Personale della polizia stradale A1 allo stremo, il Silp lancia l’allarme

4 dicembre 2010 0 Di redazione

“Nonostante da tempo questa O.S. abbia posto all’Amministrazione il problema della carenza di risorse esistente presso la Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone, la situazione del reparto è andata via via peggiorando. Oramai è diventato un serio problema predisporre le normali turnazioni e, considerato il periodo festivo che si avvicina, la situazione rischia di divenire insostenibile. Se questo è il modo di garantire sicurezza Iin autostrada, allora non c’è da stare sereni. E’ necessario intervenire tempestivamente e non con i soliti palliativi, ossia, spostando risorse da altri uffici anch’essi carenti in autostrada, ma assegnando personale ad un Reparto in grave crisi, che si regge sulla sola buona volontà del personale. Intervenga immediatamente la Sezione Polstrada, il Compartimento Regionale, la Direzione Centrale ma la situazione deve essere sanata, perché se così non sarà questa O.S. si vedrà costretta ad azioni pubbliche di protesta nel periodo festivo, a supporto dei lavoratori di polizia della Sottosezione A1 di Frosinone. Servono almeno 10 unità per garantire l’autonomia gestionale del Reparto ed assicurare i servizi h/24 in autostrada, che non può continuare a contare sul supporto del personale di altri reparti della provincia, come la Sezione di Frosinone, perché afflitti anche questi da gravi carenze di organico. E’ una vergogna ed è inammissibile che si sia verificato ciò senza che il Ministero dell’Interno sia intervenuto per evitare questa “debacle”. Altro che roboanti comunicati prefestivi dove si assicura la presenza di un numero fantascientifico di pattuglie, perché quest’anno saremo costretti a fare i calcoli e pubblicare le vere cifre del disastro Polstrada in questa provincia. Come si può pensare di continuare a prendere in giro i cittadini, dicendo che saranno potenziati i servizi sotto le festività, se in quel periodo devono essere assicurate anche le giuste ferie a parte del personale, quindi, devono essere sottratte risorse a quelle già carenti per colpa delle scelte sbagliate compiute dall’Amministrazione? Se veramente si vuole aumentare la prevenzione sulle strade e non lasciare che soltanto gli autovelox o i tutor svolgano questa opera, tra l’altro questi possono anche far guadagnare di più, ma non possono prevenire i reati, allora è il caso che da subito siano assegnate nuove risorse alla Polstrada di Frosinone. Ci chiediamo se sia il caso di continuare a perseguire la sicurezza tramite i proclami o cambiare agendo affinché sia prodotta sicurezza reale.”