Giorno: 20 novembre 2010

20 novembre 2010 0

Bonelli (Verdi): “Dichiarazioni indecenti di Alemanno, strategia incenerimento per arricchire soliti imprenditori”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

«Indecenti dichiarazioni da parte del sindaco Alemanno, che intende chiedere una deroga ‘dimostrando l’impossibilità di Roma di arrivare al 65% di raccolta differenziata’. Solo per queste affermazioni dovrebbe rassegnare le dimissioni» Lo dichiara il Presidente nazionale e Capogruppo regionale dei Verdi per la Costituente Ecologista, Angelo Bonelli. «Mentre in altre città d’Europa gli obiettivi di cui parliamo sono stati raggiunti da tempo, a Roma invece di riorganizzare la raccolta differenziata, cominciando con cassonetti per l’umido, ed eliminando quelli per il multimateriale, si preferisce seguire la logica dell’incenerimento, che non solo provoca danni alla salute, ma che fa arricchire i soliti imprenditori. Come la Campania insegna – prosegue il leader ecologista – e come la Carfagna ha capito da alcuni giorni, dietro i rifiuti ci sono tanti tanti soldi, che vengono fatti sulla pelle dei cittadini». «La raccolta differenziata è un atto di civiltà, oltre che necessario per evitare che la città di Roma sia sommersa dall’immondizia, quindi non è assolutamente vero che non si può fare, anzi, organizzare il porta a porta per quartiere, e la raccolta differenziato di umido e secco già nelle case, e consentire ai cittadini di avere strutture dove poter far confluire la propria raccolta differenziata una volta uscita da casa, è dovere del sindaco. Alemanno pensi a commissariare l’Ama, che non solo non è in grado di spazzare e pulire la città, ma non è neppure in grado di fare investimenti per lanciare la differenziata a livelli europei».

20 novembre 2010 0

Rapina in casa armati di pistola, caccia ai malviventi

Di admin

La notte del 20 novembre 2010, in Contrada San Nicola di Ortona (CH), quattro individui travisati di verosimile origine romena, di cui uno armato di pistola, dopo aver forzato una finestra, penetravano all’interno dell’abitazione di una famiglia composta da padre, madre e figlia, cogliendoli nel sonno. I malviventi, sotto la minaccia dell’arma, si impossessavano di alcuni monili in oro giallo e di tre diversi quadri su tela, di cui al momento si sconosce l’effettivo valore e interesse artistico, dileguandosi poco dopo a bordo dell’autovettura di proprietà di una delle vittime che l’aveva parcheggiata proprio davanti casa. Le immediate ricerche effettuate dal personale di questa Compagnia Carabinieri, anche attraverso la cinturazione dell’area attuata da tutti i reparti della sede, consentivano di rinvenire poco lontano l’automezzo abbandonato che veniva restituito ai legittimi proprietari. Il valore degli oggetti asportati ammonta a circa 7 (sette) mila euro. Sono in corso ulteriori indagini al fine di individuare gli autori dell’efferato delitto.

20 novembre 2010 0

Infrastrutture, Abbruzzese: “Bene giunta Lazio su contributi manutenzione strade provinciali”

Di admin

“I nuovi criteri concordati dalla Regione Lazio con le Amministrazioni provinciali, e sui quali si è espresso nei mesi scorsi anche il Tar, hanno reso possibile effettuare una nuova ripartizione dei contributi per la manutenzione delle strade che tengano conto sì dei chilometri di strada interessati, ma anche del numero di popolazione residente. Quest’ultimo dato infatti è fondamentale per rappresentare il livello di usura delle strade e quindi la loro esigenza manutentiva. Va dato merito al presidente Polverini e a tutta la Giunta regionale dell’attenzione che già solo in questi primi mesi di governo sta riservando alle problematiche che interessano i territori, rispondendo con programmi fattivi che prevedono risorse consistenti per sostenere il rilancio della loro competitività e per creare uno sviluppo sostenibile. Questi nuovi criteri di ripartizione rendono possibile per il biennio 2009/2011 uno stanziamento complessivo per la sola provincia di Frosinone pari a circa 4milioni e 300mila euro. La Regione Lazio, sulla base delle indicazioni inviate dalle amministrazioni provinciali relativamente alle caratteristiche e all’ intensità del traffico, nonché all’incidenza climatica sulla tenuta del manto stradale e ad altre variabili ritenute degne di nota, sarà in grado di fare una verifica più accurata delle effettive esigenze del territorio e dei relativi costi di manutenzione per ripartire i fondi nel modo più appropriato possibile. Sarà compito dunque delle singole province comunicare il proprio Programma annuale di Manutenzione della rete viaria. Altra buona notizia, tra gli altri finanziamenti deliberati per interventi straordinari, è quella relativa al finanziamento di 300mila euro che servirà per l’adeguamento e il livellamento della strada ‘Monte Solo’ nel Comune di Pastena. Questo intervento permetterà infatti di rendere più sicuro e agevole il transito vista la forte pendenza del manto stradale ricavato sul profilo naturale del terreno sul quale è stata costruita”. E’ quanto rende noto Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

20 novembre 2010 0

Due discariche abusive sequestrate dai carabinieri

Di admin

Oggi, in Veroli, i militari della locale Stazione, nell’ambito di un predisposto servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati ambientali, a seguito di un sopralluogo eseguito in località “Amici” e Sant’Angelo in Villa” hanno proceduto al sequestro di due distinte discariche abusive realizzate mediante l’abbandono incontrollato di rifiuti classificabili pericolosi e non, consistenti in “calcinacci e materiale inerte proveniente da lavori edili, onduline in eternit, elettrodomestici, monitor per P.C., materassi e pneumatici”. Nel contesto operativo, i militari hanno deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria G.G., residente a Roma e Presidente del Consiglio di Amministrazione della Società proprietaria dei terreni ove sono state realizzate le discariche, perché ritenuto responsabile di “ non aver vigilato sulle aree interessate” così come previsto dall’art. 256 comma 1à del D.L. 152/06 . Le aree in argomento, sono state idoneamente delimitate e sottoposte a sequestro a disposizione dell’A.G..

20 novembre 2010 0

Maltempo, da domani ancora temporali al nord in estensione a regioni centrali

Di admin

Una perturbazione di origine atlantica, in movimento verso il Mediterraneo centro-occidentale causerà, a partire dalle prime ore di domani, una nuova fase di maltempo sulle regioni settentrionali italiane in estensione a quelle centrali con temporali anche di forte intensità.

Sulla base dei modelli disponibili, il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteo che prevede dalle prime ore di domani, domenica 21 novembre 2010, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di forte intensità, inizialmente sulle regioni nord occidentali in estensione poi al resto del nord est,sulle regioni centrali e sulla Sardegna. I fenomeni saranno accompagnati da scariche elettriche e forti raffiche di vento.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

20 novembre 2010 0

Rompono la vetrina e rubano materiale informatico

Di redazione

La scorsa notte, a Frosinone, i carabinieri del N.O.R.M.- Aliquota Radiomobile hanno arrestato, in flagranza di reato di “furto aggravato in concorso”, A.C., 21enne e P.C., 22enne, entrambi del capoluogo. I due, dopo aver infranto una vetrina posta all’ingresso di un plesso commerciale di questo centro, sono stati sorpresi all’interno, mentre erano intenti ad asportare personal computer portatili, stampanti ed attrezzature informatiche del valore complessivo di 8 mila euro. Dopo le formalità di rito, gli stessi sono stati associati presso la locale Casa Circondariale.

20 novembre 2010 0

Due arresti e due denunce in 48 ore

Di admin

L’incremento dei servizi perlustrativi nella giurisdizione di competenza, finalizzati a prevenire e reprimere i reati in genere continua a dare i suoi buoni frutti, come dimostrano i dati oggettivi: due arresti e due denunce in due giorni. Nel tardo pomeriggio di ieri 19 novembre 2010, i Carabinieri della Stazione di Silvi hanno tratto in arresto PAPETTI Oliviera, 38enne di Collecorvino (PE), che dopo essere entrata nel supermercato “IPERSIMPLY” del luogo ha pensato bene di fare una consistente spesa [prodotti cosmetici, accessori di abbigliamento e prodotti alimentari vari] del valore di € 300,00 (trecento) circa, senza però passare per la cassa a pagare. I militari della locale stazione, allertati dal personale del supermercato, sono subito arrivati sul posto traendo in arresto la donna e restituendo l’intera refurtiva al negozio. Dopo le formalità di rito è stata associata alla Casa Circondariale di Teramo in attesa dell’udienza di convalida. I Carabinieri del dipendente N.O.R. hanno denunciato alla Procura di Teramo due giovani di Giulianova e Mosciano, di 35 e 30 anni, rispettivamente di Giulianova e Mosciano, con l’accusa di concorso in rapina impropria. I due, nella serata del 18 novembre u.s., in Giulianova, a bordo della loro autovettura, si avvicinavano ad una 35enne del luogo che si trovava in bicicletta, asportando con mossa repentina la sua borsa custodita nel porta oggetti del velocipede, dileguandosi a forte velocità. Nella circostanza la vittima perdeva l’equilibrio cadendo per terra, riportando abrasioni ed un forte stato d’ansia, venendo trasportata presso il locale Ospedale Civile dove i sanitari le riscontravano una prognosi di otto giorni. Le immediate ed approfondite indagini esperite dai militari, anche sulla scorta della testimonianza della vittima, hanno consentito in poco tempo di acquisire probanti elementi di colpevolezza nei confronti dei due giovani che dovranno difendersi in Tribunale da una grave accusa. Nel corso della mattinata odierna, invece, sempre i Carabinieri del dipendente N.O.R. hanno arrestato in Roseto degli Abruzzi, TAFA’ Ivan, 31enne di Giulianova, già noto per fatti di giustizia. Il giovane, in atto detenuto agli arresti domiciliari con divieto di allontanarsi in determinate ore del giorno, nella mattinata odierna si allontanava arbitrariamente dalla sua abitazione venendo rintracciato e bloccato nella Frazione Cologna di Roseto, mentre stava lavando tranquillamente la sua autovettura in un distributore di carburante. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato trattenuto nella camera di sicurezza di questa Caserma in attesa dell’udienza di convalida davanti al Giudice del Tribunale di Teramo, fissata per la mattinata odierna, dove dovrà difendersi dall’accusa di evasione.

20 novembre 2010 0

Operazione “Sirtaky”, non più carrette del mare ma imbarcazioni di lusso, arrestata la banda degli yacth

Di admin

E’ stata definita l’operazione Sirtaky, considerato che un membro della banda era solito canticchiare questa musica tipicamente greca. A seguito di delega concessa dall’A.G. di Latina, onde identificare i responsabili del furto di una grossa imbarcazione da diporto Marca AICON denominata “ERA ORA PF 1380/D” di un valore di circa 2.000.000 euro (duemilioni/00), il cui utilizzatore è un noto Avvocato della Provincia di Latina, sono state svolte intense attività di P.G., le quali hanno fatto conseguire agli inquirenti inaspettati risultati e scoprendo elementi significativi, tali da associare alcuni soggetti ad una organizzazione malavitosa, tesa ad ideare ed organizzare il furto di unità, finalizzato ad ottenere benefici economici, dal riciclaggio in territorio estero dell’unità in parola o in attività illecite criminose, in particolar modo nel traffico di migranti. Suddette indagini condotte congiuntamente dai comandi in intestazione anche con l’ausilio di mezzi tecnici, avevano inizio nel mese di ottobre del 2008 a seguito di denuncia di furto presentata all’Ufficio Locale Marittimo di Formia, in quanto ha destato forti sospetti negli inquirenti per le modalità in cui è avvenuto il prefato furto. Lo spunto investigativo che ha portato a fare annotare nel registro degli indagati, è rappresentato dal furto della Yacth modello AICON fly di circa 21 mt. di lunghezza, il quale nel giorno antecedente al furto si era ormeggiato per una anomalia tecnica nel porto di Formia, incustodito, quando nottetempo venne rubato. Dal momento in cui il professionista formalizzò la denuncia di furto e precisamente dopo circa 4 giorni dal furto sono partite le indagini da parte degli inquirenti e cioè Guardia di Finanza di Mare di Formia e Guardia Costiera di Formia, che dopo oltre due anni di accurate e serrate indagini sono riusciti, tramite un pool congiunto di personale di ottime capacità investigative, a risalire a quelli che secondo gli elementi di prova raccolti sarebbero gli autori di questo furto come di altri. Secondo fonti investigative le persone sottoposte ad indagini apparterrebbero ad una banda organizzata specializzata nel furto di grossi Yacth, è stato chiesto altresì tramite il PM Dott.ssa Tortora titolare del provvedimento notizie interpool dove si trova l’imbarcazione rubata, fornendo precisi elementi tecnici. Gli accertamenti hanno fatto emergere che le persone provenienti dalla provincia di Latina, Frosinone e Caserta sono già note alle forze dell’ordine per numerosi reati a carico. Gli inquirenti dopo aver presentato alla Procura competente di Latina un voluminoso dossier a carico dei prefati soggetti, venivano emessi dal GIP Dott. IANSITI su proposta del PM Dott.ssa TORTORA provvedimenti di arresto a carico di due noti soggetti operatori nautici operanti nella provincia di Latina e Frosinone. Le suddette persone sono state arrestate e messe a disposizione dell’Autorità Giudiziaria inquirente perché nulla esclude che tali furti possano essere finalizzati al trasporto di migranti da paesi che si affacciano nel Mediterraneo per raggiungere le coste italiane anche in virtù a recenti sequestri di grossi Yacth, di cui un’imbarcazione Modello “Piantoni 62” di circa 20 mt. di Lunghezza costruito da uno dei Cantiere inquisiti che è stato impiegato in questi giorni per il trasporto di circa 120 migranti dall’area Balcanica alle coste Calabresi. La Sezione Operativa Navale di Formia e la Guardia Costiera di Formia non escludono che tra l’organizzazione criminale, sottoposta a provvedimenti cautelari restrittivi, possa avere convivenze con il traffico di migranti atteso che i furti perpetrati di queste grosse imbarcazioni di lusso portano gli inquirenti ad orientare le attenzioni sull’illecito traffico proveniente dall’area Balcanica e sulla possibile ramificazione dell’organizzazione che potrebbe essere radicata nelle aree del Sud Pontino, del Frusinate e del Casertano. Gli inquirenti hanno già presentato una dettagliata informativa alla Procura con nominativi di persone, che potrebbero essere oggetto di attenzione della A.G. inquirente e facenti parte della suddetta organizzazione criminale, anche per ricettazione e riciclaggio finalizzato al traffico internazionale di unità da diporto. I Comandi della Guardia di Finanza di mare Formia e della Guardia Costiera di Formia hanno già da tempo, nell’ambito di quelle che sono le proprie attività istituzionali, intrapreso numerosi servizi congiunti tendenti a salvaguardare gli interessi della collettività e soprattutto prevenire possibili illeciti di grossa natura criminosa. Non si escludono ulteriori sviluppi nei prossimi giorni. All’uopo si allegano n. 4 (quattro) foto: · di cui la n.1 trattasi del Motoyacth rubato modello Aicon 64; · la n. 2 trattasi del Motoyacth modello Piantoni Fly 62 costruito presso un noto cantiere della Provincia di Frosinone di cui il FIORLETTA è dipendente; · la n. 3 relativa al PETRUCCI Achille nato a San Felice Circeo (LT) di anni 59, di professione imprenditore nautico; · la n. 4 relativa al FIORLETTA Pietro, nato a Ferentino (FR) di anni 55 con passaporto Greco nel cui territorio gestisce, anche, attività imprenditoriale nel settore nautico.

20 novembre 2010 0

Una tariffa che fa… acqua

Di admin

La vicenda dell’acqua a Frosinone è ormai paradossale. Dalle notizie di stampa di questi giorni apprendiamo che il Presidente dell’Amministrazione Provinciale, onorevole Iannarilli, di concerto con la Consulta dei Sindaci, invece di dare seguito all’esplicito mandato con cui l’Assemblea dei Sindaci chiedeva, ormai quasi un anno fa, di verificare le condizioni per la risoluzione per colpa del contratto, preannuncia la determinazione della tariffa per l’anno 2010 a € 1,21 a metro cubo. Se l’onorevole Iannarilli si fosse degnato di ascoltare oltre ai suoi sodali e ai suoi tecnici, anche questo Coordinamento (è dal giorno del suo insediamento che, benché richiesta, attendiamo una convocazione), probabilmente si sarebbe risparmiato una simile cantonata. Infatti, dopo gli errori commessi nel 2007 dai suoi predecessori, ci saremmo aspettati che l’onorevole Iannarilli non vi ricadesse, almeno non così platealmente. Quando, infatti, si fa riferimento al pronunciamento del Consiglio di Stato che ha definitivamente sancito l’irretroattività delle tariffe, si fa riferimento alla sentenza relativa al caso in cui l’ATO della Sardegna (che è unico per l’intera regione), a dicembre del 2005 aveva inopinatamente stabilito le tariffe per l’anno … 2005… Cambiando regione e anno, perché dovrebbe cambiare il risultato? Cosa dire: se l’Assemblea dei Sindaci dovesse avallare una simile decisione è già pronto il ricorso al TAR e, se è per questo, è già scritta la sentenza, ma questa volta nessuno potrà accampare scusanti e lamentare di essere stato indotto nell’errore. Nel merito, sulla base di quanto affermato dal CO.N.VI.RI. e che viene assunto dal’amministrazione, questa tariffa è determinata non già dalle reali e concrete modalità della gestione di ACEA ATO5 S.p.A., ma sostanzialmente dalle inadempienze della parte pubblica che non ha mai provveduto a revisionare la tariffa e, dunque, ad applicare ad essa i coefficienti di correzione in danno del gestore e a vantaggio degli utenti. Questo significa che nella proposta di tariffa preannunciata dall’onorevole Iannarilli i cittadini sono “cornuti e mazziati” perché, prima (e tutt’ora) hanno subito gli effetti delle inadempienze di ACEA ATO5 S.p.A. ed ora dovrebbero subire gli effetti delle inadempienze degli amministratori pubblici. La tariffa che deve essere determinata, ormai, è quella per l’anno 2011 e a tutela dei cittadini pretendiamo che sia determinata per tempo e con l’integrale applicazione del coefficiente MALL a totale ristoro dei cittadini. Qualunque altra determinazione sarà respinta al mittente. Lascia basiti che ancora oggi, invece di intraprendere la via della rescissione per colpa della convenzione, si continui ad interrogarsi se aprire o meno un contenzioso con il gestore: sono centinaia i milioni di Euro che i cittadini ed i Comuni devono vedersi restituiti e sono migliaia, decine di migliaia i reclami dei cittadini che attendono soddisfazione ormai da anni. Da ultimo, nessuno si illuda di ripulire l’intera vicenda con la stesura di un nuovo piano d’ambito costruito a bella posta per garantire gli interessi economici di ACEA e nelle cui pieghe farne scomparire gli addebiti. Come Coordinamento Acqua Pubblica della Provincia di Frosinone continuiamo sulla nostra strada procedendo all’apertura si sempre nuovi sportelli di aiuto ai cittadini, consapevoli che solo la partecipazione e la mobilitazione dei cittadini saprà anche in questo caso avere ragione di un piano istituzionale in cui i diritti e gli interessi dei cittadini sono sempre posti in subordine se non disattesi e disconosciuti.

COORDINAMENTO ACQUA PUBBLICA DELLA PROVINCIA DI FROSINONE

20 novembre 2010 0

Gli alberi “festeggiati” nella riserva di San Giovanni in Venere

Di redazione

Nel 2010, anno della Biodiversità, coerentemente con l’impegno per il riconoscimento della Riserva Naturale Regionale “San Giovanni in Venere” e per far nascere il Parco Nazionale della Costa Teatina, l’amministrazione comunale di Fossacesia festeggia la seconda edizione della Festa dell’Albero 2010, un albero per ogni nuovo nato. «Il nostro legame con la Terra che viviamo è indissolubile e a volte nell’era ipertecnologica che viviamo ce ne dimentichiamo», dice l’assessore all’Ambiente, Andrea Natale, «con questa festa affermiamo invece che può essere visto come rito di riconciliazione, affermiamo l’importanza degli alberi e della tutela della biodiversità. Diamo ai nuovi genitori il compito di essere custodi della Natura per dare un futuro ai loro figli». L’iniziativa mira anche a ricordare alle istituzioni il rispetto della legge n.113 del 29 gennaio 1992 che obbliga i Comuni a piantumare un albero per ogni neonato (cosiddetta “legge Rutelli”). Il programma della manifestazione si svolgerà così: domani, sabato 20 novembre, alle 10,30, presso Fonte Santa Lucia (Fossacesia), e domenica 21, alle 10,30, presso il parcheggio del campo sportivo di Villa Scorciosa, dopo i saluti del sindaco e la benedizione del parroco agli alberelli, ci sarà la loro messa a dimora. Sempre domenica 21, presso il Centro Diurno Minori, dalle 15,30 si svolgerà la seconda edizione del concorso “Disegna e colora, il mio amico albero”: saranno premiati durante la manifestazione i partecipanti alla I edizione del Concorso.