulteriori elementi, gli investigatori hanno portato a termine l’operazione “PIT BULL”, che oltre ai due arresti odierni, ha portato nel suo complesso all’arresto in flagranza di reato di altre 5 persone, alla denuncia in stato di libertà di ulteriori 7 soggetti, al sequestro di 87 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”, di 415 grammi di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”, nonché di una pistola semiautomatica alterata clandestina con relativo munizionamento ed un silenziatore.