Si finge assassino per passare una notte al caldo… “in galera”

3 novembre 2010 0 Di redazione

Ha confessato un crimine efferato, quello di aver gettato un uomo da una scogliera provocandone la morte. Ha dettare quelle parole alla polizia francese non era la coscienza del 49enne di Villeurbanne, ma la necessità di dormire in un letto. L’uomo è un barbone e per avere la possibilità di dormire al coperto, ha confessato un delitto immaginario: quello che avrebbe commesso dieci anni prima quando avrebbe gettato da una scogliera un altro barbone. Per questo gli agenti lo hanno mantenuto in stato di fermo per una notte, ma la mattina successiva è stato liberato, perché dalle indagini fatte, non è emerso nessun delitto commesso nella data e nei luoghi indicati dall’uomo. Alla fine, ha confessato il vero, e cioè che si era inventato tutto per dormire al caldo. Una notte “d’albergo” che rischia di costargli caro dato che potrebbe essere condannato a pagare 4.500 euro.