Giorno: 26 gennaio 2011

26 gennaio 2011 1

La Camera boccia la sfiducia al ministro Bondi

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

314 no contro 292 si e 2 astenuti su un totale di 606 votanti. Se l’è cavata con uno scarto di ben 22 voti il ministro della Cultura Sandro Bondi. La mozione respinta era stata avanzata dal Pd dall’iItalia dei Valori e dal Terzo Polo. La mozione di sfiducia avanzata oggi è “simbolo di imbararimento della politica”, avrebbe dichiarato lo stesso Sandro Bondi alla stampa. La sfiducia al ministro dei Beni Culturali era stata chiesta in seguito ai crolli avvenuti nel sito archeologico di Pompei dove sono crollati in seguito alle forti piogge mura di importanza storica notevolissima.

26 gennaio 2011 0

Stalking: minaccia e aggredisce l’ex, 46enne in manette

Di admin

Ieri il personale della sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia di Stato presso la Procura della Repubblica di Lanciano, coadiuvato da personale del locale Commissariato, ha tratto in arresto Francesco Barletta del 1965, residente a Lanciano, in esecuzione dell’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere emessa, su richiesta del P.M. Dr. Ruggiero Dicuonzo, dal G.I.P. Dr. Massimo Canosa. Tale provvedimento restrittivo è scaturito a causa delle gravi e reiterate condotte di minaccia e molestia anche a mezzo telefono che Barletta ha assunto nei confronti della sua ex fidanzata. Il personale di polizia ha accertato che l’arrestato ha pedinato la ragazza, aggredendola in più occasioni sia verbalmente che fisicamente. Tale comportamento ha ingenerato nella donna un perdurante stato d’ansia, di paura e un fondato timore per la propria incolumità e per quella dei propri familiari, considerato che la minaccia è stata rivolta anche alle persone vicine alla donna. Barletta continuava imperterrito ed in maniera morbosa ad arrecarle disturbo, nonostante fosse stato già diffidato dall’assumere tali condotte dal personale del Commissariato di Lanciano. Ritenendo concreto il pericolo che Barletta potesse portare ad effetto le minacce rivolte alla ragazza ed ai sui familiari è stato associato al locale Istituto Penitenziario in esecuzione della citata ordinanza.

26 gennaio 2011 0

Rapine alla Tercas, preso a Cerignola uno dei banditi

Di admin

I militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Teramo, dopo una lunga serie di accertamenti investigativi che hanno permesso di fare luce su una sequenza di colpi, avvenuti tra settembre del 2009 e luglio 2010 nella provincia di Teramo, in collaborazione con i colleghi di Cerignola (FG), hanno assicurato alla Giustizia uno degli autori delle rapine agli sportelli bancari abruzzesi e posto le risolutive basi per la cattura degli altri componenti del gruppo criminale.

La Banda aveva agito sempre armata di taglierino e con i volti travisati anche con maschere carnevalesche, così come hanno verificato con certezza i Carabinieri nel corso delle indagini, in almeno quattro episodi delittuosi, tutti ai danni di filiali della TERCAS. La prima volta i banditi avevano agito il 1 settembre 2009, quando si erano fatti consegnare dagli impiegati di Castelnuovo Vomano 20.000 euro in contanti; la seconda volta, il 15 dicembre 2009 a Sant’Omero, dove il bottino era stato di 50.000 euro; la terza volta, il 15 aprile 2010 in Ancarano, con un provento di altri 20.000 euro; infine, il 17 luglio 2010 dove riuscivano ad impossessarsi di altri 20.000 euro, in Sant’Egidio alla Vibrata.

Il gruppo di rapinatori si era rivelato particolarmente qualificato per la rapidità d’azione e l’alta capacità tecnica.

Infatti, il giorno prima del colpo ed in località prossime a quella dove sarebbe avvenuta la rapina, venivano asportate vetture del gruppo Fiat dotate del medesimo tipo di centralina elettronica ( in particolare Alfa Romeo 156 e Lancia Lybra ) che poteva essere ingannata attraverso un particolare dispositivo elettronico.

L’apparecchio in possesso della banda veniva collegato alla presa seriale dell’abitacolo dei mezzi immediatamente dopo essere stati aperti, cosicché tutti i servizi elettronici dell’auto potevano essere bypassati, per mettere la vettura a disposizione dei malfattori nel minor tempo possibile.

L’attività investigativa coordinata dal P.M. Stefano GIOVAGNONI, ha condotto i militari di Teramo a porre in evidenza gli inconfutabili elementi oggettivi di reità, che hanno costituito le fonti di prova ritenute valide dal GIP Guendalina BUCCELLA per emettere, nel mese di ottobre dello scorso anno, il provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di un giovane di Cerignola.

Si tratta di DI BITONTO Antonio, 22enne della località della provincia di Foggia, già pregiudicato per reati della medesima indole, che si era reso irreperibile immediatamente dopo, sino alla mattina del 22 gennaio scorso quando, braccato costantemente dai Carabinieri e ormai non più in grado di sostenere la sua condizione di fuggiasco, si è dovuto consegnare presso il Comando dell’Arma di Cerignola, laddove è stato tratto in arresto, in esecuzione dell’ordinanza restrittiva teramana e tradotto in carcere.

Le investigazioni dei Carabinieri di Teramo sulla banda di Cerignola si sono concentrate anche nel vicino territorio ascolano laddove, per le similitudini sulle particolari modalità attuative di alcune rapine commesse in quella provincia e la coincidenza con il periodo della catena dei delitti teramani, si ha ragione di ritenere che possano essere avanzate concrete ipotesi di responsabilità anche sui colpi avvenuti nelle marche.

Proprio su questo tema è in corso un’intensa attività di cooperazione tra le due Procure della Repubblica interessate che porterà ad ulteriori sviluppi, con la definitiva identificazione e la successiva cattura degli altri componenti della banda.

26 gennaio 2011 0

Promozione: Caira, Pontecorvo e Ausonia guidano il torneo nei loro gironi

Di redazionecassino1

Si riprende il primo posto in classifica, Caira con trentanove punti insieme ad Amatori Aquino.  Lo fa con una vittoria perentoria, 5 a 2, ai danni di Pignataro. Ma non resta a guardare, Aquino, che passa sul terreno di S. Apollinare, con un punteggio tennistico, 1 a 6, che le consente di rimanere agganciata alla formazione cassinate ormai sempre più leader del girone ‘A’ del campionato di promozione. Indubbiamente la sospensione dell’incontro fra Acquafondata e Beghelli Point Cassino, ha avuto anche un rilievo, ma la forza delle due compagini di testa non lascia adito a dubbi sulla loro reale forza agonistica in questo torneo. Vittoria anche per le due squadre campane, Rocca D’Evandro e Vairano Scalo entrambe ottenute in trasferta e con il medesimo punteggio. Rocca D’Evandro, infligge uno 0 a 3 a Valvori e Mignano batte con il medesimo risultato Pizzeria Bellaria. Vittoria anche per Alkimia Aquino, 4 a 2, ai danni di Parrocchia S. Lucia e di Pietramelara, 5 a 1, contro Bazarmania. Non vanno oltre il pareggio, 2 a 2, Portella e S. Andrea. Cospicuo il numero di reti segnate nella 16a del campionato, trentasei centri messi a segno. Nel girone ‘B’ sono due le squadre che si contendono il primato in vetta alla classifica: Pol. Insieme Ausonia e Città di Pontecorvo con trentanove punti. Entrambe vittoriose in questa giornata del torneo, Ausonia infligge un secco 0 a 3, in trasferta al Veronique Pub Cafè, mentre Pontecorvo supera Rinascita Monticelli per 3° 2. Restano lontane dalla vetta, invece, Cassino Doc (nella foto), a quota trentacinque, nonostante la vittoria, 2 a 0, contro Nuova Lenola Amatoriale, mentre l’altra formazione pontina, Amatori Lenola, non va oltre il pareggio, 2 a 2, con Baggi Studio Fotografico. Entrambe le formazioni, tuttavia, restano saldamente al terzo posto, Cassino Doc, e al quarto Amatori Lenola distanti quattro lunghezze fra loro. Vince anche Piedimonte sul terreno de La Leggenda di Nai per 1 a 2, ma è il risultato ottenuto da Amatori Arce sul terreno del Niemoslive ‘99 a caratterizzare la giornata di campionato. Il risultato di 1 a 4, non lascia spazio a dubbi sulla prevalenza di questa squadra e incrementa il bottino di reti segnate nel corso della 16a del torneo. Non vanno oltre il pareggio, 1 a 1, Friends for Football e Freedom Coffee & Drink. Ventisette le reti segnate in questa giornata.

26 gennaio 2011 0

Carenza mezzi, pompieri costretti a fronteggiare emergenza neve con l’autobotte

Di redazione

Un’emergenza neve, quella affrontata dai vigili del fuoco di Lanciano, affrontata con la consueta buona volontà che contraddistingue il corpo, ma con scarsità di mezzi e di personale. Basti pensare che per i soccorsi sulle strade ghiacciate, i pompieri di Lanciano sono dovuti intervenire utilizzando la classica autobotte, indispensabile per i casi di incendio, ma paradossalmente goffa per gestire l’emergenza dello scorso fine settimana. Un’emergenza accentuata da chi, in quelle condizioni climatiche si mettevano in viaggio senza pneumatici termici né catene. Ma è la carenza di mezzi che si fa sentire in particolare in situazioni simili. La Campagnola in dotazione al distaccamento Frentano, infatti, anche se stravecchia, si trova a L’Aquila dal 6 aprile 2009; mezzo utilissimo, quello, per incidenti agricoli, interventi fuori strada e soprattutto per il soccorso in caso di neve. Inoltre da circa un anno è fuori uso l’autoscala immatricolata nel 1969 a tutto si aggiunge la mancanza di personale. Per fortuna gli interventi di questi giorni sono stati tanti ma comunque si sono ridotti ad alberi pericolanti che creano pericolo per la circolazione, neve pericolante dai cornicioni, auto bloccate, incendi di canne fumarie e soccorso in genere a persone. Se ci fossero stati casi molto gravi, però, i mezzi per intervenire sarebbero stati gli stessi. Er. Amedei

26 gennaio 2011 0

Apre le porte Il “Museo Virtuale Garibaldino” in Aspromonte

Di admin

Giovedì 27 gennaio 2011, ore 11.30, nella sede del Museo, in Piazza Leuzzi, a Delianuova (RC), si terrà la cerimonia di inaugurazione del “Museo Virtuale Garibaldino” in Aspromonte. Il Taglio del Nastro, a cura di Unicity Spa di Roma e Space Spa di Prato, con la proiezione della Multivisione “Aspromonte 1862” introdotta dall’autore, Aldo Di Russo, sarà preceduto dall’introduzione del Presidente della Comunità Montana-Versante Tirrenico Meridionale, Bruno Barillaro. Seguiranno i saluti del Prefetto di Reggio Calabria, Luigi Varratta; del Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti; del Presidente della Provincia, Giuseppe Morabito; del Coordinatore dell’Unità Tecnica di Missione per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia Giancarlo Bravi; di Domenico Naccari, Consigliere di Roma; di Antonio Alvaro Presidente GAL Vate, già Presidente della Comunità Montana e del sindaco di Delianuova, Rocco Corigliano. Ai lavori del tavolo scientifico prenderanno parte Patrizia Nardi, Progettista e Consulente scientifico del Museo, che introdurrà gli interventi di Paolo Peluffo, Consulente del Presidente del Consiglio dei Ministri per il 150° dell’Unità d’Italia; di Marco Pizzo, Vicedirettore del Museo Centrale del Risorgimento di Roma; di Cosimo Ceccuti, Presidente della Fondazione Spadolini Nuova Antologia; di Fabio De Chirico, Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria; di Mirella Marra, Direttrice dell’Archivio di Stato di Reggio Calabria; di Francesco Mercurio, Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico regionale; di Andrea Romano, della Facoltà di scienze Politiche di Messina e di Andrea Costa, Direttore del Corso di laurea in Urbanistica, Facoltà di architettura di Reggio Calabria. Modera Riccardo Giacoia, RAI tg3 Calabria. Raccontare la storia con l’aiuto di suoni, immagini, film, lettori digitali: è ciò che si propone il Museo Virtuale Garibaldino in Aspromonte, realizzato a Delianuova (RC) dalla Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale con il sostegno finanziario della Regione Calabria, su un’idea progettuale di Patrizia Nardi, storico dell’Università di Messina e allestimenti museali e multimediali a cura delle società Unicity Spa di Roma e Space Spa di Prato, società leader nella progettazione e gestione di sistemi innovativi nel campo della comunicazione culturale. Il museo, parte importante di un progetto più ampio che ha incluso anche la ristrutturazione del Mausoleo di Garibaldi in Aspromonte, utilizza tecnologie multimediali all’avanguardia, decodificando e reinterpretando in chiave digitale il linguaggio suggestivo di una ricca documentazione iconografica proveniente dalla Fondazione Spadolini-Nuova Antologia di Firenze, dal Museo Centrale del Risorgimento di Roma e dal progetto DIGIMA della Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea di Roma. L’obiettivo, ripercorrere la storia di un uomo, eroe e mito, che si intreccia a quella della Calabria risorgimentale attraverso uno degli episodi più controversi dell’intera epopea garibaldina, la campagna d’Aspromonte del 1862, evocandone fatti, personaggi, contesti politici, economico-sociali e culturali nella prospettiva della storia nazionale ed internazionale e nell’ottica di una concezione della regione come parte integrante di uno scenario geografico e politico più ampio. Il Museo Virtuale Garibaldino in Aspromonte propone un nuovo paradigma di museo, in cui le diverse aree operative – dall’Archivio digitale al sistema di Regia dei contenuti multimediali; dalle postazioni di consultazione interattiva che popolano il Museo alla Multivisione “Aspromonte 1862”, di Aldo di Russo e al portale Web – si integrano sinergicamente in un sistema dinamico, progettato per trasmettere suggestioni dalla storia attraverso un linguaggio di forte impatto emozionale che si rivolge, in particolare, alle giovani generazioni e che candida il museo calabrese a diventare uno dei più interessanti centri italiani di documentazione digitale sulla storia contemporanea del Mezzogiorno. Il museo calabrese, per la peculiarità dell’offerta culturale ed il significato simbolico della sua presenza in Aspromonte, è stato inserito nell’ambito dell’elenco del programma ufficiale, di interesse nazionale, delle Celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, a cura dell’Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. “Museo Virtuale Garibaldino” in Aspromonte Delianuova (Rc) – Sala Convegni del Museo Giovedì 27 Gennaio 2011 – ore 11.30

26 gennaio 2011 0

Viagra “contraffatto”, la Finanza ne sequestra 75 confezioni

Di redazione

Con la promessa di prstazioni sessuali da giovanotti, un farmaco con caratteristiche simili a quelle del viagra, senza alcuna indicazione di controindicazione, era venduto in una attività commerciale di Cassino. A scoprirlo sono stati gli agenti della guardia di finanza che ne hnno sequestrato 75 confezioni. Il sequestro di “falso Viagra” nasce dall’attività di controllo del territorio svolta dalle Fiamme Gialle. Una pattuglia, in particolare, aveva ascoltato una conversazione tra un gruppo di vecchietti seduti ad un tavolo di un bar, che esaltavano gli effetti di una particolare “pasticca” che permetteva, a loro dire, un incredibile aumento nelle prestazioni sessuali, facendoli sentire più giovani di 40 anni. Un vero e proprio “elisir di lunga vita”, che ha insospettito i finanzieri che, chiedendosi se si trattasse di sbruffoneria o di un reale pericolo, hanno iniziato una serie di controlli a tappeto. Nel corso dei controlli, effettivamente, presso un’attività commerciale di Cassino, sono state sequestrate 75 unità di prodotto, contenute in confezioni che, con la foto di un’avvenente ragazza, pubblicizzavano gli effetti straordinari delle pasticche, senza però fornire ulteriori indicazioni in ordine al contenuto e senza alcuna avvertenza illustrativa dei principi attivi, delle sostanze contenute e degli effetti del prodotto. I militari hanno così provveduto al sequestro, deferendo all’Autorità Giudiziaria cassinate un soggetto. Dagli accertamenti della Guardia di Finanza è emerso che il prodotto è fabbricato in Cina ed importato in Europa, attraverso una triangolazione commerciale con società scandinave, passando per il porto di Napoli. Il farmaco, che promette effetti simili o superiori al Viagra e al Cialis, costituisce certamente un potenziale gravissimo rischio per la salute degli assuntori, in quanto non testato e non approvato dalle competenti autorità farmaceutiche nazionali, europee ed internazionali. A seconda dei principi attivi e delle sostanze contenuti, potrebbe causare gravissime patologie, comportando ictus, infarto miocardico, disfunzioni epatiche, aumento della pressione, fino a diventare letale. La Guardia di Finanza, pertanto, rammenta a tutti i consumatori, a tutela della salute pubblica, che i farmaci da assumere devono essere prescritti da medici ed acquistati da venditori regolarmente autorizzati, che garantiscono l’origine dei medicinali. Il prodotto sequestrato è ora sottoposto ad indagini ed analisi tecniche e chimiche. Sta ora ai periti stabilire se i racconti dei vecchietti al bar erano dovuti ad un effetto placebo, a sbruffoneria oppure a reali effetti dirompenti di una pasticca illegale che, con un sorso d’acqua, li fa ringiovanire di colpo.

26 gennaio 2011 0

Lutto al commissariato di polizia di Cassino per la scomparsa dell’Agente Spennato

Di redazione

Polizia di Stato a lutto per la scomparsa dell’agente Sergio Spennato di 38 anni. L’assistente è deceduto ieri pomeriggio a Roma dopo un mese di agonia in un ospedale della Capitale. Pochi giorni prima di Natale, Sergio, conosciuto ed apprezzato agente in servizio da anni sulle volanti del commissariato di Cassino, è stato colto da un ictus cerebrale. Dopo un alternarsi di notizie che ne annunciavano miglioramenti e successivi peggioramenti lasciando con il fiato sospeso parenti, colleghi e amici, Sergio si è spento. I funerali sono previsti per domani alle 15 a San Vittore del Lazio. Er. Amedei