Furto da Cartier, rubato anello a mezzo milione di euro

19 ottobre 2010 0 Di redazione

Con mezzo milione di euro si possono comprare tante cose, uno o forse due appartamenti, macchine dai marchi prestigiosi, barche, tutte cose difficili da rubare perché ingombranti. Ma un gioiello da Cartier, in via Condotti a Roma, sembrava veramente impossibile da rubare. Un diamante da 5 carati montato su platino impreziosito da un pavè di diamanti, un gioiello da mille e una notte che costituiva il pezzo forte della gioielleria più rinomata al mondo. A farlo sparire sotto gli occhi della commessa e del personale di sicurezza sono stati due uomini che si sono presentati, spacciandosi per arabi intenzionati ad acquisti importanti. Ben vestiti, eleganti, dai modi raffinati, i due hanno chiesto di visionare la collezione più preziosa. Dinnanzi a tanto scintillio, i due hanno inscenato la loro parte migliore e, mentre uno chiedeva informazioni, l’altro, sotto gli occhi della donna, ma senza farsi vedere (e non si capisce come ha fatto), ha sottratto un pezzo da 500 mila euro. Poi, elegantemente hanno finto di snobbare tutti i pezzi, hanno salutato cortesemente commessa e personale di sicurezza guadagnando l’uscita e dileguandosi tra i vicoli di Roma. Immediate sono scattate le ricerche della polizia allertata e, fin da quando si è diffusa la notizia, la vetrina di Cartier si sono affollate di curiosi. Insomma, è vero che la gioielleria ha perso un pezzo importante, ma ne ha guadagnato in pubblicità se si considera che tutti i quotidiani internet e le agenzie hanno battuto la notizia, cosa che, sicuramente, faranno domani mattina anche i giornali tradizionali.
Er. Amedei