Contrazione del mercato dell’auto, la D’Aguanno (Pdl) propone un tavolo istituzionale per la Fiat

23 novembre 2010 0 Di redazione

“Nel 2011 è attesa una crescita dei mercati automobilistici dei Paesi emergenti mentre in Europa si prevede una frenata di circa il 12% delle vendite: di fronte a queste previsioni degli analisti internazionali, il territorio del Cassinate non può restare inerme ma deve prepararsi, insediando un tavolo istituzionale in grado di monitorare la situazione delle relazioni industriali e delle prospettive produttive del sito di Piedimonte San Germano e dell’intero comparto dell’indotto”: a lanciare la proposta è il consigliere regionale del Pdl, Annalisa D’Aguanno, vice-presidente della Commissione regionale al Lavoro.

“A fine anno cesserà la produzione della Croma – ricorda l’onorevole D’Aguanno – mentre le Bravo si avvia nel 2011 all’ultimo anno di vita prima che, l’anno seguente, sarà sostituita dal nuovo modello delle medie Fiat. Vuol dire che il 2011 si annunciano come dodici mesi non facili per lo stabilimento di Cassino, per il mantenimento dei livelli produttivi e per il possibile ricorso alla cassa integrazione. Ecco perché è più che mai urgente non perdere di vista la situazione e creare un osservatorio permanente capace di intervenire tempestivamente, mobilitando le istituzioni competenti”.

“Non va neppure dimenticata l’evoluzione in atto nelle relazioni industriali – conclude il consigliere del Pdl, alludendo alle iniziative dell’ad Marchionne ed agli echi polemici sollevati -: una materia in cui le istituzioni consapevoli si candidano a svolgere un ruolo di mediazione ed una funzione di camera di compensazione con la finalità di evitare scontri e traumi sociali ed agevolare una modernizzazione del Paese che lo renda competitivo e sempre più efficiente”.