Ambiente devastato, l’amministrazione provinciale intensifica i controlli

8 ottobre 2010 0 Di redazione

In relazione alle preoccupanti notizie, apparse sulla stampa, relative alla criticità ambientale dell’intero territorio provinciale, si vuole, per chiarezza, portare a conoscenza dell’opinione pubblica che:
L’intero territorio provinciale, rientra nei siti di interesse nazionale soggetti a bonifica a diretta gestione del Ministero dell’Ambiente che, per mezzo delle proprie Direzioni Generali, collaborando con i competenti Uffici Regionali, i Comuni, la stessa Provincia di Frosinone e gli Enti tecnici a livello provinciale, provvede per la gestione dei finanziamenti, per le progettazioni e quant’altro, proprio per la bonifica delle discariche, ormai dismesse, insistenti nei vari territori comunali;
Per quanto riguarda la questione “Valle del Sacco”, anche in questo caso, parte dei Comuni interessati territorialmente, al bacino idrografico del Fiume Sacco, sono ricadenti nella gestione Ministeriale e solo in minima parte (territorio nord provinciale) la gestione è affidata all’Ufficio del Commissario Straordinario Regionale.
Questa Presidenza sta lavorando per far si che vi sia l’ampliamento dell’area interessata fino al territorio del Comune di Falvaterra.
Le criticità oggi palesate, sia in aree private che in aree di gestione pubblica, non sono altro che lo strascico di precedenti, forse, errate gestioni di questa Amministrazione che rammento, per Legge, ha l’obbligo della vigilanza e il controllo del territorio in materia ambientale. Proprio nell’ottica del rispetto delle Leggi e norme ambientali questa Amministrazione sta ricucendo i rapporti con gli Enti e Organi preposti al controllo intensificando la collaborazione, senza in nessun caso prevaricare, l’operato della Magistratura che svolge attività di spessore ben più elevato per il contrasto dei reati ambientali.
Per quanto riguarda gli impianti SAF, i controlli amministrativi sono tutt’ora in corso e lasciamo lavorare i tecnici per le valutazioni del caso, dove si rendesse necessario, prenderemo i provvedimenti amministrativi di nostra competenza senza omettere nulla, valutando se necessario altre prescrizioni tecniche da imporre per la migliore gestione del ciclo dei rifiuti.
E’ già allo studio, tra l’altro, da parte mia e dell’assessorato competente, la riorganizzazione e il riassetto dell’intero settore Ambiente di questa Provincia, nonché della futura specializzazione, nel settore della normativa ambientale, della nostra Polizia Provinciale e la creazione di un tavolo tecnico di controllo ambientale specializzato alle dipendenze degli Uffici di Presidenza”.
E’ quanto dichiara il Presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli