Omicidio Scazzi, lo zio assassino racconta una nuova verità

5 novembre 2010 0 Di redazione

Michele Misseri, lo zio di Sara Scazzi reo confesso dell’omicidio della nipote 15enne di Avetrana, oggi in carcere a Taranto, ha fornito dichiarazioni spontanee agli inquirenti. Dichiarazioni che, a detta del suo avvocato Galoppa, sono destinate a stravolgere il quadro criminale che la procura ha dipinto basandosi proprio sulle prime dichiarazioni dell’agricoltore. Misseri aveva già tirato in ballo la figlia Sabrina che, alcuni giorni dopo il ritrovamento di Sara e l’arresto dello stesso reo confesso, venne a sua volta indagata ed arrestata. Oggi una nuva versione fornita in 5 ore di dichiarazioni di cui, però, al momento ancora non si conoscono i dettagli, ma pare sia destinata a stravolgere quanto si sà sul caso della morte della 15enne Sara Scazzi.