Giorno: 13 novembre 2010

13 novembre 2010 0

Una colonna laparoscopica per due ospedali, Iannetta: “La politica intervenga”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Bisogna arrivare sempre ad azioni eclatanti di protesta per far sì che i cittadini vedano riconosciuto il loro diritto alla salute?”. Emilio Iannetta, ex assessore e, fino a qualche mese fa, anche consigliere comunale, va dritto al cuore del problema, rivolgendosi ai politici locali e regionali oltre che alla dirigenza dell’Asl di Frosinone. “E’ sempre l’utente, purtroppo – sottolinea l’esponente politico – a pagare in prima persona gli errori e la cattiva amministrazione della cosa pubblica. Tutti conosciamo la situazione della sanità ed il “profondo rosso” che la caratterizza ma nulla sembrano aver sortito le doglianze degli esponenti politici che per mesi hanno sottolineato la gravità di alcune situazioni. Come quella in cui versano ospedali di alto livello come il Santa Scolastica e il Pasquale Del Prete. Tutti i reparti dell’ospedale di Cassino risentono di un’illogica distribuzione delle risorse umane, ma anche di una mancata programmazione. A causa del loro esiguo numero, gli addetti del personale medico e paramedico, sebbene dotati di altissima professionalità, non sono nelle condizioni di poter lavorare in modo ottimale”. Il riferimento di Iannetta è alle lunghe liste di attesa, in particolar modo a causa delle sale operatorie sempre occupate. “E’ insostenibile – aggiunge infatti il politico – che ci siano circa 300 persone senza riscontri perché non ci sono sale chirurgiche libere per loro. Più grave ancora, a mio avviso, è che nel reparto di chirurgia del Santa Scolastica ci siano 30-40 pazienti che attendono invano di essere operati con una colonna laparoscopica. Nell’ospedale di Cassino da mesi non c’è la disponibilità di questo macchinario, trasferito a Pontecorvo per altre esigenze. Possono, due ospedali altrettanto strategici, attendere che qualcuno metta a loro disposizione lo strumentario di cui necessitano? Questa situazione è sintomatica, rivela la poca sensibilità delle istituzioni che non hanno saputo creare le condizioni per mettere i reparti in condizione di operare al meglio equipe mediche di tutto rispetto. Solo l’abnegazione e la professionalità rendono meno drammatica la situazione e questo non è esattamente ciò che ci si attenderebbe dalla sanità pubblica. Per questo motivo il mio appello va alla regione Lazio, all’Asl di Frosinone, ma in particolare al presidente del consiglio regionale Mario Abbruzzese e al consigliere regionale Annalisa D’Aguanno, affinché prendano a cuore il problema. Mi auguro intervengano tempestivamente, contattando i vari responsabili dei reparti per fare il punto della situazione, come è giusto e come meritano coloro che soffrono disagi non loro”.

13 novembre 2010 0

Pirateria fonografica, controlli e sequestri in tutto l’Abruzzo

Di redazione

Le Fiamme Gialle abruzzesi hanno eseguito nelle ultime settimane a L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo 40 interventi nel quadro dell’azione di contrasto della pirateria fonografica, audiovisiva e informatica. Sono stati sequestrati complessivamente 174.917 Compact disk, 33 computer ed elaboratori, 337 supporti magnetici di altro genere, applicate violazioni sia di carattere amministrativo che penale e segnalate all’Autorità Giudiziaria 48 persone. Di rilievo l’operazione eseguita dalla Compagnia di Avezzano dove i finanzieri hanno sequestrato 100.000 DVD e CD, 21 masterizzatori, denunciate 3 persone all’A.G. L’azione di contrasto, svolta dalla Guardia di Finanza in Abruzzo, proseguirà al fine di reprimere questo tipo di illecito che oltre a creare un grave danno alle finanze statali, altera le regole della concorrenza leale a danno delle numerose imprese che operano nel settore. Secondo i più recenti dati IFPI (Federazione Internazionale dell’Industria Fonografica), l’Italia è il quinto Paese nella classifica mondiale dove è più grave il fenomeno della pirateria audiovisiva e informatica, dopo Cina, Russia, Messico e Brasile.

13 novembre 2010 0

La Festa dei cornuti per esorcizzare… l’imbarazzante fardello

Di redazione

Un antico rito per scongiurare l’imbarazzante e temuto…fardello ed ecco anche quest’anno puntuale il ritorno di uno degli appuntamenti più originali e curiosi tra folclore, divertimento e gastronomia. Parliamo della caratteristica, allegra e coinvolgente «festa dei cornuti» della’Associazione di Madonna della Neve a Frosinone, un evento svoltosi nella tradizionale giornata dell’11 novembre dedicata a San Martino. Un appuntamento all’insegna del divertimento e della goliardia per un degustazione di “piatti e prodotti tipici e un buon bicchiere di vino locale” il tutto accompagnato dal gruppo Folkloristico di Minotti Giuseppe. La festa, che conta una settantina di iscritti, si è svolta presso i locali di Martini Giovanni con lo stendardo con su raffigurato un cervo con due poderose corna ramificate e con il tipico costume dell’evento con un copricapo dalla inconfondibili forme. Riservato esclusivamente ai soci ha festeggiato il decennale di iscrizione e ha provveduto al rinnovo del Direttivo, per la prematura scomparsa del caro amico Presidente Giulio Di Mario. L’assemblea ha eletto all’unanimità il Sig. Pietro Ceccarelli come Presidente mentre gli altri organi del direttivo sono stati eletti il Sig. Giancarlo Bevilacqua (Segretario), Giovanni Martini (Tesoriere) e Sig. Frioni Alberto (Cassiere) con i consiglieri i Sig.ri Pietro Di Mario, Silverio Chiappini e Nicolia Giovanni. L’associazione da appuntamento ai festeggiamenti del prossimo anno.

13 novembre 2010 0

Fini, Casini e Rutelli insieme; l’idea piace ma non a Di Pietro

Di redazione

La soluzione più scontata sembra concretizzarsi: Fini, Rutelli e Casini, con i rispettivi partiti insieme per costituire un polo unico. Prove di convergenza sembrano far concretizzare quella che sembra l’ipotesi più scontata per Fli, Udc e il gruppo di Rutelli per evitare di rimanere schiacciati dal centro sinistra del Pd e il centro destra del PdL o ciò che ne rimarrà. La prova sembra essere stata il convegno dei Liberaldemocratici sui 150 anni dell’unità d’Italia dove i tre hanno scherzato molto sulla posizione dell’eventuale nuovo polo. Casini ha detto: “Terzo polo? Sarà il primo, non vorrete mica classificarci già al terzo posto”. Di primo polo parla anche Rutelli dicendosi d’accordo alla “posizione”. Di Pietro, invece, ha etichettato questa possibilità come un tradimento degli elettori dimostrando che si può stare indifferentemente a sinistra e a destra stando nella stessa coalizione. Ha anche auspicato che l’avvento di Fini nel dopo Berlusconi possa permettere la nascita di una destra con cui confrontarsi sui problemi del Paese e non solo sui singoli interessi. “Siamo convinti – ha concluso – che prima finisce il Governo Berlusconi e prima si può ricominciare una resurrezione di credibilità e fiducia verso le istituzioni”. Er. amedei

13 novembre 2010 1

De Angelis ad Ancona: “Europa Vicina a Piccole e Medie Imprese”

Di redazione

“L’Europa è una preziosa opportunità di crescita e rilancio per l’economia locale e globale e protegge e sostiene il mondo delle PMI”. Con queste parole ha esordito l’on. Francesco De Angelis nel suo intervento al convegno “Piccola e Media Impresa – prospettive per il futuro nelle Marche ed in Europa” che si è svolto Venerdì 12 Novembre ad Ancona, promosso dal PD Regionale delle Marche. “Gli Stati membri – ha proseguito De Angelis – dopo la moneta unica ed il mercato unico, devono dotarsi di una strategia industriale di medio-lungo termine comune, capace di inquadrare le vocazioni territoriali, sostenere l’innovazione e la ricerca, perché dalla crisi si esce con un’Europa più forte e più unita. La competizione nazionale e globale pone le piccole e medie aziende in situazioni di continua evoluzione e la loro tenuta è tanto maggiore quanto migliore è la loro capacità di rispondere alle esigenze della modernità. Più sarà elevato il livello qualitativo ed il contenuto innovativo dei prodotti e dei servizi delle imprese, maggiore sarà la loro competitività. Proprio nei giorni scorsi l’Europa ha sbloccato altri 115 milioni di euro per progetti innovativi su efficienza energetica e rinnovabili. L’Unione Europea, con i fondi strutturali, è una preziosa risorsa per le aziende che sanno cogliere le opportunità ad essa legate, ponendo in essere strategie basate sui moderni processi innovativi, caratterizzati da multidimensionalità, interdisciplinarità, molteplicità di conoscenze e di benefici economici, sociali, ambientali e territoriali”. “L’Unione Europa è da sempre attenta al mondo delle piccole e medie imprese, che rappresentano la parte dinamica e produttiva dei paesi membri. Per proteggere questo mondo, il mese scorso è stata approvata una importante direttiva europea sui ritardi di pagamenti alle imprese, di cui sono stato relatore. E’ stata una vittoria importante per le PMI, che entro il 2012 potranno contare su tempi di pagamento certi. Uno studio ha messo in luce come in Europa molte attività imprenditoriali, soprattutto di piccole dimensioni, siano letteralmente paralizzate dai debiti a causa dei ritardati pagamenti da parte dei loro clienti”. “Questa direttiva – conclude De Angelis – andrà a sanare questa cattiva abitudine che, soprattutto in Italia, sta mettendo in grossa difficoltà le aziende”.

13 novembre 2010 0

Piano Casa, Tedeschi (IdV): “Colpo di spugna a beneficio di pochi”

Di redazione

“Con l’alibi della crisi dell’edilizia e della crisi economica tout cour, il centro-destra della Regione vuole far passare il piano casa come un’occasione di sviluppo”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei Valori Anna Maria Tedeschi. “In realtà è un’abile mossa con la quale si passa un colpo di spugna su tante situazioni edilizie che con le norme proposte potrebbero trovare non solo legittimazione, ma soprattutto nuova veste ossia nuova destinazione urbanistica. Un passaggio non da poco se si considera che le destinazioni urbanistiche sono quelle che fanno la differenza e spostano i flussi di investimento degli immobiliaristi. Vecchi edifici “abbandonati” o in rovina, immobili senza appeal perché ormai in disuso, avranno la possibilità di ritornare a pieno titolo sul mercato immobiliare, ma a beneficio di chi? In quale progetto territoriale, turistico e quindi di sviluppo sinergico rientra questo piano casa? Alle dichiarazioni di principio contenute nel piano fanno seguito dei passaggi dai quali si evidenzia che le vere direttive vanno in tutt’altra direzione. Auspico che questo piano possa invece stroncare definitivamente il mercato nero dei “posti letto” per universitari nelle grandi città, vedi Roma, che viaggiano sui 400,00-500,00 euro al mese, spese escluse. Auspico che le giovani coppie possano avere realmente la possibilità di trovare alloggi a prezzi onesti. Auspico che ci siano spazi a costo zero per chi vuole intraprendere attività artistiche, artigianali e industriali. A tal fine stiamo predisponendo tutti gli emendamenti che potranno realmente indirizzare il piano in tal senso e auspico che una serena e pacata discussione in Commissione e in Consiglio possa portare verso un utilizzo equo degli spazi da parte di tutti i cittadini in funzione delle loro attività professionali e delle loro possibilità economiche. La giustizia sociale deve passare anche per il piano casa e gli immobiliaristi presenti in Consiglio Regionale sicuramente vorranno perseguire anch’essi questo fine.”

13 novembre 2010 2

Litigano ad un incrocio, guardia giurata spara ad un 27enne

Di redazione

Litigano ad un incrocio e uno dei due automobilisti, guardia giurata, spara all’tro ferendolo gravemente. E’ accaduto questa notte alle 4.30 a Sarezzo in provincia di Brescia. All’incrocio si sono trovate le due auto e i due alla guida hanno iniziato a litigare. Diverse le versioni raccolte dai crabinieri. La guardia giurata ha dichiarato di essere stato aggredito e di essersi difeso. I tre amici del giovane ferito hanno raccontato, invece, che l’uomo è uscito già armato dall’auto e che avrebbe fatto fuoco durante un litigio verbale. Poi sarebbe stato assalito e picchiato dai tre. Al momento il 27enne è ricoverato in gravissime condizioni.

13 novembre 2010 0

Social Network, Abbruzzese detta le regole per collegarsi dalla Regione Lazio

Di redazione

“La comunicazione con la quale il Segretario Generale del Consiglio regionale del Lazio, Nazzareno Cecinelli, ha annunciato la disattivazione dei social network, risponde ad una decisione maturata dall’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale del Lazio lo scorso 19 Ottobre, in linea con quanto stabilito anche dagli uffici del segretariato generale della Giunta regionale. La lettera depositata in data odierna presso le cassette postali dei consiglieri e con la quale questi ultimi sono stati messi a conoscenza di questa disattivazione, ha però anche sottolineato che potranno essere attivate due postazioni per ciascun Consigliere regionale, oltre alla propria. I colleghi non dovranno far altro che comunicare i nominativi dei loro collaboratori al Servizio Tecnico Strumentale e Informatico del Consiglio. Tutte le strutture politiche saranno quindi nelle condizioni di poter usufruire dei social network, in modo da garantire le esigenze legate alla loro attività. Anche relativamente alla disattivazione degli altri collegamenti, voglio rassicurare tutti i Consiglieri perché potranno riattivare a richiesta i collegamenti attualmente sospesi, già da lunedì 15 Novembre, nella misura in cui questi siano effettivamente necessari rispetto alle mansioni svolte all’interno degli uffici. Questa sospensione infatti è stata stabilita anche a causa di un sovraccarico della rete alla quale abbiamo dovuto porre rimedio”. Lo comunica con un nota Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

13 novembre 2010 0

Schiacciato dal trattore, muore pensionato 76enne

Di redazione

Ha 76 anni l’uomo morto questa mattina schiacciato dal suo trattore a Vasto. Si tratta di R.P., pensionato che, approfittando del bel tempo, ha pensato di lavorare il suo terreno in località Torrebruna con il suo mezzo agricolo. Probabilmente su un tratto scosceso del terreno, il trattore si è ribaltato schiacciando il pensionato che è morto sul colpo. Inutili i soccorsi dei vigili del fuoco.

13 novembre 2010 0

Omicidio Scazzi, Sabrina Misseri resta in carcere

Di redazione

Sabrina Misseri resta in carcere. La notizia è arrivata nella notte dal tribunale di Taranto. La decisione in merito alla richiesta di scarcerazione della ragazza di Avetrana, accusata insieme al padre Michele, dell’uccisione della 15enne Sara Scazzi, era attesa soprattutto come indicatore per la tenuta delle accuse che il padre Michele, priama reo confesso di quell’omicidio, poi principale accusatore della figlia, gli aveva mosso. Insomma, resta delusa la difesa della ragazza che sperava in una linea dell’accusa lontana dal credere alla versione di Michele. A questo punto è facile ipotizzare che il castello accusatorio costruito dalla Procura basandosi principalmente sulle dichiarazioni di Michele, e sui riscontri ad essi, sia ormai costruito a meno di ulteriori colpi di scena che, in questo caso, non sono mai mancati. Er. Amedei