Giorno: 1 novembre 2010

1 novembre 2010 0

Enilde Tucci è il nuovo vice sindaco. Proietti: “Per crescere ancora”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il Comune di Serrone ha un nuovo vice sindaco e assessore alle politiche finanziare, dello sport e del turismo. Enilde Tucci, 28 anni, consigliera comunale della lista “Il Girasole”, una laurea in economia e commercio e la passione per il volley, già da tempo affiancava l’ex assessore e vice sindaco, il dottor Maurizio Lucidi, per quel che riguarda la promozione turistica e il marketing territoriale. Dopo la prestigiosa nomina del dottor Lucidi a commissario straordinario del Parco dei Monti Simbruini, il sindaco Maurizio Proietto, d’accordo con la maggioranza che lo sostiene, ha deciso di affidare a lei il compito di dare continuità all’operato dell’Amministrazione comunale in settori particolarmente delicati per la vita di un comune come Serrone, quali le poltiche economico-finanziarie, lo sport e il turismo. “Ad Enilde Tucci – dichiara il sindaco Proietto – faccio i migliori auguri di buon lavoro. Nonostante la giovane età è una ragazza brava e preparata che ha già dimostrato di avere la passione giusta per ricoprire un incarico che, mi preme ricordarlo, in un piccolo comune come il nostro richiede una grossa dote di sacrificio e vero e proprio spirito di volontariato. Ritengo che la Tucci sia la persona più adatta per le deleghe che le sono state assegnate: in particolare quella economico finanziaria, dove può contare sulle proprie competenze professionali, e quella per il settore turistico ricettivo, nel quale già da tempo ha mostrato di sapersi applicare con entusiasmo e passione”. “Colgo l’occasione – conclude il sindaco – per ringraziare il dottor Maurizio Lucidi per tutto quello che ha dato al nostro Comune da vice sindaco e sono sicuro potrà ancora dare anche da Commissario del Parco dei Simbruini. Un ultimo ringraziamento, infine, va ai consiglieri comunali della coalizione che hanno mostrato lo spirito giusto per individuare la persona più adatta per completare la composizione della Giunta e poter proseguire nel modo migliore il nostro cammino amministrativo”

1 novembre 2010 4

Scandalo Ruby, Berlusconi apre all’Udc ma Cesa sbatte la porta. Crepe nei consensi

Di redazione

Non si dimette per aiutare il Paese, è un po’ il senso di quanto sostiene Berlusconi, di fronte allo scandalo sessuale e istituzionale che porta il nome della ragazzina marocchina Ruby, oggi maggiorenne. Il premier, come spesso capita, affida le sue esternazioni ai libri di Bruno Vespa. “Una mia defezione – dice in questo caso – procurerebbe danni seri al centrodestra e a tutto il Paese. Non sono mosso da ambizioni politiche, il sacrificio a cui mi sottopongo è grande, ma sto qui per senso di responsabilità”. Detto questo guarda all’Udc di Casini auspicando un accodo politico per l’ingresso in maggioranza del partito di Centro. A questa ipotesi, però, il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa sbatte la porta. “Non ci interessa un accodo con questo Governo”. Qualche crepa sul muro di consensi che ha sempre sorretto Berlusconi, comincia a farsi vedere. Anche tra i commenti ai nostri articoli che riguardano il premier, tra quelli che lo assolvono e lo sostengono, cominciano a comparire anche i primi elettori del centrodestra critici sulle circostanze che riguardano il loro leader. Tra tutti ne abbiamo scelto uno in chiave positiva ed uno in chiave negativa. “Nella legislatura precedente ed attuale, – scrive Armando da Frosinone – il dott. Silvio Berlusconi, è stato riscontrato che ha sempre fatto qualcosa di positivo per l’Italia. Nel bene o nel male, secondo il mio parere, ha sempre fatto meglio di qualcun’altro. Ora, invece di attaccarlo continuamente con insinuazioni e accuse varie, in gergo (trovare il pelo nell’uovo), non sarebbe il caso di lasciarlo lavorare in pace dal momento che l’Italia sta attraversando questo momento di crisi profonda? Non dimentichiamo che si è sempre interessato e presentato di persona a fronte di ogni problema! Per esempio il terremoto dell’Aquila etc… Non dimentichiamo! Gli altri politici, invece di puntare al gradino più alto del podio, sarebbe meglio che gli dessero supporto ed aiuto concreto per superare questo difficile momento. Allora mi chiedo: se ogni santo giorno dobbiamo vedere la guerra sui giornali ed in tv, tra politici, quando arriverà la risoluzione di qualche problema? È così che funziona in Italia adesso? Rompersi le scatole a vicenda? Andassero a lavorare seriamente dando un serio supporto al premier invece di accusarlo! È un essere umano come tutti pieno di pregi e difetti. Forse il suo difetto è di essere troppo buono e caritatevole?”. Giovanni, invece sostiene una tesi diversa: “Sono BERLUSCONIANO ma ora basta. Ogni cosa ha un limite. Non si può e non si deve continuare calpestando tutti i principi etici. Se tutto quello che si dice non è vero il sig. Berlusconi vada a riferire in Parlamento rassicurando così gli italiani che, nonostante tutto, credono ancora in lui. Un consiglio Sig. Berlusconi si faccia un po’ più furbo e impari a tacere, qualche volta fa bene”.

1 novembre 2010 0

Avignone – Ceccano, gli alunni del liceo scientifico accolti con tutti gli onori

Di redazione

Avignone, Salle des Fetes della Mairie, vin d’honneur per gli allievi del Liceo Scientifico e linguistico di Ceccano. “Vi ringrazio perché in tutti questi anni avete mantenuto viva la storia comune che lega Avignone e Ceccano ed avete consentito a questa Città di riscoprire Annibaldo dei Conti di Ceccano, cui dobbiamo la bellissima livrée che oggi ospita la Mediateca Ceccano”. Così, monsieur Michel Chirinian, assessore ai rapporti internazionali ad Avignone, ha accolto i docenti e gli allievi del Liceo, nella magnifica sala di rappresentanza del Municipio della città provenzale. Gli allievi avevano appena visitato la Médiathèque Ceccano, guidati dai loro insegnanti, ed hanno quindi raggiunto Place de l’Horloge, dove Monsier Chirinian li attendeva sulla porta della Mairie. C’è stato allora il ricevimento ufficiale che suggella i rapporti tra Ceccano ed Avignone, iniziati nel 1994 e sostenuti con insistenza dal Liceo di Ceccano che ne ha fatto una della sue attività principali. Proprio il fatto che siano i giovani ad essere protagonisti, ha entusiasmato monsieur Chirinian che, da uomo di parola e non di parole, si è impegnato per un’intensificazione dei rapporti e per uno scambio tra il Liceo di Ceccano e un Lycée di Avignone. La prof.ssa Alessandrini, responsabile del progetto, ha offerto all’assessore Chilinian una serie di stampe del pittore Marco Gizzi, insieme ad un suo catalogo e ad una pubblicazione predisposta dal Comitato per il Gemellaggio tra Ceccano ed Avignone, oltre ad una lettera del sindaco di Ceccano a madame Roig, maire d’Avignon. L’assessore stato invitato a Ceccano, per partecipare al Corteo Storico nel prossimo mese di giugno La delegazione del Liceo era accompagnata dal prof. Corrado Belluomo, che ha tenuto una lezione su Petrarca e da Christian Gobillot dell’Associazione Homilius. Il ricevimento nella Salle des Fetes riconosce definitivamente il grande lavoro svolto dal Liceo di Ceccano in questi anni: sono ormai più di 1500 gli allievi ella scuola fabraterna che hanno visitato la città provenzale.Gli allievi del Liceo di Ceccano sono stati ricevuti anche dall’assessore al turismo di Villeneuve lez Avignon dove c’è un’altra livrée cardinalizia di Annibaldo de Ceccano.

1 novembre 2010 0

Meteo, temporali e venti forti al sud Italia

Di redazione

Il progressivo spostamento verso sud-est di un sistema depressionario presente sul Mediterraneo centrale comporterà condizioni di spiccata instabilità anche sulle regioni meridionali, dopo le condizioni di instabilità che hanno causato numerose criticità nel nord del Paese dove le precipitazioni continueranno anche per gran parte della giornata di domani, come previsto dall’emissione dell’avviso di avverse condizioni meteorologiche. Sulla base dei modelli disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di avverse condizioni meteo che integra ed estende quello diffuso nei giorni precedenti e che prevede dalla tarda serata di oggi, lunedì primo novembre, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale di forte intensità, sulle regioni meridionali Tali fenomeni saranno accompagnati da attività elettrica e forti raffiche di vento. Il Dipartimento della Protezione Civile continuerà, come fatto anche nella giornata odierna con tutte le regioni del centro e del nord, a seguire l’evolversi della situazione in contatto con le Prefetture, le Regioni e le locali strutture di protezione civile.

1 novembre 2010 0

Rifiuti, terminati i compiti della Protezione Civile. Rimangono i militari

Di redazione

Mentre proseguono le attività di raccolta dei rifiuti giacenti nelle strade di Napoli da parte di Asia – con il pieno utilizzo del termovalorizzatore di Acerra, che ieri ha smaltito 1598 tonnellate di rifiuti tritovagliati – il Dipartimento della Protezione Civile informa che, con le disposizioni adottate dal Presidente del Consiglio dei Ministri riguardo a Cava Sari ed a Cava Vitiello concordate con i sindaci dei 18 comuni dell’area vesuviana, viene a cessare il ruolo di affiancamento della protezione civile nazionale alle autorità locali nella gestione dello smaltimento dei rifiuti in Campania. La struttura militare guidata dal generale Morelli continuerà ad assistere la Regione Campania e la Provincia e il Comune di Napoli nella programmazione dei flussi per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani fino alla piena normalizzazione delle attività in corso e nell’opera di analisi, verifica e sistemazione della Cava Sari che viene assegnata come utilizzo ai comuni della fascia vesuviana. Nel corso di una serie di riunioni tecniche previste nel pomeriggio del 2 novembre con gli enti locali, il Capo Dipartimento della Protezione Civile Guido Bertolaso definirà tutte le iniziative tecniche e operative utili per porre le istituzioni competenti nelle migliori condizioni possibili per riorganizzare e migliorare i piani di smaltimento dei rifiuti di competenza della Regione, della Provincia e del Comune di Napoli.

1 novembre 2010 0

Pallavolo Lanciano / Primo impegno impegnativo per la Di Monte, arriva la Sevel

Di redazione

E’ subito derby per la DI MONTE BARBECUE LANCIANO, e quindi subito adrenalina, subito intensità, subito competizione, corretta ma con la voglia di primeggiare. I giovanotti in azzurro (quest’anno indossano i colori simili alla nazionale) si caricano subito per l’appuntamento tradizionale con i concittadini rivali della SEVEL e sentono molto l’impegno, le stracittadine hanno sempre fascino, e la complicazione delle rivalità, l’emozione può giocare qualche volta brutti scherzi. Ma non è questo il caso, la DI MONTE BARBECUE affronta l’impegno con la giusta concentrazione ed, anche, con la giusta pazienza, sapendo che in alcune fasi ci sarà da lottare ed opporre agonismo ad agonismo. Infatti dopo un primo parziale condotto con buon piglio dai ragazzi di mister Dalerci (da quest’anno coadiuvata dal secondo Di Biase), la SEVEL reagisce e mettendo pressione sulla ricezione degli “azzurri” riesce a chiudere ai vantaggi il secondo set ed a portarsi sull’uno a uno. Dalerci cambia qualcosa, capitan Milano va al centro e Colacioppo entra in banda ed a ricevere, dietro migliora qualcosa ed anche il muro è più efficace. Angelo Grossi e Antonio Sciorilli lavorano bene da posto 2 e da posto 4, ed anche il servizio, ottimo nel primo set (gran serie di Stante a scavare solchi nella ricezione avversaria) diventa più continuo. Nel finale di 3° set con la DI MONTE BARBECUE in vantaggio entra Valerio ad alzare in vece di Grossi e poi prosegue nel quarto; dopo un inizio di marca DI MONTE la SEVEL arriva sul 16 pari; Stefano Di Monte aveva provveduto con una striscia di servizi ad allontanare i suoi e ad avvicinarli alla conclusione, ma non sempre l’attacco del Dalerci team è continuo, torna Andrea Grossi in regia, e gli azzurri riescono con una buona serie di muri a creare le condizioni per arrivare al sospirato 3 a 1 e ad aprire il campionato 2010 2011 con una bella e convincente vittoria.

1 novembre 2010 0

Pallavolo Lanciano, la Bls D’Autillio supera il Casoli

Di redazione

BLS D’AUTILIO LANCIANO-GSA GROUP CASOLI 0-3 Terza giornata di campionato di C e terza formazione diversa per la BLS, contro il quotato Casoli Litterio deve inventare ancora, per infortuni e indisposizioni varie e schierare ancora una volta un sestetto diverso, questa volta con età media molto bassa. Infatti contro le ex Di Giosaffatte Pomponio Troilo Di Bucchianico schierate dal Casoli le lancianesi hanno dovuto far fronte con una formazione quasi under 18, che oltre ad affrontare il campo con ruoli inediti doveva anche gestire la comprensibile emozione nel trovarsi a giocare contro atlete molto più esperte; mister Daniele Litterio ha giocato tutto sulla motivazione e l’inizio gara gli ha dato ragione, perchè la babies frentane hanno tenuto testa alle ospiti tenendo in ricezione e contenendo con difese e coperture a muro l’attacco avversario. Di Mattia neo titolare opposto ha affrontato l’impegno con discreta versatilità, Della Valle Sorrentini e Rossi che dovevano sostenere anche il peso della ricezione hanno resistito finchè hanno potuto poi la battuta e l’attacco ospite hanno fatto la differenza ed anche se Di Paolo Milano e Muffa che erano nei loro ruoli abituali hanno comunque provato, ma nel corso della gara un pò tutti i reparti della BLS hanno subito un calo. Paradossalmente è stato meglio aver avuto problemi in questa fase del campionato (la prima, che non tiene conto dei risultati acquisiti e non li porta alla fase successiva) e contro questa formazione, che non successivamente, ora è importante recuperare le assenti e tornare ad allenarsi a ranghi completi per essere al meglio contro le formazioni più alla portata. 20/25 (25′) 15/25 (22′) 13/25 (21′)

1 novembre 2010 0

Basket Cassino / Seconda vittoria consecutiva per la BPF

Di redazione

Seconda vittoria consecutiva per la Banca Popolare del Frusinate Cassino che batte tra le mura amiche una coriacea e mai doma Alfa Omega Ostia per 70 a 68, dopo un match dai due volti visto l.andamento alterno tra i primi due quarti e gli ultimi due. In entrambe le squadre c.erano assenze pesanti, tra i padroni di casa mancavano gli infortunati Boffelli e Falanga ed il convalescente De Santis, tra gli ospiti Zanchelli, Centolani e Ciancio. Il Cassino partiva bene e dopo pochi minuti i ragazzi di coach Pagano erano avanti già di dieci punti. Come sempre sugli scudi Michele Guida, uno dei leader di questa squadra e il lituano Donatas Jonikas sempre più convincente e determinante partita dopo partita. I lidensi non riuscivano ad arginare i padroni di casa che sembravano più reattivi e concreti, il primo quarto finiva 23 a 14 e il secondo continuava sulla falsa riga del primo, anzi una difesa eccezionale e un ottimo impatto sulla partita degli uomini della panchina Cipriano e Russo permetteva di scavare il primo solco tra le due squadre con la Banca Popolare del Frusinate Cassino che si portava fino al 34-20. A questo punto la reazione dell’Alfa Omeganon si faceva attendere soprattutto erano Malato e Lucibello a mettersi in evidenza, la risposta al break cassinate permetteva di recuperare qualche punto, ma gli ultimi due minuti del Cassino erano da incorniciare e la bomba di Iannarilli allo scadere della sirena permetteva ai cassinati di andare al riposo con un vantaggio considerevole 43 . 24. Al rientro dagli spogliatoi i padroni di casa sembravano aver smarrito la strada giusta, gli uomini di coach Tardiolo si facevano sotto soprattutto con Di Giacomo, alla fine il migliore realizzatore dei suoi, la zona difensiva e un pressing a tutto campo riportavano sotto Ostia e con un parziale di quarto 9 . 21, l’Alfa Omega riduceva lo svantaggio in modo significativo e il terzo quarto si chiudeva 52 . 45. Con soli sette punti di vantaggio, dopo essere stata avanti dal primo minuto e a tratti anche di 23, la Banca Popolare del Frusinate Cassino doveva solo controllare la partita, ma l.ultimo quarto era da cardiopalma, con gli ospiti a rosicchiare punto su punto e i cassinati che perdevano qualche palla di troppo, si scivolava cosi fino all.ultimo minuto quando Ramundo e uno stoico Jonikas mettevano la parola fine ad un match molto avvincente. La vittoria permette cosi al Cassino di salire a quota quattro, le defezioni di Boffelle di Bisogna dire cZanchelli iancio e Centolani Tabelino: Banca Popolare del Frusinate Cassino . Alfa Omega Ostia 70 -68 Cassino: Jonikas 21, Russo 0, Guida 16, Mangiante 5, Ramundo 13, Iannarilli 7,Cipriano 8, Tamburrini, Iannetta, Schiavi. Coach: Pagano Ostia: Arisci 9, Lucibello 13, Malato 12, Tomassono, Di Giacomo 18, Tomassi 11, Fiore, Iannone2, Di Pietro3. Coach: Tardiolo arbitri: Bernassola e Capotorto di Palestrina

1 novembre 2010 0

Coppia si schianta con l’auto, paura per l’amica… ma era andata a casa

Di redazione

Tornavano da una festa i tre giovani rimasti coinvolti nell’incidente tradale di questa mattina a San Vittore del Lazio. All’alba, una coppia di Cassino stava accompagnando una ragazza a San Vittore quando, all’altezza di Musilli, la vettura sulla quale viaggiavano, una Lancia Ypsilon, è uscita di strada impattando contro un muro (leggi). All’arrivo dei socorsi si è temuto il peggio per la ragazza di San Vittore dato che nell’abitacolo non se ne trovava traccia. Per cui, dopo aver trasportato la 16enne ferita in ospedale a Cassino, sono iniziate le ricerche dell’altra giovane temendo che il suo corpo potesse essere stato sbalzato fuori dall’abitacolo. Si scoprirà dopo che, la ragazza, dopo lo schianto, in stato confusionale è uscita dall’auto e ha raggiunto a piedi la propria abitazione. Resta in prognosi riservata la sua amica 16enne che abita a Cassino ma che è originaria di Venafro (Is). Ermanno Amedei

1 novembre 2010 1

Violenza tra prostitute, il fenomeno preoccupa la città

Di redazione

Il fenomeno della prostituzione a Cassino, preoccupa, non solo per il numero di prostitute che affollano l’area industriale, sembra essere cresciuto in maniera esponenziale, ma anche per le minacce e la guerra interna tra loro per il controllo sulla piazza. Tra rumene, ganesi e nigeriane, e ultime le italiane, vi sarebbe una lotta, non solo per accaparrarsi i punti migliori per occupare parte dello stradone Fiat, ma anche per le pressioni, violenze, minacce per costringere prostitute ad entrare nelle “scuderie” di altre prostitute. Un fenomeno già trattato in un nostro articolo ieri (leggi) che ha dato probabilmente spunti ad altri giornali per affrontare il problema. Nella strada in questione, la Consortile che dalla superstrada porta allo stabilimento Fiat, si affollano, ogni sera, almeno quindici meretrici, che creano uno squallido scenario a chi passa con l’auto, ma soprattutto a chi abita nella zona costretti ad assistere a trattative sguaiate tra clienti e prostitute. A tutto questo va aggiunto anche il fenomeno della prostituzione nelle case che a Cassino se ne contano decine di casi. Un fenomeno certamente meno visibile ma non meno squallido. Insomma, una situazione su cui, certamente presto, le forze dell’ordine porranno rimedio quanto prima. Ermanno Amedei