Sequenza di furti d’auto nella notte, inseguimenti e ricerche dei carabinieri

23 settembre 2010 0 Di redazione

Continuano, nel frentano, le incursioni notturne dei ladri. I malviventi rubano auto per spostarsi sul territorio e commettere altri furti, cambiandole ogni volta che riescono a rubarne un’altra. Un fenomeno che preoccupa ovviamente i cittadini e a cui i carabinieri del comando provinciale di Chieti stanno trovando contromisure per limitarne gli effetti. Nella notte tra martedì e mercoledì, gli uomini del colonnello Giuseppe Cavallari hanno organizzato un apposito servizio nella provincia che, solo per una serie sfortunata circostanza, non ha permesso di arrestare i malfattori. Tre auto rubate nel corso della stessa notte sono state rinvenute mentre i ladri sono riuscii a fuggire a piedi per nelle campagne. La prima, una Opel Corsa rubata a Pennadomo è stata ritrovata a Tornareccio, dove i ladri l’avevano lasciata per rubare una Golf. Immediatamente è scattata una operazione di cinturazione dell’area impiegando tutti i militari in servizio. L’impegno ha permesso di ritrovare la Golf che i ladri, braccati dai carabinieri, hanno deciso di abbandonare. Le ricerche sono continuate fino a quando i militari non hanno intercettato una Fiat Croma rubata ad Atessa. È iniziato quindi un inseguimento e i malfattori, per evitare l’arresto, hanno abbandonato l’auto scegliendo la fuga nei campi. Stessi controlli anche a Lanciano e Fossacesia dove i militari hanno denunciato L.D. 51 anni di Paglieta che aveva un divieto di far ritorno a Lanciano. A Fossacesia, invece, tre rumeni sono stati denunciati per aver effettuato la raccolta del ferro senza le necessarie autorizzazioni. Stesso provvedimento è stato preso a San Vito Chietino nei confronti di altri tre rumeni.