Il 58,8% dei single ha come partner un animale domestico

13 febbraio 2011 0 Di redazione

Il 58,8% possiede un animale domestico, nel 2008 i single che possedevano un animale domestico erano solamente il 46,2%. Questo è il risultato di un sondaggio che il servizio di rilevazioni statistiche di AIDAA propone per il terzo anno consecutivo su un campione di 698 single intervistati tenendo conto sia della loro età, del sesso e della loro residenza. La crescita della presenza degli animali domestici (vedere tabella allegata) è stata costante nel triennio, infatti si passa dal 46.2% del 2008 al 47,6% del 2009 mentre tra il 2009 ed il 2010 l’incremento si attesta attorno agli 11 punti percentuali. Interessante anche scoprire quali animali sono preferiti dai single: poco meno del 50% degli intervistati che possiede animali dichiara di possedere un cane di piccola taglia, a possedere i cani sono prevalentemente pensionati o giovani che vivono da soli. Dopo i cani arrivano con circa il 35% delle preferenze i gatti, animali considerati più indipendenti questi sono preferiti dalle donne e da chi passa buona parte della giornata fuori casa. Non mancano nemmeno coloro che possiedono acquari, o canarini o altri piccoli volatili, sono in leggera ma costante crescita anche conigli e tartarughe di acqua dolce. Interessante scoprire anche che oltre il 20% dei single dichiara di avere più di un animale in casa. Mediamente il tempo che i single dichiarano di dedicare al cane o al gatto di casa è di due ore nei giorni feriali, mentre cresce fino a 6-7 ore nei giorni di sabato e nei festivi in coloro che lavorano, mentre mediamente dedicano 4 ore al giorno ai loro amici pelosi e non i pensionati. I conigli sono preferiti dalle donne single e giovani, mentre i maschi quasi all’unanimità hanno dichiarato di possedere cani o gatti. Mentre canarini e pesci sono nelle corde di persone anziane con molto tempo a disposizione. “La crescita della presenza di animali domestici ed in particolare di cani e gatti nelle case dei single è un dato significativo del quale occorre tenere conto- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- noi da tre anni monitoriamo il fenomeno e mai come quest’anno ci siamo accorti della crescita di questo fenomeno che oramai riguarda oltre la metà dei single italiani. In particolare dobbiamo registrare con soddisfazione il fatto che quasi tutti gli intervistati che hanno dichiarato di aver preso un animale domestico negli ultimi due anni, almeno per quanto riguarda cani e gatti ammettono di essersi rivolti a canili o gattili mentre sono una esigua minoranza coloro i quali hanno acquistato animali. Ultimo dato da non sottovalutare- conclude Croce- riguarda invece coloro che single lo sono diventati a causa di divorzio o separazione della coppia, che rappresentano circa il 15% degli intervistati, che dichiarano nella stragrande maggioranza di essersi tenuti gli animali che prima erano in comune con l’ex marito e la ex moglie”.