Giorno: 25 febbraio 2011

25 febbraio 2011 0

Raggirano la commessa e le rubano soldi e telefonini, in tre arrestati alla fermata del pullman

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Incantano con le chiacchiere una commessa del centro e le rubano soldi e telefonino. Si tratta di B.F.M., B.I. e F.C., rispettivamente 32enne, 29enne e 23enne tutti cittadini di nazionalità rumena, residenti a Campobasso. Entrati in un negozio di abbigliamento del centro, mentre in due mantenevano occupata la donna, il terzo le “ripuliva” il contenuto di valore della borsa portandole via 90 euro in contanti ed un cellulare marca Sony. All’uscita dei re, la ragazza si è accorta di essere stata derubata e ha chiamato i carabinieri. Gli uomini del capitano Adolfo Grimaldi coordinati dal tenente Massimo Esposito, li hanno fermati mentre stavano salendo su un autobus e, quindi, li hanno arrestati.

25 febbraio 2011 0

Semaforo verde per “Ruote e Motori Show 2011”

Di redazione

E’ stata inaugurata oggi a Lancianofiera “Ruote e Motori Show”, 17° salone nazionale dell’auto e moto, rassegna più importante del Centrosud. Ricchissimo lo spazio espositivo dove sono presenti tutte le novità di settore e molte curiosità; a partire dal mitico Iveco 330.30 ANW “Musone” che ha fatto la storia di Overland e Unicef dal 1995. L’Universita’ del Design di Pescara presenta inoltre un innovativo progetto di “Casa molto casa “, ovvero un camper arredato di tutto punto come una vera abitazione. Nel comparto moto la Honda, presente come casa madre, espone i suoi ultimi gioielli. Tanta anche l’adrenalina con i primi spettacoli mozzafiato in pista con stuntman, piloti di kart, rally, supermotard e bike. La rassegna chiude domenica 27 febbraio con la presenza di Vittorio Brumotti, campione di bike trial, e della madrina Ainett Stephens. Nel corso dei saluti, presenti tutte le istituzioni, il presidente facente funzione dell’ente, Francesco Ciarelli, ha rimarcato ‘’la forte specializzazione della manifestazione, momento improntate dell’economia abruzzese e del comparto automotive. Ora, ha aggiunto, bisogna lavorare tutti per consolidare il prestigio di Lancianofiera sostenendo un percorso di ricerca e sviluppo futuro‘’. Tra gli ospiti il presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio, della Camera di Commercio Silvio Di Lorenzo, l’assessore regionale Luigi De Fanis, il consigliere Emilio Nasuti; tutti hanno sottolineato ‘’ la necessita’ di realizzare una nuova fiera all’avanguardia, con la delocalizzazione degli spazi espositivi, che abbia una moderna logistica‘’. Assente il sindaco Filippo Paolini. Domani sono attesi l’assessore regionale ai Trasporti Giandomenico Morra, presente al convegno sulla sicurezza alla guida “No alcol se parti”, ore 10, organizzato dall’Ipa (International Police Association) e, nel pomeriggio, il sottosegretario ai Trasporti Bartolomeo Giachino. ‘’Quest’anno, ha concluso il direttore Ciro Pasquini, la rassegna e’ anche una festa dello sport abruzzese; domani, sabato, arrivano i calciatori della Virtus Lanciano, domenica quelli del Delfino Pescara”.

25 febbraio 2011 0

Sesso escort e cocaina, blitz della polizia mentre “tagliavano” la polvere bianca

Di admin

Il personale della Divisione Anticrimine della Questura di Frosinone e dei Reparti Prevenzione Crimine di Roma, nella decorsa notte, hanno fatto irruzione in una abitazione fortificata e controllata da decine di telecamere a circuito chiuso messe anche sulla pubblica strada, situata tra Frosinone ed Alatri, dove un boss della droga (Ciangola Nello di anni 52) è stato sorpreso all’interno dell’abitazione dopo che gli agenti hanno forzato la porta con altri due pericolosi pregiudicati mentre tagliava e confezionava centinaia di ovuli di cocaina da immettere sul mercato. L’indagine è partita da alcune rivelazioni fatte dalle giovanissime ragazze rumene ed ucraine identificate ed interrogate dalla Polizia nelle settimane scorse e che avevano confessato di festini a base di droga e sesso in abitazioni ed alberghi del capoluogo e di alcuni a nord della provincia, dove facoltosi clienti chiedevano settimanalmente decine di dosi di cocaina da usare durante i rapporti e per uso personale. Nell’irruzione gli agenti hanno sorpreso anche il pluripregiudicato Rossi Alfredo, di anni 44, residente a Frascati (RM) e con domicilio in Fiuggi, denunciato a piede libero per spaccio e detenzione di sostanze s., sul quale la Divisione Anticrimine ha posto l’attenzione già da alcuni mesi per i suoi contatti con i fornitori residenti nella zona di Frascati – Grottaferrata e tuttora oggetto di altra operazione delle Forze dell’Ordine per spaccio di consistenti quantitativi di cocaina purissima proveniente direttamente dal Sud America. Anche un altro pregiudicato F. D., di anni 38, è stato sorpreso all’interno ad operare con bilancini di precisione e droga contro il quale sono tuttora in corso perquisizioni domiciliari e l’individuazione di altro appartamento utilizzato come deposito. Anche quest’ultimo denunciato a piede libero per gli stessi reati. Gli agenti hanno sequestrato, tra cocaina purissima e sostanze da taglio, circa un chilo di droga già preparata in ovuli di varie grandezze e destinati ai consumatori e frequentatori di escort, soprattutto nei fine settimana. Sono stati rinvenuti bilancini elettronici di precisione e materiale adatto al confezionamento oltre a cellulari con numeri di telefono e messaggi inviati a clienti ed e ragazze.

25 febbraio 2011 0

Pesca a strascico sottocosta, la guardia costiera individua e sanziona pescatori

Di admin

Nella più ampia attività della Guardia Costiera di Gaeta tesa a vigilare e reprimere illeciti nell’ambiente marino, la motovedetta di Gaeta cp 2112 ha proceduto nella notte appena trascorsa, dopo una attività di indagine e osservazione, ad individuare e sanzionare una imbarcazione dedita ad effettuare pesca a strascico sottocosta (località Gianola) che risulta essere altamente invasiva e dannosa per l’ambiente marino oltreche’ per la tutela della risorsa ittica. Questa attività si è conclusa con la sanzione al comandante dell’unitaà e con il sequestro della rete.

25 febbraio 2011 0

“Aggiustavano” gli abusi edilizi, due geometri in manette

Di redazione

Sapevano come “aggiustare” le carte per sanare qualsiasi abuso edilizio. per questo, questa mattina, i carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della procura di Cassino hanno tratto in arresto i geometri convenzionati con la pubblica amministrazione del Comune di Cassino: C.S. e F.F., rispettivamente 73enne e 43enne di Cassino e di Sant’Elia Fiumerapido. I due sono ritenuti responsabili, nell’esercizio della loro professione, di numerosi reati tra i quali, truffe (art. 640 c.p.), falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale (art. 479 c.p.) , nonché di soppressione, distruzione ed occultamento di atti pubblici giacenti presso gli archivi di enti pubblici (art. 490 c.p.). L’attività investigativa condotta dai carabinieri della Sezione di P.G. e della Compagnia di Cassino iniziata nel settembre 2009 a seguito di una denuncia presentata da un cittadino, ha permesso di accertare che i due professionisti, abusando del proprio incarico (convenzionati con la P.A.) falsificavano le pratiche di sanatoria, attraverso false relazioni relative all’assenza di vincoli urbanistici e idrogeologici, modificando, graficamente, il corso dei fiumi, aggiungendo negli elaborati, inesistenti particelle catastali al fine di posizionare gli immobili da sanare alle giuste distanze dalle fasce di rispetto. Proprio le loro relazioni ufficiali, traevano in inganno il Dirigente del Settore che rilasciava, nel corso degli anni, diversi permessi di costruire in sanatoria ad immobili che invece erano sprovvisti dei dovuti requisiti, modificando così l’assetto urbanistico del territorio. L’indagine consentiva di sequestrare diverse pratiche, nonché le successive Consulenze Tecniche disposte dalla Procura permettevano di accertare tante altre illegittime posizioni, inducendo i funzionari del Comune di Cassino ad attivare le dovute procedure di annullamento di numerosi altri permessi di concessione in sanatoria.

25 febbraio 2011 0

Tedeschi (IdV). “Interrogazione su impianto di essiccazione della sansa a Campodimele”

Di admin

“Cosa succede con l’impianto di essiccazione della sansa a Campodimele?” È la domanda che fa Anna Maria Tedeschi (consigliere regionale iDV) in un’interrogazione urgente a risposta scritta rivolta alla Giunta Regionale del Lazio.

“L’impianto di essiccazione, è ubicato al confine della Provincia di Latina con quella di Frosinone ed interessa ben tre comuni del basso Lazio, Campodimele, appunto, Lenola (LT) e Pico (FR). La grande problematica ambientale è relativa al fatto che l’impianto esistente è collocato in una zona ad alta densità abitativa, a meno di trecento metri dalle abitazioni private. In più è direttamente ai confini del Parco Naturale dei Monti Aurunci.

Già in passato l’attuale installazione della centrale aveva creato forti disagi alla popolazione locale a causa dei densi fumi che la struttura emanava e che ha lasciato per molte notti consecutivamente uno strato di grasso nei campi, sulle case e sulla strada statale Farnese che collega Itri a Pico e Ceprano. Successivamente a questa situazione, le autorità sono state costrette a chiudere l’impianto, anche grazie alle proteste dei cittadini e all’attività degli esponenti dell’Italia dei Valori di Lenola.

Qualche tempo dopo, però la Provincia di Latina con deliberazione della Giunta provinciale n. 104/2010, ha approvato il progetto definitivo relativo alla realizzazione di un impianto di essiccazione della sansa per una spesa complessiva di euro 715.000,00 a Campodimele.

Com’è dunque oggi la situazione? I cittadini che abitano nelle aree circostanti all’impianto hanno il diritto di essere informati su cosa sta succedendo. E anche le Istituzioni hanno l’obbligo di informare su cosa si voglia fare ad un passo dalle case e soprattutto all’interno di una “gola” del Parco Naturale dei Monti Aurunci.

Perché Campodimele, paese noto per essere il piccolo borgo della Longevità, dove l’età media è molto alta a causa del cibo e della natura incontaminata che si è avuta fino ad oggi, dovrà diventare altro? Reali esigenze o semplice speculazione?”

25 febbraio 2011 0

Maltempo, al centro-sud in arrivo neve a quote di pianura

Di admin

Un nucleo di aria fredda di origine polare in avvicinamento alla nostra Penisola favorirà il permanere di temperature al di sotto della media stagionale, con minime inferiori allo zero fino a quote basse, e precipitazioni a carattere nevoso sui settori orientali del centro Italia, in successivo spostamento verso le regioni meridionali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche che prevede dalla tarda serata di oggi, venerdì 25 febbraio, nevicate deboli o localmente moderate sulle regioni centrali adriatiche, con quota neve al livello del mare. Dalle prime ore di domani, sabato 26 febbraio, nevicate deboli o localmente moderate sono inoltre previste sulle regioni del basso versante Adriatico, con quota neve dapprima al livello del mare in successivo innalzamento sopra 300-500 metri, nonché su Calabria e Sicilia, con quota neve sopra 300-500 metri.

Alla luce delle previsioni disponibili, si raccomanda la massima prudenza nella guida a quanti si trovassero in viaggio nelle zone interessate dal maltempo. In particolare si consiglia di informarsi sulle condizioni della viabilità per il percorso che si intende seguire – prevedendo la necessità di dotarsi di catene o gomme da neve se comprende tratti stradali dove si prevedono nevicate e privilegiando le ore diurne per mettersi in viaggio: di notte e nelle prime ore del mattino, a causa delle temperature più basse, è maggiore la probabilità di incontrare tratti ghiacciati.

Per ridurre al minimo il rischio di incidenti in caso di neve o ghiaccio si raccomanda in ogni caso di usare la massima prudenza nella guida, moderando la velocità, aumentando le distanze di sicurezza ed evitando le frenate brusche.

Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

25 febbraio 2011 0

Trovata dalla Guardia Costiera una carcassa di balenottera comune

Di admin

E’ stata rinvenuta oggi una carcassa di mammifero in stato di decomposizione. L’esemplare recuperato dalla motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta cp 856 è stato messo a disposizione dell’autorità veterinaria che dopo aver esperito gli accertamenti di rito ed averlo catalogato come “balenottera comune” (maschio, lunghezza circa 16 metri, circa due quintali) ha disposto lo smaltimento. Sono in corso gli accertamenti per risalire alla causa che ne ha determinato il decesso.

25 febbraio 2011 0

Sorpreso a rubare grondaie in rame, 25enne arrestato dai carabinieri

Di admin

A Portocannone (CB) i Carabinieri della Stazione di Campomarino hanno proceduto all’arresto in flagranza del reato di furto aggravato di D.M.L., 25enne, censurato da Campomarino, sorpreso dai militari mentre asportava alcune grondaie in rame da una abitazione di proprietà di un imprenditore 50enne del luogo. Il materiale veniva recuperato e restituito al proprietario mentre l’arrestato veniva associato presso la casa circondariale di Larino.

25 febbraio 2011 0

“Nel segno di Valcento” domani al Museo Preistorico di Pofi

Di admin

Cresce l’attesa per presentazione del libro “Nel segno di Valcento” di Giancarlo Pavat, che si terrà Sabato 26 febbraio, ore 16.00, presso la sala conferenze del Museo Preistorico “Pietro Fedele”, in via San Giorgio a Pofi. L’evento, organizzato dal Museo stesso, dall’Amministrazione Comunale, dal Centro Studi Tolerus, in collaborazione con la Ditta Fraschetti, è finalizzato a far conoscere gli aspetti meno noti o misteriosi della storia del nostro territorio, proprio prendendo spunto dal libro di Pavat che sta riscuotendo ovunque successo di pubblico e positive recensioni da parte della critica. Quindi si parlerà dei Cavalieri Templari ed agli altri ordini monastico-cavallereschi in Ciociaria e nel Basso Lazio, protagonisti, appunto dell’opera di Pavat, ma pure di altri affascinanti ed enigmatici argomenti. Non per nulla, sabato, a Pofi ci saranno pure gli interventi della dottoressa Alessandra Leo, storica dell’arte, della dottoressa Eleonora Campoli che parlerà della storia medievale di Pofi e dell’archeologo prof. Italo Biddittu. Inoltre, sarà presente l’associazione dei “Cavalieri templari di San Paterniano di Ceprano”, guidati dal loro Gran Maestro Fausto Puddu, che svolge opera di divulgazione storica e culturale, grazie ai quali sarà possibile ammirare, sabato pomeriggio, preziose riproduzioni filologicamente corrette di armi, armature e vesti dell’epoca medievale. Appuntamento, quindi, per tutti, sabato 26 febbraio, al Museo “Pietro Fedele”, che, tra l’altro per l’occasione sarà possibile visitare gratuitamente.