Arrivare in Sardegna costa il 66% il più, segnalazione di Altroconsumo all’Antitrust

22 gennaio 2011 1 Di redazione

Tariffe 2011 aumentate in media del 66%, con punte del 100% e assenza di promozioni stagionali rispetto al 2010. Viaggiare da e per la Sardegna in traghetto quest’anno costerà caro ai consumatori, messi di fronte a scarse possibilità di risparmio e tariffe allineate verso l’alto per le prenotazioni della stagione estiva 2011.
E’ quanto hanno segnalato dei viaggiatori ai giuristi di Altroconsumo. L’associazione indipendente di consumatori immediatamente ha fotografato l’offerta di Grandi Navi Veloci, Moby Lines, Sardinia Ferries (Tirrenia, in amministrazione controllata, propone biglietti solo fino a maggio prossimo).
Dalla comparazione di prezzi delle compagnie dal 2010 al 2011 colpisce il livellamento verso l’alto delle tariffe – la media è del 66% – con prezzi in alcuni casi più che raddoppiati e scarse possibilità di scelta conveniente per i viaggiatori.
Era abitudine del mercato offrire a chi prenotasse con anticipo di diversi mesi prezzi interessanti con formule promozionali che risultavano un beneficio sia per i singoli utenti – passaggio auto a 1 euro – sia per il mercato nel suo complesso, stimolando così la concorrenza fra le diverse compagnie.
Oggi Altroconsumo ha segnalato il quadro ingessato di tariffe di navigazione verso la Sardegna all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, chiedendo che si faccia luce sull’andamento dei prezzi, su eventuali accordi anticoncorrenziali e sulle mancate possibilità di risparmio per i consumatori. L’ipotesi è che sia stato ignorato l’art. 2 della legge n.287/90.