Giorno: 17 dicembre 2010

17 dicembre 2010 0

“Orientamento Guardia di Finanza”, incontri con gli studenti delle scuole abruzzesi secondarie di II grado

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il Comando Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza – Centro Addestramento -, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale, ha promosso un “progetto informativo” dedicato ai frequentatori delle ultime classi degli istituti statali secondari di II grado.

Lo scopo è quello di divulgare le attività istituzionali del Corpo e di sensibilizzare i giovani sui temi della legalità connessi alla tutela degli interessi economico-finanziari del Paese e fornire informazioni sulle prestigiose opportunità formative offerte.

In tale contesto la Guardia di Finanza si pone sempre più al cospetto della collettività nazionale ed europea come sicuro punto di riferimento per il cittadino.

Il progetto, ha visto l’adesione di numerosi Istituti scolastici delle quattro province abruzzesi e si svolgerà a partire dal mese di gennaio 2011 e si svilupperà per tutta la durata dell’anno scolastico.

Gli incontri saranno curati da Ufficiali qualificati appartenenti ai Comandi Provinciali di L’Aquila, Chieti, Teramo e Pescara che, per lo specifico compito, si avvarranno anche di supporti audiovisivi e materiali di chiara ed esaustiva comunicazione.

17 dicembre 2010 0

Fiera dell’Oro Verde della Ciociaria

Di admin

L’olio extravergine d’oliva sarà protagonista insieme ai prodotti tipici d’eccellenza della provincia di Frosinone della I edizione della Fiera dell’oro verde della Ciociaria, in programma il 19 dicembre presso il palazzo dell’Amministrazione provinciale di Frosinone.  L’iniziativa è promossa dal Presidente della Provincia di Frosinone Antonello Iannarilli e dall’assessore all’agricoltura Giovanni Melone che invitano tutti a partecipare alla manifestazione e a regalare i prodotti tipici ciociari di qualità per le prossime festività natalizie. Durante la giornata mostra e degustazione dei prodotti, convegni, musica popolare e piatti tipici della tradizione ciociara. Saranno presenti circa 30 aziende della provincia di Frosinone.

Programma:  Dalle ore 10:00 alle ore 20:00 – Mostra di oli extra vergine d’oliva e di prodotti tipici d’eccellenza della Provincia di Frosinone con il Patrocinio di ASPOL, CIA, COLDIRETTI.

Ore 11:00 – Saluto delle autorità  – Degustazione guidata dell’Olio extra vergine d’oliva della Ciociaria a cura dell’ASPOL – Confagricoltura

Ore 11:30 – Conferenza su “L’olio extra vergine d’oliva nella dieta mediterranea Patrimonio dell’Unesco”  relatore Prof. Luca Piretta specialista in Scienza della Nutrizione Umana (dal programma di Rai Uno “Occhio alla Spesa”) presso il Salone di Rappresentanza

ore 12:00  – Agriturismo Il  Fascinaro di Casalvieri – presenta la minestra di Nonna Rosa alla ciociara (Finalista 7° campionato di cucina contadina Agri & Tour Arezzo 2010)

Ore 12:30 – Spaghetti aglio di Castelliri olio e peperoncino

Ore 15:00 – Convegno: “Olio Extra vergine d’oliva e Premio Eccellenze Enogastronomiche della Provincia di Frosinone 2010” presso il Salone di Rappresentanza. Consegna attestati di partecipazione alle aziende presenti alla manifestazione.

Ore 16:00 – Musica popolare, Canti di Natale, Concerto per zampogne e ciaramelle, presentazione del cd degli Mbl “Concerto per il Presepe” presso il Salone di Rappresentanza

Ore 17:00 –  Agriturismo Tirotarico di Arpino – presenta la Pagnottina ai funghi porcini on olio extra vergine di Arpino (Finalista 7° campionato di cucina contadina Agri & Tour Arezzo 2010)

Ore 17:15 – Antico Palazzo Filonardi di Veroli – Presenta l’insalata di rinforzo con il Baccalà

Ore 17:30 – Degustazione guidata dell’Olio extravergine d’oliva della Ciociaria a cura dell’ ASPOL – Confagricoltura

Ore 18:00 – Fontana La Criscia di Arce – presenta zuppa di ceci e baccalà con olio extra vergine (Finalista  7° campionato di cucina contadinaAgri & Tour Arezzo 2010)

Ore 18:30 –  Agriturismo Il Castagneto di Supino – Presenta la Pulenta con lu zazzicchie i lu costatelle du gnègno niro du Supino e la Casata Pontecorvese  (con cui ha vinto il Primo Premio Assoluto 7° campionato di cucina contadina Agri & Tour Arezzo 2010)

Dalle ore 10:00 alle ore 20:00 – Visite guidate al palazzo della Provincia a cura dell’Associazione Guide Cicerone

L’ingresso è libero.

 

“Mi sono accorto – afferma il presidente Iannarilli -, e ne sono molto lieto, che parlare di olio della Ciociaria, come del suo vino del resto, è diventata cosa consueta. Ebbene, per noi, già questo è un risultato perché è dai tempi del mio assessorato regionale all’Agricoltura che ho iniziato un percorso soprattutto di divulgazione di una certa cultura, laddove invece mi trovavo di fronte, inspiegabilmente, un deserto cognitivo. Per dirla più semplicemente non riuscivo a spiegarmi come mai, in una terra dove l’olivo fa parte del paesaggio più comune e dove l’olio di oliva è così abbondante e così buono, non si riuscisse a far girare un’economia vera e propria intorno a questo prodotto. E inoltre, perché non si parlasse quasi mai nelle sedi ufficiali di questo stato di cose. Ora, da Presidente della Provincia, ho favorito e continuerò a favorire il lavoro iniziato presso l’Assessorato regionale. Infatti, è per il secondo anno consecutivo che per le festività natalizie, insieme all’Assessore all’Agricoltura, Giovanni Melone, promuoviamo l’olio extravergine della Ciociaria come regalo da mettere sotto l’albero. Un grande, ricco e salutare regalo: per chi lo riceve, per chi lo effettua e per l’economia della nostra terra. Di progressi ne stiamo facendo molti. Ricordo la mia esperienza a Vinitaly nell’ultima edizione, dove l’olio ciociaro, tra l’altro prodotto nella mia città, Alatri, ha vinto su tutto il resto del mondo. La Ciociaria ha trionfato su tutti , e io mi sono sentito parte di questo successo, perché non solo è da millenni che i nostri avi coltivano l’olivo ma io, da assessore regionale, avevo dato il “la” per alcune operazioni strutturali che si sono rivelate poi vincenti. E comunque  – dice ancora Iannarilli – il Lazio in generale è risultato vincente, segno di grandi progressi che si sono ottenuti negli ultimi anni. Così, tutti possono constatare come, in un anno e mezzo di amministrazione qui alla Provincia, siamo alla seconda edizione della manifestazione per la valorizzazione dell’olio di oliva e quest’anno in una veste molto superiore alla prima e, nel corso dell’anno, ci siano state molte iniziative per mano di diversi assessorati provinciali, che hanno parlato dell’olio di oliva ciociaro, lo hanno studiato, ne hanno divulgato le eccellenti doti. E così continueremo, con assiduità, con pluralità e frequenza sempre maggiori”.

“Sono orgoglioso – sottolinea l’assessore Melone – di presentare questa seconda edizione della manifestazione dedicata a quello che noi chiamiamo “l’Oro verde della Ciociaria”, e cioè l’olio extravergine di oliva. Siamo in una fase di espansione della coltura dell’olivo e della sua cultura. E’ innegabile come, nonostante tutti i venti di crisi facciano sentire il loro morso e anche il mercato dell’olio ne abbia risentito, dal punto di vista culturale, del miglioramento della qualità, dell’affezione al nostro prodotto, si siano compiuti e si continuino a compiere degli importanti passi avanti. E dove c’è qualità non si deve temere, anzi, si devono triplicare gli sforzi per migliorare sempre più e venire fuori con un risultato positivo, perché anche i venti di crisi, se si hanno delle buone capacità interpretative, offrono degli spunti vantaggiosi- Vino, olio e prodotti della nostra terra sono ormai tra i protagonisti in qualità a livello nazionale. La nostra sfida ora è soprattutto interna al territorio. Penso, per esempio, che ogni ristorante della provincia di Frosinone debba fare la propria parte e mettere in cantina vini della nostra terra e sulle tavole olio ciociaro. Ce ne gioveremmo tutti e noi cercheremo come al solito di fare la nostra parte. Il Presidente Iannarilli ha posto da subito l’accento sulla necessità di attuare un federalismo dei consumi che porta vantaggi immediati per l’economia interna della nostra provincia. Comprate e regalate per Natale l’olio extravergine ciociaro e i prodotti agricoli eccellenti della nostra terra: non è solo un modo di fare un regalo originale, ma fa bene all’economia della nostra terra. Io credo che siamo sulla strada giusta  perché abbiamo svolto un buon lavoro. Insieme ai vini, che ormai con la doc di Atina e la docg di Piglio sono una sicurezza del nostro territorio, l’olio di alcuni produttori si distingue a livello internazionale e nazionale; abbiamo portato almeno altri dieci prodotti nelle sedi deputate, compreso il Vinitaly 2010, senza soffrire di fronte a nessun competitore nazionale e, anzi, ottenendo successi. Dobbiamo ben presto essere in grado di mettere in piedi veri e proprio prodotti turistici legati alla nostra enogastronomia. La grande Fiera dell’Oro Verde della Ciociaria, dunque, è un’intera giornata dedicata all’olio extravergine di oliva della provincia di Frosinone, ma non solo. Una giornata che servirà anche ad indicare alla cittadinanza tutti i punti vendita dove si può acquistare olio di altissima qualità e, nello stesso tempo, far bene all’economia locale. Se la qualità dell’olio ciociaro è ormai notevolissima, non si può dire lo stesso per la visibilità della rete commerciale. Fatto sta che i ciociari stessi non sanno che l’olio della nostra terra non ha praticamente rivali da un punto di vista qualitativo e continuano ad acquistare prodotti di dubbia provenienza qua e là senza godere di un bene che hanno a quattro passi da loro. La colpa non è tutta loro. Manca informazione sui nostri prodotti ed è mancata, specialmente sull’olio, la necessaria attenzione. L’iniziativa che presentiamo in questo momento va proprio nel solco della diffusione delle informazioni, della divulgazione non solo delle qualità del prodotto, ma vuole fare un marcato passo in avanti nella proposta commerciale dello stesso. Ecco dunque una serie di convegni, assaggi e soprattutto la possibilità per i cittadini di incontrare i produttori, conoscerli e avere anche gli indirizzi giusti dove andare ad acquistare olio di grande qualità e prezzo contenuto anziché accontentarsi di prodotti quasi sempre stranieri e di scarsa qualità come spesso avviene”.

17 dicembre 2010 1

Scontri a Roma, parla il Cocer della Guardia di Finanza

Di admin

Il Consiglio Centrale di Rappresentanza della Guardia di Finanza esprime la propria solidarietà ai colleghi che ieri sono stati impegnati a Roma. Particolare vicinanza manifestiamo al collega che, durante i violenti scontri, ha mostrato una freddezza esemplare nell’uso dell’arma in dotazione personale, benché quasi sopraffatto e minacciato del bene più prezioso: la propria vita.

Esprimiamo la nostra opinione al termine di una lunga giornata di riflessione che vuole testimoniare l’equilibrio di giudizio, necessario ed indispensabile quando sono in gioco la vita delle persone (cittadini e poliziotti), l’ordine democratico del Paese e la civile convivenza all’interno di esso che sempre più frequentemente vengono messi a rischio dall’intervento delinquenziale di alcuni facinorosi.

Al mondo politico diciamo con forza di tenere in debito conto le esigenze degli operatori della sicurezza, che da troppo tempo risultano inascoltate, nonostante le rivendicazioni e le ripetute proteste.

L’applicazione delle norme dell’ultima manovra finanziaria – considerato che la fissazione di tetti individuali alle retribuzioni è inconciliabile con la richiesta di sempre maggiori prestazioni – soprattutto in assenza dei correttivi che il Governo si è impegnato ad attuare in sede di voto di fiducia in Parlamento, oltre a penalizzare ingiustamente il personale del comparto, mettono a rischio l’effettiva tutela della sicurezza dei cittadini.

17 dicembre 2010 0

Estorsioni, furto e ricettazione, scacco ad una organizzazione criminale radicata nel sud della ciociaria

Di redazione2

Dalle prime ore dell’alba, nelle province di Frosinone, Napoli e Siena, i Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone stanno dando corso alla maxi operazione denominata “CATERPILLAR” che vede il coinvolgimento di 30 persone inserite, a vario titolo, in una organizzazione criminale, con giro d’affari stimato annuo di circa dieci milioni di euro, operante in tutto il territorio nazionale dedita ad estorsioni, furti e ricettazione di mezzi d’opera, di mezzi di trasporto rifiuti e di merci di grandi depositi commerciali, che venivano trasferiti in centri di raccolta utilizzando, al fine di evitare controlli delle Forze dell’Ordine anche una autovettura rubata della Polizia Municipale con la funzione di “staffetta”.

Le indagini che hanno portato alla emissione di 16 ordinanze di custodia cautelare, hanno consentito di accertare inoltre che l’organizzazione prestava la propria attività anche su commissione, intervenendo direttamente nella esecuzione di gravi atti intimidatori richiesti da un imprenditore del cassinate nei confronti di soggetto originario della provincia de l’Aquila.

17 dicembre 2010 0

Amministrazione Marini, un anno di niente

Di admin

Da Riccardo Mastrangeli, Consigliere Comunale di Frosinone del Popolo della Libertà riceviamo e pubblichiamo:

Finisce un anno, tempo di bilanci.

E quello dell’Amministrazione guidata da Sindaco Michele Marini presenta come conto consuntivo un pesante rendimento negativo.

L’anno che si sta per concludere a livello politico ed amministrativo è stato caratterizzato da un immobilismo totale.

A camminare sono state solo le polemiche e gli infiniti giochi di potere nel Palazzo del Comune.

Il 2010 si è aperto con la verifica di maggioranza e si è chiuso con un rimpasto in giunta ancora da completare.

In un solo anno l’Amministrazione ha perso quattro assessori (Spaziani e Mostarda per dimissioni, Dialmi e Parlanti per scelte politiche) e non si è fatto altro che parlare della sfiducia al Presidente del consiglio Venturi (strada poi non percorribile) e di chi avrebbe dovuto occupare questa o quella poltrona. Sotto il profilo politico il ricambio non è stato ancora terminato visto la promessa, ancora non mantenuta, di far entrare in giunta un esponente della lista Marini al posto di un uomo del Pd.

Se spostiamo l’attenzione sotto il profilo amministrativo il fallimento è totale.

Si è inaugurato l’ascensore inclinato, opera messa in campo dalla precedente amministrazione ed inaugurata solo dopo metà mandato della giunta successiva. Per il resto i lavori al teatro non sono mai partiti, lo stadio è rimasto nei sogni di chi ancora ci crede, i lavori sulla Monti Lepini ancora devono essere appaltati, del parco del fiume Cosa e quello delle Fontanelle si sono perse le tracce, nel dimenticatoio sono finite le varianti Casilina nord e Casilina sud, il project financing dei Piloni è rimasto solo su un comunicato stampa dello scorso gennaio. La piastra poi è stata ultimata solo da pochi giorni, già si è allagata due volte e pensare che deve essere ancora inaugurata: ricordiamo che stiamo parlando di un’opera che avrebbe dovuto essere inaugurata già da anni e che tanti disagi ha creato ai residenti ai Cavoni.

Il rilancio del centro storico è finito ancor prima di iniziare.

Sotto il profilo urbanistico, nel 2010, Frosinone doveva vedere gru a destra e sinistra. Si sono aperti solo pochissimi cantieri sia per le aree Peep sia in zona B. Il piano Cdr-Cdu deve ancora vedere la luce.

Sul piano finanziario i conti segnano profondo rosso ed anche la salute economica dell’ente rischia il dissesto.

E’ trascorso un anno e la polizia locale, sempre allo sbando, è ancora senza guida.

Sotto il profilo culturale è meglio stendere un velo pietoso. Di Grandi Eventi neanche a parlarne ma l’estate scorsa è stata avara di soddisfazioni anche per i semplici eventi.

Analizziamo l’ordinaria amministrazione?

Le strade cadono a pezzi, la città è abbandonata a se stessa, i problemi per i cittadini dalla mobilità all’inquinamento, dalle infrastrutture ai servizi, sono sempre gli stessi.

Insomma il 2010, a differenza del sempre ottimista Sindaco Marini, è da archiviare in maniera del tutto negativa.

La realtà è che la città ha perso un anno.

Marini continuerà a dire che tutto procede bene, noi siamo convinti che i cittadini non la pensano allo stesso modo.

Salutiamo il 2010 senza nostalgia ma siamo altresì preoccupati per il 2011 che non si preannuncia per questa nostra città un anno di soddisfazioni.

17 dicembre 2010 0

Cus Cassino scherma, un 2010 di successi

Di admin

Si chiude un anno importante per il Cus Cassino scherma, il 2010 è stata una stagione ricca di successi sportivi grazie agli atleti della sezione agonistica, ricco anche di attività collaterali basti pensare alle gare organizzate dalla società cassinate. Ultimo in ordine cronologico il Trofeo dell’Immacolata, disputato l’8 dicembre scorso, che ha raccolto una notevole partecipazione di atleti, di pubblico e non ultimo di partner a partire dalla Banca Popolare del Cassinate che è sempre più vicina alle manifestazioni del territorio e in particolar modo proprio in qualità di sponsor del Cus Cassino scherma. Se l’attività agonistica sta conferendo alla sezione scherma del Cus Cassino grandi soddisfazioni, la società è sempre più tesa a proseguire su una strada parallela che è quella di farsi promotrice dei valori sportivi più importanti per un atleta. A tal proposito a fianco del Trofeo dell’Immacolata si inserisce un’importante convegno che il responsabile della sezione scherma, nonchè fiduciario provinciale FIS, il dott. Aldo Terranova, ha organizzato per il giorno venerdi 17 dicembre alle ore 10.00 presso la SALA degli ABATI della CURIA DI CASSINO. Sarà un momento importante di riflessione per tutti gli sportivi afferma Terranova – ” Il convegno prende spunto dalla “Dichiarazione del Panathlon” di Gand sull’etica dello sport e intende sviluppare una riflessione sulla potenzialità formativa della pratica sportiva per trovare e attuare strategie che la rendano più efficace e visibile. Lo sport inteso come “palestra” dove sperimentare la fatica per ottenere il risultato, dove concretizzare che l’obiettivo va perseguito con tenacia e decisione, dove vivere quella solidarietà e collaborazione di intenti che facciano convergere le forze di tutti per ottenere il risultato finale: è questo l’argomento che a vari livelli e da varie angolazioni di esperienza intendiamo sviluppare nell’ambito del convegno. Mai come in questo momento storico si è sentita forte l’esigenza di ridare “senso” anche ad una pratica sportiva che troppo spesso prende i colori della rivalsa e dell’offesa, invece di incarnare quegli ideali di sano agonismo che formano la persona. ”

Al convegno, interverranno in qualità di relatori, il Preside della Facoltà di Scienze Motorie di Cassino Prof. Capelli, il sociologo Prof. Nicola Porro, l’atleta e giornalista del Corriere dello Sport Franco Fava, il Presidente del Panathlon Italia dott. Gianni Bambozzi, la Prof.ssa Calise, della Prof.ssa Mautone dell’Università Tor Vergata di Roma e del Presidente della Federazione Italiana di Scherma oltre al responsabile della Pastorale Giovanile della Diocesi di Montecassino Don Nello Crescenzi; Ci sarà, inoltre, la cerimonia di sottoscrizione da parte dell’Abate di Montecassino dom Pietro Vittorelli della Dichiarazione della carta dell’etica dello sport giovanile del PANATHLON INTERNATIONAL di Gand e la Presentazione del Calendario “Diventa grande con la Scherma” realizzato dalla BANCA POPOLARE DEL CASSINATE.

17 dicembre 2010 0

L’Udc di Caira promuove un incontro-dibattito sullo stato di abbandono in cui versa la frazione alle porte di Cassino

Di admin

Si terrà sabato 18 dicembre con inizio alle ore 16.30 presso la sede dell’Udc di Caira sita in p.zza S.Basilio l’incontro-dibattito “Quale sviluppo per la frazione di Caira dimenticata ed abbandonata?”. L’iniziativa promossa dalla locale sezione e dal coordinatore Mario Di Manno, vedrà la partecipazione del segretario cittadino dell’Udc di Cassino Marino Fardelli, del dirigente locale Tonino Dragonetti e dell’on.le Anna Teresa Formisano. Dopo i saluti iniziali verrà data la parola ai cittadini intervenuti per fare il punto della situazione in cui versa la frazione alle porte di Cassino. “La nostra politica fatta di programmi e proposte è stata una scelta vincente e apprezzata dai cittadini di Cassino fino a questo momento. Ci stiamo attrezzando per la presenza attiva e costante in ogni frazione di Cassino, commenta il segretario cittadino dell’Udc Marino Fardelli. A Caira la nostra presenza diventa strategica e fondamentale per un partito che alle scorse regionali ha dato filo da torcere ad ogni candidato. Sono felice di aver inaugurato insieme con l’on.le Formisano e con l’amico Tonino Dragonetti la nuova sezione di Caira. Ora abbiamo avviato una fase di ascolto dei cittadini per discutere delle cose da fare nella frazione. Personalmente porterò all’attenzione dei partecipanti e quindi dei cittadini di Caira le cose proposte in questi 4 anni di mandato di consigliere comunale di opposizione per dimostrare il lavoro svolto di proposta e di verifica”. Intenzione dei dirigenti politici locali quindi è dare uno slancio culturale e di sviluppo per per la discussione di tematiche che affliggono la frazione e le prime iniziative pubbliche saranno incentrate sulla reale conoscenza delle difficoltà che i cittadini di Caira incontrano nel vivere la propria frazione. L’Udc di Caira sarà ben lieta di ascoltare i cittadini di Caira che avranno modo di denunciare tutte le criticità che affliggono la frazione alle porte di Cassino. Appuntamento quindi è per sabato 18 dicembre alle ore 16.30 presso la sede dell’Udc di Caira.

17 dicembre 2010 0

Sanità privata, l’allarme dell’Ugl

Di admin

Da Rosa Roccatani, segretario provinciale dell’UGL Sanità della provincia di Frosinone riceviamo e pubblichiamo: Ancora ansia per i lavoratori della sanità privata convenzionata, è dell’altro ieri l’incontro in regione che ha sostanziato la proroga di un mese di Cassa integrazione in deroga, per 31 lavoratori dichiarati in esubero dalle 4 cliniche, Sant’Anna, Villa Serena, Villa Gioia, Santa Teresa. Restano ancora in CIGS i lavoratori dell’INI “Città Bianca” e del San Raffaele, crescono le difficoltà economiche per le altre strutture a causa della mancata corresponsione delle quote da parte dei comuni, mettendo in forte rischio la mensilità dei lavoratori. nel frattempo, la Croce Verde Anticolana dal mese di giugno non paga le mensilità, riversando ogni responsabilità all’A.USL, poiché in ritardo con le dovute corresponsioni delle fatture. Al tempo stesso, lo Studio Medico di Ferentino, struttura privata convenzionata, licenzia 2 unità, ma preavvisa che probabilmente potrebbero esserci altre risoluzioni. Peraltro moltissime strutture non hanno ancora applicato l’incremento tabellare stipendiale, derivante dalla sottoscrizione del rinnovo del CCNL mesi orsono, atteso dal 2005. Intanto, i lavoratori precari in attesa di stabilizzazione o quelli con contratti in scadenza alla fine del mese, sono con il fiato sospeso, poiché ancora oggi non hanno avuto alcuna assicurazione, né di stabilizzazione per coloro che hanno i titoli, né di continuità di lavoro per quelli in servizio. Una vera e propria drammaticità per i lavoratori e per le loro famiglie, che non tenta di fermarsi, ma anzi si acuisce sempre più. Le responsabilità? Vero è, che i comuni non pagano e riversano ogni responsabilità alla Regione, che le strutture sanitarie si appellano ai tagli, che la A.USL per lo stesso motivo frena le liquidazioni, che la Regione non da indicazioni, né sulla stabilizzazione né sui rinnovi. Finalità è, che le conseguenze, economiche, burocratiche, fiscali o formali…. in conclusione le pagano i lavoratori.

17 dicembre 2010 8

Annozero, Di Pietro a La Russa “fascista” e il ministro ribatte “analfabeta”

Di admin

Show del ministro della difesa Ignazio La Russa ad Annozero, la trasmissione condotta da Santoro su Rai2. La puntata di questa sera era dedicata alla fiducia ottenuta dal governo Berlusconi e agli scontri con le forze dell’ordine successi a Roma. La Russa ha perso il controllo durante l’intervento di Luca Cafagna, un giovane studente dell’università La Sapienza. Ha detto al ragazzo di essere “incapace”, “fifone” e “vigliacco”, di stare “zitto” e di essere contro i ragazzi che fanno il proprio dovere, scendendo in piazza con il volto coperto, mentre lo studente gli rispondeva che il loro operato sta svendendo l’università pubblica. Poco dopo Antonio Di Pietro afferma che un ministro non può aggredire e zittire uno studente che parla dopo il disagio manifestato in piazza dai giovani e si chiede che cosa è il fascismo, e si risponde che La Russa è l’essenza del fascismo, non lasciar parlare, non ascoltare le ragioni sociali che sono arrivate alla violenza ed è parte di un governo sordo e cieco, fascista, che non ascolta le ragioni degli altri. E La Russa sospira “ci mancava solo il fascismo di Di Pietro”. E Di Pietro “no, non il fascismo di Di Pietro, il fascismo di La Russa! Quando ero poliziotto difendevo anche te quando facevi le tue manifestazioni; non accetto che sputi addosso al disagio sociale che non vuoi ascoltare. Fai parte di un governo che pensa soltanto a risolvere i guai giudiziari di Berlusconi. Fascista!”. E il ministro della difesa gli risponde “E tu sei un analfabeta”. E Casini interviene con una battuta “Ora vedete perché ho creato il terzo polo? Ragazzi io sono diverso da questi qua”.