Mese: dicembre 2010

31 dicembre 2010 1

Discorso di fine anno, Napolitano parla ai giovani e li incoraggia

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Buona sera e Buon Anno a voi tutti, italiane e italiani di ogni generazione. Non vi stupirete, credo, se dedico questo messaggio soprattutto ai più giovani tra noi, che vedono avvicinarsi il tempo delle scelte e cercano un’occupazione, cercano una strada. Dedico loro questo messaggio, perché i problemi che essi sentono e si pongono per il futuro sono gli stessi che si pongono per il futuro dell’Italia”. Così il presidendete della Repubblica Giorgio Napolitano ha esordito nel suo messaggio augurale di fine anno trasmesso a reti unificate sulle reti televisdive nazionali. Un discorso iniziato rivolgendosi ai giovani e ch agli stessi, Napolitano ha riservato ampi spazi ricordando le difficoltà che il mondo giovanile sta vivendo in questo perido storico del nostro Paese. Ha “benedetto” la riforma universitaria, ricordandone gli aspetti positivi e anche la possibilità di cambiare quelli che lo sono meno. Ha afforntato il problema del lavoro chiedendo coraggio e invitando al dialogo imprenditoria e organizzazioni sindacali. Ha detto, inoltre, di non dover nascondere le difficoltà in cui si dimena la Nazione, ma anche di vincere l’ansia che porta all’immobilismo. Ha ricordato Napoli, senza riuscire a nascondere una forte emozione che gli hanno inumidito gli occhi ma ha anche ricordato i tanti giovani che si sono immolati nel nome dell’unificazione dell’Italia. Ermanno Amedei

31 dicembre 2010 0

Continua la raccolta per la Banca del Giocattolo, tra alcuni giorni la consegna ai bambini

Di redazione

Continua con successo in tutte le filiali della Banca Popolare del Cassinate la raccolta di giocattoli per La Banca Del Giocattolo. In tutte le sedi BPC sono stati allestiti appositi spazi per la raccolta, alla quale stanno prendendo parte clienti, dipendenti, e tante persone che hanno voluto farsi coinvolgere in questa grande iniziativa di solidarietà. Finora sono già tanti i giocattoli raccolti, tutti nuovi e in ottime condizioni, che, in occasione dell’epifania, verranno regalati a tutti i bambini ospiti delle case famiglia della Provincia di Frosinone. Tutti, dunque, sono invitati a contribuire generosamente alla raccolta di giocattoli. Basta poco: un piccolo dono da depositare in qualsiasi filiale BPC. La consegna ufficiale ai bambini ci sarà il prossimo 4 gennaio, come spiega il direttore della Filiale di Sora Enzo Panico: «Sono particolarmente contento del fatto che sarà proprio la città di Sora ad ospitare la conclusione di un’iniziativa così importante come La Banca del Giocattolo, che, nel tempo, si è affermata come una delle proposte di punta del nostro Istituto. Credo sia un’iniziativa di solidarietà non solo efficace, ma anche bella, rasserenante, tenera. Vogliamo stare vicini non soltanto a quelle che possono essere i bisogni materiali o economici, ma vogliamo tener conto di quelle che sono le necessità tipiche dei bambini: il gioco è certamente una di queste, perché contribuisce alla loro crescita, dona loro stimoli nuovi, regala un momento di serenità». La consegna dei giocattoli avviene in prossimità della festa dell’Epifania, con l’obiettivo anche di valorizzare una tradizione tutta italiana che è quella della befana. «Quest’anno – aggiunge ancora il direttore Panico – l’appuntamento è alle 16.30 del 4 gennaio presso il Centro S. Luca, dove ha sede la Caritas della Diocesi di Sora-Aquino-Pontecorvo. Parteciperanno tanti bambini ai quali regaleremo un pomeriggio di festa e di gioco, grazie anche all’animazione curata dalla Cooperativa I Naviganti, che metterà in scena una “fiaba animata” per tutti i partecipanti. Poiché Sora ospita la consegna, spero proprio che in tanti ancora contribuiscano alla raccolta: nell’orario di apertura della filiale, accanto all’operatività ordinaria, siamo pronti ad accogliere questi speciali versamenti: giocattoli, sorrisi, solidarietà».

31 dicembre 2010 1

Paura per i botti di Capodanno, i cani e gatti temono la notte

Di redazione

Sarà operativo dalle ore 15 di domani venerdì 31 dicembre fino alle 3 della notte del primo gennaio 2011 il telefono amico dei volontari di AIDAA al quale vi potrete rivolgere sia per avere informazioni e consigli (non veterinari) sul comportamento da tenere con micio e fido nella notte di san Silvestro, notte che per noi è di gioia ma che per micio, fido e tutti gli altri animali terrestri e del cielo è una notte da incubo a causa dei botti di fine anno. Al telefono amico si potranno chiedere anche i numeri di telefono dei pronto soccorsi veterinari aperti nelle maggiori città italiane per soccorrere eventuali animali feriti o storditi. Sta invece andando alla grande la petizione online contro i botti di capodanno promossa da AIDAA firmata da circa 5.000 persone, firme che se sommate a quelle di una petizione simile che gira in internet complessivamente arrivano a raccogliere quasi 8.000 adesioni contro i botti di capodanno, un vero e proprio piccolo popolo di amanti degli animali e di persone che per i più svariato motivi stanno dicendo basta ai botti di capodanno. “Noi andiamo avanti a raccogliere le firme fino all’Epifania con lo scopo di superare le 10.000 firme, in modo da poter contare su un vero e proprio popolo schierato al nostro fianco nella battaglia contro i botti di Capodanno – ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA – ora ci auguriamo che domani sera non succeda nulla e che la gente impari a divertirsi senza mettere di mezzo la vita e la salute di tanti animali e anche di tanti altri esseri umani, l’invito a tutti è di rivolgersi a noi per qualsiasi consiglio dell’ultima ora, esclusi quelli veterinari, e a tutti di firmare la nostra petizione online”

31 dicembre 2010 0

Salvo da una brutta malattia, diventa Babbo Natale per gratitudine

Di redazione

Un Babbo Natale un po’ speciale arriva negli ospedali Questa mattina, uno speciale Babbo Natale ha fatto il giro delle strutture ospedaliere di Cassino (pubbliche e private) per portare gli auguri, ma anche anche cioccolata e caramellle, a coloro che, nonostante il periodo di festa, sono costretti a stare fuori casa. Questo Babbo Natale è speciale perchè lui stesso è stato ricoverato qualche anno fa. Si è salvato miracolosamente. Perciò ha scelto di far visita proprio ai malati. Oltre ad essere un impiegato pubblico e un collega giornalista, svolge un’attività teatrale e di animazione nelle discoteche, interpretando una grande varietà di personaggi sia maschili che femminili, sempre con grande ironia. La sua gioia ora sarà anche dedicata a chi è meno fortunato e ha bisogno di un sorriso. Nei prossimi giorni, stavolta per conto della Caritas, distribuirà giocattoli ai bambini e giocherà a tombola con i detenuti del carcere di Cassino.

30 dicembre 2010 0

Botti di capodanno senza autorizzazione, denunciato un commerciante

Di admin

A Ceprano, i carabinieri della locale Stazione, nell’ambito di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati di fabbricazione, trasporto e vendita abusiva di artifizi pirotecnici o altri oggetti contenenti sostanze esplosive, deferivano per commercio abusivo di materiale esplodente A.V. classe 1962 del luogo. Il predetto all’interno del suo esercizio commerciale deteneva, senza la prescritta autorizzazione, circa 60 Kg di fuochi artificiali e prodotti affini di 4^ e 5^ categoria, posti sotto sequestro;

30 dicembre 2010 0

Incessante controllo del mare e del comparto marittimo, i numeri della Capitaneria del 2010

Di redazione

A fine anno, la Capitaneria di Porto di Gaeta ha pubblicato i dati relativi all’attività svolta nel corso del 2010. RELAZIONI CON I COMUNI COSTIERI: in merito alle relazioni con i Comuni costieri si riferisce che la Capitaneria di porto di Gaeta ha attuato dei protocolli d’intesa per la vigilanza integrata con le Polizie Municipali dei Comuni di Gaeta, Sperlonga e Minturno. In particolare, sono stati svolti dei controlli da una pattuglia mista, L’attività ispettiva congiunta, ormai consolidata negli anni, rende più proficui i controlli in quanto permette all’utenza di interfacciarsi con due organi di polizia, permette di ottimizzare le risorse finanziarie e l’impiego del personale ed infine permette di consolidare il rapporto di collaborazione tra le due Autorità ATTIVITA’ DI VIGILANZA E CONTROLLO SUL DEMANIO MARITTIMO: E’ stata svolta un’ampia attività di prevenzione e informazione tesa a fornire le indicazioni utili agli operatori del settore turistico nonché agli utenti. Proprio quest’anno nel Comune di Gaeta è entrata in vigore la nuova Ordinanza balneare, pertanto è stata svolta un’accurata attività di informazione tesa a rendere esecutive le nuove disposizioni emanate, volte ad implementare la sicurezza delle strutture ricettive. Nel corso dell’anno sono stati effettuati controlli lungo tutto il litorale di giurisdizione, per la maggior parte volte a reprimere il fenomeno dell’abusiva occupazione delle spiagge libere da parte di quanti sono in possesso di autorizzazioni comunali finalizzate esclusivamente al noleggio di attrezzature da spiaggia impedendo di fatto l’utilizzo del pubblico demanio marittimo. In quest’ambito si inseriscono anche i controlli disposti della Questura di Latina, svolti congiuntamente con il personale della Polizia Municipale e della Polizia di Stato, tesi a verificare il corretto svolgimento di attività commerciali, stabilimenti balneari, strutture ricettive nonché al contrasto dell’abusivismo commerciale. AMBIENTE: Durante la stagione estiva è stata predisposta attività di controllo per l’AMP delle Isole di Ventotene e Santo Stefano, nonché le aree di reperimento del Parco Regionale “Riviera d’Ulisse”, che si estende da Gaeta a Minturno, e delle Isole Pontine. Nel mese di dicembre la Capitaneria di Porto di Gaeta e l’Ente Parco Regionale “Riviera di Ulisse” hanno sottoscritto un “Accordo Quadro di collaborazione” finalizzato a porre in essere un’attività congiunta per la conservazione, promozione e tutela del patrimonio ambientale del Parco essendovi tra i predetti Enti un’ampia convergenza di interessi nell’ambito della salvaguardia e tutela dell’ecosistema marino e costiero, al fine di assicurare il rispetto dei precetti normativi e regolamentari disciplinanti il settore, soprattutto per garantire una migliore, proficua e corretta fruizione delle zone protette; Congiuntamente con l’ARPA Lazio si effettua in maniera continuativa attività di monitoraggio delle acque marittime. ATTIVITA’ DI SUPPORTO CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO: Presso la spiaggia libera di Marina di Serapo, a similitudine degli anni passati, è stata svolta una manifestazione di prevenzione per la sicurezza balneare ed in mare denominata “Insieme al mare… per un’estate sicura!”, alla quale hanno preso parte le scolaresche del comprensorio di Gaeta. L’attività informativa è stata svolta, oltre che dagli uomini di questo Comando, da rappresentanti della Società Nazionale di Salvamento a Nuoto e dalle unità cinofile della locale Scuola Cani di Salvataggio “K9”. SICUREZZA DELLA NAVIGAZIONE: L’intensa l’attività degl’Ispettori PSC (Port State Control) del Compartimento Marittimo di Gaeta ha consentito, nell’arco dell’anno, di effettuare 171 controlli tra navi straniere, navi italiane e unità pescherecce. Questi controlli hanno comportato la c.d. “detenzione” di 2 navi per mancanza dei requisiti di navigabilità. 6. ATTIVITA’ ANTIMMIGRAZIONE: Dopo il noto sbarco di clandestini sulle coste laziali su disposizione del Prefetto di latina è stata svolta una costante attività di controllo delle coste in sinergia con la Guardia di Finanza, finalizzato alla vigilanza del fenomeno della immigrazione clandestina. ATTIVITA’ IN MARE – L’attività in mare delle motovedette ha consentito di effettuare: 32 soccorsi, 58 persone salvate, 660 controlli di pesca da diporto con 83 verbali comminati, 10 sequestri amministrativi, 6 sequestri penali, 350 pesce sequestrato, con una rete a strascico e 4 draghe idrauliche, 30 mila euro di verbali. ATTIVITA’ SUL TERRITORIO Notizie di reato anno 2010 N° Materia 16 Abusiva occupazione del p.d.m. 5 Sicurezza della navigazione 3 Furto 1 Truffa 4 Transito in zona “a” dell’a.m.p. 2 Tentata frode in commercio 3 Cattivo stato di conservazione 3 Utilizzo di attrezzi da pesca non consentiti 1 Resistenza e oltraggio a pubblico uff.le 4 Commercializzazione specie sotto misura Totale 42 46 PERSONE DENUNCIATE A PIEDE LIBERO Verbali di illecito amm.vo anno 2010 MATERIA 20 Violazione oridinanza balneare 5 Cod. Nav. Tabella minima d’armamento 34 Commercializzazione prodotti ittici – mancata etichettatura/tracciabilita’ 1 Diporto Controlli 156 Pesca 245 Demanio 52 Inquinamento Sequestri 250 kg Pescato 194 Attrezzature da spiaggia (lettin /ombrelloni) 2 Deposito incontrollato di rifiuti in ambito portuale

30 dicembre 2010 0

Mezzo chilo di droga e 35000 euro in contanti, arrestato 28enne

Di admin

A Ferentino, i carabinieri della locale Stazione, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto del consumo e spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato per “detenzione ai fini di spaccio” P.M., 28enne del luogo. Il giovane a seguito di una perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di grammi 500,00 di sostanza stupefacente del tipo “hashish”, grammi 50 del tipo “marijuana”, numerosi semi di canapa indiana, nonché vario materiale atto al confezionamento e la somma contante di euro 34.500,00 ritenuta dai carabinieri provento dell’attività illecita, il tutto sottoposto a sequestro.

30 dicembre 2010 0

Abruzzo, piano sicurezza Enel: 80 reperibili per capodanno

Di admin

L’Aquila, 30 dicembre 2010 – L’Aquila e l’Abruzzo si preparano a dare il benvenuto al 2011 e, per contribuire a festeggiare con serenità l’ingresso del nuovo anno, Enel Infrastrutture e Reti ha predisposto il Piano di Sicurezza per monitorare costantemente il corretto funzionamento della complessa rete elettrica abruzzese. Saranno 80 i reperibili che gestiranno i 23.600 km di linee elettriche di media e bassa tensione, i 66 impianti primari e le 11.700 cabine secondarie che compongono il sistema elettrico nelle 4 province abruzzesi per un totale di 848.000 clienti. A coordinare i tecnici dell’Enel sarà il Centro Operativo de L’Aquila che opera con un elevato livello tecnologico, individuando in tempo reale l’eventuale guasto e, grazie al localizzatore satellitare installato sui mezzi geolocalizzati, anche la “squadra” più vicina per l’intervento. Un’eccellenza operativa che ha permesso ad Enel di conseguire in Abruzzo un ottimo risultato in termini di interruzioni medie per utente, che nel 2009 si è attestato sui 41 minuti migliorando ulteriormente i già positivi standard degli anni precedenti.

“Enel Infrastrutture e Reti” ha detto Alfonso Sturchio, Responsabile Enel Distribuzione Rete Lazio, Abruzzo e Molise “lavora su livelli di eccellenza tecnologica per garantire la massima continuità del servizio elettrico in tutto l’Abruzzo. In particolar modo, per la notte di Capodanno, abbiamo organizzato un presidio che ci vedrà pronti sia nella fase di controllo preventivo che in quella di eventuale intervento in qualsiasi zona della regione, a partire da quelle più isolate. È questo un nostro modo di augurare un felice 2011 a tutti gli abitanti dell’Abruzzo”.

30 dicembre 2010 0

Botti illegali e scarpe contraffatte, sequestri della Finanza

Di admin

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo del territorio che quotidianamente svolge a favore dei cittadini, ed in particolar modo con l’avvicinarsi della notte di San Silvestro, ha intensificato la propria presenza sul territorio provinciale allo scopo di individuare e reprimere la vendita e detenzione di fuochi d’artificio illegali ed ogni altra violazione in materia di pirateria audiovisiva e della contraffazione dei marchi.

Infatti, i controlli della specie hanno consentito nella giornata odierna di pervenire al sequestro di circa kg.70 di “botti” illegali nel territorio del Comune di Alatri e di Frosinone, nei confronti, rispettivamente di un venditore ambulante di origine marocchina e di un cittadino italiano.

I prodotti, detenuti illegalmente, non presentavano alcuna indicazione della provenienza e della loro composizione, in violazione alle vigenti normative.

Nel corso dei suddetti controlli, inoltre, nel territorio del Comune di Veroli sono state sottoposte a sequestro, nei confronti di un commerciante italiano, anche diverse decine di scarpe della nota griffe “NIKE” palesemente contraffatte.

La specifica attività di servizio, tuttora in atto, è una ulteriore testimonianza dell’attenzione che il Corpo esplica, quotidianamente, sul territorio a garanzia della legalità e della tutela della fede pubblica di cui il cittadino ne sente sempre più il bisogno.

30 dicembre 2010 0

Tedeschi (IdV): “Mad guadagna e la vita dei cittadini vicino all’impianto peggiora”

Di admin

“Si apprende da fonti giornalistiche che è stato consegnato l’impianto di biogas alla Mad di Roccasecca da parte dell’azienda altoatesina Schmack Biogas. La stessa nota stampa evidenzia come il biogas sia una fonte di energia pulita e flessibile. Non metto in discussione la validità dell’impianto e la sua funzionalità, ma non posso certo unirmi alla soddisfazione dei vertici della Mad per questa nuova creatura che sarà alimentata anche dalla mega-discarica adiacente. I cittadini del territorio circostante sono gravati da un flusso logistico di immondizia e di deiezioni animali che ha notevolmente peggiorato la qualità della vita, nonché annullato il valore commerciale di abitazioni e terreni. Non ci possono essere quindi motivi di soddisfazione da parte di una popolazione che a fronte dei lauti e ripetuti guadagni che la Mad introita dalla gestione dei rifiuti, riceve in cambio solo inquinamento dovuto al massiccio transito di mezzi di trasporto. Probabilmente i gestori della Mad non sentono questo problema perché la loro vita e quella dei loro familiari si svolge altrove, ma le leggi nazionali e regionali non fanno distinzione tra cittadini quindi il diritto alla salute è uguale per tutti sebbene coloro che abitano nel territorio su cui insiste la discarica e l’impianto di biogas hanno visto la loro vita trasformata in questi ultimi anni. Non da ultimo ho il dovere di evidenziare che i guadagni della Mad vengono alimentati da quegli stessi cittadini che producono rifiuti e che poi dovranno pagare l’energia prodotta, sempre dalla Mad, con i loro rifiuti. Questa storia sarebbe da studiare nell’ambito della teoria della distribuzione del reddito.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Anna Maria Tedeschi.