Artigiani, Abbruzzese partecipa all’assemblea della CNA

16 novembre 2010 0 Di redazione

“La Regione Lazio sta dimostrando di avere particolarmente a cuore lo sviluppo del tessuto imprenditoriale della provincia di Frosinone. A tal proposito mi preme ricordare che assieme al presidente Iannarilli stiamo portando avanti un importante lavoro sinergico che ci vede impegnati proprio in questa direzione”. Ad affermarlo è stato, nel pomeriggio di oggi, Mario Abbruzzese, Presidente del Consiglio regionale del Lazio, intervenuto all’Assemblea annuale della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa di Frosinone, incentrata sul tema “Etica, legalità e sviluppo: una via percorribile”.
“Le nostre PMI – ha continuato Abbruzzese – stanno reagendo con significativa competitività, ma non dobbiamo adagiarci, piuttosto dobbiamo lavorare insieme per il futuro delle nostre imprese, che costituiscono la nostra vera ricchezza, la scommessa sulla quale puntare per stabilizzare il clima di incertezza economica che affligge il territorio. Per vincere questa sfida bisogna riprogettare il modo di fare impresa, ridefinendo le strutture organizzative ed i ruoli aziendali, le procedure operative e i rapporti con la catena di produzione.
La Regione Lazio si sta impegnando seriamente nel rafforzare la competitività del nostro territorio, promuovendo politiche a favore delle PMI, perché solo se ripartono le nostre imprese ci saranno lavoro e nuova occupazione.
Inoltre – ha affermato il presidente del Consiglio regionale – la politica infrastrutturale regionale deve essere orientata alla quantità e qualità delle infrastrutture disponibili, a servizi adeguati per le imprese e i cittadini, a strategie settoriali ben definite.
Bisogna puntare su un modello territoriale di tipo reticolare, che consenta di intercettare i corridoi europei e che sia capace di valorizzare tutti i diversi sistemi locali produttivi, con le loro caratteristiche e risorse. E’ proprio questa la sfida che deve vedere impegnati gli attori istituzionali, economici e sociali per la realizzazione di un territorio socialmente responsabile, presupposto fondamentale per costruire una economia duratura e per restituire alle micro e medie imprese il ruolo di motore dello sviluppo locale”.