Camorra, tesoro da 15 milioni sequestrato alla “testa di legno” del clan dei Casalesi

1 febbraio 2011 0 Di redazione

Un vero tesoro, fatto di immobili e società è stato sequestrato questa matti su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli a Carmine Diana indadato per riciclaggio di danaro illecitamente accumulato dalla fazione dei Bidognetti del clan dei Casalesi. Personale del Nucleo Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Caserta e dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Caserta hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso in seguito ad indagini patrimoniali che hanno permesso di individuare un consistente patrimonio nella disponibilità di Diana.
II provvedimento cautelare a stato eseguito presso società, istituti di credito,.conservatorie dei registri immobiliari, Camere di Commercio e Pubblici Registri Automobilistici di Caserta, Santa Maria Capua Vetere (Ce), San Prisco (Co), Aversa (Ce), Milano, Roma, Torino, Bologna, Verona, Catania, Casandrino (Na), Empoli (Fi), Spoleto (Pg), Chianciano Terme (Si), Montepulciano Valmontone (Rm), Ariano Irpino (Av), Casal di Principe (Ce), Cancello ed Arnone (Ce), Capua (Ce), Cerreto (An), Torrita di Siena (Si), San cesareo (Am) e Minturno (Lt).
II sequestro ha riguardato 17 società con un patrimonio sociale complessivo di oltre 9 milioni di euro, a cui vanno ad aggiungersi 7 polizze assicurative — ramo vita — e 40 rapporti bancari per un importo complessivo di circa 1,6 milioni di euro, 38 terreni, 36 appartamenti, 39 autorimesse, 6 Iocali deposito, 20 veicoli, il tutto per un valore stimato pari a circa 15 milioni di euro.