Giorno: 23 novembre 2010

23 novembre 2010 0

Dimensionamento scolastico, Serrone tira un sospiro di sollievo

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“I timori dei mesi scorsi, per un possibile ridimensionamento della rete scolastica di Serrone, sono ora molto più lontani grazie al grande impegno con cui, l’assessore provinciale Gianluca Quadrini, ha impedito ogni ipotesi che penalizzasse il nostro Comune. Temevamo che l’istituto comprensivo di Serrone e La Forma potesse subire tagli o perdere la dirigenza, che invece siamo riusciti a mantenere”. Il sindaco di Serrone, Maurizio Proietto, e l’amministrazione comunale tutta accolgono con sollievo quanto deciso nella riunione presso la Provincia di Frosinone, con sindaci e capi di istituto della provincia, per la presa d’atto delle linee guida che la Provincia utilizzerà per il dimensionamento della rete scolastica 2011 – 2012 su indicazione dell’Assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Frosinone, Gianluca Quadrini. “L’Assessore Quadrini – commenta Proietto – ha mostrato estrema sensibilità nell’ascoltare la richiesta che arrivava dal nostro comune e crediamo di poter rappresentargli la gratitudine di tutta la comunità serronese. Una dimostrazione di interesse e di correttezza istituzionale che ci consente di lavorare nel modo migliore per i molteplici campi in cui comune e provincia si trovano ad interagire”.

23 novembre 2010 0

Operatori socio sanitari in esubero, la Asl: “La stabilizzazione andava fatta in passato”

Di redazione

L’Azienda sanitaria locale non può stabilizzare gli operatori socio sanitari in servizio nella ex Asl Lanciano Vasto perché, dal 1° gennaio scorso, le procedure di selezione interna sono espressamente vietate dal decreto legislativo 150/2009 (la cosiddetta Riforma Brunetta): è quanto chiarisce la Direzione del Personale della Asl Lanciano Vasto Chieti, in seguito alle polemiche sollevate da alcuni sindacati che, tra l’altro, invocano inopportunamente l’intervento della Corte dei Conti su un bando per l’assunzione di personale tramite agenzia di lavoro interinale. «Ci chiediamo se i sindacati abbiano avanzato le stesse richieste di stabilizzazione ai precedenti amministratori della ex Asl Lanciano Vasto, quando le norme ancora consentivano l’inquadramento del personale interno, e quale risposta abbiano avuto – afferma l’attuale direttore generale, Francesco Zavattaro –. Non è con noi che devono prendersela, ma con chi era in grado di fare, quando era possibile fare, e non ha fatto. Adesso è ovvio che non possiamo violare norme di legge». L’ex Asl di Chieti aveva invece avviato e definito in tempo tali procedure di riqualificazione degli operatori tecnici addetti all’assistenza (Ota) e degli ausiliari specializzati (oggi tutti definiti Oss) che avevano acquisito il titolo tramite corsi regionali. La prima procedura, a costo zero per l’Azienda, era stata definita nel 2007; la seconda, che ha portato alla stabilizzazione delle ultime quattro unità, è stata avviata nel 2008.

«Nell’incontro di ieri con la Cisal – sottolinea il Direttore sanitario della Asl Lanciano Vasto Chieti, Amedeo Budassi – ci siamo subito attivati per valutare ulteriormente la percorribilità delle proposte del sindacato, ma il nostro Servizio Personale ne ha chiaramente evidenziato e spiegato l’impraticabilità giuridica». L’unica ipotesi prevista attualmente dalla Riforma Brunetta per l’assunzione è quella del concorso pubblico, con la possibilità di riservare una percentuale dei posti per il personale interno. Tale percorso potrà essere comunque preso in considerazione nella programmazione del 2011, compatibilmente con le disposizioni regionali in materia di Piano di rientro. Per questa ragione l’Azienda intende fare ricorso alle assunzioni tramite agenzia di lavoro interinale: in seguito alla fusione tra le ex Asl di Chieti e Lanciano-Vasto, ci si è ritrovati con un numero ridotto di operatori socio sanitari rispetto alle esigenze: il loro supporto è infatti fondamentale per reparti come la lungodegenza, la geriatria e simili. Grazie al bando questo numero potrà essere incrementato per garantire ai pazienti l’assistenza necessaria.

23 novembre 2010 0

Una serie di iniziative per lo sviluppo “dell’Economia della Conoscenza”

Di redazione

Una serie di iniziative incastonate tra loro in attuazione della progettualità strategica per lo sviluppo “dell’economia della conoscenza” e del terziario avanzato, studiata dal Ph.D. Marco Spoltore di Lanciano che da anni si occupa dello studio di sistemi complessi e dell’applicazione di soluzioni in campo economico territoriale e medico. Le varie tappe, presentate il 19 giugno scorso al Palazzo degli Studi, prevedono il 27 novembre 2010 alle ore 17.30 presso il Palazzo De Crecchio la firma di un Protocollo d’Intesa tra il Comune di Lanciano, la Regione Abruzzo – Agenzia di Promozione Culturale, la Fondazione Negri Sud Onlus e l’Agenzia Territoriale Polo Scientifico e Tecnologico di Lanciano, per l’istituzione di un coordinamento delle attività scientifico-tecnologiche nell’ambito di un approccio sperimentale tramite l’apprendimento cooperativo e la prosocialità che sarà posto in essere con attività spalmate durante l’anno 2010/2011 e che inizieranno con questi primi due appuntamenti: dal 27 novembre al 5 dicembre dalle ore 16.00 alle 18.30 a Palazzo De Crecchio, è in programma una mostra denominata “Cosmo” nella quale con una serie d’illustrazioni e d’istallazioni si intende promuovere l’incontro tra le discipline scientifiche e la cittadinanza: …studio la biologia per capire cosa significa essere un vivente, chimica e fisica per intuire la dinamica del mondo fisico, la storia per comprendere le mie radici, l’arte, la musica per afferrare le potenzialità dell’umanità…; Il 5 dicembre, invece, è prevista, per la serie “incontri con la scienza” sempre a Palazzo De Crecchio, dalle ore 17.30 in poi, “2 chiacchiere tra scienza e fantascienza” in compagnia di Antonio Fara della Bonelli Editore, Grabriele Tinari del Teatro dei Calzolari e Marco Spoltore, Presidente dell’Agenzia Territoriale Polo Scientifico e Tecnologico di Lanciano. “L’insieme delle attività produttive – ha detto il Ph.D. Marco Spoltore – compete su un mondo globalizzato, caratterizzato da bassi costi di codificazione, trasmissione, ed acquisizione delle conoscenze, che aumentano la capacità produttiva, lo sviluppo di servizi avanzati e la competitività: le determinanti del successo delle imprese dipendono dalla capacità di produrre e utilizzare le informazioni ed organizzarle in conoscenza”. “ Il capitale umano influenza il benessere individuale e collettivo – continua Spoltore – ad esempio perché l’istruzione riduce gli incentivi a delinquere, riduce i comportamenti a rischio dal punto di vista della salute, favorisce un maggior grado di libertà nell’organizzazione sociale”. Nel rapporto della Banca d’Italia del settembre 2009, si mette in evidenza “che il tasso di rendimento privato dell’istruzione in Italia è pari a circa il 9%, un valore superiore a quello ottenibile da investimenti finanziari alternativi (ad esempio in titoli)” mentre “il rendimento sociale è stimato attorno al 7% e sembrerebbe superiore a quello derivante dall’investimento in infrastrutture”.

23 novembre 2010 1

Un calendario per aiutare la ricerca del Mario Negri Sud

Di redazione

Un calendario per la ricerca. A promuoverlo è la Fondazione Negri Sud di Santa Maria Imbaro (Ch). La onlus quest’anno ha chiesto aiuto al mondo dello spettacolo abruzzese per la preparazione del Calendario 2011 e per la raccolta fondi a favore della ricerca scientifica del Mario Negri Sud. Daniela Musini, Milo Vallone, Federica Di Martino, Patrizia Bellezza, Nicola Faillace, Paola Cialfi, Piero Becattini, Marco Rotilio e Monica Di Bernardo della Compagnia dei Giovani del Teatro Stabile d’Abruzzo, Roberto Pedicini, Vincenzo Olivieri, Federico Perrotta, Giulia Di Quilio, Anna Stante, Arianna Ciampoli, Daniele Ruzzier, Gabriele Tinari, Stefano Angelucci Marino. Sono i personaggi che hanno risposto all’appello accettando di testimoniare il loro interesse per la ricerca. Il Calendario 2011, frutto della preziosa collaborazione artistica del fotografo Roberto Colacioppo e del grafico pubblicitario Luca Di Francescantonio, esalta l’Abruzzo, attingendo a personaggi dello spettacolo delle quattro province abruzzesi, e incoraggiando la sinergia fra teatro e ricerca scientifica, due aspetti così importanti e così sentiti in un momento difficile per la ricerca e per il mondo dello spettacolo abruzzesi. L’esperienza è stata molto istruttiva, con una menzione particolare per L’Aquila, la sua devastazione e soprattutto la sua voglia di risorgere. Il Calendario 2011 sarà presentato giovedì 25 novembre pv, alle ore 10,30, nel Palazzo degli Studi, corso Trento e Trieste, Lanciano. Seguirà una mostra del backstage fotografico nella stessa sede e nella show room di Roberto Colacioppo, piazza Plebiscito, Lanciano. La Fondazione Negri Sud ONLUS sostiene le attività del Consorzio Mario Negri Sud di Santa Maria Imbaro. Più di 200, tra ricercatori e personale ausiliario, cooperano per ricerche finalizzate allo studio delle principali malattie dell’uomo e alla salvaguardia dell’ambiente. Anche quest’anno i fondi raccolti saranno utilizzati per finanziare una borsa di studio destinata a un giovane ricercatore abruzzese del Consorzio Mario Negri Sud.

23 novembre 2010 0

Contrazione del mercato dell’auto, la D’Aguanno (Pdl) propone un tavolo istituzionale per la Fiat

Di redazione

“Nel 2011 è attesa una crescita dei mercati automobilistici dei Paesi emergenti mentre in Europa si prevede una frenata di circa il 12% delle vendite: di fronte a queste previsioni degli analisti internazionali, il territorio del Cassinate non può restare inerme ma deve prepararsi, insediando un tavolo istituzionale in grado di monitorare la situazione delle relazioni industriali e delle prospettive produttive del sito di Piedimonte San Germano e dell’intero comparto dell’indotto”: a lanciare la proposta è il consigliere regionale del Pdl, Annalisa D’Aguanno, vice-presidente della Commissione regionale al Lavoro.

“A fine anno cesserà la produzione della Croma – ricorda l’onorevole D’Aguanno – mentre le Bravo si avvia nel 2011 all’ultimo anno di vita prima che, l’anno seguente, sarà sostituita dal nuovo modello delle medie Fiat. Vuol dire che il 2011 si annunciano come dodici mesi non facili per lo stabilimento di Cassino, per il mantenimento dei livelli produttivi e per il possibile ricorso alla cassa integrazione. Ecco perché è più che mai urgente non perdere di vista la situazione e creare un osservatorio permanente capace di intervenire tempestivamente, mobilitando le istituzioni competenti”.

“Non va neppure dimenticata l’evoluzione in atto nelle relazioni industriali – conclude il consigliere del Pdl, alludendo alle iniziative dell’ad Marchionne ed agli echi polemici sollevati -: una materia in cui le istituzioni consapevoli si candidano a svolgere un ruolo di mediazione ed una funzione di camera di compensazione con la finalità di evitare scontri e traumi sociali ed agevolare una modernizzazione del Paese che lo renda competitivo e sempre più efficiente”.

23 novembre 2010 0

Class Action contro Trenitalia, seconda assemblea pubblica del comitato FR8a Carrozza

Di redazione

A seguito delle pressanti richieste, da parte di pendolari di Anzio e Nettuno, di effettuare un nuovo incontro pubblico per rappresentare le azioni in essere della Class Action c/Trenitalia e gli avanzamenti delle trattative presso il Tavolo istituzionale, nonchè per raccogliere le segnalazioni e ampliare il confronto con i pendolari interessati, il Comitato indice la 2° Assemblea Pubblica sabato 27 novembre 2010, dalle ore 10 alle ore 12:30, presso la Sala degli Specchi – Paradiso sul mare, P.zza Cesare Battisti 4 – Anzio. Con l’occasione si informa che la Regione, in data odierna, ci ha comunicato che la prova col treno da 8 carrozze è stata realmente effettuata con esito positivo domenica 14 novembre u.s.: Trenitalia ha fatto circolare un convoglio composto da 6 carrozze a due piani e 2 carrozze ad un piano, sufficienti per le valutazioni tecniche del caso; ma è stato fatto presente che per dare un segnale vero di attenzione ai passeggeri i convogli devono essere di 8 carrozze a due piani. Il tutto a partire del 12 dicembre. Riteniamo di poter ottenere buoni margini di miglioramento di questo servizio, fondamentale per l’economia ed il territorio sotteso a tale infrastruttura, dal confronto in atto con la direzione di Trenitalia-Lazio, Regione, RFI. E con il sostegno e la partecipazione della popolazione e delle Amministrazioni locali.

Comitato FR8a Carrozza

23 novembre 2010 0

Quoziente familiare, Tedeschi (IdV): “Da proposta nasca confronto costruttivo”

Di redazione

“La vigente legge regionale sulla famiglia, la 32/2001, prevede il quoziente familiare, il ruolo attivo delle associazioni delle famiglie nonché l’istituzione del VIF (valutazione impatto familiare)”. Lo dichiara in una nota Anna Maria Tedeschi, consigliere regionale di Italia dei Valori, membro della Commissione Lavoro, Pari Opportunità e Politiche Sociali. “La proposta di legge sull’argomento presentata oggi alla stampa ripropone con una nuova veste ciò che già si sarebbe dovuto attuare” dichiara Tedeschi. “Se questo può servire a riavviare il dibattito sulle concrete difficoltà che le famiglie e le unioni in genere devono affrontare, allora ben venga la P.L. regionale n. 104. Auspico tuttavia che il momento di discussione e dibattito sia in Commissione che in Consiglio regionale sia colto da tutti come momento di confronto costruttivo cui far seguire un effettivo start up. Redigere una legge e presentarla è momento topico per noi consiglieri regionali, fare in modo che la legge diventi realtà e produca gli effetti auspicati è cosa ben più lunga e travagliata”. “Ritengo che a seguito di un dialogo aperto, da instaurare con il solo obiettivo di migliorare la qualità della vita dei cittadini del Lazio, si possano determinare tutte le condizioni per collaborare fattivamente con i colleghi consiglieri Rauti e Miele firmatari della proposta” conclude il consigliere regionale dell’IDV.

23 novembre 2010 0

Vincenzo Valente muore dopo 24 ore di agonia

Di redazione

E’ morto questa mattina dopo 24 ore di agonia. Vincenzo Valente, 25 anni di Gaeta, studente dell’università di Cassino, era rimasto gravemente ferito nell’incidente avvenuto ieri mattina a San Giorgio a Liri. le sue condizioni erano disperate. I vigili del fuoco lo avevano tirato fuori dalle lamiere della sua Punto dopo che, nel corso di un violento nubifragio, si è schiantato contro un camion tamponandolo. Il giovane è morto questa mattina all’Umberto Primo di Roma dove, ieri mattina, è arrivato trasportato da Cassino in eliambulanza. Oggi è arrivata la drammatica notizia del suo decesso. Er. Amedei

23 novembre 2010 0

Venticinquenne investita da un’auto, si rompe il naso sull’asfalto

Di redazione

E’ stata investita mentre attraversava la strada e, nel ricadere sull’asfalto, si è rotta il setto nasale. E’ accaduto nella tarda mattinata di oggi in viale Bonomi a Cassino. La vittima dell’investimento è una ragazza di 25 anni, figlia di un noto medico che, per cause accidentali, è stata travolta dall’autovettura guidata da un giovane anch’egli di Cassino. La ragazza immediatamente soccorsa dall’automobilista prima, e da un’ambulanza dopo, è stata trasportata a Cassino dove i medici gli hanno riscontrato la rottura del setto nasale. Er. Amedei

23 novembre 2010 0

Simbolo del Pdl conteso tra Berlusconi e Fini, o lo adoperano entrambi o lo si deve “rottamare”

Di redazione

Il simbolo del Popolo della Libertà (PdL) quello la cui nascita ha segnato la morte di Forza Italia e Alleanza Nazionale, non è di Berlusconi. Una vicenda che tiene banco sulle pagine dei giornali da quando Italo Bocchino, braccio armato di Gianfranco Fini nel nuovo partito di Futuro e Libertà ha fatto sapere che quel simbolo non potrà essere utilizzato senza l’assenso di Gianfranco Fini. Sembra poco o comunque una faccenda di minor conto ma, in realtà non lo è se si considera quanto è stato investito, in termini di pubblicità, su quel tondino per farlo identificare come il secondo volto di Berlusconi. Si è quindi aperto un contenzioso tra i fuoriusciti dal partito e quelli che, invece, sono rimasti con Berlusconi. Questi ultimi sostengono che il simbolo appartiene a chi ha inventato il partito. A far chiarezza è Adriano Vanzetti, professore di diritto industriale e presidente della Sipsi, (società italiana per lo studio della proprietà intellettuale) che dalle pagine del Corriere della Sera sostiene che il simbolo del PdL Può essere usato da entrambi o da nessuno dato che i due “scissi” sono cofirmatari, per cui o trovano una soluzione accettata da entrambi, o il simbolo non potrà essere utilizzato, dato che se è vero che Berlusconi è proprietario del nome Popolo della Libertà, è altrettanto vero che il premier lo ha conferito all’associazione costituita insieme a Fini.