Maggior peso delle province nel piano turistico Regionale, Frosinone vota l’ordine del giorno

23 novembre 2010 0 Di redazione

La Commissione Affari Generali della Provincia di Frosinone, presieduta dal Consigliere Sara Giansanti, ha approvato all’unanimità questa mattina un ordine del giorno sul Piano Turistico Regionale 2011 – 2013.
Nell’Ordine del giorno la Commissione Affari Istituzionali della Provincia di Frosinone chiede alla Commissione Regionale e al Consiglio Regionale di tenere conto in futuro delle proposte avanzate dalla Provincia di Frosinone che, attualmente, risultano completamente ignorate.
La Commissione provinciale, in sostanza, chiede di contare di più: “Nell’assegnare il giusto risalto al turismo di Roma – si legge nell’Ordine del giorno – ed alla naturale, conseguente funzione che deve avere la Capitale nella organizzazione del turismo delle città, relega in una indistinta definizione di parti le altre province, senza peraltro mai citarle, o definendo locali i sistemi turistici diversi da Roma, non classificandoli ne’ denominandoli provinciali.
Il Consiglio provinciale, infatti, nella delibera di approvazione di proposta di legge regionale prevede modifiche e integrazioni alla Legge regionale n.13 del 6 agosto 2007. Una legge che, tra l’altro, secondo la Commissione Affari Generali della Provincia di Frosinone, contraddice un’altra Legge Regionale (la 6 agosto 1999 n.14) che regola le funzioni per il decentramento amministrativo e dispone, fra l’altro, che “la provincia promuove e coordina attività nonché realizza opere di rilevante interesse provinciale sia nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico, sia in quello sociale, culturale e sportivo”.